Privacy Policy
 
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Hoest
Clicca per ingrandire
Taake live
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/11/17
HYPERION
Dangerous Days

24/11/17
SCORPIONS
Born To Touch Your Feelings

24/11/17
LOCH VOSTOK
Strife

24/11/17
STRAY TRAIN
Blues From Hell

24/11/17
WILDNESS
Wildness

24/11/17
HOUSTON
III

24/11/17
AETHERIAN
The Untamed Wilderness

24/11/17
DEEP AS OCEAN
Lost Hopes | Broken Mirrors

24/11/17
STARBLIND
Never Seen Again

24/11/17
DEGIAL
Predator Reign

CONCERTI

22/11/17
MARILYN MANSON + GUEST
PALA ALPITOUR - TORINO

22/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
SANTERIA SOCIAL CLUB - MILANO

23/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
QUIRINETTA - ROMA

24/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
ALMAGIA' TRANSMISSIONS FESTIVAL - RAVENNA

24/11/17
DESPITE EXILE
VECCHIA SCUOLA PUB - PALAZZOLO (BS)

24/11/17
BLACK STAR RIDERS
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

24/11/17
6TH COUNTED MURDER + KALIAGE
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

25/11/17
THE MODERN AGE SLAVERY + DESPITE EXILE + AMBER TOWN
LA TENDA - MODENA

26/11/17
MESS EXCESS + AENIGMA
RIFF CLUB - PRATO

27/11/17
MASTODON
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

Taake - Noregs Vaapen
( 6676 letture )
Hoest, come l’autunno, quando il sole flebile piega il suo corso nel cielo in un arco radente l’orizzonte e la nebbia, che tutto cela e occulta, avvolge le fredde e umide notti norvegesi.
Hoest, come Ørjan “Ulvhedin Hoest” Stedjeberg, cioè l’anima, la mente geniale, schiva e controversa dei Taake.

Noregs Vaapen, quinto full-length della band di Bergen, scivola sulla pelle come una lama gelida e affilata. Un album tagliente, glaciale e maligno, capace di riservare all’ascoltatore non poche sorprese, con diversi attori, da Demonaz ad Attila Csihar fino a Nocturno Culto, e cambi di scena che si alternano su di un palco sferzato da folate di feroce e intensa bellezza.

Fra Vadested Til Vaandesmed, il primo brano, si apre con un riff che ha l’effetto di un brivido freddo. Nitida e malvagia è l’impronta di Hoest sulla chitarra, mentre un mid-tempo martellante ci trascina fino al lungo intermezzo centrale in cui il sound si fa più corposo, il basso diviene strumento predominante e Nocturno Culto, inconfondibile e prestigioso ospite, interpreta e guida una mefitica esplorazione black n’roll. Il riff finale riporta il brano nei binari che attraversano paesaggi oscuri e desolati con ossessiva monotonia, rotta solo dalle note di un Mellotron. Curioso strumento, fragile ma ingombrante, capace di inserirsi su di uno spietato riff black metal con un raffinato effetto vibrante, evocando atmosfere davvero inquietanti e dolorose.
Orkam ci travolge come un uragano, un brano che racchiude tutta l’essenza del true norvegian black metal marcato Taake. Un riff sferzante come un vento impetuoso, un ritmo forsennato e opprimente che sfumano in quella che è solo una morte apparente, per poi riprendere con nuova vitalità in un ultimo passaggio tiratissimo, feroce e violento.
Echi sabbathiani emergono dalle profondità di Du Ville Ville Vestland, in cui le distorsioni, il sound e il feeling riverberano di riflessi che attingono all’old school black metal e al thrash, mentre Helvetesmakt, penultimo brano, si vela di una sfumatura epica con dei cori che sono raffiche di vento gelido nelle ossa.

