Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Ghost
Prequelle
Demo

SpellBlast
Of Gold and Guns
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

20/06/18
HAENESY
Katrusza

22/06/18
KHEMMIS
Desolation

22/06/18
WOLFEN RELOADED
Chaiging Time

22/06/18
HAKEN
L-1VE

22/06/18
IMPENDING ROOM
The Sin And Doom Vol. II

22/06/18
ART OF DECEPTION
Path of Trees

22/06/18
ARSTIDIR
Nivalis

22/06/18
THE HERETIC ORDER
Evil Rising

22/06/18
MARTYR LUCIFER
Gazing at the Flocks

22/06/18
THE SEA WITHIN
The Sea Within

CONCERTI

20/06/18
MESHUGGAH + DESTRAGE
ESTRAGON - BOLOGNA

20/06/18
UNDEROATH + CROSSFAITH
MAGAZZINI GENERALI - MILANO

21/06/18
ANAL VOMIT + FINGERNAILS + ASPHALTATOR
TRAFFIC CLUB - ROMA

22/06/18
PEARL JAM
I-DAYS FESTIVAL - RHO (MI)

22/06/18
ANAL VOMIT + LECTERN + GUEST
CIRCUS - SCANDICCI (FI)

22/06/18
17 CRASH + LET ME KILL THE MISTER + STINS
EXENZIA - PRATO

23/06/18
ANAL VOMIT + DAEMUSINEM + LECTERN
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

23/06/18
RHAPSODY OF FIRE
PIAZZA MATTEOTTI - GENOVA

23/06/18
BELPHEGOR + MELECHESH + GUESTS
REVOLVER - SAN DONA DI PIAVE (VE)

23/06/18
VIRGIN STEEL FEST
GASOLINE ROAD BAR - LENTIGIONE (RE)

Morbus Chron - Sleepers In The Rift
( 2637 letture )
‘’Coughing in a...’’

Se gli Entrails hanno proposto un tipo di musica con ampi riferimenti agli albori del genere, i Morbus Chron riescono a dare un pizzico di personalità al genere, pur rimanendo saldamente ancorati allo swedish death metal.
I Morbus Chron sono un progetto giovane, nato nel 2007 nella bella capitale svedese, che ha maturato esperienza nel basso underground producendo il primo, ed omonimo, demo nel 2009 e altri mini-cd fino al 2011, anno in cui rilasciano il loro primo vagito che porta il nome di Sleepers In The Rift.
Registrato a metà novembre del 2010 e pubblicato nell’agosto 2011, il disco si presenta veloce, tagliente, e in neanche trentacinque minuti sprigiona riffs tritaossa a ripetizione alternati a decelerate poderose e ricchi mid-tempos, fattore assolutamente importante e abbastanza frequente nei dischi death metal classici, con chiari riferimenti sia alla scuola svedese sia alla primordiale classe statunitense (primi Death ed Autopsy).

Il tetro intro di Through The Gaping Gate/Coughing In A Coffin, fa da opener ad uno dei riff più riusciti dell’intero disco, una piacevole serenata per timpani convalescenti e prontamente martoriati da questo tipo di sound, granitico, ferale e particolarmente cupo, come gli asfissianti mid-tempos che subentrano prepotentemente nelle tracce andando ad appesantire l’atmosfera già sinistra. L’andamento della traccia è indubbiamente straziante, proprio come la voce del giovane – di 19 anni - vocalist/chitarrista Robba (a.k.a. Robert Andersson), autore delle perfide e lancinanti urla presenti in tutto il disco. La successiva Creepy Creeping Creep è un’altra delle migliori, con una ritmica ossessiva la quale piega a favore del perverso testo:

Pet of Satan, Foe of God
Killing ways, very odd
The Creepy Creeping Creep, it creeps..
It cuts off a leg to use as bait
Stupid human, now on plate
Puke him up, mutilate


Il disco viaggia su ritmi notevoli, non lasciano momenti di pausa, anche le parti lente fustigano a dovere la ragione di chi ascolta questo riuscitissimo platter, un disco di fattura assolutamente degna di questa nuova ondata particolarmente prolifica che sta invadendo i nostri modernissimi anni.
La tetra andatura di The Hallucinating Dead esplode in un riff di assoluto spessore, così maledettamente infido che si incrosta facilmente nella memoria, ha un compito sostanzialmente di spezzare gli elevati ritmi. La successiva Ways of Torture, invece, è aperta da una altezzosa batteria, martellata con assoluta destrezza dal ventunenne Adam, in grado di colpire con bacchettate precise e coinvolgenti che, insieme al distorto basso di Dag, compongono una notevole sessione ritmica che fa ben sperare per il futuro della band.

