Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

The Ocean
Phanerozoic I - Palaeozoic
Demo

Derdian
DNA
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

11/12/18
SCARLET AURA
Hail to You!

11/12/18
ADAESTUO
Krew Za Krew

13/12/18
MIND ENEMIES
Mind Enemies

14/12/18
CURRENTS
I Let The Devil In

15/12/18
SPEED KILLS
Speed Kills

15/12/18
YSENGRIN/STARGAZER
D.A.V.V.N.

21/12/18
BLOOD FEAST
Chopped, Diced and Sliced

21/12/18
JON SCHAFFER`S PURGATORY
Purgatory

21/12/18
WITCHING HOUR
...And Silent Grief Shadows the Passing Moon

23/12/18
MALVENTO/THE MAGIK WAY
Ars Regalis

CONCERTI

10/12/18
RISE OF THE NORTHSTAR + DOPE D.O.D.
LEGEND CLUB - MILANO

10/12/18
THE DEAD DAISIES
REVOLVER - SAN DONA DI PIAVE (VE)

11/12/18
CLUTCH
FABRIQUE - MILANO

11/12/18
H.E.A.T + ONE DESIRE + SHIRAZ LANE
LOCOMOTIV CLUB - BOLOGNA

14/12/18
EXODUS + SODOM + DEATH ANGEL + SUICIDAL ANGELS - MTV Headbangers Ball Tour
PHENOMENON - FONTANETO D'AGOGNA (NO)

14/12/18
NANOWAR OF STEEL
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

14/12/18
OPERATION MINDCRIME + GUEST
TEATRO CARIGNANO - GENOVA

14/12/18
NOVEMBRE + LES DISCRETS
ARCI TOM - MANTOVA

15/12/18
WITHIN TEMPTATION
FABRIQUE - MILANO

15/12/18
NANOWAR OF STEEL
REVOLVER CLUB - SAN DONA DI PIAVE (VE)

Bruce Dickinson - Balls To Picasso
( 4415 letture )
Il primo amore non si scorda mai e io, Bruce Bruce, ti ho amato davvero: dai primi lavori con i Samson fino agli storici capolavori che hai pubblicato insieme ai Maiden, io ti ho sempre seguito, ho amato le tue tonalità, ho visto la tua influenza colpire praticamente tutti gli artisti mondiali che si sono dedicati al metal. E quando ti sei voluto prendere il tempo di intraprendere la tua carriera solista ho visto in questo la possibilità di vedere il tuo estro artistico esprimersi al meglio, libero dell'influenza del genio dittatore Steve Harris, che dettava le regole del gioco. A dire la verità, quando, ancora nella Vergine di Ferro, pubblicasti Tattooed Millionaire, facesti accapponare la pelle ad una parte dei tuoi vecchi fan proponendo un metal fortemente influenzato dall'hard rock ma, nonostante le critiche, non tutto era da buttare. Questo Balls To Picasso è l'ideale continuazione del suo predecessore: benché la vena heavy sia leggermente più marcata, la sperimentazione e il tuo gusto personale traspaiono senza indugio da ogni singola canzone.

Onestamente, nemmeno con tutto l'impegno possibile sono riuscito ad ascoltare un pezzo di quest’album senza confrontarlo con quello che gli Iron Maiden stavano facendo in quel periodo (o avevano fatto nel passato più prossimo) e questo probabilmente influenza in qualche modo la valutazione di quest'album. Mi perdo volentierissimo nei vorticosi e psichedelici riff dell'opener Cyclops, ma otto minuti forse sono un po' troppo anche per cotanta magnificenza, non credi? Con Hell No siamo punti a stupire con un pezzo atipico, ma l'interesse dell'ascoltatore cala rovinosamente dopo il refrain, non all'altezza, mentre Gods Of War torni su terreni più consoni alle tue capacità canore e, finalmente, dai il bianco come solo tu sai fare. Anche 1000 Points Of Light si distingue tra le migliore dell'album, sebbene sembri quasi che tu stia scimmiottando la tua vecchia band, proponendo pezzi che sono per metà farina del tuo sacco e per l'altra metà eredità di quanto di meraviglioso hai fatto nei precedenti dieci anni. E così, mentre Laughing In The Hiding Bush sembra uscito direttamente da Fear Of The Dark, l'unico spunto di originalità ce lo regali con la bellissima Change Of Heart, dove ancora una volta sono la tua interpretazione e la tua voce a fare la differenza. Lo stesso si può dire Shoot All The Clowns, che almeno ha il merito di proporre una discreta quantità di episodi buoni al suo interno, mentre Fire ha una cadenza più lenta e pesante. In chiusura, si distingue per originalità l'ipnotica Sacred Cowboys e per qualità la conclusiva Tears Of The Dragon, uno dei pezzi più significativi della tua carriera solista e vero pezzo forte del platter.

