Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Metallica
S&M²
Demo

Black Spirit Crown
Gravity
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

25/09/20
STEVE HACKETT
elling England By The Pound & Spectral Mornings: Live at Hammersmith

25/09/20
SAPIENCY
For Those Who Never Rest

25/09/20
VOUS AUTRES
Sel de Pierre

25/09/20
TRANSCENDENCE
Towards Obscurities Beyond

25/09/20
ATLAS
Parallel Love

25/09/20
KATAKLYSM
Unconquered

25/09/20
SPELLBOOK
Magick & Mischief

25/09/20
ANNA VON HAUSSWOLFF
All Thoughts Fly

25/09/20
MORTA SKULD
Suffer for Nothing

25/09/20
OBSIDIAN KINGDOM
Meat Machine

CONCERTI

26/09/20
STAY STEEL FEST
SKULLS CLUB - SERRAVALLE (SAN MARINO)

27/09/20
VISIONS OF ATLANTIS + YE BANISHED PRIVATEERS + AD INFINITUM
LEGEND CLUB - MILANO

29/09/20
WITHIN TEMPTATION + EVANESCENCE
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

03/10/20
PAGAN FEST
LAGHI MARGONARA - GONZAGA (MN)

03/10/20
SKELETOON
LEGEND CLUB - MILANO

08/10/20
HOUR OF PENANCE + GUEST TBA
TRAFFIC CLUB - ROMA

08/10/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
TEATRO CELEBRAZIONI - BOLOGNA

09/10/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
GRAN TEATRO GEOX - PADOVA

09/10/20
ESOTERIC + NAGA + (ECHO) (ANNULLATO)
TRAFFIC CLUB - ROMA

09/10/20
HOUR OF PENANCE + GUEST TBA
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

Slough Feg - Atavism
( 2362 letture )
Devo ammettere che non avevo un buon ricordo degli Slough Feg (al tempo si chiamavano ancora The Weird Lord Slough Feg)... non mi ricordo esattamente, ma avevo ascoltato qualche brano di un loro vecchio disco, e non mi era per nulla piaciuto. Ed è per questo che ascoltare Atavism è stata una sopresa ancora più bella: un disco molto breve (non arriva ai quaranta minuti di durata) e forse proprio per questo non stanca, come invece fanno purtroppo molte band di metal classico... brani brevi, d'impatto, alcuni forse con un po' poco brio, ma comunque interessanti, altri decisamente più originali, dal sapore quasi gitano (non per nulla Slough Feg era una creatura leggendaria della mitologia irlandese).
Sicuramente una delle influenze principali (se non LA principale) è quella dei classici Iron Maiden, in quanto gli Slough Feg propongono davvero dei brani che ricordano a piu' riprese la band di Steve Harris, soprattutto nelle linee di chitarra e in alcuni casi nell'impostazione vocale di Mike Scalzi, che tende a seguire il cantato con quel tocco quasi epico tipico di Bruce Dickinson (chiaramente con le dovute differenze, sia di talento, che di tonalità, più acuta nel caso di Dickinson).
La monotonia non è certo una caratteristica della band statunitense, in quanto si passa da brani classic con alcune venature thrasheggianti (soprattutto in apertura di album), fino a song quasi folkeggianti (il tocco gitano di cui parlavo prima), per passare poi anche a melodiche e malinconiche ballate acustiche (attenzione, niente a che vedere con le ballad!) e concludere con brani più propriamente di true heavy metal (come la band ama giustamente definirsi) che più true non si può; gli Slough Feg non cadono quindi nel tranello di ripetersi nel tentativo di dare eccessiva omogeneità al loro album, bensì mostrano agli ascoltatori tutte le piccole variazioni di un sound che si può comunque definire originale, pur rimanendo nei canoni dell'heavy metal più classico (grazie anche alla produzione volutamente non pulitissima che, come loro stessi sottolineano, ricorda il loro album di dbeutto, The Lord Weigh Slough Feg).
Forse non diventeranno mai una band di grande successo, forse non vendranno mai milioni di dischi, ma a loro non interessa... sentono dentro di sé l'amore per le sonorità con le quali sono cresciuti, e le suonano con calore, sincerità e onestà (e, perché no, anche con un certo talento); migliorando la qualità di alcuni brani un pochino statici, riusciranno sicuramente a farsi conoscere anche al di fuori degli USA (loro mercato discografico principale).
Per ora, se vi interessa un frizzante disco di true heavy metal con un tocco di originalità di una band che sia formata da ben più che onesti mestieranti, allora date un ascolto ad Atavism, non ne rimarrete delusi.



VOTO RECENSORE
78
VOTO LETTORI
18.34 su 29 voti [ VOTA]
freedom
Domenica 9 Ottobre 2011, 12.47.12
1
Bello.
INFORMAZIONI
2005
Cruz Del Sur
Heavy
Tracklist
1. Robustus
2. I Will Kill You/You Will Die
3. Portcullis
4. Hiberno-Latin Invasion
5. Climax Of A Generation
6. Atavism
7. Eumaeus The Swineherd
8. Curse Of Athena
9. Agnostic Grunt
10. High Season V
11. Startport Blues
12. Man Out Of Time
13. Agony Slalom
14. Atavism II
Line Up
Mike Scalzi (vocals & guitar)
Greg Haa (drums)
Angelo Tringali (guitar)
Adrian Maestas (bass)
 
RECENSIONI
75
74
71
78
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]