Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Falconer
From a Dying Ember
Demo

Chaosaint
In the Name of
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

13/07/20
AGONY FACE
IV Time Totems

14/07/20
INISANS/SEPULCHRAL FROST
Death Fire Darkness

15/07/20
EISENKULT
...gedenken wir der Finsternis

15/07/20
THE FUNERAL ORCHESTRA
Negative Evocation Rites

16/07/20
NOCTEM AETERNUS
Landscape of Discord

17/07/20
DARK SARAH
Grim

17/07/20
KANSAS
The Absence of Presence (Nuova data)

17/07/20
LONELY ROBOT
Feelings Are Good

17/07/20
MEAN STREAK
Eye of the Storm

17/07/20
JET JAGUAR
Endless Nights

CONCERTI

13/07/20
KISS (SOSPESO)
ARENA - VERONA

17/07/20
GIACOMO VOLI + EMPATHICA
THE FACTORY - S. MARTINO BUON ALBERGO (VR)

23/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

24/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

25/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

26/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

29/07/20
DROPKICK MURPHYS
FESTIVAL DI MAJANO - MAJANO (UD)

07/08/20
KORPIKLAANI
MONTELAGO CELTIC FESTIVAL - SERRAVALLE (MC)

07/08/20
SUMMER METAL 2020
LONCA DI CODROIPO (UD)

08/08/20
SUMMER METAL 2020
LONCA DI CODROIPO (UD)

Pantera - Reinventing The Steel
( 11490 letture )
Nati nei primi anni ’80 come band heavy metal con Terry Glaze al microfono, i Pantera cambiarono nettamente stile poco dopo l’arrivo di Phil Anselmo. Il primo album con Anselmo alla voce (Power Metal, uscito nel 1988), vide ancora una chiara predominanza dei suoni più classici, ma non trascorse molto tempo prima di arrivare a quella che fu la vera grande svolta per il combo americano. Cowboys from Hell, album pubblicato nel 1990, diede infatti il via al periodo thrash della band texana, che continuò fino al 2003, anno dello scioglimento. Il sound dei Pantera è facilmente distinguibile da quello della maggior parte delle band thrash del settore, e viene difatti classificato come groove metal per via delle sue particolari caratteristiche, ovvero ritmi più pressanti a sorreggere riff lenti ma allo stesso tempo ancora più adrenalinici. Reinventing the Steel si discosta abbastanza da quello che era lo stile dei due capolavori principali, Cowboys from Hell ed il successivo Vulgar Display of Power -assai impregnati di “puro” thrash metal-, continuando il percorso evolutivo intrapreso con Far Beyond Driven e resosi ancor più evidente con The Great Southern Trendkill. Ora che abbiamo compiuto tutti i passi necessari nella discografia della band dei fratelli Abbott, possiamo soffermarci con più cura sull’album che segnò la fine di un’ambiziosa e decorosa carriera.

