Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Evergrey
The Atlantic
Demo

BlurryCloud
Pedesis
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

01/03/19
QUEENSRYCHE
The Verdict

01/03/19
CLIMATE OF FEAR
The Onset of Eternal Darkness

01/03/19
HEAUME MORTAL
Solstices

01/03/19
CARTOGRAPHS
Wilt & Blossom

01/03/19
WHILE SHE SLEEPS
So What?

01/03/19
MARK MORTON
Anesthetic

01/03/19
IN FLAMES
I, The Mask

01/03/19
DARKWATER
Human

01/03/19
BROWBEAT
Remove the Control

01/03/19
DER WEG EINER FREIHEIT
Live In Berlin

CONCERTI

23/02/19
BUCKCHERRY + GUESTS
ROCK PLANET - PINARELLA DI CERVIA (RA)

23/02/19
...AND YOU WILL KNOW US BY THE TRAIL OF DEAD
COVO CLUB - BOLOGNA

23/02/19
UNDISPUTED ATTITUDE FESTIVAL
DEFRAG - ROMA

23/02/19
SATAN + RAM + SCREAMER
CIRCOLO ARCI MU - PARMA

23/02/19
OPERATION MINDCRIME
MEPHISTO - ALESSANDRIA

23/02/19
PROSPECTIVE
DA MONSTAS - PORTO POTENZA (MC)

23/02/19
NANOWAR OF STEEL
FUORI ORARIO - TANETO (RE)

23/02/19
FORGOTTEN TOMB + GUESTS
BOCCIODROMO - VICENZA

23/02/19
BLACK THERAPY + EVIL NEVER DIES
EVILUTION CLUB - ACERRA (NA)

23/02/19
ENUFF Z' NUFF + SISKA
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

H-Bomb - Coup de Metal
( 1287 letture )
Si può essere un gruppo dal sound inconfondibilmente marchiato NWOBHM, e ciò nonostante non provenire dalla terra d’Albione? La risposta è sì e ce lo confermano i francesi H-Bomb, band che conobbe un brevissimo momento di notorietà proprio ad inizio anni ’80, quando il coinvolgente sound britannico imperversava in Europa. Forse, proprio per questo motivo, i ragazzi guidati dal cantante Didier Izard apparvero inevitabilmente come cloni di Iron Maiden e soci, cosa che impedì loro di raggiungere un pubblico più vasto, ma che in ogni caso li ha scolpiti nella memoria dei nostri cugini d’Oltralpe, che li considerano fra i padri della propria scena metal.

Il loro esordio discografico, che qui andremo ad analizzare, è l’EP Coup de Metal, dell’ormai lontano 1983: il genere proposto dai cinque galletti, come già detto, è un veloce heavy metal sulla falsariga di quanto proposto dai mostri sacri d’Oltremanica, che in alcuni punti potrebbe tranquillamente essere assimilato allo speed metal.
Apre le danze l’anthemica H-Bomb, scandita da un classico riff di chitarra vigorosamente sostenuto dal basso e dalla batteria: la voce del cantante Didier Izard è pressoché perfetta per il genere e si alterna fra momenti graffianti ed acuti lancinanti, mantenendosi su una linea vocale che non fa gridare al capolavoro, ma che comunque coinvolge, specie quando, prima e dopo l’assolo di chitarra, il nostro urla a squarciagola “BOMB”. Certo, non tutti potrebbero trovare affascinante il fatto che il brano sia cantato interamente in francese, dato l’ovvio ed inflazionato predominio dell’inglese in questo genere di musica (e nella musica in generale), ma aggiunge senz’altro un po’ di particolarità ad una canzone che, messa in apertura, centra il suo bersaglio alla perfezione. Un’atmosfera più marziale –e come potrebbe non esser così– apre invece Dans les Griffes d’Attila, brano un po’ meno brillante del precedente, ma che si riscatta grazie ad un fantastico assolo e ad una serie di riff che variano il suo andamento generale. Si ritorna alla velocità con il terzo brano, Chasseur de Frime, talmente pregno di spirito NWOBHM che, se non fosse per il francese, si sarebbe portati a ritenerlo una creazione di qualche gruppo britannico di seconda fascia (ma non ditelo né ai francesi né agli inglesi, potrebbero considerarlo un insulto, visto il poco amore reciproco). Nel complesso, anche a causa di un riff meno ispirato, si ha l’idea che ci siano un po’ troppe somiglianze con la traccia d’apertura, ma un altro ottimo assolo spazza via i mugugni. Il quarto brano, Le Loup, contribuisce a smorzare possibili voci di dissenso grazie ad un ritmo che, pur mantenendosi eguale a quello dei brani precedenti (escluso il secondo), con la batteria pressoché fotocopiata, viene vivacizzato da numerosi riff stavolta azzeccati. L’emblematica Condamné à Mort entusiasma meno per colpa, di nuovo, di una leggera monotonia di fondo che si avverte ed a causa anche di un ritornello che stavolta convince poco. Forse, nonostante una serie di riff comunque piacevoli, si tratta del peggior brano di questo breve lavoro. La sesta traccia dell’EP è la title-track, che dunque i nostri amici galletti mettono inaspettatamente a conclusione della loro prima fatica: il livello torna buono e, pur non eguagliando quello dei brani iniziali, qui gli H-Bomb ci regalano i soliti buoni riff, i consueti assoli al fulmicotone ed una linea vocale non originalissima, ma nemmeno troppo scontata.

In conclusione, l’esordio discografico della band francese è certamente positivo: certo, alcuni brani, come evidenziato in recensione, sono sottotono e, in generale, ancor più che una vera e propria scarsa originalità, si ha l’impressione che il gruppo paghi ancora un po’ di inesperienza ed acerbità. Ma la musica c’è e lo stesso si può dire per le capacità: peccato solo che siano durati così poco, anche se in Francia sono tuttora guardati con il massimo rispetto, nonché come una delle poche bands che avrebbe potuto rivaleggiare con la massa di gruppi provenienti dalle bianche scogliere di Dover. Chapeau.



VOTO RECENSORE
75
VOTO LETTORI
24.11 su 17 voti [ VOTA]
jek
Martedì 15 Novembre 2011, 20.37.06
1
Ho questo disco in vinile, condivido la recensione sulla qualità dei pezzi e devo dire che la lingua francese non stona in un contesto metal nonostante suoni non tanto "maschia". Li trovo un po' motorhead ma fanno del buon metal, sostanzialmente un ottimo disco e un'ottima testimonianza di quegli anni.
INFORMAZIONI
1983
RaveOn Records
Heavy
Tracklist
1. H-Bomb
2. Dans les Griffes d’Attila
3. Chasseur de Frime
4. Le Loup
5. Condamné à Mort
6. Coup de Metal
Line Up
Didier Izard (Voce)
Christian Martin (Chitarra)
Armando Ferreira (Chitarra)
Philippe Garcia (Basso)
Gerard Michel (Batteria)
 
RECENSIONI
75
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]