Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Ne Obliviscaris
Urn
Demo

Rust
Rust
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

17/11/17
NIGHT OF SUICIDE
Broken

17/11/17
DESPITE EXILE
Relics

17/11/17
ETERNAL FLIGHT
Retrofuture

17/11/17
UNMASK
One Day Closer

17/11/17
THE ADICTS
And It Was So!

17/11/17
ELECTRIC WIZARD
Wizard Bloody Wizard

17/11/17
HUMANASH
Reborn from the Ashes

17/11/17
IMPERIOUS
ales Of Woe - The Journey Of Odysseus - Part II: From Hades To Ithaca

17/11/17
IMPERIOUS
Tales Of Woe - The Journey Of Odysseus - Part I: From Ilion To Hades

17/11/17
OBLIVION
The Path Towards

CONCERTI

17/11/17
KOBRA AND THE LOTUS + SECRET RULE + RAVENSCRY
CIRCOLO SVOLTA - ROZZANO (MI)

17/11/17
ELECTRIC BALLROOM + GUESTS
OFFICINE SONORE - VERCELLI

17/11/17
PANDEMIA + TALES OF DELIRIA + GUESTS
MAT LABORATORIO URBANO - TERLIZZI (BA)

17/11/17
BAFFODORO + UMBRA NOCTIS + TULPA
CIRCOLO ARCI DALLO' - CASTIGLIONE DELLE STIVIERE (MN)

18/11/17
EXTREME NOISE TERROR + GUESTS
CSO RICOMINCIO DAL FARO - ROMA

18/11/17
HELLOWEEN
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

18/11/17
BE THE WOLF + GUESTS
OFFICINE SONORE - VERCELLI

18/11/17
MORTUARY DRAPE + SULFUR + PRISON OF MIRRORS
CIRCUS CLUB - SCANDICCI (FI)

18/11/17
CELESTIA + IMAGO MORTIS + BLAZE OF SORROW
COMUNITA' GIOVANILE - BUSTO ARSIZIO (VA)

18/11/17
HAVENLOST + DISEASE ILLUSION
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

Saxon - Lionheart
( 3397 letture )
L’anno è il 2004, e i Saxon sono giunti al loro sedicesimo album. Forti di una carriera lunga, correlata di molti successi e relative poche cadute, il gruppo inglese capitanato dal singer Biff Byford pubblica Lionheart, il cui titolo rimanda immediatamente alla figura del re Riccardo I d’Inghilterra, meglio noto come “Riccardo Cuor di Leone” (1157-1199), considerato, ai suoi tempi, un vero eroe. L’album ha un sound nel complesso molto graffiante e spedito, grazie alla carismatica voce del sovracitato Biff Byford, presente fin dagli esordi del gruppo, ma soprattutto grazie alla presenza dietro le pelli di Jörg Michael, batterista tedesco che ha dalla sua un’infinita esperienza musicale, avendo infatti prestato la sua tecnica (esecuzioni portate a velocità estreme, doppia cassa quasi onnipresente, e svariati cambi di tempo) a molte band, tra le quali vale la pena citare Rage, Mekong Delta, Axel Rudi Pell, Grave Digger, Running Wild, e appunto Saxon, solo per citare le più importanti. Viene da chiedersi se la scelta di comporre un album dalle sonorità tanto spedite e dal tono molto diretto (questo non avviene nella totalità delle tracce, ma lo si può capire solo ascoltando il disco nella sua interezza) sia da ricollegare alla volontà della band di aumentare il consenso dei propri fans, o se sia solamente una volontà strettamente musicale e qualitativa. Bisogna comunque rendere noto come nei precedenti lavori il livello di velocità e potenza non sia di molto inferiore e talvolta si equivalga. Sta di fatto che questo album è a mio parere un lavoro ben riuscito, nonostante la presenza di alcuni brani che deludono non poco chi lo ascolti (ma questo lo vedremo nell’analisi che ho svolto traccia per traccia). A completare la formazione troviamo Paul Quinn (che al pari di Byford risulta sempre presente nei lavori della band inglese) che come al solito esegue un lavoro straordinario alternandosi all’altro chitarrista Doug Scarratt, autore dell’assolo nella titletrack, ed infine il bassista-colonna portante della band Nibbs Carter, il quale compie un buon lavoro anche con la tastiera.

