Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Falconer
From a Dying Ember
Demo

Chaosaint
In the Name of
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

14/07/20
INISANS/SEPULCHRAL FROST
Death Fire Darkness

15/07/20
EISENKULT
...gedenken wir der Finsternis

15/07/20
THE FUNERAL ORCHESTRA
Negative Evocation Rites

16/07/20
NOCTEM AETERNUS
Landscape of Discord

17/07/20
WORSHIP
Tunnels

17/07/20
THYRANT
Katabasis

17/07/20
LONELY ROBOT
Feelings Are Good

17/07/20
ZOMBI
2020

17/07/20
GUARDIAN OF LIGHTNING
Cosmos Tree

17/07/20
U.D.O.
We Are One

CONCERTI

17/07/20
GIACOMO VOLI + EMPATHICA
THE FACTORY - S. MARTINO BUON ALBERGO (VR)

23/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

24/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

25/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

26/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

29/07/20
DROPKICK MURPHYS
FESTIVAL DI MAJANO - MAJANO (UD)

07/08/20
KORPIKLAANI
MONTELAGO CELTIC FESTIVAL - SERRAVALLE (MC)

07/08/20
SUMMER METAL 2020
LONCA DI CODROIPO (UD)

08/08/20
SUMMER METAL 2020
LONCA DI CODROIPO (UD)

09/08/20
SUMMER METAL 2020
LONCA DI CODROIPO (UD)

The Darkness - Permission To Land
( 7418 letture )
Una ventata d’aria fresca!: questo è quello che mi è venuto in mente la prima volta che ho ascoltato Permission to Land, album d’esordio dei glamour The Darkness, combo inglese originario di Lowestoft. La band, infatti, seppe sfornare nel 2003 un vero e proprio piccolo gioiello proponendo un sanguigno e convincente hard rock targato anni ‘80 rifacendosi a piene mani a stilemi già consolidati fissati da formazioni quali Motley Crue, Guns'n'Roses ed, in maniera decisamente più marcata, AC/DC e Queen. Il tutto ruota attorno all’eccentrico leader carismatico Justin Hawkins, cantante e chitarrista, famoso per la sua splendida voce sovente in falsetto e per la bizzarria di voler cambiare abiti in continuazione, sempre molto appariscenti e stravaganti, durante gli spettacoli live del gruppo.

Permission to Land è un disco spontaneo, ingenuo, disincantato e di una semplicità disarmante, ma tanto intrigante e coinvolgente. I testi sono molto adolescenziali (basta leggere il titolo della seconda traccia!).
Dieci i pezzi tutti mirabilmente composti e ben eseguiti che spaziano, in ordine sparso, dalle suadenti linee melodiche della classica ballata Holding My Own, al riffing granitico di Black Shuck -pezzo che sembra estrapolato di sana pianta da un disco degli AC/DC dei tempi migliori-, dagli avvolgenti assoli della lunga Love On The Rocks With No Ice, passando per il brillante hard rock di Givin' Up e per i fortunatissimi hit single Growing On Me, I Believe In A Thing Called Love e, soprattutto, la conosciutissima Love Is Only A Feeling. Il songwriting è ispirato e supportato da una validissima sezione ritmica e dall’impeccabile lavoro delle due chitarre assicurato dai fratelli Hawkins sempre ben impostate sia in sede di riff che di assoli. Il tutto, poi, è impreziosito dagli acuti del divo Justin, il protagonista assoluto dei The Darkness che richiama alla memoria, vi assicuro non è blasfemia, i maestri Freddie Mercury e David Lee Roth. Il successo di Permission To Land fu enorme e forse anche inaspettato al punto di creare insanabili diatribe interne che, purtroppo, porteranno al prematuro scioglimento della formazione dopo l’uscita del modesto One Way Ticket to Hell ...And Back nel 2005 nel quale già compare un nuovo bassista (Richie Edwards al posto del defenestrato Frank Poullain). La dipendenza dalla cocaina del singer giocherà un ruolo determinante nella fine della formazione avvenuta nel corso del 2006, fino alla seguente reunion della primavera del 2011.