Possiamo individuare un problema generale, che ricorre per tutta la tracklist: come per il precedente Tattoed Millionaire il genere che proponi spazia da un hard rock spensierato all'heavy metal più tradizionale, senza però trovare mai una piena identità o un qualche punto di riferimento. Forse era un tentativo di emancipazione da quanto hai fatto nei Maiden fino a poco tempo prima o forse era una ricerca di un'identità musicale precisa, il problema è che Balls To Picasso non è né una né l'altra.
Insomma, caro Bruce, parliamoci chiaro: se su quest'album ci non ci fosse il tuo nome, di sicuro non avrebbe avuto tutta questa grande considerazione e l'ascolto di tutti noi, che siamo qui a scervellarci su quale siano le più recondite ragioni di ogni nota incisa su disco, sarebbe molto più superficiale. Hai pubblicato un album divertente, piacevole da ascoltare, davvero buono in alcuni punti, ma tutt'altro che perfetto in altri. Diciamo che il meglio, dalla tua carriera solista, lo devi ancora dare.



VOTO RECENSORE
73
VOTO LETTORI
54.84 su 39 voti [ VOTA]
enzo
Domenica 15 Dicembre 2013, 19.09.11
21
grande disco pezzi come gods of war tears of drgon change of heart hell no e 1000 points sono favolosi e la voce di bruce be non credo si debbaa commentare
Philosopher3185
Domenica 23 Giugno 2013, 10.43.50
20
Non è malvagio come album,sebbene ci siano solo 2 pezzi degni di nota:la stupenda tears of the dragon(che non avrebbe certo sfigurato in un album dei Maiden) e sacred coqboys,per il resto mi sembra un disco disomogeneo,carino ma nulla piu'...
blackie
Domenica 23 Giugno 2013, 3.21.19
19
all epoca ero che o talmente deluso dell abbandono di bruce dai maiden che comprai il disco ma dentro di me avevo una rabbia immensa!e risentire la sua voce meravigliosa senza harris era dawero tosta!il disco ha una produzione un po troppo digitale ma le canzoni ci sono eccome a parte la magnifica tears of dragon il resto e molto valido.
enzo
Mercoledì 24 Aprile 2013, 16.49.35
18
se questo e un brutto disco io sono tom cruise tears of the dragon gods of war hell no change of heart laughing bush sugli scudi certo e piu hard rock alternativo ma la voce di bruce e unica come sempre
Sambalzalzal
Mercoledì 12 Dicembre 2012, 11.36.08
17
Mai compreso come mai questo album anche quando uscì fu bastonato dalla critica nonostante sia di grande qualità. Un pezzo come Tears of the Dragon da solo ne vale l'acquisto. Album vario, non di certo fuorviante, arioso e che a distanza di anni suona ancora freschissimo.
manaroth85
Mercoledì 12 Dicembre 2012, 11.12.32
16
sto disco mi piace un mondo quando me lo passo mio cugino restai folgorato...sicuramente non è il suo capolavoro ma si difende benissimo...non sarebbe male un nuovo album solista di bruce
ac
Mercoledì 31 Ottobre 2012, 8.10.09
15
album decisamente interessante che contiene una canzone memorabile e meravigliosa come TEARS OF THE DRAGON" voto 100 !!
BILLOROCK fci.
Venerdì 4 Novembre 2011, 7.33.47
14
Nella foto sopra Dickinson sembra: Cavallo pazzo degli indiani Sioux!! aug.. aug..
AL
Mercoledì 2 Novembre 2011, 11.47.45
13
a me invece tears annoia.. per il resto condivido il voto del recensore.
Painkiller
Mercoledì 2 Novembre 2011, 9.47.32
12
Un album che contiene buone canzoni, ma sicuramente non il migliore della carriera di Bruce. Un solo capolavoro (e che capolavoro), tears of a dragon.
Listick
Martedì 1 Novembre 2011, 15.06.17
11
@Screamforme: Penso che il 50% dei fan dei Maiden nemmeno sappia dell'esistenza di una carriera solista di Bruce (come anche è abbastanza sconosciuta quella di Blaze)! Meglio tardi che mai, come si suol dire i lavori solisti di entrambi a mio parere sono migliori di tutta la discografia maideniana prodotta negli anni '90 proprio perchè esprimono al meglio le loro idee musicali personali!
Screamforme77
Martedì 1 Novembre 2011, 13.49.59
10
