Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Phil Campbell
Old Lions Still Roar
Demo

Pinewalker
Migration
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

21/11/19
SIGNUM REGIS
The Seal Of A New World

21/11/19
DUST
Breaking The Silence

22/11/19
LINDEMANN
F & M

22/11/19
CRYPTIC BROOD
Outcome of Obnoxious Science

22/11/19
BLOOD INCANTATION
Hidden HIstory of the Human Race

22/11/19
LORD MANTIS
Universal Death Church

22/11/19
AVATARIUM
The Fire I Long For

22/11/19
BLOOD EAGLE
To Ride In Blood & Bathe In Greed - Part III

22/11/19
BLOOD INCANTATION
Hidden History Of The Human Race

22/11/19
CRYSTAL VIPER
Tales of Fire and Ice

CONCERTI

20/11/19
AMON AMARTH + ARCH ENEMY + HYPOCRISY
ALCATRAZ - MILANO

21/11/19
SKID ROW + HOLLOWSTAR
PHENOMENON - FONTANETO D/AGOGNA (NO)

22/11/19
EARTH + GUEST
BLOOM - MEZZAGO (MB)

22/11/19
SKID ROW + HOLLOWSTAR
CAMPUS MUSIC INDUSTRY - PARMA

22/11/19
HEIDEVOLK + GUESTS
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

22/11/19
STRANA OFFICINA + COLONNELLI
THE CAGE THEATRE - LIVORNO

22/11/19
HADDAH + GUESTS
OFFICINE SONORE - VERCELLI

22/11/19
SAKEM + GUESTS
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

23/11/19
EARTH
TPO - BOLOGNA

23/11/19
HELLUCINATION + JUMPSCARE
PHOENIX FEST - CAMERINO (MC)

Shy - Shy
( 2866 letture )
Dopo cinque anni di attesa tornano alla ribalta gli inglesi Shy, band formatasi nel lontano 1983 con all’attivo nove album in studio. La proposta musicale di questa formazione può essere inglobata nel genere A.O.R. di stampo americano con inclinazioni verso l’hard rock ed il pop. Il combo di Birmingham con il nuovo omonimo disco dall’anonima cover nera ci propina dodici tracce con marcati ammiccamenti allo stile dei Journey. Se vogliamo, tuttavia, fare un irriverente paragone tra il sontuoso e per certi versi sorprendente recentissimo Eclipse e questo sin troppo anonimo platter, gli Shy, mi duole dirlo, ne escono senza mezzi termini con le ossa rotte. Non basta, infatti, l’eccellente produzione assicurata in collaborazione con Andy Faulkner, l’accattivante vocalism di Lee Small e il tutto sommato valido lavoro alla sei corde curato da Steve Harris (da non confondere ovviamente con l’omonimo bassista degli Iron Maiden), se poi indefessamente si intende permanere con cocciuta ostinazione e per quasi tutta la durata del full length in ristagnanti e lagnose atmosfere a dir poco melense. Se, inoltre, aggiungiamo l’utilizzo in sottofondo continuo e fastidioso di un tappeto di tastiere con il risultato di appesantire inutilmente il sound privandolo di quell’opportuna essenzialità che non guasta mai, direi proprio che il quadro d’insieme sia sin troppo chiaro e completo.

