Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Tremonti
Marching in Time
Demo

Teramaze
Sorella Minore
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

21/10/21
VADER
Blitzkrieg in Texas: Live 2005

22/10/21
DAN LUCAS
The Long Road

22/10/21
PHANTOM FIRE
The Bust of Beelzebub

22/10/21
CATALYST CRIME
Catalyst Crime

22/10/21
LIVLOS
And Then There Were None

22/10/21
ARMORED SAINT
Symbol of Salvation Live

22/10/21
CRADLE OF FILTH
Existence is Futile

22/10/21
NECROFIER
Prophecies of Eternal Darkness

22/10/21
MASSACRE
Resurgence

22/10/21
COGNOS
Cognos

CONCERTI

16/10/21
GIÖBIA + RAWPOWER
ZIGGY CLUB - TORINO

19/10/21
DEEP PURPLE
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

21/10/21
H.E.A.T
LEGEND CLUB - MILANO

22/10/21
FULCI + HELSLAVE
DEFRAG - ROMA

23/10/21
HYPERION (ITA) + GENGIS KHAN
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

23/10/21
FULCI + CRAWLING CHAOS
CIRCOLO DEV - BOLOGNA

24/10/21
TOTAL RECALL + FULCI + RISE ABOVE DEAD
LEGEND CLUB - MILANO

29/10/21
LABYRINTH
DRUSO - RANICA (BG)

04/11/21
MICHAEL SCHENKER GROUP
AUDIODROME LIVE CLUB - MONCALIERI (TO)

05/11/21
DISTRUZIONE + NEID + NECROFILI
TRAFFIC LIVE - ROMA

Powerwolf - Blood of the Saints
( 6148 letture )
Onesti mestieranti del metal. Questo è quello che viene in mente quando si pensa ai Powerwolf, band tedesca dedita ad un robusto power metal debitore, come da prassi, nei confronti di tutti i maestri del genere. Difficile pensare che i loro dischi vengano ricordati da qui ai prossimi venti anni come qualcosa di più che validi e sinceri esempi di dedizione ed amore per il metal classico, nella sua venatura più melodica e rampante. Questo non significa però che si debba sottovalutare un’evoluzione ed una maturità artistica che disco dopo disco diventa sempre più evidente. Canonici sì, derivativi anche, ma non fini a se stessi, non ultimi della fila, non stanchi ripetitori di idee altrui senza personalità. Dopo il buon Bible of the Beast la band guidata dal singer romeno Attila Dorn, prova a crescere in termini di ambizioni proponendosi, con questo Blood of the Saints, di raggiungere posizioni di prestigio all’interno dell’affollata scena metal europea. Ambizioni che, come vedremo, vengono premiate da un album dal livello più che discreto, senza punte di eccellenza, ma solido, completo e musicalmente appagante.

