Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Eyehategod
A History of Nomadic Behavior
Demo

Sunnata
Burning in Heaven, Melting on Earth
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

13/04/21
ABIGORUM
Vergessene Stille

14/04/21
GRAVEYARD OF SOULS
Infinity Equal Zero

16/04/21
HOLDING ABSENCE
The Greatest Mistake Of My Life

16/04/21
ENDSEEKER
Mount Carcass

16/04/21
ICON OF SIN (BRA)
Icon of Sin

16/04/21
TEMPLE BALLS
Pyromide

16/04/21
SPECTRAL WOUND
A Diabolic Thirst

16/04/21
CANNIBAL CORPSE
Violence Unimagined

16/04/21
THE VINTAGE CARAVAN
Monuments

16/04/21
BLACK ORCHID EMPIRE
Live in the Studio (EP)

CONCERTI

16/04/21
LOUDNESS + GREY ATTACK + THOLA
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

17/04/21
AXEL RUDI PELL
DRUSO - RANICA (BG)

05/05/21
SONS OF APOLLO (ANNULLATO)
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

07/05/21
TANKARD + GAME OVER + REVERBER
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

08/05/21
TANKARD + GAME OVER + REVERBER
CAMPUS MUSIC INDUSTRY - PARMA

09/05/21
TANKARD + GAME OVER + REVERBER
TRAFFIC CLUB - ROMA

10/05/21
CORROSION OF CONFORMITY + SPIRIT ADRIFT
LEGEND CLUB - MILANO

11/05/21
DEATHSTARS
LARGO VENUE - ROMA

12/05/21
DEATHSTARS
LEGEND CLUB - MILANO

14/05/21
DISCHARGE + GUESTS TBA
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

Nuclear Assault - Something Wicked
( 4118 letture )
I Nuclear Assault erano ancora i Nuclear Assault quando nel 1993 fecero uscire Something Wicked, senza Bramante e Lilker? Probabilmente no, ma se vogliamo valutare la faccenda in questa brutale maniera, allora la recensione potrebbe anche terminare qui. Tuttavia credo sia il caso di analizzare Something Wicked in maniera fredda e, quasi, a prescindere da quanto fatto in precedenza sotto questo illustre moniker del thrash Americano. All'inizio degli anni 90 la band non attraversava certo un buon periodo, ed i problemi si erano già evidenziati durante le registrazioni di Out Of Order, un disco non molto riuscito, ulteriormente reso problematico dalle ripetute assenze di John Connelly durante le registrazioni. Gli strascichi di quel platter furono notevoli, tanto che Lilker decise di consegnarsi al progetto Brutal Truth. Le conseguenze di questa doppia dipartita -considerando, appunto, anche l'assenza di Bramante- portarono in sala d'incisione un quartetto forse poco coeso, forse indeciso sulla strada da intraprendere, ma sicuramente voglioso di aggiornare, almeno in parte, il sound del gruppo. Mossa riuscita? Diciamo che la band ci provò. Dal mio punto di vista un rinnovamento del suono era a quel punto necessario, dato che le differenze nella line-up e l'evoluzione in atto in quel periodo nel mondo della musica giustificavano, anzi, quasi imponevano un cambio, visto che scimmiottare quanto fatto sino a quel momento con una squadra diversa, non poteva presumibilmente condurli molto lontano. Il risultato di quegi sforzi però, non fu all'altezza del nome che la band portava.