Reinventing the Steel è una scheggia di energia, un insieme di rabbia e potenza che non lascia scampo a nessuno. O almeno questo è ciò che avevano in mente i quattro musicisti texani. Nella realtà dei fatti, a parte alcune tracce veramente significative (Hellbound, Goddamn Electric, Revolution Is My Name e It Makes Them Disappear su tutte), il resto del platter si presenta pressoché privo di grandi spunti originali, nonostante non manchino mai costanti fondamentali come l’aggressività e i ritmi sostenuti. Ovvio che, se il tipo di sound a cui i Pantera ci avevano abituati coi precedenti lavori in studio rientrava nei vostri gusti, allora non avrete alcun problema ad apprezzare anche quest’album in particolare, ma a mio parere, al di là della notevole importanza storica, non ci sono molti altri elementi che giocano a suo favore. Come detto, la coppia iniziale costituita da Hellbound e Goddamn Electric si pone su dei livelli niente male, tuttavia, proseguendo nell’ascolto, notiamo già nella terza traccia (Yesterday Don’t Mean Shit) un primo sentore di calo qualitativo -leggero o netto che sia sta a voi dirlo, ma di ciò si tratta- e da qui in avanti, con le varie You’ve Got to Belong to It, Death Rattle, We’ll Grind That Axe for a Long Time ed Uplift le cose non miglioreranno. Ma in cosa consiste questo calo, vi starete giustamente chiedendo? E’ presto detto: innanzitutto la sezione ritmica tende a proporre in continuazione soluzioni ormai “vecchie”, e di certo non trova in Dimebag Darrell una figura di gran sostegno. Ci tengo comunque a precisare che ritengo quest’ultimo uno dei migliori chitarristi della scena thrash, sia dal punto di vista della mera tecnica esecutiva, sia per quanto riguarda l’originalità delle sue composizioni. Purtroppo tutto ciò si è fatto abbastanza desiderare nelle dieci tracce di Reinventing the Steel, ed il prodotto finale ne ha risentito non poco. A parte la piacevole Revolution Is My Name, infatti, bisogna aspettare la fine del disco per ritrovare qualcosa che si ponga ancora a dei buoni livelli. In special modo è l’ascolto di It Makes Them Disappear che mi trasmette finalmente una rabbia più vera, più sentita; sono i Pantera così come ce li aspettavamo: cattivi, sprezzanti, con tinte quantomai vicine al doom, con ritmi che procedono lenti e pesanti, intermezzati solo saltuariamente da una raffica di doppio pedale o da un particolare groove sul set di tamburi da parte di Vinnie Paul. Anche Dimebag riesce qui a far sentire la sua vera natura, deliziandoci con un’ottima scelta di riff ma anche con un assolo caldo e allo stesso tempo graffiante. I’ll Cast a Shadow chiude in bellezza un album ad ogni modo più che discreto, urtandoci con l’aggressività tipica dei migliori Pantera e facendoci rimuginare sul notevole calo d’intensità della parte centrale del platter.

All’epoca della sua pubblicazione, sul finire dell’inverno del 2000, Reinventing the Steel fece ben sperare i fan dei Pantera riguardo ad una decade di nuovi successi, ma quella fu una speranza del tutto illusoria, dato che nel giro di tre anni la band si sarebbe letteralmente dissolta, prima con l’allontanamento definitivo di Anselmo, e dopo con i vari screzi che ne seguirono tra cantante e resto del gruppo. Nel 2004, ad un anno soltanto dallo scioglimento, un tragico evento avrebbe scosso gli animi dell’intero mondo del metal: l’assassinio di Dimebag Darrel, che segnò in modo ancor più definitivo la fine della storia dei Pantera.