Tornando a Permission To Land personalmente lo considero addirittura uno dei migliori lavori in campo hard rock usciti nell’ultimo decennio. Ho avuto la possibilità di vederli dal vivo il 21 luglio 2004 al Centrale del Tennis di Roma e devo ammettere che fu uno spettacolo davvero gradevole e divertente.
Attendo con fiducia sviluppi sul loro prossimo disco, incrociando le dita affinché non sia il solito flop di questi ultimi tempi così grami in campo musicale.



VOTO RECENSORE
85
VOTO LETTORI
74.69 su 78 voti [ VOTA]
megna
Sabato 16 Giugno 2018, 13.29.05
27
Una delle rare volte che condivido la media voto data degli utenti. Non è brutto, ci mancherebbe altro, ma è fuori dal tempo. È come se al cinema uscissero ora "Gli Argonauti" o "Maciste Vs il Minotauro". Confezionato su misura per girellari defender oltranzisti.
Third Eye
Domenica 20 Agosto 2017, 18.28.18
26
Condivido il pensiero di klostridiumtetani (n. 25).
klostridiumtetani
Domenica 20 Agosto 2017, 17.38.07
25
Purtroppo è proprio grazie a gente come questi, gli Steel Panhter e compagnia cantante che il rockperde credibilità. Fancazzoni della musica I.M.O. Voto 0.
Perez
Domenica 20 Agosto 2017, 17.17.26
24
Recensione e voto perfetti
Purtroppo
Lunedì 7 Agosto 2017, 9.10.40
23
Voto lettori 70. Povero il rock, vi meritate i Sabaton e compagnia bella, se il rock è morto è perché gente che non è in grado di capire il valore di un lavoro eccellente come questo lo ha ucciso. 95
Rob Fleming
Sabato 13 Febbraio 2016, 16.22.24
22
Musicalmente mi piacciono, ma, a volte, il falsetto di Justin è quasi eccessivo. Però quando uscirono ci divertimmo in molti grazie a loro.
Alex
Mercoledì 29 Luglio 2015, 13.32.36
21
Sono di posizione molto circospetta e diffidente circa le nuove leve dell'Hard'n'Heavy, però questo album mi ha colpito veramente positivamente. E chissenefrega se i metallari dell'ultima ora, lo definiscono anacronistico ed evocante suoni lontani e superati. A me piace davvero molto.
Philosopher3185
Domenica 1 Marzo 2015, 16.27.23
20
Per me questo è stato uno dei migliori album Hard Rock degli ultimi 30 anni! Una miscela geniale di AC\DC,Queen,e anche Led Zeppelin...peccato che la band,non abbia saputo restare a galla e continuare la sua attivita',penso che ne avremmo viste delle belle.
bill
Domenica 20 Maggio 2012, 1.58.01
19
negli anni 80 avrebbero tranquillamente eclissato gran parte dell' ondata glam americana, ora sono rimasti l' unica band non composta da dinosauri a fare hard rock decentamente
WTFisThis
Lunedì 20 Febbraio 2012, 5.50.14
18
Grandissimo album 90
ASD
Domenica 13 Novembre 2011, 13.29.08
17
Ottimo, ottimo album! A metà tra l' heavy e il glam rock anni 80, contornato da assoli pregevoli. Un lavoro che, sebbene ispirato al passato dell' hard&heavy , risulta una ventata di aria fresca. Peccato che il secondo album fu una mezza ciofeca..........Ma dell' uscita del terzo album si sà più nulla?
metallo 00
Lunedì 10 Ottobre 2011, 20.18.41
16
gran bel disco
metallo 00
Lunedì 10 Ottobre 2011, 20.18.40
15
gran bel disco
Jemini
Lunedì 8 Agosto 2011, 10.28.00
14
non ci andrei giù cosi pesante ! a me non pacciono affatto, ma li considero comunque una band abbastanza rispettabile
Gabriele
Sabato 6 Agosto 2011, 16.34.15
13
Ah ecco, perchè al tempo mi ricordo che c'era chi sosteneva che fossero paragonabili ai Queen! Tralasciando che anche i Queen non è che mi abbiano mai fatto impazzire, questi The Darkness ne sono la bruttissima copia: non hanno niente di loro e vorrebbero vendersi come una band originale perchè, appunto, anacronistica. Per me sono fenomeni da baraccone.
Jemini
