Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Death Angel
Humanicide
Demo

IX – The Hermit
Present Days, Future Days
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

17/06/19
LEFT HAND PATH
Left Hand Path

21/06/19
HOLLYWOOD VAMPIRES
Rise

21/06/19
DREAMSLAVE
Rest In Phantasy

21/06/19
KRYPTOS
Afterburner

21/06/19
MEMORIAM
Requiem for Mankind

21/06/19
THENIGHTTIMEPROJECT
Pale Season

21/06/19
MOONLIGHT HAZE
De Rerum Natura

21/06/19
ABYSSAL
A Beacon In The Husk

21/06/19
TERAMAZE
Are We Soldiers

21/06/19
MAERORMID
Stasi

CONCERTI

17/06/19
WINGS OF BEA METALFEST (day 3)
SANTHIA' - VERCELLI

18/06/19
UADA + PANZERFAUST
Slaughter Club - Paderno Dugnano (MI)

19/06/19
DEF LEPPARD + WHITESNAKE
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

19/06/19
DROPKICK MURPHYS + THE INTERRUPTERS
SHERWOOD FESTIVAL - PADOVA

19/06/19
SHADE EMPIRE + KEEP OF KALESSIN + SKINNED
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

19/06/19
KEEP OF KALESSIN
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

20/06/19
UGLY KID JOE
ROCK PLANET - PINARELLA DI CERVIA (RA)

21/06/19
DESTRAGE
SANTERIA SOCIAL CLUB - MILANO

21/06/19
THE BURNING DOGMA + COCAINE KAMIKAZE
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

22/06/19
MOONLIGHT HAZE + GUESTS
LEGEND CLUB - MILANO

Scorpions - Lovedrive
( 9327 letture )
Ecco un monumento effettivo dell’heavy. Una testimonianza della grandezza di questa band teutonica che per il metal è stata la navicella di contatto e trasmissione di un genere sputazzato e deriso dai media. Negli anni settanta succedeva anche questo, soprattutto nel nostro Paese, dove imperavano canzonette e personaggi patetici da superclassifica show. Gli Scorpions hanno dovuto sobbarcarsi un bel po’ di tonnellate di gavetta per emergere, dalla loro i numeri e la capacità innata nello scrivere pagine storiche sul pentagramma. Il qui presente è il sesto lavoro della saga, editato nel febbraio del 1979, richiamò un briciolo di attenzione per il ritorno parziale, in formazione, di Michael Schenker, fratello minore di Rudolf Schenker, che aveva raggiunto una discreta notorietà con gli UFO. Ma il battage pubblicitario e le critiche asprigne e cattive vennero riservate alla finta bacchettoneria per la copertina, in cui si apprezza una donna con un seno nudo e un bubblegum appiccicato alla mano di un signore con intenzioni bellicosamente trombatorie. Inizialmente il disco venne venduto incartato per camuffare lo scatto peccaminoso, successivamente l’inner sleeve venne sostituita con un disegno davvero sgraziato di uno scorpione blu su uno sfondo nero. Qui a fianco le potete osservare entrambe. Lovedrive costituisce l’approccio e il debutto per Matthias Jabs, nuovo chitarrista solista del gruppo, presentato come sostituto di Uli Roth. Curiosa la sua storia: prima di intraprendere l'avventura con gli Scorps, Jabs faceva parte di un gruppo di Hannover, i Lady, che a metà del 1978 fu invitato da Klaus Meine e soci ad una piccola session improvvisata, senza far trapelare che la band era già alla ricerca di un nuovo guitar player. Da questo momento si costituirà una line-up stabile, divenuta poi quella classica (Meine/Schenker/Jabs/Buchholz/Rarebell) che pubblicherà sei album di enorme successo e che durerà fino agli inizi dei novanta. Dicevamo formazione granitica, nonostante il come-back e il nuovo allontanamento di Michael Schenker, che in questo vinile si diletta a costruire gli assoli per tre song importanti come Another Piece Of Meat, Coast to Coast e Lovedrive.