Raramente negli ultimi tempi mi è capitato di sorbirmi un lavoro così tedioso; è palese che gli Shy non abbiano inteso rischiare assolutamente nulla ricercando un songwriting prettamente radiofonico ed orientato paurosamente verso il pop (non che questo sia necessariamente un difetto, sia ben intesi, ma se devo ascoltare del pop preferisco di gran lunga altri gruppi che meglio sanno districarsi nello specifico settore). Pochissimi sono i momenti che meritano di essere menzionati per il resto, per usare una frase fatta e sempre efficace, stendiamo un velo pietoso: il tutto scorre via come un’anonima e piovosa giornata invernale.
In fin dei conti ad essere sinceri si parte anche bene grazie all’hard rock dell’opener Land of a Thousand Lies, apice di Shy, della quale si apprezza il piacevole tema portante, sebbene basti la seguente scontatissima So Many Tears con il suo refrain orecchiabile all’inverosimile per farti sconsolatamente cadere le braccia a terra. Accettabile seppur nella sua convenzionalità Run Out of Time, mentre Breathe è la classica canzone strappalacrime con una buona performance di Small. Si prosegue tra alti e bassi, questi ultimi decisamente preponderanti rispetto ai primi, con pregevoli momenti nella lunga Sanctuary (intrigante l’assolo di chitarra nella parte iniziale e l’incedere marziale del pezzo) e nella melodia struggente di Save Me.

Una prova insufficiente che chissà forse poteva risultare migliore qualora gli Shy avessero osato spostare il baricentro della loro musica verso l’hard rock piuttosto che prediligere il pop senza, peraltro, la necessaria qualità. Dopo cinque anni di attesa ci si aspettava qualcosa di meglio.



