Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Long Distance Calling
How Do We Want to Live?
Demo

Mordred
Volition
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/09/20
OSSUARY ANEX
Obscurantism Apogee

23/09/20
MYSTHICON
Silva-Oculis-Corvi

25/09/20
SKALMOLD
10 Year Anniversary - Live in Reykjavik

25/09/20
LONEWOLF
Division Hades

25/09/20
VOUS AUTRES
Sel de Pierre

25/09/20
KATAKLYSM
Unconquered

25/09/20
ANNA VON HAUSSWOLFF
All Thoughts Fly

25/09/20
BLOODRED
The Raven/s Shadow

25/09/20
MORTA SKULD
Suffer for Nothing

25/09/20
OBSIDIAN KINGDOM
Meat Machine

CONCERTI

23/09/20
STEVEN WILSON (ANNULLATO)
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

26/09/20
STAY STEEL FEST
SKULLS CLUB - SERRAVALLE (SAN MARINO)

27/09/20
VISIONS OF ATLANTIS + YE BANISHED PRIVATEERS + AD INFINITUM
LEGEND CLUB - MILANO

29/09/20
WITHIN TEMPTATION + EVANESCENCE
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

03/10/20
PAGAN FEST
LAGHI MARGONARA - GONZAGA (MN)

03/10/20
SKELETOON
LEGEND CLUB - MILANO

08/10/20
HOUR OF PENANCE + GUEST TBA
TRAFFIC CLUB - ROMA

08/10/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
TEATRO CELEBRAZIONI - BOLOGNA

09/10/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
GRAN TEATRO GEOX - PADOVA

09/10/20
ESOTERIC + NAGA + (ECHO) (ANNULLATO)
TRAFFIC CLUB - ROMA

IQ - Subterranea
( 5453 letture )
Un progetto ambizioso quello degli arcinoti IQ, band neo-progressive anglosassone fondata ormai trent'anni fa dal rodato duo Mike Holmes and Martin Orford. Difatti un doppio cd concept non è esattamente una formula che in molti si possono permettere. Diciannove canzoni si sviluppano in un arco di più di cento minuti; una vera imponente opera di musica progressiva. Premessa doverosa, perché in casi come questo è del tutto inutile tergiversare: Subterranea è da sempre considerato uno dei capolavori della band, se non l'episodio migliore in assoluto. Senza voler fare confronti, l'impostazione dell'opera rende comunque evidenti le intenzioni di magnificenza degli autori. Il risultato, per una formazione da sempre coerente e capace di sfornare lavori qualitativamente elevati, non può che risultare eccellente.

Per chi non conoscesse la band, i valenti progster inglesi sono sempre stati fautori di un prog rock che ricalca le orme dei sempiterni mostri sacri come Genesis e Yes e la loro musica può risultare simile a quella di Pendragon e primi Porcupine Tree. L'album in questione non fa eccezione ed è un lavoro splendidamente atmosferico, ben capace di immergere l'ascoltatore nella storia narrata da Peter Nicholls (autore di tutti i testi). Il concept del doppio cd narra le vicende di un uomo vittima di un esperimento alle prese con una serie di vicissitudini in un ambiente ostile (sotterraneo, come il titolo stesso suggerisce). Forti di un sceneggiatura cinematografica, gli IQ si dimostrano superbi menestrelli, in grado di accompagnare splendidamente ogni passo del nostro sfortunato eroe, con composizioni mai banali, e soprattutto guidata dalla suadente voce di un ispirato Nicholls che ci fa strada in una sorta di perenne nebbia sognante. La forza degli IQ è insita nella loro "semplicità" ed attenzione per il particolare: mai un fraseggio fuori posto, mai un virtuosismo di troppo, mai un riverbero, il tutto sinonimo di una cura, una ricerca ed un'umiltà difficilmente riscontrabili in altre realtà del settore. Una critica che viene spesso formulata alla band è quella della scarsa personalità, del cosiddetto "già sentito", frutto in verità di quella fedeltà a volte eccessiva che i nostri dimostrano avere nei riguardi di certe strutture e composizioni. Ma Subterranea è un opera del tutto scevra da banalità o ripetizioni: abbonda unicamente l'originalità e soprattutto il sentimento. Sì, perché grazie anche all'ottima concretezza musicale proposta dalla band, l'emozione pura riesce ad emergere con forza ancora maggiore tra le note dell'album. Un labirinto di suggestioni e percezioni che finisce solo al termine di The Narrow Margin, ma quasi certamente suggerirà la reiterazione di questi cento minuti da sogno. Un'analisi delle singole canzoni non avrebbe senso né significato: Subterranea è uno di quegli album da ascoltare tutto d'un fiato, l'estrapolazione di un singolo episodio non ha alcun peso e danneggia unicamente l'opera integrale, questa non è musica usa e getta; ogni nota è connessa e non ha senso far crollare il castello.