Per questa uscita, i Powerwolf giocano la carta della maturità, registrando in ben cinque studios diversi e permettendosi il lusso di un vero coro di quaranta elementi e il suono di un vero organo da chiesa. Le registrazioni del coro hanno peraltro avuto luogo proprio all’interno di una chiesa del XIII secolo, il che conferisce indubbiamente una profondità ed un realismo sicuramente non raggiungibile in uno studio di registrazione. Il concept di fondo dell’album riprende il filone inaugurato con Bible of the Beast, che aggiunge una certa oscura drammaticità al canovaccio orrorifico inaugurato dai nostri col debutto Return in Bloodred. La passione del singer per il folklore della propria terra, i Carpazi, ed in particolare per i lupi mannari, vero simbolo della band, si spinge così verso una maggiore profondità concettuale. In particolare, ad ispirare i testi di questo disco è un passo controverso della Rivelazione di Giovanni: ”E vidi la donna ebbra del sangue dei santi, e con il sangue dei martiri di Gesù: e quando la vidi, mi meravigliai di grande meraviglia.”. Un passo che parla in realtà della morte di Cristo e della persecuzione che si scatenò contro i cristiani in seguito ad essa. Senza addentrarsi in complicate parabole teologiche, i Nostri fanno loro questa frase inserendola nel loro immaginario tipico, donandole un’interpretazione piuttosto personale e svincolata dal contesto originario. La musica che nasce da questo background vuole quindi essere potente ed evocativa, solenne e ricca di rimandi classici ed oscuri. Il ruolo giocato dal coro e dall’organo è quindi presto spiegato. In realtà, non aspettatevi svolte stilistiche che conducano a scenari prog o sinfonici: la musica dei Powerwolf resta saldamente ancorata alle sue matrici primordiali, inserendo piuttosto elementi che ne arricchiscono lo spessore senza modificarne le coordinate. Una scelta che comunque risulta coerente e premiante: Blood of the Saints, senza far gridare al miracolo, si rivela disco riuscito ed interessante, estremamente votato alla resa dal vivo e ricco di brani anthemici da urlare fino a rimanere senza voce. Le canzoni godono tutte di buona dinamica ed offrono ritornelli cantabili ed aperti che, grazie ai magniloquenti inserti, ai buoni soli di Matthew Greywolf ed alla voce potente e stentorea di Attila Dorn, riescono ad evitare l’effetto “happy metal”. E’ lui, come noto, la vera arma in più della band: versatile e carismatico, il singer riempie brani tutto sommato canonici con la sua timbrica baritonale, dando loro una credibilità che da soli forse non garantirebbero. Il gioco funziona bene con la tripletta iniziale (più intro), sicuramente composta per garantire dei buoni singoli di lancio all’album: esemplare in questo senso We Drink Your Blood, brano sentito e risentito ma davvero ben costruito e sicuro prossimo punto di riferimento dal vivo, seguito a ruota da Murder at Midnight altro potenziale hit. Si rasenta l'eccesso di scontatezza, invece, con le seguenti All We Need Is Blood, la superpower Dead Boys Don’t Cry e Night of the Werevolves, comunque graziate da una buona prestazione strumentale. Pur senza presentare difetti palesi, la loro ordinarietà abbassa di qualche punto l'attenzione, nonostante i tanti inserti sinfonici che le costellano; leggermente meglio Son of a Wolf, in cui è il chorus a deludere un po'. Per fortuna, Phantom of the Funeral rialza decisamente le quotazioni del disco, assieme alla pomposissima Die, Die, Crucified. Discorso a parte merita la degna chiusura di Ira Sancti (When the Saints Are Going Wild), di gran lunga il brano migliore dell’album: se il gruppo riuscirà a garantire un disco intero di questo livello, allora ci troveremo davanti un qualcosa che varrà davvero la pena tramandare.

Non occorre in realtà aggiungere ancora molto. Blood of the Saints è un disco di sano ed onesto metal, ben suonato e cantato, che regala brani di buona intensità. Non tutti i gruppi nascono per essere delle star o grandi innovatori, ed i Powerwolf continuano per la loro strada, fatta di lavoro, passione e costante maturazione artistica. Forse non ci daranno mai un capolavoro ma, di sicuro, non deludono le aspettative, trovando una formula sufficientemente personale che ne lancia le ambizioni, in attesa magari di trovarci sotto ad un palco ad urlare We Drink Your Blood assieme ad Attila Dorn. Da segnalare, infine, che la versione limitata dell’album conterrà un bonus cd dal titolo The Sacrilege Symphony, contenente altri ventisei minuti di musica interamente orchestrale basata sulle canzoni della band, ad opera del chitarrista Matthew Greywolf e del compositore Dominic J. Joutsen.



