Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Ghost
Prequelle
Demo

SpellBlast
Of Gold and Guns
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/06/18
GAEREA
Unsettling Whispers

22/06/18
IMPENDING ROOM
The Sin And Doom Vol. II

22/06/18
ART OF DECEPTION
Path of Trees

22/06/18
ARSTIDIR
Nivalis

22/06/18
THE HERETIC ORDER
Evil Rising

22/06/18
MARTYR LUCIFER
Gazing at the Flocks

22/06/18
WOLFEN RELOADED
Chaiging Time

22/06/18
KHEMMIS
Desolation

22/06/18
HAKEN
L-1VE

22/06/18
THE SEA WITHIN
The Sea Within

CONCERTI

21/06/18
ANAL VOMIT + FINGERNAILS + ASPHALTATOR
TRAFFIC CLUB - ROMA

22/06/18
PEARL JAM
I-DAYS FESTIVAL - RHO (MI)

22/06/18
ANAL VOMIT + LECTERN + GUEST
CIRCUS - SCANDICCI (FI)

22/06/18
17 CRASH + LET ME KILL THE MISTER + STINS
EXENZIA - PRATO

23/06/18
ANAL VOMIT + DAEMUSINEM + LECTERN
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

23/06/18
RHAPSODY OF FIRE
PIAZZA MATTEOTTI - GENOVA

23/06/18
BELPHEGOR + MELECHESH + GUESTS
REVOLVER - SAN DONA DI PIAVE (VE)

23/06/18
VIRGIN STEEL FEST
GASOLINE ROAD BAR - LENTIGIONE (RE)

23/06/18
ANAL VOMIT + LECTERN + DAEMUSINEM
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

23/06/18
LACHESIS
THE ROCKER PUB - BARZANA (BG)

At The Gates - The Red In The Sky Is Ours
( 5944 letture )
Talvolta la paternità non si può programmare. In campo estremo si può dire che gli At The Gates, con la loro carriera, abbiano consapevolmente contribuito a spianare la strada ad un genere ed inconsapevolmente gettato i semi per la nascita di alcuni sottogeneri. Nella passione musicale che hanno avuto e nell'impeto di certi momenti gli At The Gates hanno sempre mostrato, senza pecche, capacità ed ispirazioni uniche a prescindere dal meritato successo, arrivato postumo con il loro prodotto più "commerciale" (che comunque rimane il mio album preferito in assoluto).