VOTO RECENSORE
76
VOTO LETTORI
66.22 su 264 voti [ VOTA]
Aceshigh
Mercoledì 15 Aprile 2020, 17.08.28
48
Sostanzialmente d’accordo con MH. Anche a me il precedente non era piaciuto, questo l’ho sempre preferito, per quanto però non possa metterlo sopra a Far Beyond Driven (concordo comunque sul fatto che in quell’album il meglio sia nella prima parte). Qui trovo quasi sempre una buona ispirazione, su tutti i pezzi però spicca decisamente Revolution Is My Name. Arrotondo tranquillamente ad 80.
MH
Mercoledì 15 Aprile 2020, 16.35.05
47
Decisamente in risalita dopo il mezzo passo falso di Far (ottimo solo nella prima metà) e quell'ammasso cacofonico senza capo né coda di The great...niente di originale rispetto a quanto fatto nei loro due unici lavori di valore di inizio anno 90, ma almeno qui hanno ripreso a far canzoni e non ammassi di urla e riff
Area
Venerdì 28 Febbraio 2020, 17.42.13
46
Conobbi i Pantera lo stesso anno con una cassettina di Great Southern Trendkill, caso ha voluto che da li a pochi mesi uscì questo e io lo presi, ammetto che lo comprai quasi solo per Revolution is my name il cui video era divertente.... era ancora l'epoca di SGRANG
Mah
Venerdì 28 Febbraio 2020, 17.16.29
45
Infatti..altro che Metallica.
Mah
Venerdì 28 Febbraio 2020, 17.13.51
44
E' veramente molto difficile... 100
Bastardo
Venerdì 9 Novembre 2018, 5.02.47
43
Album stupendo.come tutti gli altri.voto90.altro che metallica.
ElectricVomit
Domenica 24 Giugno 2018, 9.20.03
42
Album assai sottovalutato ma che personalmente apprezzo enormemente. Si discosta un po' da tutto quello prodotto dai nostri fino a questo momento e conclude un percorso musicale che, è bene ricordarlo, era iniziarto nel 1983 nientemeno che col glam. "Revolution Is My Name" da sola vale l'acquisto. Non mi stanco mai di ascoltarla. Nota personale: ho ripreso in mano questo cd venerdì, dopo mesi che non ascoltavo i Pantera, e ieri è arrivata la notizia.
gionniboi
Martedì 13 Marzo 2018, 23.53.05
41
Confuso nelle idee, stanco, buona parte del materiale alquanto inutile. Copertina tra le più brutte mai viste. 50
Michele
Venerdì 30 Dicembre 2016, 22.43.16
40
Recensione di tutto rispetto soprattutto per aver sottolineato nel gruppo, forse vittima degli eventi, un tramonto prematuro, eppur con dignita'. Ascolto ancora oggi Questo disco pensandolo come un buon lavoro (non so che ne pensi/pensate) nonostante tutto , di rabbia e malinconia, come la fine di un gruppo che, sentito da un fanatico, (appena "metallino"dodicenne nel lontano 1998),sarebbe durato per sempre. Dimebag r.I.p. Mi associo al voto ma, per affetto punto all' 8, 00 Bella artu sei grande
Mulo
Domenica 20 Novembre 2016, 18.25.22
39
Non male direi,probabilmente lo preferisco a the great southern trendkill (quei 3 usciti nella prima metà dei '90 sono di altro livello).70/100 glielo do da...
gianmetal
Sabato 20 Agosto 2016, 23.37.30
38
disco eccellente sebbene non puo essere paragonato ai precedenti.Se poi pensiamo a come questo disco è uscito dal clima di tensione tra Phil e la band allora puo considerarsi un lavoro piu che ottimo.Voto:80
Pink Christ
Lunedì 15 Agosto 2016, 16.17.23
37
Puro metal??? perchè esiste il puro metal? Sedobbiamo parlare di puro metal, dobbiamo parlare solo di Sabbath e Priest...quindi puro metal è una stronzata...questo è Metal vero ed efficace,suonato bene e per niente noioso. un pò sotto gli altri album ma cmq enorme rispetto a cazzate che escono adesso o che uscivano in quel periodo, quando sembrava che il metal fosse KO
Giaggiabelo
Sabato 14 Maggio 2016, 16.29.59
36
@Steelminded: i Pantera non fanno metal puro? Dio mil CACCIATELO DA QUESTO SITO
Giaggiabelo