Il disco si apre con la travolgente Witchfinder General, canzone senza riguardi per nessuno, caratterizzata da una base ritmica portata a livelli di velocità elevatissimi, grazie al superlavoro del duo Carter-Michael, e da un ottimo assolo di chitarra nella parte centrale del pezzo. Un vero gioiello per gli amanti dell’heavy metal classico, che verranno sicuramente catturati dall’ugola cristallina di Biff Byford. La seguente Man And Machine si pone leggermente al di sotto a livello di qualità, ma ha sicuramente dei buoni intenti, e l’ascolto risulta tutto sommato piacevole; il terzo pezzo è un buon intermezzo, dal titolo The Return (una sorta di intro della titletrack che gli fa seguito), eseguito dalla tastiera, da cui traspare una lieve ma cupa melodia, di grande effetto, ma che risulta spezzare forse in modo troppo forte l’atmosfera heavy che caratterizzava l’inizio del disco. A questa breve strumentale segue appunto Lionheart, un altro bel momento dell’album, in cui la voce di Byford esegue acuti straordinari, anche se limitati nella quantità, e in cui la sensazione che si ha è quella di una canzone molto vicina agli stilemi power melodici per il tono che nel suo insieme si rivela trascinante, seppur sempre contenuto. Senza alcun dubbio di grande effetto sentita dal vivo. Beyond the Grave è invece una canzone che sembra voler essere cattiva nelle intenzioni (in particolare nel refrain), ma che a mio parere risulta essere proprio la meno aggressiva e diretta del lotto, ad esclusione delle ballads; per fortuna, a portare in salvo il tutto, arriva l’ottimo assolo presente nella parte centrale del brano, toccante e armonioso. Un altro pezzo che, alla pari di Man And Machine, scorre piacevolmente nello stereo, ma senza incantare più di tanto, è la successiva Justice, maggiormente heavy oriented, che ci porta rapidamente alla frenetica To Live by the Sword, in cui il lavoro di Michael si fa ancora più difficile: lo si sente infatti pestare duro dall’inizio alla fine senza sosta con notevoli risultati, facendo così concorrere questo pezzo con l’opener Witchfinder General per il titolo di canzone più spedita. A voi l’assegnazione del premio!
Il quarto d’ora finale del disco si apre con un secondo intermezzo, Jack Tars, che fa da intro ad English Man o War, canzone un po’ scontata dal punto di vista strettamente musicale, e che inserisco senza problemi tra i brani meno interessanti di questo lavoro. Ed ecco un altro punto forte dell’album: Searching for Atlantis, canzone che mi convince soprattutto nelle sue parti più melodiche, in cui spicca la voce sognante di Byford, che sembra in grado di trascinare l’ascoltatore verso i luoghi più remoti e incontaminati che ci si possa immaginare semplicemente chiudendo gli occhi e ascoltando il pezzo in questione. Chiude il tutto un brano in puro stile heavy metal, Flying on the Edge, con un cantato sporco e cattivo, che sa essere capace di farsi apprezzare anche da coloro che nutrono gusti differenti.

Lionheart prosegue sulla stessa scia dei precedenti lavori in studio, in cui il sound generale si è fatto via via sempre più duro, discostandosi un po’ dai primi album della band; episodi, questi ultimi, di fondamentale rilievo nella storia del metal mondiale. Tutto sommato, se siete amanti dell’heavy metal, questo è un disco che non vi deluderà. Non il più riuscito dei Saxon, questo è certo, ma senza dubbio un album in grado di far apprezzare il proprio valore nel tempo. Una felice riconferma.



VOTO RECENSORE
74
VOTO LETTORI
56.90 su 32 voti [ VOTA]
steveout
Sabato 9 Maggio 2015, 1.34.22
8
i saxon sono sicuramente una tra le migliori band di stampo rock blues heavy metal .... e senza dubbio BIFF , è una delle piu grandi voci del metal in circolazione ...GRANDI SAXON
Philosopher3815
Domenica 3 Agosto 2014, 18.02.07
7
Ottimo album,sempre valido come i precedenti,anzi..forse anche meglio.Basta la doppietta di witchfinder e machine man,per mettere le cose in chiaro..molto originale anche la title track,che tenta nuove sonorita'.Tra l'altro ho avuto modo di vederli dal vivo a Firenze,e sono sempre una band in ottima forma!
InvictuSteele
Martedì 19 Febbraio 2013, 13.06.18
6
uno dei peggiori dischi dei Saxon, solo la title track è splendida, le altre sono anonime, voto 60
matteo36
Venerdì 26 Ottobre 2012, 11.27.41
5
secondo me i saxon al pari di gente come i motorhead fanno parte di quel ristretto club di gruppi che dopo 30 anni dai loro primi capolavori continua a sfornare roba (quasi) dello stesso livello. certo anche loro hanno pubblicato dischi bruttini (crusader,innocence is no excuse) o proprio orrendi (rock the nations e destiny), però album più recenti tipo unleash the beast o the killing ground o questo splendido lionheart sono a livello di strong arm o power and the glory. lunga vita saxon voto 90
blackie
Venerdì 10 Febbraio 2012, 4.35.36
4
disco molto bello la title track e un vero capolavoro!grande biff come sempre!
simone
Venerdì 7 Ottobre 2011, 13.25.46
3
no...scusate....ma quest'album è poesia!! non riesco a NON farmene piacere neanche una!!!
anvil
Venerdì 30 Settembre 2011, 12.35.31
2
Disco Favoloso , ma solo 2 commenti ? sob sob.....
hm is the law
Domenica 25 Settembre 2011, 10.29.05
1
Disco bellisimo, Witchfinder General è un pezzo davvero trascinante!
INFORMAZIONI
2004
SPV/Steamhammer
Heavy
Tracklist
1. Witchfinder General
2. Man And Machine
3. The Return
4. Lionheart
5. Beyond the Grave
6. Justice
7. To Live by the Sword
8. Jack Tars
9. English Man O War
10. Searching for Atlantis
11. Flying on the Edge
Line Up
Biff Byford (Voce)
Paul Quinn (Chitarra)
Doug Scarrat (Chitarra)
Nibbs Carter (Basso)
Jörg Michael (Batteria)
 
RECENSIONI
77
73
80
73
85
76
86
77
75
75
74
70
72
80
78
92
92
65
ARTICOLI
19/12/2016
Live Report
SAXON + OVERTURES
Live Club, Trezzo sull’Adda (MI) - 14/12/2016
04/07/2013
Intervista
SAXON
Biff Byford ai nostri microfoni
26/05/2011
Live Report
SAXON + CRIMES OF PASSION + VANDERBUYST
New Age, Roncade (TV), 26/05/2011
07/05/2007
Intervista
SAXON
La data di Roma
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]