D'altra parte con Slaughter Of The Soul i nostri eroi hanno dato una svolta non solo al loro sound, ma anche ad un modo di concepire e fare musica che si riflette ancora oggi; hanno tracciato un terminus post quem: nulla sarebbe stato per certi versi più come prima. E prima cosa c'era? Come suonavano gli At The Gates prima di quel fatidico 1995? Cominciamo con la disamina del loro primo album, The Red In The Sky Is Ours, che tra qualche mese festeggerà 20 anni dalla pubblicazione. Solo per questo il dischetto in questione merita di essere ascoltato per capire come gli alfieri di Goteborg erano sin dai loro inizi avanti anni luce. Si può definire uno dei primi e più importanti album di melodic death metal di sempre. Per un attimo dimenticate l'immediatezza, la freschezza ed il groove di Slaughter Of The Soul, ci troviamo di fronte a ben altra proposta musicale. Gli At The Gates arricchiscono il sound possente e oscuro dei Grotesque apportando delle linee melodiche ricercate e degli intrecci di chitarra che impreziosiscono e completano il loro suono (Through The Gardens Of Grief). Siamo nel 1992 e nel panorama contemporaneo e conterraneo dei nostri (dove tutto è cominciato) la direzione di un intero movimento sta andando da tutt'altra parte; basta ascoltare i capolavori come Left Hand Path degli Entombed, Like An Ever Flowing Stream dei Dismember, Where No Life Dwells degli Unleashed: album sfrontati, diretti, incalzanti; gli At The Gates invece interpretano e si fanno capostipiti di un ulteriore modo di fare death metal (anche se poi gli sviluppi furono ben altri per l'intero movimento e per la band stessa). Non nascondo che all'epoca ebbi non poche difficoltà a contestualizzare (nei miei gusti e nelle mie rigide e quadrate suddivisioni mentali) l'album all'interno di un movimento dove tutte le band avevano fatto propri i canoni formali sviluppatisi alla fine degli anni '80 e primissimi '90, capendo solo dopo ripetuti ascolti l'unicità ed esclusività del prodotto. Il songwriting è cervellotico, rivoluzionario, carico di una tetra melodiosità. La strutturazione ritmica dei brani spiazza di continuo per efferatezza, cambi di tempo e passaggi improvvisi (Night Comes Blood Black), il riffing indemoniato non conosce pause e camaleonticamente cambia continuamente pelle (Claws Of Laughter Dead); lo screaming sconvolge per una impostazione sicuramente più black metal oriented e per una interpretazione angosciante, buia, a tratti opprimente. Le vocals di "Tompa" non hanno niente a che vedere con quello che poi diventerà il suo approccio nel giro di pochi anni. Echi black metal rifiniscono i brani apportando profondità e sentimento. Svensson e Bjorler offrono una prova sbalorditiva e spiegano, con il loro mastodontico lavoro, come si devono utilizzare due chitarre in formazione: gli intrecci di chitarra ora incalzanti, ora decadenti, ora drammatici sarebbero da fare studiare a chiunque voglia suonare death metal (Windows). Ciliegina sulla torta un violino che fa il suo ingresso più volte risultando sempre azzeccato (Within). Se qualcuno di voi pensa che trattandosi di un prodotto con più di 20 anni sulle spalle, possa oggi risultare già sentito, "sorpassato" o banale, si sbaglia di grosso: un album come questo fa restare a bocca aperta anche oggi (Neverwhere).
Unica pecca la registrazione, che avrebbe dovuto avere un suono diverso, più corposo, rotondo e diretto, ma nel contempo i suoni stessi contribuiscono a rendere quest'album unico. L'opening track rappresenta al meglio cosa erano gli At The Gates dei primissimi '90. Arriva diretta e potente, selvaggia ma allo stesso tempo sfrontata e impettita, mostrando tutte le sorprendenti capacità di songwriting dei nostri: continui cambi di riffs, passaggi rapidissimi, cambi di tempo da togliere il fiato; infine un violino suona sporco una melodia che ha il sapore dell'oblio (The Season To Come). L'aspetto che lascia basito chi scrive (e non penso di essere l'unico) è che gli At The Gates sembra abbiano composto il loro debut album quasi in uno stato di trance, dando corpo, probabilmente, in parte anche inconsapevolmente (come è giusto che sia nell'arte) ad un prodotto incredibile per l'epoca ma sotto certi aspetti anche oggi: un album senza tempo né limiti.

Un debutto che per alcuni fan (soprattutto quelli della prima ora) è stato anche l'epitaffio della band, in quanto il cambiamento stilistico maturato in circa quattro anni è stato ritenuto una semplificazione ed una commercializzazione del proprio sound. Di certo di evoluzioni così stravolgenti e al contempo vincenti se ne sono viste pochissime nella storia della musica estrema, anzi probabilmente non se ne sono mai viste. Un death metal passionale, intimamente sentito (The Scar), combattuto e sofferto, questo è The Red In The Sky Is Ours. Questa è storia, il resto va e viene.



