Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Accept
Too Mean to Die
Demo

Profanity (GER)
Fragments Of Solace
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

26/02/21
STEVE LUKATHER
I Found the Sun Again

26/02/21
INFERNALIZER
The Ugly Truth

26/02/21
MOS GENERATOR
The Lanter (EP)

26/02/21
RICHARD BARBIERI
Under A Spell

26/02/21
WALK THE WALK
Walk the Walk

26/02/21
MELVINS
Working with God

26/02/21
SISTER
Vengeance Ignited

26/02/21
TIMELOST
Gushing Interest

26/02/21
AMON ACID
Paradigm Shift

26/02/21
JOURS PALES
Eclosion

CONCERTI

26/02/21
ATHEIST + CADAVER + SVART CROWN + FROM HELL
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

27/02/21
ATHEIST + CADAVER + SVART CROWN + FROM HELL
TRAFFIC CLUB - ROMA

28/02/21
ATHEIST + CADAVER + SVART CROWN + FROM HELL
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

13/03/21
MICHALE GRAVES + NIM VIND
LEGEND CLUB - MILANO

14/03/21
MARK LANEGAN BAND
TEATRO MANZONI - BOLOGNA

18/03/21
MAYHEM + MORTIIS + GUESTS TBA (POSTICIPATO!)
DEMODE CLUB - MODUGNO (BA)

19/03/21
MAYHEM + MORTIIS + GUESTS TBA (POSTICIPATO!)
ORION - CIAMPINO (ROMA)

20/03/21
MAYHEM + MORTIIS + GUESTS TBA (POSTICIPATO!)
CAMPUS MUSIC INDUSTRY - PARMA

23/03/21
THE SISTERS OF MERCY
ORION - ROMA

23/03/21
SWANS + NORMAN WESTBERG
ALCATRAZ - MILANO

Iwrestledabearonce - Ruins It For Everybody
( 4148 letture )
Circa quattro anni fa mi imbattei in un quartetto dal nome piuttosto bizzarro, il loro EP omonimo girò molto nel mio stereo grazie all'allora geniale acerbità, unici (se escludiamo quei due pazzoidi dei Carnival In Coal) nel loro tentativo di fondere suoni e stili tra loro distanti anni luce, con un certo successo va detto. Deathcore (quanto odio questo termine), math, elettronica, jazz, swing, ambient eterea e una singer, Krysta Cameron, in grado di competere sia con le top vocalist della scena pop che con i più rudi growler dell'universo death metal. Quell'EP porto la band ad un deal con la Century Media (che come me, senza prendermi meriti, ci aveva visto lungo) e di rilasciare dopo poco meno di un anno il tanto atteso debut It's All Happening. La band di Shreveport (Louisiana) da realtà destinata a nascere e morire nell'underground si è ritrovata catapultata nel gotha dei talenti a stelle strisce.

Anno domini 2011, gli Iwrestledabearonce devono dimostrare quanto di quel potenziale, che si poteva chiaramente scorgere, è oggi espresso e soprattutto quanto e come la loro proposta è maturata. Francamente, a questi quesiti, rispondere risulta complicato. Ruins It For Everybody rivisita il sound della band su livelli di maturità artistica superiori e incorpora elementi inediti per quanto concerne la loro, seppur giovane, discografia. In questo episodio il quintetto (diventato tale a ridosso del debutto discografico) smussa ulteriormente i blocchi stilistici costituenti l'architettura principale del loro sound e nel collaudato modus musicus maggiore attenzione viene donata agli arrangiamenti ed alle transizioni, anche se queste in alcuni passaggi risuonano ancora forzate, stridenti e poco musicali (per non dire raffazzonate). Che gli Iwrestledabearonce fossero degli ottimo musicisti non lo scopriamo certamente ora e nemmeno il corposo background musicale sorprende, passando in rassegna le divagazione electro/dubstep di This Head Music Makes My Eyes Rain e Gold Jacket, Green Jacket), le fughe rockabilly di You Know That Ain't Them Dog's Real Voice, i vocalizzi gospel di Deodorant Can't Fix Ugly il tutto sormontato e supportato dalla muraglia di deathcore, mathcore e sperimentazioni che partendo dal jazz passano per la disco music, il funky fino a sfociare in momenti al limite del noise. Solita mattatrice è la dolce/feroce Krysta Cameron, frontwoman capace di passare dai fraseggi soul, vocals eteree (sentire la pazzesca Karate Nipples per credere), ritornelli pop (nell'accezione moderna del termine) ai violenti gorgheggi in growl fino alle taglienti scream vocals. La produzione è impeccabile, bilanciata, forse troppo morbida per le chitarre giacché la tendenza generale del sound premia palesemente l'impianto sperimentale proposto.