Noregs Vaapen è un album articolato, dinamico e pulsante, mutevole nella forma e nella sostanza.
È fredda melodia, ma è anche il coinvolgente groove black ‘n roll di Nordbundet, brano in cui compare Attila Csihar come guest vocalist, rendendo ancora più letale e micidiale questo esercito che scende dal nord.
È feroce black metal, ma è anche la capacità di introdurre elementi di tradizioni tanto lontane, assolutamente poco ortodossi.
Un assolo di banjo in Myr, un mandolino in Helvetesmakt. Sulle prime si rimane interdetti, poi l’effetto di strumenti che tanto hanno il sapore di scenari country è davvero entusiasmante. Materia atipica, che si amalgama perfettamente in un album black metal fondendosi in un unico flusso sonoro. Ci voleva coraggio, o forse solo geniale follia?

Non era facile scegliere tra il rimanere ancorati al passato o proiettarsi verso il futuro. Con Noregs Vaapen i Taake riescono a trovare un giusto equilibrio tra innovazione e tradizione, disegnando un album dal sound forse meno graffiante, ma solido, fiero e coraggioso, ricco di spunti e sfumature che lo impreziosiscono pur mantenendo profonde radici black metal.

E il peso della trilogia inaugurata da Nattestid Ser Porten Vid, che tanto aveva gravato nel confronto con il precedente omonimo album, si fa finalmente più leggero.



