Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Premiata Forneria Marconi
Emotional Tattoos
Demo

Rust
Rust
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/11/17
HYPERION
Dangerous Days

24/11/17
SCORPIONS
Born To Touch Your Feelings

24/11/17
LOCH VOSTOK
Strife

24/11/17
STRAY TRAIN
Blues From Hell

24/11/17
WILDNESS
Wildness

24/11/17
HOUSTON
III

24/11/17
AETHERIAN
The Untamed Wilderness

24/11/17
DEEP AS OCEAN
Lost Hopes | Broken Mirrors

24/11/17
STARBLIND
Never Seen Again

24/11/17
DEGIAL
Predator Reign

CONCERTI

22/11/17
MARILYN MANSON + GUEST
PALA ALPITOUR - TORINO

22/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
SANTERIA SOCIAL CLUB - MILANO

23/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
QUIRINETTA - ROMA

24/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
ALMAGIA' TRANSMISSIONS FESTIVAL - RAVENNA

24/11/17
DESPITE EXILE
VECCHIA SCUOLA PUB - PALAZZOLO (BS)

24/11/17
BLACK STAR RIDERS
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

24/11/17
6TH COUNTED MURDER + KALIAGE
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

25/11/17
THE MODERN AGE SLAVERY + DESPITE EXILE + AMBER TOWN
LA TENDA - MODENA

26/11/17
MESS EXCESS + AENIGMA
RIFF CLUB - PRATO

27/11/17
MASTODON
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

Baaba Kulka - Baaba Kulka
( 1779 letture )
"Mio, mio, ti prego, deve essere mio!!!"

E' stata più o meno questa la mia reazione, quando è stato messo a disposizione di qualche uomo di buona volontà, un cd di un misconosciuto gruppo polacco chiamato Baaba Kulka, il quale.... udite, udite: aveva prodotto un album di cover di canzoni degli Iron Maiden, stravolgendole completamente in chiavi non metal, con larghi spazi all'acustica ed agli strumenti a fiato, e permettendosi anche di trarre un Dvd dalle proprie esibizioni live. Perché ho richiesto espressamente di potermene occupare? Semplice: perché un simile reato di lesa maestà meritava di essere recensito da uno come me, che con la Vergine è letteralmente cresciuto, per poter trattare il cd come presumevo meritasse. Nell'attesa dell'arrivo del cd presso la mia avita magione, ho anche guardato alcuni spezzoni riguardanti i Baaba Kulka tratti dal tubo, non resistendo per più di dieci/dodici secondi a canzone, traendo anche l'impressione di una band assolutamente improvvisata e poco professionale. Le premesse per una stroncatura clamorosa c'erano quindi tutte. Poi il cd è arrivato davvero, ed ho cominciato ad ascoltarlo; dapprima con rabbia, anche a causa della voce femminile molto sottile ed apparentemente fuori mood di Gaba Kulka (non chiedetemi di legare il suo nome al moniker, il polacco mi sfugge un po'), poi con sufficienza, indi rilevando alcune qualità. Alla fine sono giunto ad una conclusione relativamente diversa da quella che le prime impressioni mi portavano a supporre.