VOTO RECENSORE
90
VOTO LETTORI
77.69 su 73 voti [ VOTA]
NihilisT
Venerdì 7 Aprile 2017, 14.14.38
26
rispetto agli altri si....secondo me ovviamente...de gustibus
nonchalance
Venerdì 7 Aprile 2017, 14.02.40
25
With fear I kiss..passo falso...?!!
NihilisT
Venerdì 7 Aprile 2017, 13.26.54
24
The Red in the Sky è un capolavoro!!!!con With fear I kiss..passo falso...Terminal un buon segnale di ritorno ...Slaughter of the soul..superbo..da lacrime agli occhi..band inimitabile...
Morlock
Venerdì 7 Aprile 2017, 11.20.52
23
Band che ho scoperto grazie al programma "Into the Pit" di Mtv(si...una volta Mtv faceva programmi sul metal estremo...)proprio col video di Kingdome Gone.....all'inizio non mi calavano...non li capivo....da lì a qualche tempo sono diventati la mia band death preferita XD
Feffa la cagna
Lunedì 20 Giugno 2016, 0.13.45
22
Album davvero duro da assimilare per via del fatto che è di un grezzo estremo, ma una volta assimilato porta grandi soddisfazioni.
Mirco Morgese
Sabato 7 Maggio 2016, 17.46.21
21
Sicuramente un bellissimo album. Unica pecca è la produzione troppo scarsa, e il fatto che le chitarre abbiamo una tonalità così basse( standard B )aggrava la situazione. Spesso le note non riescono a distinguersi. Se questo album avesse avuto una produzione migliore probabilmente lo avrei messo sullo stesso piano del fenomenale SOS
Doomale
Mercoledì 26 Novembre 2014, 19.13.16
20
Rimesso su oggi dopo parecchio...che grande album...loro erano gia avanti rispetto ad altri...Un album molto tecnico ma comunque oscuro nei suoni...Considerato che era il loro esordio per me è una pietra miliare. Però mi viene un dubbio che non mi sono chiarito neanche su Metal archives...sulla foto del cd e sulla formazione al basso c'è Tony(andersson) e non Jonas....
Steelminded
Giovedì 9 Ottobre 2014, 22.52.17
19
Ahi ahi ahi, qui mi prendo dell'ignorante visti i commenti, ma a me sto album non piace. Non paragonabile affatto ad esempio a Skydancer dei Dark Tranquillity, né a Lunar Strain degli In Flames. Acerbo e indigesto, con dei semi molto fecondi, ma pur sempre tale... per me.
Nihilistic decadence
Sabato 23 Agosto 2014, 0.20.09
18
Fantastico questo album.. La storia del death scandinavo insieme a Left hand path, Like an ever flowing stream e Tales from the thousand lakes, per citare proprio i più famosi.. Tutte le volte che ascolto kingdom gone, mi verrebbe da prendere il frigorifero e lanciarlo giù dalla finestra o prendere a testate il muro! Il 100, come per tutti i classici del death è obbligatorio.. Il dopo, proprio non riesco a digerirlo: With fear i kiss the burning darkness è buono ma non ha niente di speciale, Terminal spirit disease è carino ma è più un ep che un album vero e proprio e Slaughter of the soul.. Bah, dirò una bestemmia, ma sono tra coloro che lo rigettano nel modo più assoluto.. Non sono di solito uno dei soliti "puristi" intransigenti e mentecatti, ma le vocals mi ricordano talmente tanto i Bring me the horizon (per dire l'unica band metalcore che purtroppo ho avuto occasione di ascoltare..), da farmi venire un'emicrania, senza contare che chitarre e batteria non sfiorano neanche la magnificenza di The red in the sky is ours.. Personalmente Slaughter of the soul non vede il 100 neanche con un telescopio..
ErnieBowl
Venerdì 21 Marzo 2014, 18.57.54
17