VOTO RECENSORE
54
VOTO LETTORI
46.29 su 31 voti [ VOTA]
Orazio'72
Sabato 27 Aprile 2013, 12.08.23
26
Son d'accordo con Giovanni. Album insipido
Giovanni
Sabato 27 Aprile 2013, 11.31.26
25
Amo l'AOR, ma questo disco è stucchevole da morire. Cinque anni di atesa per una musica a dir pocp modesta, condivodo il voto,quello dei lettori però.
hm is the law
Lunedì 22 Aprile 2013, 20.09.23
24
@ Andy \\\'71:
Andy \\\'71
Lunedì 22 Aprile 2013, 17.56.38
23
Hm is the law@ma certo che vi seguo,non sarà di certo una recensione che non condivido,magari con troppo vigore,ma cazzo gli Shy davvero meritano,eheheh,che mi farà perdere la stima che nutro in chi come voi si sbatte per farci avere GRATIS un sito che tratta la NOSTRA musica preferita!
hm is the law
Lunedì 22 Aprile 2013, 14.01.26
22
@ Andy \\\'71: i gusti sono gusti e rispetto la tua opinione, ma rimango della mia. Sicuramente è un disco che divide e lo dimostrano i commenti stessi a questa recemsione ed il voto dei lettori (troppo basso a dire il vero). Seguici ancora
Andy \\\'71
Lunedì 22 Aprile 2013, 13.33.38
21
L'ho visto solo ora e non ci credo.........54??????Se questo disco è da 54 allora tutti i dischi di aor/hard melodico degli ultimi anni andrebbero cestinati....Questo non solo secondo me è un disco strepitoso,sopraffino,ma è il disco del riscatto per questa magnifica band,lee Small canta divinamente,Steve Harris(R.I.P.)è tornato a tessere in magistralmente la rete chitarristica della band è gli altri fanno la loro figura.....Davvero,io rispetto sempre le recensioni e i gusti,però secondo me,con tutto il rispetto Fabio,quì hai preso un abbaglio.In questo disco ci sono tutti gli ingredienti necessari per un capolavoro del genere,a partire dalla produzione stellare,dal cantato strepitoso e dai pezzi,ora sinfonici,ora dal tocco epico,col la ballata perfetta Only for,pezzi più hard e altri più radiofonici....Insomma aor!Io non sò tu cosa ritenga aor,ma fidati io il genere lo adoro da 30 anni,e ti assicuro che quì siamo alivelli altissimi voto 90!"utilizzo continuo e fastidioso di tappeto di tastiere"?????Quello che tu dici fastidioso è l'abc dell'aor non capisco,forse il genere ho lo conosci poco o poco ti piace,veramente voglio essere scevro da polemiche e mai mi son permesso,ma quì sembra che tu abbia ascoltato un altro disco,ripeto i gusti son gusti,ma quì oggettivamente ci sono le potenzialità per un disco clamoroso!Scusa il vigore con cui scrivo,ma oltre che adorare l'hard melodico da 30 anni,io ascolto anche black metal,prog,death ,punk ecc,quindi non ho asolutamente paraocchi per la musica,tra l'altro non ho visto una sola recensione dargli meno di 70!Ripeto,scusa lo sfogo ma non concordo assolutamente.
SWANEE
Sabato 19 Novembre 2011, 12.52.13
20
Secondo me la verità sta nel mezzo. 95 è troppo, ma 54 è troppo...poco! Io gli dò un 80. E comunque anche per me compete come uno dei migliori dischi AOR del 2011. La voce di Small ha una tonalità più bassa di Mills, allora le melodie sono un pò più "dolci". Ma da qui a dire che gli SHY sono pop, mi sembra esagerato!|!! Anche perchè POP non è una bestemmia. Lo diventa quando una canzone ripete il ritornello all'INFINITO in una stessa canzone.... se invece un ritornello è un pò più dolce su qualche pezzo, ci può stare.... Ma quello che non sentirai MAI dalle varie Lady Gaga, Shakira, Katy Perry et simili, sono gli arrangiamenti che "vestono" le canzoni: sono loro che mi (e spero ci) fanno amare il rock!! Anzi, dico anche che fra le bands AOR, gli SHY sono tra quelli che suonano coi controcoglioni! non si limitano al riff e all'assolo di 25 secondi 25!!. Qui cè tutto, intro, riffs, assoli, cambi di tempo, intrecci con le tastiere, stacchi imperiosi di batteria e chi più ne ha più ne metta..... un sound sicuramente superiore alla media delle produzioni del genere... A presto... e buon rock!
hm is the law
Domenica 30 Ottobre 2011, 22.08.04
19
Intendo esprimere in questa sede le più vive condoglisnze alla famglia di Steve Harris stroncato da un male incurabile.
hm is the law
Venerdì 28 Ottobre 2011, 21.12.26
18
@ Steve: visto che non ti piacciono le nostre recensioni hard-rock melodico / AOR puoi sempre candidarti a farle tu.
Ale78
Venerdì 28 Ottobre 2011, 15.42.43
17
Disco bruttino e insipido per me sotto la sufficienza
Mezza
Venerdì 28 Ottobre 2011, 13.51.44
16
forse, lo ammetto, fin troppo appassionato.. lo dimostra come mi infuoco a difesa dei dischi che reputo ottimi
Mezza
Venerdì 28 Ottobre 2011, 13.50.52
15
