Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Kansas
The Absence of Presence
Demo

Northern Crown
In a Pallid Shadow
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

11/08/20
SEASON OF DREAMS
My Shelter

12/08/20
WITHIN DESTRUCTION
Yōkai

14/08/20
HAVUKRUUNU
Uinuos Sy÷mein Sota

14/08/20
NUG
Alter Ego

14/08/20
CHASTAIN
For Those Who Dare ľ 30th Anniversary Edition

14/08/20
KAMELOT
I Am The Empire - Live From The 013

14/08/20
PRIMITIVE MAN
Immersion

14/08/20
TERRA ATLANTICA
Age Of Steam

14/08/20
ROBBY KRIEGER
The Ritual Begins at Sundown

14/08/20
INGESTED
Where Only Gods May Tread

CONCERTI

11/08/20
BAD RELIGION
FESTIVAL DI RADIO ONDA D'URTO - BRESCIA

12/08/20
BAD RELIGION (SOSPESO)
FESTIVAL DI MAJANO - MAJANO (UD)

19/08/20
PALAYE ROYALE
CIRCOLO MAGNOLIA - SEGRATE (MI)

26/08/20
GRAHAM BONNET & ALCATRAZZ + GIRLSCHOOL + ASOMVEL
FESTA BIKERS - COLOGNO AL SERIO (BG)

27/08/20
WOLFMOTHER + HARDCORE SUPERSTAR (SOSPESO)
PIAZZA DUOMO - PRATO

04/09/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA (SALA SINOPOLI) - ROMA

05/09/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
2DAYS PROG - VERUNO (NO)

06/09/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
POLITEAMA GENOVESE - GENOVA

10/09/20
THE HOLLYWOOD VAMPIRES
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

11/09/20
ATHEIST + CADAVER + SVART CROWN + FROM HELL
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

Labyrinth - Freeman
( 7178 letture )
A distanza di due anni esatti dall'uscita di Labyrinth, un album che aveva segnato la svolta per la band toscana, con l'allontamento del fondatore Olaf Thorsen e il netto cambiamento di sound, ritroviamo i Labyrinth impegnati in questo Freeman, un disco studiato a fondo e probabilmente la migliore produzione dai tempi di Return To Heaven Denied. Ma da allora molte cose sono cambiate: in primis il suono, sempre meno legato a stilemi power ma molto pi¨ vario ed articolato. Aggiungiamo a questo una buona dose di sperimentazione (soprattutto nelle tastiere di Andrea De Paoli) che aveva fatto la fortuna del combo toscano all'epoca del debut Piece Of Time, l'inserimento di un valido chitarrista come Pier Gonella e troviamo i Labyrinth di oggi: una band in splendida forma e finalmente con uno "stile" proprio. Uno stile molto variegato, che spazia dal thrash al progressive pi¨ melodico, dai passaggi quasi jazz di Face And Pay al power complesso e articolato di Dive in Open Waters. La pecca principale di questo Freeman Ŕ sicuramente la produzione, meno precisa e potente rispetto al disco precendente (niente a che vedere con gli orrori di Sons Of Thunder sia chiaro!). La batteria di Mattia Stancioiu ne esce dunque penalizzata ma anche le chitarre in alcune passaggi avrebbero meritato maggiore incisivitÓ.
Il disco si apre con L.Y.A.F.H., una song power-progressive di grande impatto, con ottimi spunti sia nella strofa che nel ritornello. Deserter riprende le atmosfere della bellissima Just Soldier (migliore canzone di Labyrinth) sia a livello di lyrics che di sonoritÓ in maniera davvero convincente. La seguente Dive in Open Waters Ŕ invece una delle canzoni pi¨ veloci scritte dai Labyrinth ma Ŕ con la successiva Freeman che i Nostri raggiungono l'apice per intensitÓ e capacitÓ di trasmettere emozioni. Ritornano i richiami di elettronici nelle tastiere di De Paoli in M3, una canzone dalle chiare attitudini progressive con un ritornello easy-listening ma non per questo meno valido e banale. La sperimentazione di Face And Pay porta a contaminazioni jazz, thrash e a spunti pi¨ catchy e riassume i Labyrinth di oggi: una perfetta armonia tra elementi completamente diversi e che rende unico il sound del sestetto toscano. Nothing New, assieme a Meanings, Ŕ la canzone pi¨ vicina a quanto fatto dalla band prima di Labyrinth. Colpiscono per intensitÓ Infidels e Malcom Grey, dove Roberto Tiranti sfodera una delle sue migliori prove di sempre, arrivando quasi a "recitare" e a dare una impronta incredibilmente drammatica alle atmosfere di queste due canzoni. Un disco dunque che ci restituisce una band in piena forma e che ha ancora molto da dire.