Sabato 14 Maggio 2016, 16.27.03
35
Se devo dirla tutta Yesterday Don't Mean Shit è la mia preferita di questo album e non mi sembra affatto scontata. Death Rattle nella sua schizzofrenia mi sembra molto originale...
Galilee
Giovedì 15 Maggio 2014, 15.20.32
34
Concordo con Fox. buon disco, divertente, ma nulla più. Gli altri hanno fatto la storia. Soprattutto Far beyond driven secondo me.
Fox
Giovedì 15 Maggio 2014, 15.07.37
33
Secondo me è un buon album, niente di più, ma sono totalmente in disaccordo con chi lo ritiene migliore a The great southern. TGST è un pugno allo stomaco, Anselmo è ispirato ed il suono è granitico. RTS è ottimamente suonato, è un tentativo di ritorno allo stile dei primi album o come dice il titolo un tentativo di reinventare il loro sound, ma manca un pò di spina dorsale
Master of Puppets
Domenica 4 Maggio 2014, 22.45.20
32
cancellato quel lo "lo preferito a TGST" che ho rivalutato, ma quest'album e comunque molto indietro rispetto agli altri 4
Master of Puppets
Sabato 22 Febbraio 2014, 22.27.25
31
abbastanza deludente come album lo preferito a TGSTK che non mi era piaciuto per niente ma comunque un album che non raggiunge la sufficienza Voto:55
Steelminded
Martedì 18 Febbraio 2014, 22.28.20
30
Non è un sottogenere in cui rientrano molti gruppi effettivamente... Però i Pantera non fanno thrash secondo me, non fanno puro metal... per cui gli hanno affibbiato questa etichetta che "secondo me" richiama l'utilizzo di riff molto pesanti in mid-tempo, quadrati, con poca concessione alla melodia, etc. etc. Nel novero io personalmente ci metto i Machine Head, i Devil Driver, i Soulfly e poco altro... per me ci può stare, anche se un po' risicata.
Sambalzalzal
Martedì 18 Febbraio 2014, 21.40.30
29
Patrik@ la definizione Groove metal è na strunzata di fatto!!! Se posso dire la mia, i tedeschi Warpath (ora sciolti purtroppo)facevano cose simili già nel 1992 ed erano una band thrash. Loro per citare una come tante. la categorizzazione "Groove" ma chi cristo se l'è inventata!?!? Tornando all'album, non brutto assolutamente ma veramente lontano dalla qualità del periodo thrash della band.
Arrraya
Martedì 18 Febbraio 2014, 21.28.41
28
Hai ragione Patrik@ groove metal sarà la 567 definizione inutile per definire un a band o un album. per ogni uscita spunta un genere. Come disse qualcuno anni fa, i Pantera sono puro metallone. Ad ogni modo con questo album avevano perso gia parecchia spinta, anche perchè comunque invischiati pure loro nel caos di cambiamenti del periodo.
patrik
Martedì 18 Febbraio 2014, 21.03.15
27
non vorrei scatenare per nulla polemiche ma ho una cosetta da dire, ai giovani ascoltatori MA QUESTO GROOVE METAL : da dove spunta fuori sta definizione? pur avendo letto molte riviste, ai tempi di far beyond driven e the southern trendkill , per inquadrare i pantera nominavamo il trash con varie sfumature ( i pantera erano un gruppo con molta personalità ) , quindi non era cosi facile inquadrarli , ho visto invece che i giovini di oggi lo chiamano cosi : groove metal ....?????? boh sarò un po testardo ma a me pare un po na strunzata!!!!! certo il trash nasce negli anni 80 ecc ecc e i pantera sono figli del loro tempo quindi negli anni 90 avevanospinto questo genere ad un evoluzione ma la matrice era quella e per mettersi gia d'accordo ci è voluto diverso tempo, quindi non rompete ed ascoltatevi sta trashata .
Almetallo
Giovedì 20 Dicembre 2012, 19.21.44
26
Ben detto animal la penso come te
animal
Domenica 9 Dicembre 2012, 20.59.36
25