Passando alle conclusioni, più da vedersi come uno sciorinamento meno descrittivo e maggiormente orientato verso il succo dell'analisi, il quadro si rivela forse ancora più ostico da introdurre ed esplicare. Se da un lato la scelta di proporre brani dalla lunghezza media di circa tre minuti (la maggior parte si assesta intorno ai due minuti e quaranta secondi) è a mio parere azzeccata, forse addirittura la migliore possibile in quanto permette di non appesantire oltremodo l'ascolto non proprio immediato di questi, il breve minutaggio slega profondamente le varie sezioni togliendo coesione e amalgama, già di per sé più dovuta all'impianto chitarristico che non ad un vero e proprio lavoro di arrangiamento. Croce e delizia, forse il vero limite, se non altro guardando al prodotto esulando dal genere musicale proposto e analizzandolo secondo il concetto musicale più comune e generale, la componente core appare sempre più un ingombrante fardello che a mio modesto parere limita e banalizza un sound ed un approccio alla musica tutt'altro che semplicistici e abusati. Personalmente ritengo questi aspetti esemplari al fine di cogliere la chiave di valutazione opportuna e conseguentemente viene da chiedersi se quanto detto rappresenti un limite in sé o più ottimisticamente limitante di per sé. Ai posteri l'ardua sentenza, per il momento godiamoceli senza porci e porre troppe questioni cui non è possibile dare una risposta.

Non vi è nulla di così assurdo che l'abitudine non renda accettabile. (Erasmo da Rotterdam)



VOTO RECENSORE
85
VOTO LETTORI
41.22 su 36 voti [ VOTA]
Prometheus
Venerdì 27 Dicembre 2013, 14.09.47
13
Dalla recensione, sembra un disco figo: lo ascolterò. Il nome della band, però, è molto lolloso. xD
bradipo666
Venerdì 27 Dicembre 2013, 14.05.31
12
il disco si chiama "RUINING It For Everybody"....
Diomede
Venerdì 14 Giugno 2013, 11.42.31
11
Non sono ostile alle mescolanze di stile, ma qui mi sembra tutto un po’ forzato. Sono un grande fan dei BTBAM, ma loro sono tutt’altro mondo. Voto: 60
Uno qualsiasi
Giovedì 26 Aprile 2012, 10.24.33
10
Passavo de qua pe caso... @NagasH: Passare dalla voce pulita al growl e viceversa è facile. Conta dagli In Flames di "Reroute" in quanti gruppi l'hanno fatto e poi capirai.
NagasH
Giovedì 23 Febbraio 2012, 11.55.50
9
"Ce volesse l'arte a passa dal growl alla voce pulita poi...". Abbiamo qui il nuovo Christian Alvestam!
Flag Of Hate
Giovedì 23 Febbraio 2012, 11.39.48
8
Uno Qualsiasi, ti stringo virtualmente la mano (e anche a JD's). Non basta infilare generi diversi a casaccio in ogni canzone per essere geni, ma purtroppo al giorno d'oggi ci si emoziona veramente con poco.
Uno qualsiasi
Giovedì 23 Febbraio 2012, 11.21.29
7
I fan de sta musica non li capisco, ma me permetto de di che s'accontentano della mediocrità. Ho visto il video della seconda canzone: Iniziano screamo, ritornello pulito (maddai? che novità...), poi so solo pezzi di musica di genere diverso attaccati coa colla. Ce volesse l'arte a passa dal growl alla voce pulita poi... Se vi piace...
Qoqqo
Venerdì 26 Agosto 2011, 17.50.08
6
@ JD's: sinceramente non li ho mai visti live, ma da quanto ho sentito rendono e pure bene. Indubbiamente possono piacere o non piacere, ma la tecnica è indubbia (che siano tutti bravi in studio è vero fino a un certo punto) e questa è una delle strade che la sperimentazione prende. Spero che le "magrissime figure" che citi siano derivanti dal fatto che tu abbia assistito ad una loro performance live, perché in caso contrario la magrissima figura sarebbe soltanto la tua...
JD's
Venerdì 26 Agosto 2011, 11.45.16
5
"geni"?!?!? "gotha dei talenti"?!?!!? "MUSICA"??!?! accozzaglia di rumori, suoni senza capo nè coda... poi la """CANTANTE""" fa pietà: tutti bravi in studio a passare dalle "vocals eteree" a "growl e taglienti scream" e poi dal vivo fare magrissime figure. se questo è il futuro e la sperimentazione nella musica, bella merda! come si suol dire, braccia rubate all'agricoltura (o al porno, nel caso...)
Qoqqo
Lunedì 22 Agosto 2011, 12.08.51
4
Sono d'accordo con il recensore, il precedente era un gran disco e si sono confermati egregiamente, per me. Un bell'88.
Schaff
Venerdì 19 Agosto 2011, 21.47.17
3
Bah, sembrano un misto tra Skrillex e i Between the Buried and Me, praticamente...sanno di raffazzonato.
Feanor
Venerdì 19 Agosto 2011, 2.02.44
2
Questi sono dei geni completi!
Arakness
Giovedì 18 Agosto 2011, 21.54.17
1
Album pazzesco, figlio di un gruppo pazzesco!
INFORMAZIONI
2011
Century Media
Inclassificabile
Tracklist
01. Next Visible Delicious
02. You Know That Ain't Them Dogs Real Voices
03. Deodorant Can't Fix Ugly
04. This Head Music Makes My Eyes Rain
05. It Is "Bro" Isn't It?
06. Gold Jacket, Green Jacket
07. Break It Down Camacho
08. Stay To The Right
09. I'm Gonna Shoot
10. Karate Nipples
11. Button It Up
Line Up
Krysta Cameron (Vocals)
Steven Bradley (Guitars/Keyboards/Samples)
John Ganey (Guitars/Keyboards/Samples)
Mike "Rickshaw" Martin (Bass)
Mike Montgomery (Drums/Backing Vocals)

Link e Contatti:
Iwrestledabearonce @MySpace
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]