Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Accept
Too Mean to Die
Demo

Profanity (GER)
Fragments Of Solace
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

26/02/21
STEVE LUKATHER
I Found the Sun Again

26/02/21
INFERNALIZER
The Ugly Truth

26/02/21
MOS GENERATOR
The Lanter (EP)

26/02/21
RICHARD BARBIERI
Under A Spell

26/02/21
WALK THE WALK
Walk the Walk

26/02/21
MELVINS
Working with God

26/02/21
SISTER
Vengeance Ignited

26/02/21
TIMELOST
Gushing Interest

26/02/21
AMON ACID
Paradigm Shift

26/02/21
JOURS PALES
Eclosion

CONCERTI

26/02/21
ATHEIST + CADAVER + SVART CROWN + FROM HELL
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

27/02/21
ATHEIST + CADAVER + SVART CROWN + FROM HELL
TRAFFIC CLUB - ROMA

28/02/21
ATHEIST + CADAVER + SVART CROWN + FROM HELL
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

13/03/21
MICHALE GRAVES + NIM VIND
LEGEND CLUB - MILANO

14/03/21
MARK LANEGAN BAND
TEATRO MANZONI - BOLOGNA

18/03/21
MAYHEM + MORTIIS + GUESTS TBA (POSTICIPATO!)
DEMODE CLUB - MODUGNO (BA)

19/03/21
MAYHEM + MORTIIS + GUESTS TBA (POSTICIPATO!)
ORION - CIAMPINO (ROMA)

20/03/21
MAYHEM + MORTIIS + GUESTS TBA (POSTICIPATO!)
CAMPUS MUSIC INDUSTRY - PARMA

23/03/21
THE SISTERS OF MERCY
ORION - ROMA

23/03/21
SWANS + NORMAN WESTBERG
ALCATRAZ - MILANO

Vintersorg - Ödemarkens Son
( 3806 letture )
Ci troviamo nel lontano 1999 e l’album in questione, Ödemarkens Son, rappresenta la definiva consacrazione di un uomo e soprattutto di un musicista. È bene chiarire, per chi non conoscesse Andreas Hedlund “Vintersorg”, che trattasi di un artista con l’iniziale maiuscola, date le innumerevoli doti e capacità che lo rendono particolarmente versatile. Egli è infatti in possesso di una voce semplicemente fantastica (anche se la simpatica allusione alla timbrica del nostrano Piero Pelù non è da considerarsi una completa eresia) ed è in grado di arrangiare da sé ogni strumento gli sia necessario tanto che, fino a Cosmic Genesis incluso, il suo progetto personale - Vintersorg per l’appunto - è da considerarsi una one-man band (al più aiutata da specialisti).
Durante il 1999, Andreas vive uno dei momenti migliori della sua carriera. Il merito va attribuito soprattutto a tre avvenimenti: il grande successo del debut Till Fjälls, album fondamentale per una nuova concezione di musica estrema; gli Otyg, che dopo lo splendido Älvefärd si preparano per il loro secondo album; l’ingresso, di li a poco, nella super band Borknagar.

Oramai il fenomeno viking vive un periodo di continua espansione: molte band cominciano a fondere generi estremi, come il black metal, con sonorità più epiche e fantasiose conferendo un grande slancio di vitalità alla scena musicale scandinava. La posizione geografica è poi sicuramente d’aiuto: il fascino delle antiche tradizioni nordiche e della mitologia norrena costituiscono una tematica unica ed affascinante verso cui è impossibile non riporre il proprio interesse.
Ci tengo a puntualizzare un piccolo (ma importantissimo) aspetto del folk/viking metal targato Vintersorg: questo non ha nulla a che vedere con le composizioni allegre e beone tipiche dei Korpiklaani o Folkstone (giusto per schiarirvi le idee), dato che il tutto è ragionato e pensato per conferire un particolare carattere all’opera e generare un’atmosfera incredibilmente introspettiva. Il termine “folk” usato per descrivere la musica dei Vintersorg non corrisponde tanto agli strumenti utilizzati, quanto invece alla sensazione di “natività” e “tradizione” che si assapora ascoltandone nota dopo nota.

Come dicevo in precedenza, Ödemarkens Son rappresenta la consacrazione del Vintersorg artista: le linee vocali si ri-affermano (come in Till Fjälls) assolutamente perfette, essendo davvero notevole l’abilità di spaziare tra almeno due diversi tipi di cantato pulito, uno maggiormente epico rispetto all’altro, adatto per i ritornelli ma non solo; e capace di usufruire di uno screaming potente e allo stesso tempo “glaciale”. Altre caratteristiche sono il riffing rapido e “freddo”, le chitarre accurate e precise in ogni brano e la drum machine molto ben bilanciata: essa “collabora” perfettamente con il sound dei cordofoni senza permettere che gli strumenti si ostacolino o interferiscano tra di loro. Insomma… Vintersorg crea ancora una volta un amalgama ai confini con la perfezione.