.....si lo so che qualcuno sta pensando che è assurdo che un fan dei Maiden di vecchia data come me e per giunta con il mio nick non abbia mai approfondito la discografia di Dickinson.Ho ascoltato alcune sue canzoni sparse qua e la e mi son piaciute tutte.La verità è proprio perchè sono fan dei Maiden,ho sempre fatto fatico ad accettare Bruce Dickinson in versione solista.Va be in fututro tenterò di rimediare .Ma per me l'unico posto in cui Dickinson deve stare è quello di frontman dei grandi Maiden !!! Screamforme !
Screamforme77
Martedì 1 Novembre 2011, 13.40.49
9
Non ho mai avuto modo di ascoltarlo,ma Tears Of The Dragon,che la ricordo dal periodo dell'uscita è davvero una signora song !!!
ian666metalintheblood
Domenica 30 Ottobre 2011, 16.38.22
8
A me quest'album è piaciuto fresco geniale e c'è da dire che quelli erano gli anni bui dei Maiden di X-factor e di Virtual XI con il ritorno di Bruce ci fu Brave new world albumdiscreto non paragonabile ai capolavori come powerslave o the number of the beast. Voto 80
leonardo
Sabato 29 Ottobre 2011, 18.39.24
7
il paragone coi maiden è improbabile .....ma questo è il vero punto zero di bruce dickinson , che ha messo in tavola le sue carte coperte per capire quali scoprire in seguito
Radamanthis
Sabato 29 Ottobre 2011, 15.20.52
6
La Sirena in questo disco certo non raggiunge i vertici di un Chemical wedding o Accident of birth ma anche qui il grande Bruce sforna una prova maiscola sia come singer che come songwriter (non il suo forte). Se pensiamo però che l'anno successivo i suoi Maiden fecero uscire lo sfortunato Virtual XI e che X factor non fu molto gradito al 90 % del pubblico questo album ne esce ancor maggiormente vittorioso. Ho sempre preferito comunque Dickinson come cantante degli Iron piuttosto che come solista. Voto 85
Lizard
Sabato 29 Ottobre 2011, 15.18.10
5
Buon disco, non fondamentale a mio avviso ma piacevole. Quando uscì non mi ha fatto impazzire, è cresciuto con gli ascolti, ma resta un disco tutto sommato non indispensabile. Comunque credo che all'epoca neanche Bruce avesse ben chiaro dove volesse andare a parare.
therox68
Sabato 29 Ottobre 2011, 14.53.12
4
Listick: forse le perplessità sul voto nascono anche dal fatto che Tattooed Millionaire ha preso poco meno -70- quasi che i due dischi si equivalessero. So bene che l'altra recensione non è opera tua ma mettere quasi sullo stesso livello le due uscite è "spiazzante" per chi legge. Personalmente questo disco vale 85/88.
xutij
Sabato 29 Ottobre 2011, 13.47.39
3
@Listick : non ti preocupare. io del voto non me ne importa niente ( o quasi), 73 è un ottimo voto, ripeto, per me è un capolavoro ma capisco che per molti non lo è. questo lo considero il picco della sua discografia solista, ma sono punti di vista, visto che magari io apprezzi di piu il sound crossover-oriented di questo lavoro che il classico Heavy di Accident of Birth ( tento per fare un nome). comunque sono punti di vista
Listick
Sabato 29 Ottobre 2011, 13.36.09
2
@xutij: non fraintendere il voto, le canzoni che hai citato sono molto valide, non a caso sono le migliori dell'album, ma questo non è di certo il punto più alto della carriera di Bruce sicuramente meglio di quanto faranno i Maiden in quegli anni comunque
xutij
Sabato 29 Ottobre 2011, 13.26.48
1
sarò io che sono strano o forse perchè preferisco il Crossover al Metal classico oppure è il fatto che ci sono troppo affezzionato ma per me questo disco è un capolavoro.canzoni come Cyclops,1000 Points Of Light, Laughing In The Hiding Bush,Change Of Heart,Sacred Cowboys e Tears Of The Dragon non si dimenticano facilmente VOTO : 90
INFORMAZIONI
1994
Castle Music
Heavy
Tracklist
1. Cyclops
2. Hell No
3. Gods Of War
4. 1000 Points Of Light
5. Laughing In The Hiding Bush
6. Change Of Heart
7. Shoot All The Clowns
8. Fire
9. Sacred Cowboys
10. Tears Of The Dragon
Line Up
Bruce Dickinson (Voce)
Roy Z (Chitarra)
Eddie Casillas (Basso)
Dave Ingraham (Batteria)
Doug Von Booven (Percussioni)
Dickie Fliszar (Batteria in ‘Tears Of The Dragon’)
 
RECENSIONI
72
88
81
54
73
70
ARTICOLI
15/04/2018
Articolo
BRUCE DICKINSON
A cosa serve questo pulsante? Autobiografia
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]