Annotato un generale ammorbidimento dei suoni a favore di momenti più riflessivi, più atmosferici, più ricercati, supportati da una produzione che cercava un punto di equilibrio tra il vecchio ed il nuovo, nel tentativo, più che di acquisire nuovi fans, di non perderne troppi tra i vecchi, bisogna dire che l'album parte discretamente, ma presto si perde in un mare musicale senza punti di riferimento precisi, lasciando piuttosto indifferenti in più di un passaggio. Dopo il discreto duo iniziale Something Wicked/Another Violent End, dal buon impatto (considerando il tipo di album di cui stiamo parlando), condito da buoni soli, e da una accettabile Behind Glass Walls, criticabile in generale per lo smorzamento eccessivo delle parti più aggressive, ma all'interno del mood dell'album, questo si mantiene ancora piuttosto (relativamente) piacevole. Discreta anche Chaos, almeno considerando le premesse generali che ho fatto rispetto a Something Wicked come opera nel suo complesso. Piacevole -ma nulla più- anche il duo semi acustico The Forge/No Time, anche se a questo punto ci si accorge inesorabilmente di essere giunti già al posto numero sei della tracklist, senza aver incontrato alcunchè di effettivamente memorabile. Molta roba discreta, ascoltabile (lasciando da parte il passato), e basta. Tuttavia, quando la speranza che non possa essere tutto qui comincia già a sbiadire, irrompe ad irrobustirla To Serve a Man. Corta, cattiva, e dal ritmo elevato, più da Nuclear Assault, ma quando finisce rimane solo quello: il ritmo, la velocità e basta. Il disco volge al termine: Madness Descends è rocciosa, ma si sente troppo la sensazione di "già sentito"; Poetic Justice è forse la canzone che più rende l'idea di cosa erano/sono i Nuclear Assault: cazzona, ignorante, divertente, punkeggiante, insomma, riassume bene il loro spirito. In un certo senso lo fa anche Art, ma certamente considerare i suoi "novesecondinove" di durata come utili a definire il concetto di canzone è un pò azzardato. Assolutamente inutili poi, i restanti trentanove dedicati all'arpeggio intitolato The Other End, anche se suppongo che l'idea fosse di fornire due finali alternativi ed opposti, un po' come si fa talvolta con le opere cinematografiche prima del montaggio finale.

Something Wicked contiene qualcosa di buono, qualche sprazzo di idea, la volontà di provarci, ma niente altro. I Nuclear Assault -quelli veri, beninteso- furono molto altro e molto di più. Se volete completare la loro discografia potete anche considerarlo, ma certamente non rappresenta molto la band, e non è nemmeno lontanamente vicino all'apice della sua produzione.



VOTO RECENSORE
60
VOTO LETTORI
46.55 su 36 voti [ VOTA]
Madmax
Giovedì 8 Aprile 2021, 23.18.46
9
Qualcuno ha questo Cd da vendere oppure anche Survive?
Trueblood
Domenica 22 Novembre 2020, 2.58.39
8
Non posso che essere d'accordo con gli ultimi quattro commenti, un gran bel disco, cos'ha che non va?
Thrasher76
Martedì 15 Settembre 2020, 21.03.20
7
A me piace parecchio. All'epoca in cui uscì fu bocciato da critica e pubblico ma il disco, seppur lontano dalle sonmorità che hanno reso famosi i Nuclear Assault, suona maturo ed ispirato. In più è l'unico dove è presente un chitarrista solista degno di questo nome
Zak
Giovedì 4 Luglio 2019, 9.08.23
6
Anche a me piace ...ne uscissero di album così al giorno d'oggi
Lethean
Lunedì 29 Maggio 2017, 18.33.19
5
Anche a me...
thrasher
Martedì 24 Gennaio 2017, 23.47.31
4
A me piace...
vitadathrasher
Venerdì 10 Maggio 2013, 16.48.21
3
Album con poche idee e che non lascia segno come i precedenti sfornati negli anni 80, ma non lo disdegno, in un contesto in cui la band è totalmente disgregata. Buona la produzione, se consideriamo i vecchi lavori.
fabriziomagno
Venerdì 7 Ottobre 2011, 14.41.35
2
completamente d'accordo con il buon raven!
Raven
Sabato 16 Luglio 2011, 17.23.46
1
Nuova aggiunta al DB
INFORMAZIONI
1993
I.R.S. Records
Thrash
Tracklist
1. Something Wicked
2. Another Violent End
3. Behind Glass Walls
4. Chaos
5. The Forge
6. No Time
7. To Serve Man
8. Madness Descends
9. Poetic Justice
10. Art
11. The Other End
Line Up
John Connelly (Voce, Chitarra)
Dave DiPietro (Chitarra)
Scott Metaxas (Basso)
Glenn Evans (Batteria)
 
RECENSIONI
50
60
60
90
92
80
85
ARTICOLI
30/07/2015
Live Report
NUCLEAR ASSAULT + ASSAULTER + ENFORCES
Traffic Club, Roma, 23/07/2015
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]