Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Premiata Forneria Marconi
Emotional Tattoos
Demo

Rust
Rust
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/11/17
HYPERION
Dangerous Days

24/11/17
SCORPIONS
Born To Touch Your Feelings

24/11/17
LOCH VOSTOK
Strife

24/11/17
STRAY TRAIN
Blues From Hell

24/11/17
WILDNESS
Wildness

24/11/17
HOUSTON
III

24/11/17
AETHERIAN
The Untamed Wilderness

24/11/17
DEEP AS OCEAN
Lost Hopes | Broken Mirrors

24/11/17
STARBLIND
Never Seen Again

24/11/17
DEGIAL
Predator Reign

CONCERTI

22/11/17
MARILYN MANSON + GUEST
PALA ALPITOUR - TORINO

22/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
SANTERIA SOCIAL CLUB - MILANO

23/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
QUIRINETTA - ROMA

24/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
ALMAGIA' TRANSMISSIONS FESTIVAL - RAVENNA

24/11/17
DESPITE EXILE
VECCHIA SCUOLA PUB - PALAZZOLO (BS)

24/11/17
BLACK STAR RIDERS
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

24/11/17
6TH COUNTED MURDER + KALIAGE
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

25/11/17
THE MODERN AGE SLAVERY + DESPITE EXILE + AMBER TOWN
LA TENDA - MODENA

26/11/17
MESS EXCESS + AENIGMA
RIFF CLUB - PRATO

27/11/17
MASTODON
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

Threat Signal - Threat Signal
( 2771 letture )
Al di là del metalcore.

Arrivati in pieno fermento metal-core, i Threat Signal diedero da subito dimostrazione di come fosse possibile raggiungere un elevato tasso qualitativo anche cedendo il passo al refrain. Bastava non abusarne, curare a dovere il songwriting e permettere -così facendo- un bilanciamento tra le due anime che convivevano nel medesimo sound. Under Reprisal, uscito sotto Nuclear Blast, fece il botto tra gli appassionati, e destò l’interesse anche in coloro i quali mai avrebbero pensato di rivolgersi a tali ascolti. Era migliore di tanti prodotti analoghi, eppure ripercorreva le medesime strade di molte altre band. Il successore di quel disco, Vigilance, anche se di qualità ancora superiore alla media, mostrava il fianco a critiche, tanto per la scrittura dei pezzi, quanto per l’impatto che non lo caratterizzava appieno.
Il terzo album è la prova decisiva, spesso identifica la fase calante o crescente di un gruppo.
Il problema è che la band nel corso di questi pochi anni ha visto la propria line up continuamente rinnovata; del precedente album sono rimasti solo il cantante -unico membro originario ancora presente- ed il bassista.

Date tali premesse ero scettico sulla eventuale ripresa dei canadesi, e dopo molti ensemble che negli anni si sono seduti su se stessi, mi sarei aspettato l’ennesima opera sciatta, realizzata col puro intento di onorare un buon contratto discografico.
Mi sbagliavo, i Threat Signal sono più vivi che mai.

E’ vero che in giro di musicisti preparati ce ne sono, però bisogna anche saperli scegliere, far sì che i nuovi membri siano a proprio agio col sound che si vuole creare senza badare solo ed esclusivamente alla preparazione tecnica. In questo Jon Howard e Pat Kavanagh si sono mostrati eccellenti selezionatori, favorendo l’ingresso in formazione di personalità adeguate alle proprie idee.
Il sound dei Threat Signal ne è uscito rinnovato rispetto alle precedenti uscite, addirittura arricchito e seppur rimanga devoto alle caratteristiche che l’hanno preceduto, mostra nuova linfa, spunti maggiori ed ottime speranze per il futuro.

Il passato non viene rinnegato, ma costituisce solo la base del presente. Anche nel nuovo, omonimo album, le linee che sorreggono l’insieme delle canzoni rimangono le medesime che hanno accompagnato la band all’esordio. Quel che migliora, soprattutto rispetto a Vigilance, è l’attitudine con la quale i musicisti approcciano alla scrittura dei pezzi.
C’è molto più groove che in precedenza, i pezzi risultano quasi tutti moderni ma tirati, e se non fosse per alcuni refrain, il nuovo lavoro non potrebbe nemmeno essere catalogato nel metal-core. Non di rado si notano influenze targate Devildriver, Fear Factory, Despised Icon e perfino qualche lievissimo riferimento ai lavori di Devin Townsend, anche se i nostri canadesi personalizzano il mood per far sì che ciò è derivativo non suoni quale mera copia. Le voci e la tecnica strumentale, da sempre punti di forza per i Threat Signal, conservano la qualità degli inizi. Anche le linee di chitarra sono su livelli superiori alla media perché sono varie, aperte, a volte imprevedibili. La sezione ritmica sorregge l’impalcatura senza mai strafare, segno di come non si debba pestare dall’inizio alla fine, ma solo quando ce n’è davvero bisogno.
Nel complesso la produzione è brillante, gli strumenti si sentono in maniera chiara, senza coprirsi e creare quel “pastone” iper-pompato, saturo e uguale a tanti altri.

Non posso dire se Threat Signal rappresenti un nuovo riferimento per il genere, o addirittura se riuscirà ad indicare quale direzione dovrebbe essere presa da tanti altri per risollevarsi dall’oblio che precede la fine.
Sono però convinto che il disco abbia le carte in regola per accontentare tanti ascoltatori, i quali, pur non disprezzando a priori il metalcore e il deathcore, hanno visto negli anni troppi cloni, e -a ragione- se ne sono stancati.



VOTO RECENSORE
80
VOTO LETTORI
40 su 29 voti [ VOTA]
alex1983
Lunedì 17 Ottobre 2011, 13.04.03
2
gran bell'album... ahahahah grande lazio... ridicoli, avete pianto per uan settimana per la scelta dell'arbitro, e si sono visti i risultati... tagliavento dodicesimo uomo in campo biancoceleste...
davidian
Domenica 16 Ottobre 2011, 23.44.12
1
finito l'ascolto dell'album proprio adesso,dopo il derby. grande album, non me lo aspettavo. e grande lazio.
INFORMAZIONI
2011
Nuclear Blast
Metal
Tracklist
1. Uncensored
2. Comatose
3. New World Order
4. Trust In None
5. Face The Day
6. Fallen Disciples
7. Disposition
8. Death Before Dishonor
9. Buried Alive
Line Up
Jon Howard – Vocals
Travis Montgomery – Guitars
Chris Feener – Guitars
Pat Kavanagh – Bass
Alex Rudinger – Drums
 
RECENSIONI
70
77
ARTICOLI
10/10/2013
Live Report
THE AGONIST + THREAT SIGNAL + MORS PRINCIPIUM EST + DAWN HEIST + FERIUM
Cycle Club, Calenzano (FI), 05/10/13
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]