guarda, detto col cuore non prendo una lira, quindi manco io mi reputo giornalista ma solo appassionato.
Khaine
Venerdì 28 Ottobre 2011, 12.34.05
14
C'è anche da dire che dare 95 punti a sto disco significa -col dovuto rispetto per la band- non aver mai ascoltato AOR, o in alternativa avere un metro di misura tarato molto male. Le lezioni di critica e giornalismo musicale facciamole da qualche altra parte: noi non le accettiamo perchè, forse a differenza di qualcun altro, non ci consideriamo giornalisti ne critici.
Shy
Venerdì 28 Ottobre 2011, 12.16.36
13
Ma per Diana.... dovete parlare di noi, non di voi stessi!! Eh, cavolo, poi dicono che siamo una band "timida" fuck...
Mezza
Venerdì 28 Ottobre 2011, 11.55.16
12
ciò non toglie che sei liberissimo di farlo
hm is the law
Venerdì 28 Ottobre 2011, 11.33.39
11
@ Mezza: allora siamo colleghi! Mi sono letta la tu recensione per curiosità. Lo definisci l'album hard rock melodico dell'anno, la pensiamo diversamente, ma non commenterò negativamente sul sito dove scrivi.
Mezza
Venerdì 28 Ottobre 2011, 11.18.14
10
no ma figurati, fai te che sono recensore per EDITbyKHAINE e quindi so quanto le critiche comunque siano ben accette per una redazione e anzi utili, quindi non hai assolutamente da motivarmi il vostro lavoro, figurati pero' capisci che se io valuto il disco da 95 sul sito a cui lavoro e tu da 54 il contrasto nasce naturale eheh
hm is the law
Venerdì 28 Ottobre 2011, 11.00.21
9
ma questa testata è tutto meno che non trasversale... ovviamente volevo dre cosi ma senza occhiali non ce vedo un tubo
hm is the law
Venerdì 28 Ottobre 2011, 10.59.04
8
@ Mazza: ascolto rock da tantissimi anni e mi piace l'AOR (ho recensito Eclipse dei Journeye lo reputo un grande album) per cui no penso di essere un insadatto come mi definisci tu. Semplicemente forse mi apettavo qualcosa di più dagli Shy dopo anni di attesa. Resta intesi che in questa sede è giusto esprimere un parere contrario e ci mancherebbe, ma questa testata è tutto meno che trasversale atteso che recensiamo da De Andre' fimo ai Nepalm Death. Ciao e seguici sempre magari in qualche altra recensione ci troveremo d'accorco
Mezza
Venerdì 28 Ottobre 2011, 10.50.23
7
può essere che la gente che passa su sto sito, salvo qualche rara eccezione, sia più orientata all'ascolto del solo metal, non riuscendo a capire e interpretare al meglio un uscita come questa. Se oltre al ''metallo'' ami anche hard rock, AOR e compari, beh, una pubblicazione come questa non ti fa di certo sbadigliare, anzi.. Solo la prestazione vocale di Small deve portarti a valutare il disco sopra gli 80.
hm is the law
Venerdì 28 Ottobre 2011, 10.47.14
6
@ Mezzauo' essere che sia tu in erore visto che su dieci voti l'album non raggiunge 66 su 100 e tu lo reputi addirittura una delle migliori uscite del 2011.
Mezza
Venerdì 28 Ottobre 2011, 10.42.51
5
Inadatto tu..
hm is the law
Venerdì 28 Ottobre 2011, 10.37.07
4
Contenti voi
Mezza
Venerdì 28 Ottobre 2011, 10.17.59
3
Concordo con Steve, dire gli Shy ''non abbiano inteso rischiare assolutamente nulla ricercando un songwriting prettamente radiofonico ed orientato paurosamente verso il pop'' significa che o non si è per nulla capaci di parlare di questo genere o non si è ascotlato il disco con la dovuta attenzione. In questo disco gli Shy hanno ritrovato una capacità compositiva che gli mancava da molto tempo, variando notevolmente anche il loro sound per favorire soprattutto la massima riuscita di quel gran cantante che sono stati in grado di ingaggiare, che in quanto a tecnica da dei grandissimi punti al suo più illustre predecessore. Insomma, mi pare che abbiano rischiato fin troppo gli Shy con questa uscita, uscendone vincitori e con un uscita assolutamente non pop e scontata come qui mi pare di leggere. Ci troviamo di fronte a una delle migliori uscite del genere nel 2011.
Steve
Venerdì 28 Ottobre 2011, 9.28.56
2
Rimango sempre più basito dalla qualità delle recensioni di hard-rock melodico / AOR di questo sito... cercate per favore dei recensori che ne capiscano qualcosa.
valereds
Giovedì 6 Ottobre 2011, 18.51.14
1
Noioso.
INFORMAZIONI
2011
Escape Music
AOR
Tracklist
1. Land of a Thousand Lies
2. So Many Tears
3. Ran Out of Time
4. Breathe
5. Blood On The Line
6. Pray
7. Only For The Night
8. Live For Me
9. Over You
10. Sanctuary
11. Save Me
12. Union of Souls
Line Up
Lee Small (Voce)
Steve Harris (Chitarra)
Joe Basketts (Tastiera)
Roy Davis (Basso)
Bob Richards (Batteria)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]