Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Asphyx
Necroceros
Demo

Profanity (GER)
Fragments Of Solace
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

25/01/21
YOTH IRIA
As the Flame WIthers

29/01/21
WILSON
Thank You, Good Night. Live

29/01/21
NIGHTFALL
Eons Aura (EP Reissue)

29/01/21
EXIMPERITUS
Šahrartu

29/01/21
NIGHTFALL
Athenian Echoes (Reissue)

29/01/21
NIGHTFALL
Macabre Sunsets (Reissue)

29/01/21
WEREWOLVES
What a Time to be Alive

29/01/21
NIGHTFALL
Parade Into Centuries (Reissue)

29/01/21
CELLAR TWINS
Duality

29/01/21
OCEANA
The Pattern

CONCERTI

06/02/21
MAGNUM + GUEST TBA (CANCELLATA)
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

11/02/21
VENOM INC. + GUESTS
TRAFFIC CLUB - ROMA

12/02/21
VENOM INC. + GUESTS
THE FACTORY - S. MARTINO BUON ALBERGO (VR)

13/02/21
VENOM INC. + GUESTS
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

17/02/21
IMONOLITH + TBA
BARRIO'S CAFE - MILANO

18/02/21
IMONOLITH + LOGICAL TERROR
MK LIVE - CARPI (MO)

19/02/21
THE DEAD DAISIES
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

20/02/21
ANCIENT + GUESTS
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

21/02/21
TURMION KATILOT
LEGEND CLUB - MILANO

26/02/21
ATHEIST + CADAVER + SVART CROWN + FROM HELL
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

Untimely Demise - City of Steel
( 1753 letture )
Che energia, quella sprigionata dagli Untimely Demise! Sin dal primissimo ascolto del loro recente City of Steel, infatti, la band canadese lascia trasudare dosi copiose di adrenalina, istigando naturalmente all'headbanging. Con il suo farneticante rincorrersi di riff orgasmici, assoli folgoranti, la voce da strega di Matt Cuthbertson e la concitata intersezione, a velocità folle, di strutture, sproloqui vocali esasperanti ed excursus melodici, il quartetto nordamericano mette a punto un sound tonante e di sicuro appeal presso gli amanti del thrash classico e sferzante. Probabilmente quest’album non sarà il disco dell'anno, e l'entusiasmo che traspare nella disamina che segue va comunque preso con le molle perché, per quanto valido e trascinante, City of Steel rimane “soltanto” un validissimo esempio di quanto le band revivaliste sanno sfoderare oggi, a trent'anni dalla scintilla iniziale del thrash. Nulla di rivoluzionario, sia chiaro, semmai un bel disco che ci farà scapocciare un po’, e non un capolavoro capace di restare impresso negli anni a venire (cosa abbastanza comune, nel genere, ai giorni nostri).

Limitandoci all'attualità e all'ascolto fine a sé stesso, il platter è tutto da gustare, si fa valere e garantisce sudore e movimento, con il suo spettro sonoro abbastanza articolato da non apparire stantio, mai ripetitivo, mai banale nonostante l'intrinseco scopo di devastazione che caratterizza questo genere metallico. In tal senso è significativo l'impatto di pezzi come l'opener Bloodsoaked Mission o la successiva Forger of Belief, velocissime prove di forza nelle quali vengono concentrati riff al vetriolo, ottimi guitar solos -sensati e ben concepiti- e refrain vocali coinvolgenti. Il thrash degli Untimely Demise è radicato nella tradizione, ma al tempo stesso risulta fresco e attuale, grazie ad una nitidezza ed una liquidità sonoro-melodica non indifferente. La tensione rimane sempre alta, surriscaldata dal riffato eccitante e da pregevolissime sezioni strumentali, che conferiscono spessore e dimensione al platter; per quanto cruenti, le linee vocali non risparmiano qualche passaggio più catchy (Hunting Evil), in mezzo ad una serie entusiasmante di intrighi melodici ed arrapanti scorribande ad alto contenuto orgasmico (The Unmaker e la titletrack), talvolta persino spruzzate da qualche blastbeat. A rotta di collo, si corre col piede costantemente sull'acceleratore, senza momenti di flessione e con un ascolto che scivola via omogeneo, interessante, valido. La band, originaria di Saskatoon, coglie perfettamente l'essenza del thrash e la ripropone in maniera efficace e dotata del giusto “tiro”: niente male per una formazione sorta appena nel 2007, e che aveva mosso i primi passi due anni dopo con l'EP Full Speed Metal. La coesione tra i singoli elementi della band garantisce un suono omogeneo e che, nonostante il buon livello tecnico, appare scorrevole e diretto, improntato con decisione sul ruolo affilato delle chitarre e sulla loro capacità di spaziare su disparati approcci stilistici, come visto, passando indifferentemente da un taglio assassino ad uno più armonicizzato, naturalmente senza perdere mai l'energia, la carica e l'attitudine manifestate in tutto l'arco del full length.