Otto stecche di metallo che si incastrano ancor'oggi nella spina dorsale e dettano movimenti frenetici e scomposti. Personalmente valuto questo disco solo un punto e un gradino più in basso rispetto al super capolavoro Blackout, vero apice assoluto dell’intera carriera dei tedesconi. L'approccio hard rock che aveva fatto la fortuna degli Scorpions fino a quel momento viene avvicendato da un nuovo “wall of sound” che genera cascate di brandelli epici, senza tralasciare melodie e lenti supremi. L’opener Loving You Sunday Morning, grande pezzo tra l’altro, ha ancora nelle sue corde un hard canonico, anche se il bridge che precede il solo guitar, farcito di cori, è da brividi, poi Antoher Piece Of Meat mostra profonde ferite sino all’osso tanta è la ferocia della stilettata metallica che fornisce. In your face, if you want it or not… Chiaro il concetto? Per chi avesse ancora dubbi, eccovi serviti. Always Somewhere e Holiday inaugurano la preziosa epoca delle ballad auree che faranno la fortuna indubbia dei cinque germanici, due frammenti con un trademark già stagliato. Commoventi, uniche, composte e suonate con quattro palle a testa da ogni membro in line-up. Holiday diviene un intramontabile segmento che farà strage di cuori, compilation soft, avvicinando al metallo eserciti di persone ignare. Coast to Coast, strumentale con la novità del singer Meine nelle vesti di chitarrista ritmico, ha la stessa attitudine di Another Piece... sound diretto e scansioni che lasciano la mano sul volume alto; impossibile fare diversamente.

Can't Get Enough è cantilenante e dura come un marciapiede che si spiaccica sul muso, con tante chitarre selvagge e scatenate, Is There Anybody There? è reggae-metal spettacolare con intonazioni che danno rotondità al tutto, mentre Lovedrive taglieggia atmosfera cupe, innalzando corde vocali infiammate con un ritornello brumoso e da incorniciare. Se cercate chitarre a lametta e track di alto lignaggio questo Lovedrive vi soddisferà pienamente, tenendo bene a mente le puntate melodiche immancabili nel roster degli Scorpions. Prodotto dal mago dei cursori al mixer Dieter Dierks, questo lavoro da studio si accaparrò quattro dischi d'oro negli Stati Uniti e nella terra natia, e fu il primo album degli Scorpions a raggiungere un notevole successo mondiale. Venne registrato in soli tre mesi e mezzo: tra settembre e dicembre 1978, mentre oggi ci sono band che impiegano anni e anni per forgiare un nuovo lp; inutile sprecare parafrasi, lasciamo perdere. Lovedrive io lo amo davvero tanto: semplicemente immancabile.



