Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Psychotic Waltz
The God-Shaped Void
Demo

Ira Green
7
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

24/02/20
DIESPNEA
Pneuma

28/02/20
AUDREY HORNE
Waiting For The Night

28/02/20
FLUISTERAARS
Bloem

28/02/20
GAME ZERO
W.A.R. - We Are Right

28/02/20
OUTLAWS
Dixie Highway

28/02/20
BLOOD AND SUN
Love & Ashes

28/02/20
ABHOMINE
Proselyte Parasite Plague

28/02/20
THE NIGHT FLIGHT ORCHESTRA
Aeromantic

28/02/20
INFIRMUM
Walls of Sorrow

28/02/20
SHAKRA
Mad World

CONCERTI

24/02/20
CROSSFAITH
LEGEND CLUB - MILANO

25/02/20
TESTAMENT + EXODUS + DEATH ANGEL
LIVE MUSIC CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

25/02/20
LORDI + TARCHON FIST + FLESH ROXON
ORION - ROMA

26/02/20
LORDI + TARCHON FIST + FLESH ROXON
VIPER THEATRE - FIRENZE

28/02/20
EXTREMA + BULLET-PROOF + LOGICAL TERROR
ARCI TOM - MANTOVA

28/02/20
AIRBORN + EVILIZERS
MADHOUSE PUB - MORNAGO (VA)

29/02/20
ALCEST + BIRDS IN ROW + KÆLAN MIKLA
CAMPUS INDUSTRY MUSIC - PARMA

29/02/20
RIVERSIDE
LEGEND CLUB - MILANO

29/02/20
MELLOWTOY + DEVOTION
HT FACTORY - SEREGNO (MB)

29/02/20
GLI ATROCI
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

Blood Red Throne - Altered Genesis
( 4058 letture )
Li avevamo lasciati grondanti sangue, li avevamo lasciati alle prese con solide tracce di cadaveri, odoranti di stantio obitorio, immersi nella sofferenza più nichilista e pura, stesi nel lettino del suddetto edificio con tanto di cartellino attaccati al piede. Li avevamo lasciati così. Due album spaventosi, un mini-cd meno ispirato e un'anima satura di death americano. La superba prova offerta dai nostri nel precedente Affiliated with Suffering lasciava pochi dubbi sulla strada che i nostri avrebbero seguito. La musica di Tchort è un crescendo costante ed è in questo contesto che si riesce a spiegare la cieca rabbia di questo Altered Genesis, un concentrato di brutale violenza, che nulla ha da invidiare ai mostri sacri del genere. Le spallate alla Deicide (ovviamente i primi), Suffocation e Morbid Angel, vengono ricamate da un sound ancora più tecnico e violento, che preleva a piene mani dalle gerarchie musicali di Dying Fetus, Skinless e figli (marci). Ed è sempre in questo contesto che si deve leggere la nuova opera del combo svedese, nella quale i devastanti growling di Mr.Hustler creano un silenzioso e grezzo vuoto. Impossibile il paragone in potenza con altri gruppi. Solo gli ultimi Behemoth mi avevano impressionato per impatto sul pezzo e per potenza stilistica. Una ricerca della brutalità sonora che si affina lungo questi 50 sanguinanti minuti. Putridi senza eccessi, manipolatori di morte e nel loro incidere perfino sopraffini. I Blood Red Throne del 2005 hanno virato il tiro verso lidi più malsani, verso tematiche più tirate e brutali, tematiche che si sono leggermente allontanate dal sound tanto caro a certe zone della Florida. Ora, a distanza di 3 anni, ecco che la creatura del polpo Tchort (Green Carnation, Carpathian Forest, ex Satyricon, Emperor e In The Woods) si proietta nel nero olimpo del metallo più estremo e violento. Apre le oscure porte della genesi alterata, una dissacrante intro che pone subito le basi del disco. Un sound che si trascina, chitarre vicine alla saturazione, un lento e maestoso incidere. L'ugola di Mr.Hustler sempre più vicina ad uno scarico otturato. Steve Tucker docet. Si nota subito la maggiore pesantezza nel sound. Affiliated with Suffering era sì death, ma era più ritmato, con accattivanti riff a giostrare intorno alle oscure ritmiche. Qui il sound giunge compatto, il batterista (cioé il mostro di turno) devasta la povera doppia cassa con speventosa precisione. Death to Birth odora di pregnante ambient. L'inizio non poteva essere diverso, il male si fa strada per la prima mazzata del platter : Incarnadine Mangler si contorce su se stessa, apre con sfuriate alla Morbid Ange, per approdare sui lidi citati in precedenza. Un death brutale, dicevamo, ma anche molto tecnico, conscio delle propria caratura. A seguire una violentissima Tortured Soul Appearance, pezzo che avvicina i nostri al recente passato, senza però perdersi in meri rifacimenti stilistici. Non si avvertono cali di tensione, Mephitication, Ripsaw Resentment, Eye Licker, State Of Darkness esplodono in tutta la loro essenza. Si avvertono mid-tempo che tanto mi hanno ricordato i pesantissimi -ultimi Morbid Angel- ma la fortuna dei Blood Red Throne è di aver trovato ormai una loro letale formula. La title track è un incedere maestoso della piovra Bernt A. Moen, una devastante e prolungata agonia di puro death. A chiudere troviamo Deliberate Carnage, pezzo che stringe a sé l'ascoltatore per un ultimo sforzo sonoro. Se amate il genere, correte ad acquistarlo, se non lo amate correte lo stesso. Un semplice ascolto potrebbe farvi cambiare idea. Un must del death più serrato e cinico.


VOTO RECENSORE
87
VOTO LETTORI
64.13 su 69 voti [ VOTA]
luigi demente II
Mercoledì 6 Novembre 2013, 12.55.08
3
chi e tua madre sulla foto del cazzo giuseppe
giusep80
Giovedì 15 Dicembre 2011, 14.39.52
2
io l'ho trovato anonimo nonostante sia prodotto e suonato bene...purtroppo è un "già sentito"
DaveJ.Warner
Mercoledì 20 Aprile 2005, 23.56.02
1
NON SCHERZO SE DIC CHE É UNO DEI MIGLIORI DISCHI BRUTAL/DEATH DEGLI ULTIMI ANNI...DOPO NIHILITY DEI DECAPITATED ECCO IL SUCCESSORE
INFORMAZIONI
2005
Earache
Death
Tracklist
1. Death Of Birth
2. Incarnadine Mangler
3. Tortured Soul Appearance
4. Eye-Licker
5. Mephitication
6. Arterial Lust
7. Flesh To Destroy
8. Ripsaw Resentment
9. Altered Genesis - Creation And Sudden Demise
10. Smite
11. State Of Darkness
12. Deliberate Carnage
Line Up
Mr. Hustler (vocals)
Død (guitar)
Tchort (guitar)
Erlend C (bass)
Freddy B (drums)
 
RECENSIONI
87
92
ARTICOLI
16/03/2012
Live Report
SUFFOCATION + CATTLE DECAPITATION + BLOOD RED THRONE + ADIMIRON + SEPHIRAH
Boulevard Rock Club, Misano Adriatico (RN), 10/03/2012
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]