Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Darkthrone
Old Star
Demo

E.G.O
Everything Goes On
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

19/07/19
FALLS OF RAUROS
Patterns In Mythology - Album Cover

19/07/19
CANCER
Ballcutter

19/07/19
SCOTT STAPP
The Space Between the Shadows

19/07/19
CULT OF EXTINCTION
Ritual in the Absolute Absence of Light

19/07/19
WORMED
Metaportal

19/07/19
SABATON
The Great War

19/07/19
CROWN THE EMPIRE
Sudden Sky

19/07/19
LINGUA IGNOTA
Caligula

21/07/19
SHARKS IN YOUR MOUTH
Sacrilegious

26/07/19
SOUNDGARDEN
Live from the Artists Den

CONCERTI

18/07/19
KING CRIMSON
ARENA SANTA GIULIANA - PERUGIA

18/07/19
NICK MASON
PIAZZA DELLA LOGGIA - BRESCIA

18/07/19
ROCK INN SOMMA (day 1)
SOMMA LOMBARDO (VA)

18/07/19
YAWNING MAN + HERBA MATE
SIDRO CLUB - SAVIGNANO SUL RUBICONE (FC)

19/07/19
PORTO LIVE METAL FEST
PORTO ANTICO - GENOVA

19/07/19
ROCK INN SOMMA (day 2)
SOMMA LOMBARDO (VA)

19/07/19
HELLUCINATION + GUESTS
HILL METAL FEST - MOTTOLA (TA)

19/07/19
YAWNING MAN + ELEPHARMERS + COSMIC SKYLARK
SET TO SUN FESTIVAL c/o TORRE DI BARI' - BARI SARDO (NU)

20/07/19
THE DARKNESS + NOISE POLLUTION + HANGARVAIN
CARROPONTE - SESTO SAN GIOVANNI (MI)

20/07/19
MILANO DEATH RALLY (day 1)
CIRCOLO SVOLTA - ROZZANO (MI)

Shadow Gallery - Room V
( 7504 letture )
Dopo un attimo di esitazione, mi vedo costretto a celebrare con grande fasto il ritorno di una delle meno blasonate –ma non per questo poco significative– progressive metal band degli ultimi anni.

Come spesso accade per gli album di questo tipo, pochi ascolti non bastano per comprendere appieno le sfumature che vogliono essere comunicate, né tantomeno l’impegno che può stare dietro alla loro creazione.
Tant'è che solo dopo averlo inserito nel lettore cd 4 o 5 volte sono stato in grado di capire la bellezza di cui è pregno questo Room V, una preziosità celata dal velo di una produzione non perfettamente al passo coi tempi e da qualche soluzione stilistica leggermente inflazionata.
Gli Shadow Gallery si discostano da una miriade di prog band della stessa annata a mio avviso per un unico, validissimo motivo: mentre i vari Lemur Voice, Dream Theater, Symphony X tendono a far fluire la complessità metrica e melodica in ogni frangente delle canzoni –dal ritornello all’assolo- la band americana dispone invece un limite molto marcato tra la parte strumentale –tecnicissima come si conviene al genere proposto– e la mera parte cantata, nella fattispecie i refrain e in buona parte anche le strofe.
Ciò dà vita a due episodi distinti all’interno di ogni song, uno strettamente progressive e l’altro estremamente catchy e immediato.

Ciò permette di ottenere passaggi superbamente orecchiabili, come i climax di Comfort Me, The Andromeda Strain, The Archer of Ben Salem (dotato di una strofa molto vicina agli Iron Maiden di Seventh Son Of A Seventh Son) alternati a partiture impegnative come in Birth Of A Daughter e Death Of A Mother.
In entrambi i casi, posso dire con certezza che gli Shadow Gallery hanno centrato il bersaglio in pieno, superando il discutibile Legacy e gareggiando da vicino con il fratellino Tyranny, del quale prosegue il concept del 1998 (come ben proclama la strumentale Manhunt riprendendo il tema di Christmas Day).
Riprendendo il discorso della produzione, verrebbe da dire di primo acchito che ancora una volta non sia stato raggiunto un livello accettabile di modernità, come accennavo all’inizio.
De gustibus, dal momento che il sound di Room V può essere inteso anche come un raffinamento del classico approccio strumentale dei sei musicisti americani, un perfezionamento del calore naturale della batteria, distante anni luce dal trigger di altri artisti, della voce riverberata come converrebbe ad un buon album hard rock, e del crunch prettamente rock delle chitarre.

Non credo che questo disco possa gareggiare con il capolavoro del 1995, Carved In Stone, né credo che nessun album in futuro potrà farlo, tuttavia va riconosciuto il valore di una band che ancora oggi è in grado di regalare grandi emozioni all’ascoltatore… bentornati Shadow Gallery.