Caught within a wooden box
With small holes to breath
Taking me somewhere else to die
There my life will cease


Avviandosi verso la conclusione, il disco rilascia le sue ultime due rasoiate, Lidless Coffin e Deformation of the Dark Matter, di cui la prima sembra provenga davvero da una bara. Il suo andamento iniziale particolarmente lento dà una chiara impressione all’ascoltatore della situazione narrata nelle lyrics, prima di tuonare con una pungente chitarra e improvvisi rallentamenti.
La singaporiana Pulverised Records dà un chiaro colpo di coda alle giovani labels che stanno affiorando recentemente, un po’ a dimostrare anche di esserci sempre e di continuare a produrre dischi di assoluta qualità, come ha già fatto in precedenza con nomi di spessore quali Nominon, Sanctification, Interment e Flesh, tanto per citarne alcuni.
Quindi, se siete amanti dei nomi citati e del death metal underground ascoltateli assolutamente, non ne rimarrete delusi.

Coughing in a Coffin...



VOTO RECENSORE
80
VOTO LETTORI
35.91 su 23 voti [ VOTA]
dann666
Lunedì 31 Ottobre 2011, 14.16.20
9
A livello musicale nulla da dire, ottimo lavoro. La cosa che mi disturba é la produzione. Se mi voglio ascoltare un disco "marcio" mi ascolto un disco che arriva da quegli anni....
Nu Metaller
Giovedì 27 Ottobre 2011, 18.48.17
8
Questi giovani svedesi sanno come fare un buon death metal in stile anni '80 come i vecchi Death.
EdoCFH
Mercoledì 26 Ottobre 2011, 18.48.55
7
sinceramente potevano evitare di riusare le stesse note e ritmica(quasi) di The Krusher nell'intro di The Hallucinating Dead.. Validissima band tra le band underground death metal,ma che se posta alla sfera internazionale rimane la solita band che suona bene cose già scritte da altri
Enrico
Mercoledì 26 Ottobre 2011, 16.21.26
6
Il disco in questione non è affatto male ma gli originali d'epoca sono molto meglio. In definitiva disco valido ma a mio avviso, semplicemente ennesima clone band.
Undercover
Mercoledì 26 Ottobre 2011, 16.04.33
5
Bel disco, attenderò di averlo in originale per esprimermi anche se le direttive sono le solite e non è che ci sia poi tanto da giudicare, la solfa è sempre quella ben suonata, composta con un minimo di personalità. Lo ascolto da parecchio comunque ringraziando un amico che mi girò il promo un po' di tempo fa. Sono i soldi a latitare XD
Electric Warrior
Mercoledì 26 Ottobre 2011, 15.51.36
4
Pur non amando il death metal, questa band me gusta.
Ascarioth
Mercoledì 26 Ottobre 2011, 15.35.58
3
Belli, belli, belli, fanno Death Metal come piace a me
Kriegsphilosophie
Mercoledì 26 Ottobre 2011, 15.33.43
2
Validissimo debutto e bella copertina, complimentoni!
Alex78
Mercoledì 26 Ottobre 2011, 15.26.22
1
Interessante me lo voglio ascoltare!
INFORMAZIONI
2011
Pulverised Records
Death
Tracklist
1. Through The Gaping Gate/ Coughing In A Coffin
2. Creepy Creeping Creep
3. Hymns To A Stiff
4. Red Hook Horror
5. The Hallucinating Dead
6. Ways Of Torture
7. Dead Body Pile Necrophile
8. Lidless Coffin
9. Deformation Of The Dark Matter
Line Up
Robba - Vocals/guitars
Edde – Guitars
Dag – Bass
Adam – Drums
 
RECENSIONI
80
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]