VOTO RECENSORE
77
VOTO LETTORI
64.8 su 60 voti [ VOTA]
Sabaton \\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\
Venerdì 23 Novembre 2012, 21.10.43
22
Power/Christian hahahahahahahahhahaah Nu Metaller ma stavi scherzando vero? Voto primo ascolto 90 voto dopo 10 ascolti 60
PWmetalfan
Giovedì 7 Giugno 2012, 19.24.57
21
Sanctified with Dynamite è la mia canzone preferita
PWmetalfan
Giovedì 7 Giugno 2012, 19.24.54
20
Sanctified with Dynamite è la mia canzone preferita
PWmetalfan
Giovedì 7 Giugno 2012, 19.15.46
19
Che bell'album ho scaricato quasi tutte le canzoni!
Master Killer
Venerdì 11 Novembre 2011, 15.54.31
18
Ma che bellezza questo album, lo devo comprare a tutti costi 85 per me è un voto assicurato ;D ottimo gruppo !!
Sandro70
Domenica 9 Ottobre 2011, 21.27.17
17
Questo, fin'ora, è il disco power metal dell'anno. Andate a vedervi il video di We Drink Your Blood, è una figata.
Giasse
Mercoledì 24 Agosto 2011, 23.12.11
16
Sembrano più giovani alla vista. Comunque non mi dispiacciono affatto, anzi...
fabriziomagno
Lunedì 15 Agosto 2011, 23.24.35
15
power/christian ...31-34-35-36-41 anni...non troppo giovani direi...
Nu Metaller
Lunedì 15 Agosto 2011, 22.05.26
14
Sono veramente bravi questi giovani metallari...più che heavy metal io l' considererei power/christian, tutto sommato è buon album e poi il cantante si vede che è da chiesa, il mio voto è un bel 70.
HyperX
Martedì 9 Agosto 2011, 21.18.10
13
...tornando al discorso testi...un caldo consiglio a tutti per farsi due risate: ascoltate "Resurrection by Erection" (titolo che già di suo è tutto un programma) dal precedente album...e porca vacca il pezzo musicalmente è pure molto bello secondo me. Peccato! Se non l'avessero buttata in vacca totale con i testi secondo me sarebbero stati da 80 ma per un mio limite non riesco a scindere la musica dalle parole e si scende ad un 60-65.
Radamanthis
Martedì 9 Agosto 2011, 11.35.49
12
A me invece è piaciuto di piu' questo rispetto a Bible of the beast.
fabriziomagno
Martedì 9 Agosto 2011, 11.09.58
11
disco molto piacevole, ma nettamente inferiore rispetto il precedente Bible of the Beast...
Lizard
Lunedì 8 Agosto 2011, 22.59.25
10
E pensa che sono anche migliorati
HyperX
Lunedì 8 Agosto 2011, 22.45.40
9
Dirò la mia molto sinteticamente. Il sound in generale è veramente buono, a tratti spacca di brutto e il timbro di Attila è particolare e teatralmente efficace, però che testi ragazzi...ok che non sono da prendere sul serio, ma il livello è veramente basso...
PcKid
Martedì 2 Agosto 2011, 14.43.41
8
Tanto di cappello alle ultime uscite della Metal Blade ed alla recensione di Saverio che, a seguito di attento ascolto, sottoscrivo.
MAIDEN 65
Lunedì 1 Agosto 2011, 21.46.13
7
Album carino , un passo avanti rispetto al precedente , voto 67.
Radamanthis
Lunedì 1 Agosto 2011, 20.07.42
6
Si, devo dire che abbiamo avuto le stesse impressioni! Comunque la canzone Sanctified with Dynamite è veramente bella, la consiglio a tutti (la trovate anche sul tubo). dategli un ascolto, non ve ne pentirete!
Lizard
Lunedì 1 Agosto 2011, 19.48.27
5
Tra l'altro direi che all'incirca le considerazioni coincidono
Khaine
Lunedì 1 Agosto 2011, 19.15.44
4
Haha beh se è perchè l'album ti è piaciuto, ben venga
Radamanthis
Lunedì 1 Agosto 2011, 18.31.58
3
Bom, sto monopolizzando i commenti di questo album...vabbè...top songs direi Sanctified with Dynamite, We Drink Your Blood, Phantom of the Funeral, Die, Die, Crucified e Ira Sancti (When the Saints Are Going Wild). Flop songs: All We Need Is Blood e Dead Boys Don’t Cry.
Radamanthis
Lunedì 1 Agosto 2011, 16.22.08
2
Me lo sto ascoltando proprio ora devo dire che (pur non avendo inventato proprio un bel niente) è davvero bello! Scorre via che è un piacere, potentissimo musicalmente, tecnico al punto giusto, la voce di Attila sempre avvincente e coinvolgente! Non sarà un capolavoro e non passerà agli annali della musica metal ma un bell'85 non glielo toglie nessuno!
Radamanthis
Lunedì 1 Agosto 2011, 15.51.49
1
La copertina è mostruosamente bella....
INFORMAZIONI
2011
Metal Blade Records
Heavy
Tracklist
1. Agnus Dei (Intro)
2. Sanctified with Dynamite
3. We Drink Your Blood
4. Murder at Midnight
5. All We Need Is Blood
6. Dead Boys Don’t Cry
7. Son of a Wolf
8. Night of the Werewolves
9. Phantom of the Funeral
10. Die, Die, Crucified
11. Ira Sancti (When the Saints Are Going Wild)
Line Up
Attila Dorn (Voce)
Matthew Greywolf (Chitarra)
Falk Maria Schlegel (Tastiera)
Charles Greywolf (Basso)
Stefane Funebre (Batteria)
 
RECENSIONI
65
70
76
73
77
68
75
75
ARTICOLI
10/11/2018
Live Report
POWERWOLF + AMARANTHE + KISSIN` DYNAMITE
Live Club, Trezzo sull'Adda (MI), 07/10/2018
22/01/2017
Live Report
EPICA + POWERWOLF + BEYOND THE BLACK
Live Club, Trezzo sull'Adda (MI) - 18/01/2017
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]