la voce di anselmo non è mai stata così incazzata e violenta che ogni singolo urlo fa venir voglia di dar fuoco alle case, i suoni non sono mai stati così pesanti, i riff di tutte le canzoni sono bastardi e incalzanti come delle pugnalate ai reni, la batteria è una cosa impressionante, ci manca solo il suono del pedale del far beyond driven e poi sarebbe la migliore di sempre. non so sinceramente come si faccia a dire che quest'album è il declino del gruppo o altre castronerie. c'è chi si lamenta che mezzi testi parlano di alcool e droga, beh, i pantera erano quello in quegli anni. è un disco pieno di rabbia figlio dei tempi che correvano nella band in quel periodo, era inevitabile che ciò non trasparisse nella musica. non c'è un riff dei giorni d'oggi abbia la metà della potenza a allo stesso tempo il groove di quelli di quest'album.
Swan Lee
Domenica 25 Novembre 2012, 21.20.05
24
Assolutamente sottovalutato questo disco. Soprattutto dai thrashers duri e puri. Si, perchè trattasi del disco più cupo, più blues e appunto "sabbathiano" della band, per certi versi pare più un album dei Down che dei Pantera, ma assolutamente non è brutto, pur non arrivando ai livelli qualitativi del trittico Vulgar-Far Beyond-Trendkill, a mio parere 3 capolavori uno dietro l'altro.
vascomistaisulcazzo
Giovedì 15 Marzo 2012, 14.28.54
23
dopo una vita l'ho riesumato. Mi è sempre piaciuto, trovo che la fase calante dei Pantera sia comunque di un livello irraggiungibile per tutto il resto del mondo metallico. La durata non certo lunghissima me lo fa godere appieno senza problemi.
Chainsaw Frank
Mercoledì 14 Marzo 2012, 14.02.47
22
ho sentito tanta gente osannare RTS ma a me non ha mai convinto
freedom
Giovedì 27 Ottobre 2011, 22.12.30
21
Eh si, i Pantera sono meglio della f...a! Ma anche no...
BILLOROCK fci.
Giovedì 27 Ottobre 2011, 21.45.59
20
buongustaio..
freedom
Giovedì 27 Ottobre 2011, 21.39.04
19
Forse qui hanno puntato più sull'impatto che sulla sostanza...rimane cmq un bel disco (ce ne fosse uno dei Pantera che non mi piace! ). Un 80 se lo becca.
Franky1117
Mercoledì 26 Ottobre 2011, 13.39.51
18
disco insufficiente a parer mio, si salvano la buona revolution is my name, la stupenda i'll cast a shadow ed hellbound e goddamn electric (carine ma non eccezionali). il resto è da buttare. voto:50
Radamanthis
Mercoledì 17 Agosto 2011, 17.14.57
17
Anche a mio avviso il voto è azzeccato. La band ci aveva abituato a ben altri lavori in passato. Buon album, non c'è che dire, ma i capolavori sono altri!
Rashomon
Domenica 14 Agosto 2011, 22.27.12
16
Non mi hanno mai entusiasmato, nemmeno con i loro dischi migliori. Troppo tamarri e questo tipo di attitudine proprio non lo sopporto. Questo disco è privo dei pezzi dal bel groove che salvavano gli altri loro lavori che ho potuto ascoltare. Si salva soltanto il sindolo, che ha un bel riffing. Gli altri pezzi fanno abbastanza cagare.
Bloody Karma
Domenica 14 Agosto 2011, 10.05.53
15
concordo con undercover, un disco che rimane una grossissima delusione anche a distanza di anni...
AL
Domenica 14 Agosto 2011, 9.45.49
14
voto generoso! secondo me vale 70. mi stanca alla svelta. a parte uplift e hellbound
Nightblast
Domenica 14 Agosto 2011, 2.32.52
13
Migliore di The great southern...ma secondo me il voto ci sta tutto...qui le idee latinano...tanto impatto, ma è nulla se si considera a cosa ci avevano abituato Dime e soci...
Nightblast
Domenica 14 Agosto 2011, 2.32.52
12
Migliore di The great southern...ma secondo me il voto ci sta tutto...qui le idee latinano...tanto impatto, ma è nulla se si considera a cosa ci avevano abituato Dime e soci...
mariamaligno
Domenica 14 Agosto 2011, 1.40.11
11