Ai primi due ascolti devo dire che non mi entusiasma granché, anche perché devo fare l'orecchio con questo tipo di sonorità. Però... c'è un però... Le prime due/tre canzoni sono bestiali insieme alle ultime due dove la batteria è più tirata e si scatena in mid-tempo bestiali, da brividi. Sicuramente lo riascolterò, la loro discografia è d'obbligo anche se preferisco i capolavori dei loro rivali Dark Tranquillity e In Flames, specialmente The Gallery.
Enrideath
Mercoledì 10 Luglio 2013, 1.48.02
16
E' un capolavoro. Credo di preferirlo anche a Slaughter of the Soul.
Carnage
Mercoledì 12 Settembre 2012, 3.36.56
15
Red Roger: tu non hai la minima idea di ciò di cui parli.
UATU
Martedì 21 Agosto 2012, 10.38.44
14
clamoroso come il successivo with fear... sino al capolavoro assoluto slaughter of the soul. Da avere come tutta la discografia di questi maestri
Red Roger
Lunedì 20 Agosto 2012, 14.00.41
13
Death,non melodic death...ascoltarli non sentirli gli album..
Enrico
Giovedì 25 Agosto 2011, 7.51.36
12
L'ho riascoltato ieri.... UN GIOIELLO.
ASD
Martedì 23 Agosto 2011, 22.49.48
11
Concordo con il voto: Capolavoro!
Giasse
Lunedì 22 Agosto 2011, 20.41.14
10
Per me è il loro miglior disco. Anche meglio di Slaughter of the Soul. Forse però ne faccio una questione affettiva...
enry
Lunedì 22 Agosto 2011, 9.12.54
9
Sono ovviamente d'accordo con tutti, anche se per me il punto massimo resta Slaughter of the Soul...90/100 (che per i miei parametri è un voto altissimo, quasi il massimo).
Masterburner
Lunedì 22 Agosto 2011, 9.00.42
8
La Storia
EdoCFH
Domenica 21 Agosto 2011, 15.39.14
7
solo windows vale il voto
Flag Of Hate
Domenica 21 Agosto 2011, 10.43.51
6
Il lavoro migliore degli ATG, spettacolare. E' triste constatare come album di tale caratura siano praticamente misconosciuti da molte giovani leve. Disco da riscoprire e da tenere orgogliosamente nella propria collezione. 95/100
Undercover
Domenica 21 Agosto 2011, 9.48.39
5
Uno dei capisaldi del death scandinavo, inutile anche commentarlo, è da conoscere e avere, poi le parti di violino di Jesper al tempo furono decisamente inaspettate all'interno di un panorama che rifiutava quasi categorimante qualsiasi cosa non avesse un'attitudine meramente violenta.
Sorath
Sabato 20 Agosto 2011, 22.09.20
4
Trovo che sia bellissimo anche se non ho capito l'intermezzo The Scar
Malleus
Sabato 20 Agosto 2011, 18.19.24
3
slaughter of the soul è insuperabile ma ogni disco degli at the gates a suo modo rimane un gran capolavoro
Blackout
Sabato 20 Agosto 2011, 13.11.26
2
Il capolavoro degli At The Gates.
Feanor
Sabato 20 Agosto 2011, 13.09.09
1
Grandissima recensione... e grandissimo disco
INFORMAZIONI
1992
Peaceville Records
Death
Tracklist
01 The Red in the Sky Is Ours/The Season to Come
02 Kingdom Gone
03 Through Gardens of Grief
04 Within
05 Windows
06 Claws of Laughter Dead
07 Neverwhere
08 The Scar
09 Night Comes, Blood-Black
10 City of Screaming Statues
Line Up
Anders Björler - Chitarra
Jonas Björler - Basso
Adrian Erlandsson - Batteria
Alf Svensson - Chitarra
Tomas "Tompa" Lindberg - Voce
Gesper Jarold - Violino
 
RECENSIONI
82
93
89
88
90
ARTICOLI
21/06/2015
Live Report
SLIPKNOT + AT THE GATES + TEMPERANCE
Ippodromo delle Capannelle, Roma, 16/06/2015
29/12/2014
Live Report
AT THE GATES + TRIPTYKON
Fritzclub, Berlino, Germania, 20/12/2014
22/05/2014
Live Report
AT THE GATES + IMPALED NAZARENE + MASTER + ALTRI
Live Club, Trezzo sull'Adda (MI) - 17/05/14
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]