Piace parecchio l'architettura dei pezzi, che prevede improvvisi cambi di direzione, merito di un ampio e consistente parco di riff efficaci, e piacciono batoste stordenti come la conclusiva Virtue in Death, infarcita di ampi solismi incendiari, anche se dopo appena trentadue minuti il disco sembra un po’ troppo breve: sette tracce sono effettivamente pochine, anche se è sempre meglio gustarsi canzoni che siano poche ma buone piuttosto che annoiarsi con inutili riempitivi. Il drummer Scott Cross e il bassista Murray Cuthbertson reggono una sezione ritmica solida e scrosciante, le chitarre del singer e di Glen Drover completano le fila di una truppa d'assalto che ci sbatte in faccia un pugno di up-tempos urticanti e privi di passaggi a vuoto. E' obbligatorio ribadire quanto posto nell’incipit: non sarà il disco che farà la differenza, ma se è un'opera capace di generare entusiasmo ben venga.



VOTO RECENSORE
75
VOTO LETTORI
33.76 su 17 voti [ VOTA]
Fabio
Domenica 11 Dicembre 2011, 12.02.40
8
Questo album spacca! non posso fare a meno di sentirlo di continuo. Hanno attinto alle radici come correttalmente recensito, ma hanno saputo evolvere verso la modernità. Ci trovo un po' di tutto in veste rivista: guardando al passato non mancano richiami maideniani, ai primi Exodus e ai Death, verso il nuovo c'è molto degli Arsis. Il tutto in salsa esplosiva. Forse poteva essere migliore la produzione perchè gli strumenti non staccano sullo sfondo, ma da un lato il tutto rende ancor meno banale l'ascolto perchè anche dopo averlo consumato trovi sempre qualche perla sfuggita alla prima. Complimenti a questi ragazzi.
BILLOROCK fci.
Sabato 27 Agosto 2011, 10.50.50
7
magnifica copertina splatter...magnifica... voto 80
Maurilio
Venerdì 26 Agosto 2011, 20.00.06
6
Confermo la tua impressione, sembra proprio Stalingrado.
Lizard
Venerdì 26 Agosto 2011, 17.28.30
5
Potrei prendere un abbaglio clamoroso, ma mi sembra quasi che titolo del disco ed artwork facciano riferimento alla battaglia di Stalingrado della II Guerra Mondiale...
Hangar1893
Venerdì 26 Agosto 2011, 17.16.56
4
Lol a me non dispiace la copertina, e non mi dispiacerà neanche l'album, a quanto vedo...
Maurilio
Venerdì 26 Agosto 2011, 16.58.20
3
Certo che la copertina é proprio orribile!
the Thrasher
Venerdì 26 Agosto 2011, 14.15.43
2
ehehe ma è un piacere!
BILLOROCK fci.
Venerdì 26 Agosto 2011, 13.30.48
1
ti fanno sgobbare eeeh, the trasher ??!!
INFORMAZIONI
2011
Sonic Unyon Metal
Thrash
Tracklist
1. Bloodsoaked Mission
2. Forger of Belief
3. Hunting Evil
4. Streets of Vice
5. The Unmaker
6. City of Steel
7. Virtue in Death
Line Up
Matt Cuthbertson (Voce, chitarra)
Glen Drover (Chitarra)
Murray Cuthbertson (Basso)
Scott Cross (Batteria)
 
RECENSIONI
75
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]