VOTO RECENSORE
94
VOTO LETTORI
72.32 su 59 voti [ VOTA]
Philosopher3185
Lunedì 22 Aprile 2019, 19.31.39
40
I prodromi del nascente heavy metal! la cosa sorprendente era il sound estremamente esplosivo e duro,sia chitarre che batteria ma questa band era capace anche di scrivere delle ballad incredibili,forse le piu' belle in assoluto..almeno in campo Hard Rock.
cowboy big 80
Domenica 21 Aprile 2019, 21.38.26
39
Per chi ha il rock anni 70/80 nel sangue questo e' un vero e proprio classico, ha una varieta' di stili, ma sempre griffato dal monicker, che altri non possono permettersi. is there prende un po' dai Police, ma rimane comunque un diversivo all'interno di un album curato nei minimi dettagli. State comentando i Rammstein? bene, sono professionisti pure loro e che chi viene dal rock , anche metal, classico, trova scorie alla Krafwerk nella loro musica, musica meccanica che ha piu' a che fare con roba appunto da dj set, infatti a Berlino c'e' la love parade dove i fattoni si ritrovano, blah! che la cover sia anche a favore di tette naturali, probabile il rock quasi sempre non perdona
Diego75
Martedì 2 Aprile 2019, 20.33.07
38
Belllo dall’ inizio alla fine....con questo hanno chiuso gli anni70 alla grande ...praticamente un classico dietro l’altro....voto 100
Aceshigh
Venerdì 13 Ottobre 2017, 14.17.48
37
Album strepitoso! Uno dei capolavori della loro amplissima discografia. Col cambio di line-up gli scorpioni virano verso un sound più "radiofonico", precorrendo a livello di songwriting molto di ciò che l'hard rock proporrà nel decennio successivo (e qui siamo ancora nel '78/'79), il tutto mantenendo dei livelli altissimi malgrado l'enorme varietà di stili che si alternano in questi 40 minuti scarsi. Dall'hard rock più melodico (Loving you Sunday Morning) a quello più scatenato (Can't get enough), dalle ballad al riffone quasi priestiano della title-track fino alle atmosfere caraibiche di Is there Anybody There. Se gli Scorpions occupano un posto d'onore nella storia del rock lo devono anche a questo album, che non può mancare nella collezione di chiunque ami il rock !!!
Maurizio
Lunedì 9 Ottobre 2017, 8.06.06
36
Boom! Esce Uli e guarda caso arriva un suono leggermente più accessibile e un concentrato di classiconi. Era evidente che qualcuno voleva questa svolta...da avere senza remore, ma se volete sentire qualcosa di veramente fantastico con Uli andateVi a sentire In Trance...
Andrew Lloyd
Lunedì 16 Gennaio 2017, 23.17.04
35
Memorabile. Nient'altro a aggiungere.
venom
Mercoledì 21 Dicembre 2016, 1.46.47
34
album stupendo il primo della nuova fase.concordo con max sia scorpions che judas nei 70 erano traordinari con due live memorabili.pero lovedrive rimane un capolavoro assoluto
rik bay area thrash
Martedì 6 Dicembre 2016, 12.29.13
33
Uno tra i primissimi gruppi che ascoltai (era il 1978). Inizia la nuova fase degli scorpions decisamente al passo con i tempi, come è già stato scritto su altri post. Tutto molto bello e con una buona produzione. Qui la compantezza della band si fa sentire decisamente. Qui inizia la scalata alle classifiche ma è stata intrapresa con gusto, grande classe e merito. (Imho).
Max
Martedì 6 Dicembre 2016, 9.26.53
32
Scorpions e Judas hanno quasi fatto la stessa strada e scelte: prima fase per entrambe le band magnifica ( e che io preferisco alla grande rispetto a ciò che è venuto dopo) poi suggellata con live imperdibili , anche se Tokyo Tapes dei tedeschi ha una produzione originale allucinante (poi ampiamente corretta con le successive rimasterizzazioni). Love drive - peraltro molto bello - è il disco di passaggio che ha posto le basi per la discografia successiva ! (che bella che è Coast to Coast!!!)
Rob Fleming
Lunedì 8 Febbraio 2016, 10.54.44
31
Con quest'album nascono gli Scorpions del successo planetario. Tutto molto bello, ma assolutamente differente dal periodo Roth. Ma d'altra parte gli idoli della chitarra sono cambiati. Non più Hendrix, ma Van Halen. Quindi fuori Roth dentro Jabs. Risultato? Ottimo. Loving you sunday morning è puro pop metal nel senso più nobile del termine; Is there anybody there? addirittura esplora territori reggae; Always somewhere e Holiday sono le "solite" magnifiche ballate. Sul fronte duro, Another piece of meat e Can't get enough non deludono l'ascoltatore