La veste grafica del prodotto è assolutamente scarna, ma la cosa non ha importanza: è il senso di sgomento a farla da padrone al primo ascolto. Il primo pezzo in scaletta è The Number Of The Beast, ma proposto in una versione minimalista, scarnissima, più lenta, molto onirica, vicina a certe cose degli anni 80 (in questo senso l'album rimane fedele alla decade di appartenenza, influenze settantiane comprese), con accenni di fiati latini, per concludersi in un crescendo rock; stranissimo e, al primo ascolto, indisponente. Il pezzo mette già in luce un'altra caratteristica peculiare dei Baaba Kulka: l'inserimento in ogni rielaborazione di due distinti stili musicali. Si prosegue con una sconcertante versione di Wratchild, che mi ha ricordato un certo raffinatissimo pop con influenze jazz degli anni 80; ricordate Joe Jackson? Raffinati e ben eseguiti gli inserimenti di flauto traverso (ho un flautista in casa, quindi mi affido a lui per questo giudizio). Anche qui parte all'improvviso, prima del finale, il cambio di atmosfera con una accelerazione jazz/prog. Sconcerto sempre più assoluto per la lenta versione reggae/dub di Aces High; comincio ad innervosirmi. Incredibile sentire To Tame a Land (o Dune, come è chiamato sul mio vinile) in versione arabeggiante: questo pezzo però sembra interessante fin da subito, e dopo ripetuti ascolti risulterà il migliore del lotto. Il ritmo originale del pezzo, peraltro, è assolutamente arabo, e comunque questa versione dimostra per l'ennesima volta come, cambiando gli arrangiamenti, il risultato finale muti completamente. Insomma: la musica è una. Anche qui non manca il cambio di indirizzo musicale, concomitante con la parte solistica, in cui il pezzo resta più fedele all'originale nella ritmica, per lasciare spazio ai soli eseguiti col clarinetto, anche qui con una certa confidenza con lo strumento. Il tempo di tirare il fiato e si passa a The Ides Of March/Prodigal Son, con l'intro eseguito a cappella (!), e pezzo che poi ondeggia tra il rock simil-Queen più commerciali ed il soul (!!); non so più cosa pensare, anche perchè c'è da registrare anche la presenza di fiati primi anni 70 che mischiano ulteriormente le carte. Non vi dico nemmeno del rock-prog, anch'esso utilizzato nell'arrangiamento. Proseguiamo: che ne pensate di Flight Of Icarus in versione romantica e con punti di contatto con le prime porcat...con i primi pezzi commerciali di Phil Collins? Bello comunque l'arrangiamento che rende il pezzo estremamente malinconico. E' la volta di Children Of The Damned, ovviamente in versione rock radiofonico anni 70. Una versione lambada di The Clairvoyant la reggete? E se ci aggiungiamo un bel break disco-rock? E se concludiamo con una versione da crooner di Still Life, che farebbe la felicità del pubblico over 60 di un night?

L'impeto iniziale è stato quello di stroncare l'operazione senza alcuna pietà, anche perché su youtube mi sono sembrati solo dei tipi da pub mezzi ubriachi, poi, col sommarsi degli ascolti, ho preso atto che questi ragazzi sanno suonare, e che nei pub probabilmente vogliono solo divertirsi e divertire il pubblico. Ho anche assunto informazioni su di loro, ed ho appreso che si dichiarano veri fans dei Maiden, e che questo cd è un vero omaggio, senza prese per i fondelli degli originali. Volete sapere se vi consiglio l'acquisto? Probabilmente no. Intanto i "duri e puri" lo evitino come la peste. Quanto gli altri, magari se siete di mentalità (molto) aperta, se volete stupire gli amici, se volete trascorrere una serata diversa in casa, facendovi quattro risate con qualche ospite, metallaro o generalista che sia, con un bicchiere di vino in mano anzichè uno birra, magari potete farci un pensierino. So di almeno una persona che ha fatto così.



