Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Asphyx
Necroceros
Demo

Profanity (GER)
Fragments Of Solace
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

25/01/21
YOTH IRIA
As the Flame WIthers

29/01/21
WILSON
Thank You, Good Night. Live

29/01/21
NIGHTFALL
Eons Aura (EP Reissue)

29/01/21
EXIMPERITUS
Šahrartu

29/01/21
NIGHTFALL
Athenian Echoes (Reissue)

29/01/21
NIGHTFALL
Macabre Sunsets (Reissue)

29/01/21
WEREWOLVES
What a Time to be Alive

29/01/21
NIGHTFALL
Parade Into Centuries (Reissue)

29/01/21
CELLAR TWINS
Duality

29/01/21
OCEANA
The Pattern

CONCERTI

06/02/21
MAGNUM + GUEST TBA (CANCELLATA)
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

11/02/21
VENOM INC. + GUESTS
TRAFFIC CLUB - ROMA

12/02/21
VENOM INC. + GUESTS
THE FACTORY - S. MARTINO BUON ALBERGO (VR)

13/02/21
VENOM INC. + GUESTS
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

17/02/21
IMONOLITH + TBA
BARRIO'S CAFE - MILANO

18/02/21
IMONOLITH + LOGICAL TERROR
MK LIVE - CARPI (MO)

19/02/21
THE DEAD DAISIES
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

20/02/21
ANCIENT + GUESTS
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

21/02/21
TURMION KATILOT
LEGEND CLUB - MILANO

26/02/21
ATHEIST + CADAVER + SVART CROWN + FROM HELL
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

Mesmerize - Tales of Wonder
( 2084 letture )
Un esordio atteso dieci anni: se si volesse individuare un titolo a effetto per sintetizzare Tales of Wonder, opera prima dei nostrani Mesmerize, non potrebbe essere che questo. La band milanese si è infatti formata nel 1988, ma solo nel 1998 è giunta sul mercato, sotto l’egida della Underground Symphony e dopo due demo rilasciati rispettivamente nel 1991 e nel 1993. I cinque lombardi si fanno alfieri di un heavy/power molto arioso e ottantiano, costruito su riff esplosivi e linee vocali positive, quasi sognanti. Uno stile dunque assai melodico, come era molto in voga a metà anni Novanta.

Disseminati lungo la scaletta troveremo assoli fluidi, refrain ariosi e catchy, potenza e atmosfera, quest’ultima creata ad arte dal lavoro delle tastiere. Gli elementi tipici del power melodico novantiano ci sono tutti e sono ben mescolati in brani dinamici, generalmente mid-time, che si discostano quindi dal classico power-speed alla tedesca per assestarsi su coordinate più morbide. Nella tracklist spiccano episodi trascinanti come The Werewolf, con la velocità più affine al metal teutonico che viene confinata alle sole Children of Reality o Danse Macabre; più suggestive, ma anche più macchinose, tracce come Hell on Wheels o War Journal offrono spunti maggiormente evocativi, suonando quadrate ma inevitabilmente meno dirette. Da elogiare è il fatto che tutti i brani possiedono una struttura curata e relativamente in movimento, nel senso che alterna diverse sfumature, cambi di tempo e sezioni variegate; forse il suono della batteria non è abbastanza corposo, ma per il resto il disco è scorrevole ed emozionante in diversi tratti, con alcuni passaggi davvero suggestivi dal punto di vista vocale (Sea of Lies, Forging the Darksword), una vena epica sempre costante e qualche bel riffone accattivante (Ragnarök). Il lavoro tutto è permeato da un flavour quasi magico e ancestrale, che va a creare un’atmosfera intensa e surreale, sublimata dal contrasto tra la voce -dolce e passionale, quasi sofferta- e la musica, arcigna nel riffing e pure martellante in determinati passaggi ritmici. Tra i brani migliori del lotto va sottolineata la già citata Danse Macabre, lunga e articolata: una composizione arricchita da differenti sezioni, tanta melodia, un assolo emozionante, ottimi stacchi strumentali ed un chorus più che valido.

Discrete, ma non trascendentali, invece, Flatliners e la lenta Chorus of the Rain, le quali concludono il disco assestandone la tracklist a dodici episodi. Un po’ troppi, forse, in quanto chi scrive ritiene che un buon disco dovrebbe soffermarsi a otto o nove canzoni per non diventare stucchevole e eccessivo. Al di là di questi dettagli, tutti i musicisti offrono prove singole ampiamente convincenti, andando a definire un prodotto delizioso e meritevole. Non sarà un capolavoro, non rifarà la storia dell’Acciaio tricolore, ma è piacevole e ben composto, suonato e prodotto: un debutto decisamente incoraggiante.



VOTO RECENSORE
72
VOTO LETTORI
18.45 su 33 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
1998
Underground Symphony
Power
Tracklist
1. The Werewolf
2. Hell on Wheels
3. Logan's Run
4. Children of Reality
5. Sea of Lies
6. Ragnarök
7. Danse Macabre
8. The Catalyst
9. Forging the Darksword
10. War Journal
11. Flatliners
12. Chorus of the Rain
Line Up
Folco Orlandini (Voce)
Piero Paravidino (Chitarra solista)
Paolo Chiodini (Chitarra ritmica)
Andrea Tito (Basso)
Andrea Garavaglia (Batteria)
 
RECENSIONI
80
72
ARTICOLI
20/06/05
Intervista
MESMERIZE
Parla Folco Orlandini
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]