robby
Sabato 12 Dicembre 2015, 13.46.28
30
lo sto ascoltando adesso in vinile. grezzo sporco rude ... fottutamente rock'n'roll ! grande album !
Domy66
Lunedì 16 Novembre 2015, 23.08.58
29
Ma come si fa a definire" Is there anybody there" uno schifo???Una merda??Ma scherziamo? Asso ,forse ti piacciono i Korn e cazzabubù cacofonia metalschifida,gusti radicali da "metallico "con paraocchi! tutto il disco è grandioso ,compreso il pezzo in questione!
Peppe
Mercoledì 30 Settembre 2015, 17.59.35
28
Sempre amato e adorato questo album, comprato a pochi anni dalla sua uscita. ..cmnq, giusto per fare il pignoletto, nessuno mi toglierà mai dalla testa, che l inizio di always somewhere, è praticamente "SIMPLE MAN".
Asso
Sabato 16 Maggio 2015, 22.37.22
27
Peccato per quello schifo di pezzo raggae, Is There Anybody There, che è una merda...il resto è da promuovere, bravi
Philosopher3185
Sabato 28 Febbraio 2015, 12.30.34
26
Da qui' gli Scorpions,hanno iniziato a farmi impazzire..ripeto,anche gli album precedenti erano davvero ottimi,ma da qui' in poi,viene fuori tutta la loro carica Hard Rock,senza troppe sperimentazioni,o influenze di altre band..solo Hard Rock,che ha un lato sperimentale e grandi arrangiamenti,un ottima alternativa agli AC|Dc,che sebbene siano per me la band simbolo del genere,sono un po' troppo statici,e poco creativi.
Philosopher3185
Sabato 28 Febbraio 2015, 12.30.32
25
Da qui' gli Scorpions,hanno iniziato a farmi impazzire..ripeto,anche gli album precedenti erano davvero ottimi,ma da qui' in poi,viene fuori tutta la loro carica Hard Rock,senza troppe sperimentazioni,o influenze di altre band..solo Hard Rock,che ha un lato sperimentale e grandi arrangiamenti,un ottima alternativa agli AC|Dc,che sebbene siano per me la band simbolo del genere,sono un po' troppo statici,e poco creativi.
metallo
Giovedì 19 Febbraio 2015, 20.51.17
24
Album potentemente emozionale, hard & heavy magistrale, 3 chitarre da favola con 2 shenker in forma strepitosa e una batteria perfetta, brani vibratamente espressivi.Album che ha fatto storia, bellissimo e intenso. voto 95.
Mulo
Domenica 4 Gennaio 2015, 11.47.14
23
Hard rock potentissimo con pezzi da urlo!!! Chitarre terribilmente heavy x il periodo...In più c'è Michael Schenker...Più di così
Sabbracadabra
Lunedì 24 Marzo 2014, 15.38.59
22
Se devo scegliere un disco degli Scorpions scelgo questo, killer song e le ballad + belle e meno ruffiane.
Stefano
Mercoledì 18 Gennaio 2012, 22.39.13
21
Always Somewhere e Holiday, coast to coast....Cristo che disco, che canzoni !!!!! Immortali oggi, ieri e domani e così per l'eternità. Che Dio abbia in gloria gli Scorpions!!!!!!!!!!!!!
Radamanthis
Giovedì 29 Settembre 2011, 20.08.39
20
Si si si Billo, fidès!!! Acquisto a scatola chiusa e non ne rimarrai deluso!
BILLOROCK fci
Martedì 27 Settembre 2011, 17.24.40
19
Da parte mia invece, devo fare un salto al negozio tattico, per recuperare questo cd, vivamente consigliato da Radamanthis e Frankiss, si si si.. l acquisto è d obbligo !!
N.I.B.
Martedì 27 Settembre 2011, 15.37.02
18
Come hai detto tu... SEMPLICEMENTE IMMANCABILE... \,,/ ...!!
dantes
Martedì 27 Settembre 2011, 11.05.01
17
... che bella recensione ... e che bell'allbum. Band sempre troppo sottovalutata, maestri nel combinare con efficacia sound hard e tagliente con la melodia. Maestri indiscussi delle ballads. Quando Wind of Change, non ne rimasi così impressionato. Poi tutti sappiamo come è andata, ma aldilà del risvolto "sociale" di quegli anni, quella canzone per me resterà sempre indietro anni luce da perle come Holiday, Always Somewhere, When the Smoke is ... e Still Loving You. Comunque Lovedrive è un disco mitico, meraviglioso, dal peso specifico impressionante, alla "vecchia maniera" pre-CD: 8/9 canzoni tutte valide, tutte con la propria personalità, riconoscibili dalle prime note e dai relativi attacchi come impronte digitali ... 8/9 canzoni e NO filler:così erano i grandi album. In generale, credo che difficilmente fra 30/40 anni si parlerà di album attuali considerati decenti (di capolavori non ne ho proprio sentiti, scusate) come ancora ora, ai giorni nostri , si parla e si tratta di certe opere dei 70/80 ... sempre superiori senza necessariamente dover essere per forza un fenomeno di massa o di fama mondiale per essere ricordato o considerato. Un saluto a tutti, grazie Metallized.