Subterranea, insomma, è probabilmente l'acme raggiunto dalla band assieme al precedente Ever, edito quattro anni prima. Consigliato fortemente a tutti, amanti del prog, ma anche a chi più semplicemente -visti i contenuti- cerca nella musica impulso ed emozioni genuine, vibranti. In tal senso gli IQ vi lasceranno senz'altro paghi.



VOTO RECENSORE
90
VOTO LETTORI
54.14 su 27 voti [ VOTA]
stefano bonzanini
Lunedì 3 Agosto 2020, 20.40.44
9
Io lo considero un'opera d'arte. Eccellente.
ayreon
Lunedì 15 Agosto 2011, 19.49.10
8
ricordo che nel dvd "Subterranea live" è anche presente il commento audio della band per tutto il concerto,più i bis con "Human nature" e "The wake". se non vado errato mi sembra che quest'anno lo riproporranno in alcune date,tra cui il tempio del prog De Boerderij a Zoetermeer (olanda)
Federico95
Lunedì 15 Agosto 2011, 19.11.44
7
Grande disco ed ottima recensione... Ora vogliamo quelle di Clutching at Straws e The Masquerade Overture
ayreon
Domenica 14 Agosto 2011, 21.37.01
6
io dopo un pò di ascolti ho azzardato a dire "E' il the lamb lies down on broadway del new prog". ho esagerato ? Che magnifico il basso di Jowitt nella title track,il sax di "Capricorn", l'intimità di "Speak my name",la complessità di "Tunnel vision",la parte centrale di "Narrow margin",le svisate di tastiera di "Sleepless incidental",la malinconia di "Somewhere in time".Appena ho tempo libero mi rivedo tutto il dvd(autografato da Nicholls e Orford).Grazie perchè con la vostra rece siamo tornati a parlare di questo monumento al new prog
Jimi The Ghost
Domenica 14 Agosto 2011, 21.26.17
5
.....difficilissimo trovare OGGI, musicisti così tecnicamente preparati sotto ogni aspetto stilistico....ottima rispolverata Lament! Chissa dove avrò messo il disco......Ah, la new progressive...caspita che bei tempi ragazzi!... Quoto assolutamente tutti dal 1 al 4. Jimi TG for Lament review IQ
ayreon
Domenica 14 Agosto 2011, 13.21.44
4
CAPOLAVORO !!!!!!!! incredibile ma vero,dopo un disco simile gli IQ si sono regrediti tornando a scopiazzare un pò tanto il sound di "Ever". chiunque ami il prog e non ha questo doppio (o il live dvd dell'intero show) non si svegli neanche la mattina,da segnalare che nel cd "The lost attic" ci sono 1 o 2 scarti che dovevano finire in "Subterranea". Se "operation: mindcrime" era il concept degli anni 80, questo è il concept degli anni 90, e "The narrow margin" (che ho avuto modo di sentire live al festival prog di Vigevano ) una delle più belle suite di new prog.Bei tempi ,quando c'erano ancora Orford e Jowitt
luci di ferro
Domenica 14 Agosto 2011, 12.45.47
3
Guerriero Elettrico & Lamento IQ - Subterranea & Ever : sono due CAPOLAVORI _ 'DA AVERE'.
Electric Warrior
Domenica 14 Agosto 2011, 11.54.17
2
Lament! Grazie per questa splendida recensione di questa gemma del progressive! Il capolavoro degli IQ, una colonna del neo-prog. Favoloso, una vera e propria esperienza da vivere almeno una volta nella vita!
luci di ferro
Sabato 13 Agosto 2011, 22.34.42
1
Per fortuna ci sei tu 'lament' a salvare gli ALBUM RISPOLVERATI perché si metteva male, con quei voti cosi bassi. Anche perchè secondo me IQ - Subterranea prende un bel 94/100. Adesso mi aspetto la recensione del LEGGENDARIO EVER.
INFORMAZIONI
1997
Import Records
Prog Rock
Tracklist
Disc 1
1. Overture
2. Provider
3. Subterranea
4. Sleepless Incidental
5. Failsafe
6. Speak My Name
7. Tunnel Vision
8. Infernal Chorus
9. King of Fools
10. The Sense in Sanity
11. State of Mine


Disc 2
1. Laid Low
2. Breathtaker
3. Capricorn
4. The Other Side
5. Unsolid Ground
6. Somewhere in Time
7. High Waters
8. The Narrow Margin
Line Up
Peter Nicholls (lead and backing vocals)
Mike Holmes (guitar and guitar synth)
John Jowitt (bass guitar and backing vocals)
Martin Orford (keyboards and backing vocals)
Paul Cook (drums and percussion)

Link e Contatti:
IQ @MySpace
 
RECENSIONI
75
65
85
90
88
ARTICOLI
16/12/2019
Live Report
IQ
The Garage, Londra (UK), 06/12/2019
03/10/2014
Intervista
IQ
Strada di Ossa
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]