VOTO RECENSORE
82
VOTO LETTORI
66.08 su 47 voti [ VOTA]
Macca
Mercoledì 7 Settembre 2016, 12.20.42
20
Un buon album, come giustamente dice la recension un giusto equilibrio tra innovazione e tradizione, con radici ben saldamente ancorate al black metal ma ricco di molte sfumature. Ho trovato anche echi del tanto bistrattato post black, seppur in chiave totalmente diversa rispetto a gruppi shoegaze come Les Discrets e via dicendo. Voto 75
Sonny
Mercoledì 8 Maggio 2013, 9.42.34
19
Non mastico molto Black Metal, ma mi avete fatto venire una gran voglia di sentirlo
vecchio peccatore
Venerdì 2 Novembre 2012, 15.21.06
18
Il migliore disco Black degli ultimi tempi, davvero molto buono e con delle innovazioni piacevoli
ErikPestilence
Giovedì 26 Aprile 2012, 14.55.56
17
Album geniale,ricco e vario! Non vi trovo niente di negativo,anzi è un accavallamento di ansia e di quiete!
FURIO
Lunedì 23 Gennaio 2012, 0.18.40
16
Mi accodo alla sfilza di complimenti... bella recensione per un album davvero ottimo!
si come no
Mercoledì 9 Novembre 2011, 23.46.32
15
@Luca: mi associo a pieno titolo al tuo post!!! Grandi Taake!
Kupu
Mercoledì 26 Ottobre 2011, 14.16.23
14
Non riesco a farmelo piacere e la cosa mi dispiace parecchio.
Moro
Martedì 25 Ottobre 2011, 11.29.02
13
capisco, mi fa un po' strano perchè Dødskvad è il mio preferito della trilogia (Nattestid vabeh, ma la produzione penalizza totalmente il songwriting): progressive ma non troppo come Bjørgvin e secondo me ci sono fra le tracce più ispirate dei Taake (parte II e IV su tutte)...
Undercover
Lunedì 24 Ottobre 2011, 23.38.39
12
Solo "Dødskvad", il precedente mi piace e anche molto. L'ho trovato alquanto forzato come album, non mi ha impressionato né dal punto di vista atmosferico, nè per quanto riguarda il riffing che come composizione a mio modo di vedere quest'ultimo " Noregs Vaapen" non solo è maggiormente inspirato ma anche più naturale e "Taake" nell'essenza rispetto a ""Dødskvad" che funzionava solo a corrente alternata. Moro quando di un disco non ti rimane un pezzo in testa ma solo una manciata di riff per me qualcosa non quadra, ecco questo è quello che è successo con quell'album, l'omonimo manco mi ricordo com'è fatto, talmente è brutto che l'ascoltai due volte prestato e lo ritornai al mittente senza pensarci neanche troppo.
Moro
Lunedì 24 Ottobre 2011, 23.31.28
11
@Undercover: come mai non ti è piaciuto Dødskvad (e forse Bjørgvin ?) ?
Moro
Lunedì 24 Ottobre 2011, 23.30.34
10
disco notevole, vario ma non troppo. Il precedente Taake era pieno zeppo di riff e di forzati cambi di tempo. Le canzoni che ne derivavano non rimanevano in testa per più di un secondo salvo rarissimi casi (Motpol). Anche questo disco ha i suoi alti e i suoi bassi. L'opener è stupenda ed è piena delle influenze new wave che ama Høst (Adam e gli Ants soprattutto). Belle le tastiere che si sentono lontane; sconvolgente il banjo, assimilabile solo dopo svariati ascolti e solo dopo che l'effetto "sconvolgimento" si è assopito. Considerando che non partoriranno più dischi come la trilogia, siamo su buoni livelli.
Vesper-Jana
Lunedì 24 Ottobre 2011, 15.15.37
9
@Spadaccionero - Se tu avessi fatto la recensione di quest'album io avrei messo il commento: "Voto 95 perchè i Taake sono i miei preferiti"
enry
Domenica 23 Ottobre 2011, 19.13.49
8
Per me Doedskvad è superato, questo Noregs Vaapen si posiziona subito dietro ai primi due.
piggod
Domenica 23 Ottobre 2011, 18.21.33
7
Il ritorno su altissimi livelli. Dopo il discreto omonimo album, Hoest è tornato. Lavoro decisamente riuscito che, a mio modesto avviso superà anche Doedskvad.
Bloody Karma
Sabato 22 Ottobre 2011, 11.48.45
6
il precedente è finito subito nel dimenticatoio...su questo non ho alcuna aspettative, sebbene molti me ne parlano bene..se ne avrò voglia e tempo può darsi che un'ascoltata arrivi pure...
Mika
Venerdì 21 Ottobre 2011, 20.25.39
5
Ottima rece e album piacevole. Anche se in ritardo, ti do il mio benvenuto.
spadaccinonero
Venerdì 21 Ottobre 2011, 19.20.39
4
avrei voluto recensirlo io qst album... recensione azzeccata mio voto 95 xkè i Taake sn i miei preferiti (: sn trpp d parte
enry
Venerdì 21 Ottobre 2011, 19.20.14
3
Questa volta ottimo disco, non al livello dei primi due ma nettamente superiore al resto. Bentornati.
Undercover
Venerdì 21 Ottobre 2011, 18.13.19
2
E' il primo che riesco ascoltare dopo tutta la merda che hanno prodotto da "Over Bjoergvin Graater Himmerik".
fabriziomagno
Venerdì 21 Ottobre 2011, 18.02.50
1
gran bel disco, fresco e vario. Adoro la parte di banjo nella traccia Myr. Voto perfetto
INFORMAZIONI
2011
Dark Essence Records
Black
Tracklist
1. Fra Vadested Til Vaandesmed
2. Orkan
3. Nordbundet
4. Du Ville Ville Vestland
5. Myr
6. Helvetesmakt
7. Dei Vil Alltid Klaga Og Kyta
Line Up
Hoest: vocals, all instruments
 
RECENSIONI
82
85
84
89
ARTICOLI
04/05/2014
Live Report
TAAKE + DEWFALL + VIDHARR + BLIND HORIZON
Traffic Club, Roma, 29/04/2014
28/04/2012
Live Report
TAAKE
Traffic Club/Insomnia, Roma/Scordia (CT), 20-21/04/2012
25/04/2012
Intervista
TAAKE
Una passione chiamata black metal
11/04/2010
Live Report
TAAKE + HORNA
Girone infernale
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]