Venerdì 5 Agosto 2011, 15.22.37
12
no no tranquillo !!
Gabriele
Venerdì 5 Agosto 2011, 14.40.34
11
Ma facevano/fanno cagare solo a me?
GioMasteR
Lunedì 18 Luglio 2011, 23.07.53
10
Spettacolare, I Believe In A Thing Called Love era la canzone che condividevo con la ragazza dell'epoca!
Francesco
Lunedì 18 Luglio 2011, 23.00.11
9
Un "must have it". Un filmine a ciel sereno in un'epoca dominata dalla monnezza in campo musicale, soprattutto a livello di vendite. Un album sceso dal cielo a ricordare ai mortali qual è la vera musica. Infatti chiede il permesso di atterrare XD
valereds
Domenica 17 Luglio 2011, 8.46.20
8
Veramente bello lo ascolto ancora oggi molto volentieri
BILLOROCK fci.
Sabato 16 Luglio 2011, 12.50.56
7
beh, è stato un gran bel album di puro e smisurato rock n roll, peccato però che dietro ad un grande album ci fossero e ci sono una band di rimbambiti che del rock hanno colto solo il peggio !!
Argo
Sabato 16 Luglio 2011, 12.46.40
6
Il termine anacronistico è ovviamente da considerare in senso positivo, in questo caso: ultra-positivo!
hm is the law
Sabato 16 Luglio 2011, 12.32.38
5
@ SteveJoker: eh già e che pienone che c'era!
SteveJoker
Sabato 16 Luglio 2011, 12.21.38
4
Penso 3-4 volte, ma la cosa piú fantastica è che in un cd che dura mezzora, hanno fatto un concerto di quasi 2 ore , e non hanno manco suonato delle cover!! Questo perchè Justin è uno dei migliori front-man degli ultimi anni che sá davvero divertire ol pubblico e fare dei magnifici assoli!!! Speriamo che ritorneranno!
blackiesan74
Sabato 16 Luglio 2011, 10.51.40
3
Disco eccezionale! Anacronistico è dir poco, ma quando le canzoni sono di questa qualità chissenefrega se sono anacronistiche. Il più grande merito dei Darkness, secondo me, al di là dell'effettivo valore di questo splendido album, è stato quello di riportare il gusto per l'ironia, il divertimento e il non prendersi troppo sul serio, che erano i veri tratti distintivi del glam metal anni '80. E comunque a me "One Way Ticket..." non era dispiaciuto per nulla e riascolto volentieri anche quello...
Argo
Sabato 16 Luglio 2011, 10.14.34
2
Possiedo il cd dalla data di uscita, e l'ho letteralmente consumato. A quel tempo me lo prestò un amico che mi disse "ascolta sta roba, è qualcosa di anacronistico". E cazzo se lo fu. Dopo il primo ascolto, portai subito indietro il cd all'amico, e corsi in negozio a comprarmi una copia tutta mia. E via a palla per mesi. Ho votato 99, non mai capito se questo cd sia una presa per il culo o qualcosa di reale, le canzoni sono tutte di alto livello, nessun filler e la senzazione di ascoltare qualcosa uscito nel 1983 o giù di lì è reale. La canzone di chiusura "holding my own" è qualcosa di assolutamente anni 80, una melodia che anche se non c'entra niente mi ricorda "total eclypse of the heart". L'adoro. Forse si è capito che consiglio questo cd a tutti, e spero vivamente un ritorno di questo gruppo.
hm is the law
Sabato 16 Luglio 2011, 10.00.55
1
A Ste' te ricordi quanti vestitI cambiò Justin al concerto che abbiamo visto insieme?
INFORMAZIONI
2003
Atlantic Records
Glam Rock
Tracklist
1. Black Shuck
2. Get Your Hands Off My Woman
3. Growing On Me
4. I Believe In a Thing Called Love
5. Love Is Only a Feeling
6. Givin' Up
7. Stuck in a Rut
8. Friday Night
9. Love On The Rocks With No Ice
10. Holding My Own
Line Up
Justin Hawkins (Voce, Chitarra)
Daniel Hawkins (Chitarra)
Frank Poullain (Basso)
Ed Graham (Batteria)
 
RECENSIONI
77
80
85
ARTICOLI
08/11/2013
Live Report
THE DARKNESS + RHYME
Orion Live Club, Ciampino (RM), 02/11/2013
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]