Ed ora parliamo del contenuto vero e proprio.
Apre le danze När Alver Sina Runor Sjungit, definibile con una sola parola: travolgente. La melodia, dai toni alti, è scandita dalla chitarra e da un cantato pregno di epicità. Il tutto poi progredisce in un veloce blast beat ed in vari cambiamenti di tempo, con qualche accenno di tastiera. Note acustiche combinate ad un accompagnamento sinfonico introducono Svältvinter. A migliorare la composizione appare una voce femminile, particolarmente soave e delicata, che risulta molto adatta per duettare con Andreas durante le parti più calme e rilassanti, prima che quest’ultimo si esibisca in uno scream acido ma non esageratamente grezzo. La successiva Under Norrskenets Fallande Ljusspel è decisamente più veloce rispetto alle precedenti: ancora compaiono momenti più pacati dati da riff in palm-mute, con un intrigante sottofondo di tastiere. La quarta canzone, Månskensmän, presenta il classico schema/riffing che verrà utilizzato negli anni a seguire da decine, forse centinaia, di band viking dalle influenze estreme (e non solo): le parti più epiche e lente, con tanto di cori, susseguono a parti leggermente più veloci, dove spesso il vocalism è in screaming, o, come in questo caso, anche in pulito. La title-track racchiude al suo interno una doppia anima: si passa dai gelidi up-tempos e screaming al calore dato da riff avvolgenti e dal baritono di Vintersorg, impeccabile in ogni singolo frangente; Ödemarkens Son possiede uno di quei classici ritornelli che vi martelleranno in testa per giorni e giorni. La strumentale Trollbunden è essenziale per staccare dalla concitazione e concedersi un paio di minuti di pausa: la chitarra acustica si adagia tra note di piano e gli accompagnamenti sinfonici: il risultato finale è di notevole effetto. Ne segue Offerbäcken, canzone poco incisiva, ma comunque ben fatta. Molto bella l’ottava I Den Trolska Dalens Hjärta: il brano comincia con un intro sinfonico che permane in sottofondo, lasciando i ruoli primari a chitarre, drum machine e vocals. Il motivetto della sei corde e l’assolo successivo donano ulteriore pathos alla traccia; questo è l’esempio più lampante di come poche e semplici note possano ugualmente fare la differenza, senza il bisogno di virtuosismi o ultra tecnicismi. Chiude l’opera På Landet, dove la ritmica prende ispirazione dal thrash più classico; lo screaming viene lasciato in disparte e la canzone incede con un’andatura più lineare del consueto. Spiazzante l’assolo finale, decisamente aggressivo, prima che il disco giunga al termine tra gli accordi acustici e un lento e morente riff sfumato.

In sostanza Ödemarkens Sonè un gioiello per la musica in generale, in grado di andare al di là di qualsiasi genere ed etichettatura: la mia opinione è che sia leggermente migliore rispetto al debutto, ma parliamo di piccolezze.
Il consiglio è quello di dedicare quaranta minuti della vostra giornata, almeno una volta nella vita, ad un prodotto davvero meritevole. Ciò a prescindere di quale siano le vostre attitudini e le vostre preferenze.
Capolavoro!



VOTO RECENSORE
92
VOTO LETTORI
65.5 su 34 voti [ VOTA]
lord p
Sabato 3 Dicembre 2016, 7.26.52
5
I primi cd folk viking sono galattici, e questo insieme al 1 deve stare per forza sul mio cellulare perché ha voce pulita perfetta e voce scream divina
il vichingo
Domenica 8 Gennaio 2012, 10.46.50
4
Grande disco! Fondamentale per un amante di pagan-viking! Penso di non esagerare votando un 98!!
One~Eye
Giovedì 21 Luglio 2011, 13.32.12
3
Da avere e consumare.
Bloody Karma
Mercoledì 20 Luglio 2011, 11.11.32
2
un bel disco con alcune grandi songs, ma personalmente preferisco il precedente con la sue sonorità meno perfettine
enry
Sabato 16 Luglio 2011, 19.04.52
1
Bella rece per quello che per me è il miglior disco di Vintersorg; epico, trascinante e senza songs da osteria-metal che vanno tanto di moda negli ultimi anni. Grande disco.
INFORMAZIONI
1999
Napalm Records
Viking
Tracklist
1. När Alver Sina Runor Sjungit
2. Svältvinter
3. Under Norrskenets Fallande Ljusspel
4. Månskensmän
5. Ödemarkens Son
6. Trollbunden
7. Offerbäcken
8. I Den Trolska Dalens Hjärta
9. På Landet
Line Up
Vintersorg – Voce, Chitarre, Basso, Tastiere
Marcus “Vargher” E. Norman – Tastiere, Drum Programming
Cia Hedmark – Violino Voce (tracce 2, 4)
Andreas Frank – Chitarra Ritmica (tracce 1, 5, 8, 9)
 
RECENSIONI
80
83
72
80
82
92
90
ARTICOLI
22/07/2017
Intervista
VINTERSORG
Epicità
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]