VOTO RECENSORE
76
VOTO LETTORI
56.69 su 71 voti [ VOTA]
Absynthe6886
Giovedý 9 Maggio 2013, 16.18.21
8
Dei Lab rinth ho comprato tutto. Mi pare, quindi, abbastanza ovvio considerarmi un estimatore della band toscana. Trovo, per˛, che Freeman rappresenti, nella loro nutrita discografia, l'apice compositivo in assoluto: introspezione lirica e musicale come mai vista prima, una sensibilitÓ incredibile immersa in arrangiamenti audaci e di classe e, non da sottovalutare, una produzione in grado di non suonare vecchia o plastificata dopo qualche anno. Un disco dal quale traspare al meglio l'identitÓ artistica dei singoli, attraverso prestazioni di un'intensitÓ e di una compattezza che non si erano ancora apprezzate (e che neppure successivamente riusciranno a eguagliare). Prendere singole tracce ad emblema di quanto dico sarebbe un po' riduttivo, tuttavia, vale la pena menzionare L.Y.A.F.H., Dive In Open Waters, Freeman, la strepitosa Malcom Grey e la conclusiva Meanings. Metal? Rock? Prog? Power? Alternative? Niente di tutto ci˛ eppure, al tempo stesso, ognuna di queste influenze sono contenute in un'opera il cui spessore artistico non Ŕ stato colto a sufficienza. Sfortunatamente, aggiungo... Se Ŕ vero che il tempo Ŕ galantuomo, spero proprio che fra qualche anno si dia il giusto credito al lavoro pi¨ coraggioso e rappresentativo del potenziale di questi musicisti.
Me stesso
Domenica 30 Dicembre 2012, 12.15.37
7
Dov'Ŕ la passione? Dov''e la grinta ? Ne sembrano del tutto sprovvisti, band molto scadente enorme te sopravvalutata
Federico
Martedý 28 Dicembre 2010, 12.35.50
6
Canzoni banali con soli veramente senza senso che non dicono niente. Merita (e tanto) solo Tiranti.
roberto
Domenica 11 Ottobre 2009, 21.18.14
5
secondo me i labyrinth hanno fatto grandi album!....speriamo che si riconfermino grande band anke con questo nuovo album!
Electric Warrior
Giovedý 10 Settembre 2009, 15.56.04
4
Bel disco...gruppo sottovalutato
emanuele
Venerdý 14 Luglio 2006, 11.55.19
3
un disco fantastico, che conosce l' unico punto debole nella title-track, ma che risulta essere talmente ricco di perle progressive da meritare l'appellativo di capolavoro
astharot
Mercoledý 29 Giugno 2005, 10.58.31
2
gran disco....mi aspettavo un secondo disco viola tipo return to heaven denied part. II...ma hanno superato le mie aspettative
giuse
Giovedý 21 Aprile 2005, 0.46.09
1
disco interessante.
INFORMAZIONI
2005
V2 Records
Power
Tracklist
1. L.Y.A.F.H.
2. Deserter
3. Dive in Open Waters
4. Freeman
5. M3
6. Face And Pay
7. Malcolm Grey
8. Nothing New
9. Infidels
10. Meanings
Line Up
Roberto Tiranti - vocals
Andrea Cantarelli - guitars
Pier Gonella - guitars
Andrea De Paoli - keyboards
Cristiano Bertocchi - bass
Mattia Stancioiu - drums
 
RECENSIONI
78
75
76
79
77
90
80
ARTICOLI
13/06/2017
Live Report
RHAPSODY + EPICA + LABYRINTH
Alcatraz, Milano, 07/06/2017
08/06/2017
Intervista
LABYRINTH
Quando la musica Ŕ architettata per restare
01/03/2011
Live Report
SONATA ARCTICA + LABYRINTH + 4TH DIMENSION
Alcatraz, Milano, 27/02/2011
14/07/2010
Live Report
OZZY OSBOURNE + LABYRINTH
Villa Contarini, Piazzola Sul Brenta (PD), 05/07/2010
07/06/2010
Live Report
MEGADETH + SADIST + LABYRINTH
Atlantico, Roma, 04/06/2010
09/03/2004
Articolo
LABYRINTH
La biografia
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]