VOTO RECENSORE
88
VOTO LETTORI
70.48 su 89 voti [ VOTA]
Steelminded
Lunedì 11 Giugno 2018, 19.46.30
17
Ma che fine hanno fatto? Dopo il tour del 2010, che lasciava sperare in una continuazione, sono completamente spariti...
Aceshigh
Lunedì 11 Giugno 2018, 19.24.25
16
Grandissimo album... come d'altra parte tutti gli album degli Shadow Gallery, band unica e riconoscibilissima nel suo genere, in particolar modo grazie alle linee vocali del compianto Mike Baker (ma non solo: peculiare anche il riffing così come pure gli svolazzi tastieristici di Chris Ingles). A mio parere nella loro discografia questo album sta dietro solo al mitico Carved in Stone. Mi associo al voto della recensione.
Max1
Giovedì 22 Dicembre 2016, 8.33.20
15
Sto risentendo la loro discografia proprio in questi giorni; cd uno più bello dell'altro, veramente bravi e mai stucchevoli. Poi, stupendi i cori che ogni tanto piazzano, da cantare a squarciagola ma mai mielosi e sdolcinati! Ma sono ancora attivi?
Rob Fleming
Domenica 7 Febbraio 2016, 18.03.20
14
Sempre eleganti ed emozionanti. 5 punti in più per l'incredibile omaggio ai Pink Floyd nel secondo cd bonus. 85
Mellotronick
Lunedì 24 Novembre 2014, 23.24.45
13
A me questo gruppo piace molto più dei DT, mi annoia molto meno e mi sembra molto più creativo e meno stucchevole sia nelle soluzione strumentali che in quelle cantate. Voto 80
lux chaos
Sabato 26 Luglio 2014, 10.46.37
12
Che dire? L'ennesimo capolavoro, emozioni pazzesche, classe, energia, dolcezza....che gruppo straordinario
Scaldino
Domenica 4 Marzo 2012, 15.51.25
11
COSA???????????voto lettori 40?? io direi che un 80 pieno c'è tutto !non capisco la gente...
Andrea
Domenica 15 Maggio 2011, 16.48.21
10
Le parole non bastano per descrivere un disco degli Shadow Gallery... chiudiamo gli occhi, lasciamo il mondo fuori e ascoltiamo... Un saluto a Mike Baker, da lassù se la ride di sicuro... Room V è stato il suo ultimo disco e, come quelli prima, un capovolaro...
Steelminded
Sabato 26 Marzo 2011, 11.24.55
9
Non so se i Dream siano perfetti, ma ci vanno molto vicino a mio parere... Vedremo ora senza Portnoy come sarà. Quanto agli Shadow Gals semplicemente grandiosi, per certi versi anche meglio del DT.
Electric Warrior
Sabato 11 Dicembre 2010, 14.58.09
8
Ovviamente il disco è un capolavoro come Tyranny, ma la recensione è molto frettolosa e poco approfondita
luci di ferro
Domenica 17 Ottobre 2010, 1.13.29
7
Room V non ha bisogno di presentazioni è l'ennesimo capolavoro, comunque tutti gli album dei shadow gallery sono dei capolavori del progressive metal.
Plinio
Sabato 25 Luglio 2009, 9.38.37
6
Band di classe eccelsa. Ogni CD della loro discografia è fondamentale, soprattutto Carved in Stone
Renaz
Sabato 18 Aprile 2009, 9.02.59
5
Che i Dream sono perfetti lo dici tu, non è una realtà incontrovertibile...
The Cerberman
Domenica 1 Febbraio 2009, 17.05.33
4
"Alla faccia degli otto vari" dice il tizio di sopra... in ogni recensione prog-metal che leggo ci trovo una stupida e inaccettabile critica sui Dream Theater! Ma basta! Insomma! i Dream Theater sono un gruppo perfetto per tecnica, melodie, potenza sperimentazione, non vedo perché bisogna contestarli...
Shadow
Giovedì 30 Giugno 2005, 14.00.01
3
Questa volta gli S.G. hanno voluto regalare un gioiello dalle mille sfacettature nascoste. Dopo aver ascoltato il CD innumerevoli volte, mi accorgo di riuscire ancora a scoprire piccole finezze disseminate nei 75 minuti di musica proposti. Senza nulla togliere allo stupendo lavoro mi permetto di dire che avrei optato per meno parti strumentali (cmq ottime) per poter sfruttare qualche ulteriore melodia vocale per Mike Baker che a mio parere possiede una delle più belle voci in circolazione. GRANDE ALBUM!!!
Satanasso di vallo lù
Mercoledì 29 Giugno 2005, 17.56.45
2
Ottimo cd...BRAVI
Broken
Martedì 14 Giugno 2005, 23.58.50
1
ottimo disco,x ora IL disco prog. del 2005 alla faccia degli otto vari....
INFORMAZIONI
2005
InsideOut
Prog Metal
Tracklist
ACT III:
1. Manhunt
2. Comfort Me
3. The Andromeda Strain
4. Vow
5. Birth of a Daughter
6. Death of a Mother
7. Lamentia

ACT IV:
8. Seven Years
9. Dark
10. Torn
11. The Archer of Ben Salem
12. Encrypted
13. Room V
14. Rain
Line Up
Gary Wehrkamp: Guitar, Keyboards, Piano, Vocals
Carl Cadden-James: Bass, Flute, Vocals
Mike Baker: Lead Vocals
Brendt Allmann: Guitar, Vocals
Chris Ingles: Piano, Keyboards
Joe Nevolo: Drums
 
RECENSIONI
88
83
93
80
ARTICOLI
04/12/2009
Intervista
SHADOW GALLERY
Memorie dal recente passato
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]