Io non lo ritengo affatto il capitolo piu' debole della discografia, lo preferisco di gran lunga a TGSTK che non sono mai riuscito a digerire. Per me vale un 85, in ogni caso rispetto il voto del recensore, dargli meno di 76 però è assurdo.
Sonny
Sabato 13 Agosto 2011, 22.37.25
10
Non so voi, ma a me quest'album è sempre piaciuto.. I Pantera (dell'era Anselmo) sono l'unica band della quale amo ogni singola release! IMMENSI E INDIMENTICATI!
Undercover
Sabato 13 Agosto 2011, 22.08.30
9
A parte l'allora singolo "Revolution Is My Name" rimasi alquanto deluso da quest'album, l'ho anche riascoltato negli anni successivi ma ormai prende polvere da almeno un lustro e di sicuro dovessi scegliere fra un qualsiasi loro disco rimarrebbe a vita a far la comparsa lì nello scaffale. Canonico, piatto, quasi inefficace ed è brutto da dire quando si parla di Anselmo e soci gente che nel periodo della mia adolescenza mi hanno accompagnato in maniera continua, febbricitante e alcolica in più situazioni.
Enzo
Sabato 13 Agosto 2011, 21.35.29
8
concordo con Luci di Ferro....assurdo dare dei voti cosi bassi a dei dischi simili....pfff....mah
Anthony
Sabato 13 Agosto 2011, 19.08.05
7
Tra quest’ultimo album dei Pantera e gli altri c’è un evidente abisso; a parte qualche sporadica invenzione del grande Darrell (esemplare in tal senso Revolution Is My Name) il resto è roba ordinaria priva di ispirazione. Anche la copertina è abbastanza ridicola ma del resto non è che le precedenti fossero poi particolarmente belle e significative!! Insomma, io direi che si tratta fondamentalmente di un album trascurabile…
Sorath
Sabato 13 Agosto 2011, 17.57.59
6
E' il disco piu difficile della loro discografica, quello che ho digerito di meno ed e' quello che sono riuscito ad ascoltarlo con piu' difficolta'
Metal4ever90
Sabato 13 Agosto 2011, 15.01.46
5
A me piacciono solo Goddamn Electric e Revoluton is my Name.
Flight 666
Sabato 13 Agosto 2011, 14.50.23
4
@ luci di ferro: Il giudizio varierà per forza da persona a persona.. Sono contento che tu l'abbia apprezzato tanto quest'album, ma io non sono proprio riuscito a spingermi oltre il 76, e ti assicuro che l'ho ascoltato per settimane praticamente ogni giorno!
luci di ferro
Sabato 13 Agosto 2011, 14.34.34
3
il volo 666 ha fatto un atterraggio nel deserto e si sta insabbiando, anche a te hanno tolto i famosi 10 punti. 76 a Reinventing The Steel PER PIACERE, l'ultimo CAPOLAVORO dei PANTERA. Track in particolare tutte BELLISSIME 95/100.
Matocc
Sabato 13 Agosto 2011, 13.00.34
2
sono più che d'accordo con la rece, appena lo comprai ebbi le stesse identiche impressioni. per carità è un buonissimo album ma comunque inferiore agli illustri predecessori (mi riferisco ovviamente al periodo da CFH fino a TGST) e un po' di stanchezza effettivamente traspare tra i suoi solchi. simpatico -e dovuto- l'omaggio a Black Sabbath e Slayer nel testo di Goddamn Electric, Hellbound è una mina bella incazzata, mi piacciono molto anche YDMS e IMTD ma la mia preferita dell' album è sicuramente RIMN.
BILLOROCK fci
Sabato 13 Agosto 2011, 11.23.24
1
ok, non sarà cowboys from the hell, non sarà vulgar display of power, ma cazzo questo è un signor disco, e voto 80, toòh... Pantera For ever............
INFORMAZIONI
2000
East West Records
Thrash
Tracklist
1. Hellbound
2. Goddamn Electric
3. Yesterday Don’t Mean Shit
4. You’ve Got to Belong to It
5. Revolution Is My Name
6. Death Rattle
7. We’ll Grind That Axe for a Long Time
8. Uplift
9. It Makes Them Disappear
10. I’ll Cast a Shadow
Line Up
Phil Anselmo (Voce)
Dimebag Darrell (Chitarra)
Rex Brown (Basso)
Vinnie Paul (Batteria)
 
RECENSIONI
80
82
84
98
95
77
ARTICOLI
20/12/2004
Articolo
PANTERA
La biografia
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]