Red Rainbow
Martedì 27 Settembre 2011, 9.38.29
16
Recensione impeccabile, disco semplicemente imprescindibile.... con due chicche "hors categorie" come Coast to coast (sentito di rado nel metal un simile intreccio lead/rhytm...) e Is there anybody there ? (solo dei geni potevano sconfinare nel reggae-metal, peccato che nessuno ne abbia seguito le tracce...). Voto : 92
Radamanthis
Lunedì 26 Settembre 2011, 17.03.07
15
@Frankiss: meritatissimi!
Frankiss
Lunedì 26 Settembre 2011, 16.58.02
14
@Billo..urge averlo subito..@Rada...grazie per i complimenti!!!
BILLOROCK fci
Lunedì 26 Settembre 2011, 16.57.40
13
ottimo, grazie per la dritta !!
Radamanthis
Lunedì 26 Settembre 2011, 16.55.14
12
Eh si Billo, DEVI! A prescindere dal fatto che della discografia degli Scorpions bisognerebbe avere tutto (o quasi)!!! Consigliatissimo!
BILLOROCK fci
Lunedì 26 Settembre 2011, 16.51.38
11
azz.. non lo conosco sto disco!! dovrò rimediare !! oh yeah...
Radamanthis
Lunedì 26 Settembre 2011, 12.40.09
10
Un disco favoloso, pieno di grandi classici e senza punti deboli. Voto e recensione perfetti, bravissimo Frankiss!
LoSpaccone
Lunedì 26 Settembre 2011, 9.26.02
9
Uno dei dischi della mia adolescenza. E' un disco di transizione e fa un pò da spartiacque nella carriera degli Scorpions: il primo senza Roth (e si sente), più arioso dei lavori precedenti ma anche meno omogeneo in cui s'intravedono il tentativo della band di definire il proprio stile e un approccio compositivo più orientato alla riuscita della singola canzone. L'inizio di "Always somewhere" ricorda un pò troppo quello di "Simple man" degli Skynyrd. La titletrack è un super pezzo
Barry
Lunedì 26 Settembre 2011, 1.55.00
8
Album semplicemente magnifico
Maurilio
Domenica 25 Settembre 2011, 18.41.23
7
Grandissimo disco con degli straclassici del genere. Da avere a tutti i costi. Io ho l´LP con la copertina criticata, ma lo comprai nel 1988, si vede che lí la censura era caduta, per fortuna.
Metal3K
Sabato 24 Settembre 2011, 18.43.14
6
Uno dei miei dischi preferiti da ragazzo, uno dei miei ricordi più belli adesso... Diciamo che stiamo parlando di un classico!
lambia
Sabato 24 Settembre 2011, 17.14.15
5
strepitoso...
Frankiss
Sabato 24 Settembre 2011, 15.48.36
4
Grazie per i complimenti ragazzi!!!
ThreePieces
Sabato 24 Settembre 2011, 14.47.46
3
Disco stratosferico!!!!!! il primo album che mi trasportò nel mondo del metal!!! complimenti vivissimi al recensore, 95
Lizard
Sabato 24 Settembre 2011, 10.59.48
2
Meraviglioso, un disco immortale, inscalfibile dal tempo. E' incredibile quanto talento e quanta capacità compositiva e classe esecutiva gli Scorpions siano riusciti a condensare nei loro dischi. Lovedrive è uno di quei dischi che chiunque deve possedere.
Hellion
Sabato 24 Settembre 2011, 10.48.12
1
..grande rece...8 canzoni, 8 classici, punto.
INFORMAZIONI
1979
EMI
Hard Rock
Tracklist
1. Loving You Sunday Morning
2. Another Piece of Meat
3. Always Somewhere
4. Coast to Coast
5. Can't Get Enough
6. Is There Anybody There?
7. Lovedrive
8. Holiday
Line Up
Klaus Meine (Voce)
Rudolf Schenker (Chitarra)
Matthias Jabs (Chitarra)
Francis Buchholz (Basso)
Herman Rarebell (Batteria)
Michael Schenker (Chitarra solista su tracce 2,4 e7)
 
RECENSIONI
80
74
75
80
61
86
95
95
80
94
84
91
80
ARTICOLI
30/07/2018
Live Report
SCORPIONS
Arena di Verona, 23/07/2018
04/07/2016
Live Report
SCORPIONS
MEO Arena, Lisbona, 28/06/2016
14/11/2015
Live Report
SCORPIONS + GUESTS
Roma / Assago (MI), 9-11/11/2015
07/03/2015
Articolo
SCORPIONS - URAGANO TEDESCO
La recensione
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]