VOTO RECENSORE
s.v.
VOTO LETTORI
24.76 su 21 voti [ VOTA]
Arrraya
Martedì 7 Febbraio 2012, 16.15.16
18
Assolutamente fantastiche le cover. Che volete? volete risentirle uguali uguali all'originale per poi perdere miseramente il confronto? Cover fresche e riuscitissime
Waffan kulka
Sabato 20 Agosto 2011, 22.13.28
17
Veramente triste
Raven
Martedì 26 Luglio 2011, 11.54.48
16
Su cd sembrano molto migliori, del resto l'ho anche scritto che, visti i filmati, sembravano improvvisati e non professionali.
Finntrollfan
Martedì 26 Luglio 2011, 10.48.53
15
Queste cover sono qualcosa di disgustoso, mentre le ascoltavo su Youtube mi veniva voglia di distruggere il computer. Se questi Baaba Kulka sono davvero fan degli Iron Maiden non avrebbero mai dovuto produrre uno schifo simile....
Screamforme77
Giovedì 21 Luglio 2011, 0.39.02
14
Avevo visto diverso tempo fa alcune loro performance su YouTube.To Tame A Land è stata l'unica che ho trovato interessante.Mentre il resto è RACCAPRICCIANTE ! Le canzoni degli Iron Maiden gia sono perfette nella loro versione originale,farci le cover è un grosso rischio,poi farle a modo proprio è praticamente un suicidio,per informazioni sentirsi 22 Accaccia Avenue dei Dark Tranquillity o Hallowed Be Thy Name dei Cradle Of Filth,versioni inascoltabili.Ma questi Baaba Kulka come qualcuno ha detto sono peggio di quanto si possa immaginare.
Metal4ever90
Giovedì 21 Luglio 2011, 0.27.12
13
Ok..... visto la descrizione, non volevo sentire la versione di The Clairvoyant, essendo una canzone a cui sono legatissimo. Però non ho resistito e l'ho sentita.... mi ha distrutto il ritornello
rox68
Mercoledì 20 Luglio 2011, 12.37.23
12
Raven: grazie per la risposta. In questo momento la media voto dei letttori è 16,66, che dici è una coincidenza o è un segno che devo comprare il disco?
Bloody Karma
Mercoledì 20 Luglio 2011, 11.09.58
11
ho sentito la versione in studio di aces high e devo dire che non è male per niente...bisogna dimenticarsi che sono i maiden peròò
Raven
Mercoledì 20 Luglio 2011, 10.17.21
10
Non credo, non penso ci sia convenienza economica a farlo, inoltre sono musicisti piuttosto conosciuti nel loro giro. In quei filmati immagino ci sia solo voglia di cazzeggiare ed un po' di birra di troppo
rox68
Martedì 19 Luglio 2011, 22.26.29
9
Raven: se fra le esibizioni live ed il disco c'è tutta la differenza che tu hai ben spiegato non è che in studio potrebbero esserci anche altri a suonare, altri che non possono permettersi di portare dal vivo?
Alex Ve
Martedì 19 Luglio 2011, 20.34.17
8
Raven: io sono aperto quanto le gambe della Carfagna, ma nonostante ciò, e rubando una frase al grande Sordi, ti dico: "'mazza che zozzeria aò"
xutij
Martedì 19 Luglio 2011, 20.22.11
7
ho sentito solo aces high, che dire stupenda versione cavolo, naturalmente i trv defenders ov steel li crichiteranno a priori, per me sono geniali nelle loro cover
Raven
Martedì 19 Luglio 2011, 17.19.41
6
come prevedevo: i duri e puri lo hanno preso come un affronto, (come inizialmente avevo fatto anche io), gli altri cercano di capire se c'è dell'altro, ma rimangono spiazzati. credo che l'unico modo di ascoltarlo sia davvero quello che ho descritto nell'ultimo paragrafo.
golden boy
Martedì 19 Luglio 2011, 17.17.27
5
non riesco a capire se sono dei geni o dei coglioni..
ffffancu...
Martedì 19 Luglio 2011, 17.03.50
4
...che schifo.... ma proprio schifo....non lo dico per dire, sono da giustiziare questi.
Topo
Martedì 19 Luglio 2011, 16.39.39
3
..inascoltabili..aldilà di ogni previsione..quasi peggio di certi "rumori" che un tempo mi fece ascoltare un tale Max...
Metal4ever90
Martedì 19 Luglio 2011, 15.05.15
2
L'avevo detto che To Tame a Land era la più decente
Giasse
Martedì 19 Luglio 2011, 8.52.42
1
Raven ha ragione su tutto. Sanno suonare - su questo non c'è dubbio - e non sono dei bontemponi, ma il risultato a me fa morire dal ridere, soprattutto negli episodi più lounge...
INFORMAZIONI
2011
Mystic Production
Inclassificabile
Tracklist
1. The Number of the Beast
2. Wrathchild
3. Aces High
4. To Tame a Land
5. Ides of March
6. Prodigal Son
7. Flight of Icarus
8. Children of the Damned
9. Clairvoyant
10. Still Life
Line Up
Gaba Kulka (Voce, Tastiera)
Bartek Weber (Chitarra)
Tomasz Duda (Sax, Flauto, Clarinetto)
Piotr Zabrodzki (Basso, Tastiera)
Maciej Morus (Batteria)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]