Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Premiata Forneria Marconi
Emotional Tattoos
Demo

Rust
Rust
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/11/17
HYPERION
Dangerous Days

24/11/17
SCORPIONS
Born To Touch Your Feelings

24/11/17
LOCH VOSTOK
Strife

24/11/17
STRAY TRAIN
Blues From Hell

24/11/17
WILDNESS
Wildness

24/11/17
HOUSTON
III

24/11/17
AETHERIAN
The Untamed Wilderness

24/11/17
DEEP AS OCEAN
Lost Hopes | Broken Mirrors

24/11/17
STARBLIND
Never Seen Again

24/11/17
DEGIAL
Predator Reign

CONCERTI

19/11/17
CRIPPLED BLACK PHOENIX + EARTH ELECTRIC + JONATHAN HULTEN
SANTERIA SOCIAL CLUB - MILANO

19/11/17
ROCK TOWERS FESTIVAL
ESTRAGON - BOLOGNA

19/11/17
BACKYARD BABIES + GUESTS
LAND OF FREEDOM - LEGNANO (MI)

19/11/17
SOULS OF DIOTIMA
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

22/11/17
MARILYN MANSON + GUEST
PALA ALPITOUR - TORINO

22/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
SANTERIA SOCIAL CLUB - MILANO

23/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
QUIRINETTA - ROMA

24/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
ALMAGIA' TRANSMISSIONS FESTIVAL - RAVENNA

24/11/17
DESPITE EXILE
VECCHIA SCUOLA PUB - PALAZZOLO (BS)

24/11/17
BLACK STAR RIDERS
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

Trivium - Ascendancy
( 12360 letture )
Non desidero girarci attorno. Aspettavo con ansia di poter ascoltare il secondo disco degli americani Trivium, in quanto il debutto Ember To Inferno, edito per la tedesca LifeForce Records, aveva creato attorno ad essi un bel pò di entusiasmo, tanto da smuovere un colosso del settore come la Roadrunner, label sempre pronta a capire ed a cavalcare i trend del mercato, per farli entrare nel loro roster. Entusiasmo lecito? Dopo vari ascolti propenderei per il sì, vista la bontà della proposta di questi giovanissimi ragazzi, la cui età media viaggia sui vent'anni. Baldi giovani che non inventano nulla di nuovo, questo è bene dirlo subito per non incappare nell'ira dei cercatori di originalità a tutti i costi. Infatti la loro proposta musicale si colloca nel calderone metalcore, trend imperante di questi ultimi 24 mesi, soprattutto oltre oceano. Ma il quartetto sà il fatto suo e, nonostante le palesi influenze (thrash anni 80, Iron Maiden, At The Gates, hardcore), riesce ad amalgamare il tutto, architettando un filotto di composizioii con ottimi spunti personali e delineando così un lotto di canzoni che si distaccano notevolmente dal piattume (per assonanza metteteci anche patume) che troppo spesso siamo abituati a digerire.

Un disco, questo Ascendancy, che non stanca mai l'orecchio con assalti di violenza fine a se stessa, ed al contempo ci dona pezzi che si stampano subito in mente, dotati come sono di ritornelli quasi hard rock (basta ascoltare A Gunshot To The Head Of Trepidation, che in 6 minuti scarsi miscela thrash, Manowar - per il coro epico a metà canzone - e Iron Maiden). Non parliamo di chorus ruffiani per diabetici ma di canzoni munite di linee vocali semplicemente perfette. Piacciono questi Trivium quando fanno i cattivoni armati fino ai denti con riffoni assassini ( si senta a proposito Rain, oppure Drowned And Torn Asunder, quest'ultima dotata di un refrain bellissimo ); piace il loro marciare solenni su di un tappeto ritmico instabile, con chitarre fastidiose come zanzare ( ed è un complimento ) e vocalizzi al vetriolo. Oltre ad un cantato sempre vario, che spazia dal classico screaming hardcore alle clean vocals sino ad arrivare a certi passaggi emo-core, i Trivium regalano anche momenti ispirati con un rifferama mai banale, mai statico, che sa essere cattivo ma dolce, soprattutto nei solos, quest'ultimi sempre ben bilanciati tra durata e qualità. Ottima anche la sezione ritmica, molto precisa e varia anche se in alcune porzioni strumentali ricorda troppo l'accoppiata Harris/McBrain, ma tant'è. Come dicevo poc'anzi, i Trivium bagnano il loro disco anche con acqua proveniente dal rigoglioso bacino emo-core, elargendoci un pezzo, Dying In Your Arms, immediato e fresco nei suoi tre minuti scarsi. Un episodio interessanti ma che forse stona col resto del disco, di fronte ad altre canzoni pregne di una violenza sempre sorvegliata dalla melodia. Si ha l'impressione che i quattro abbiano voluto dimostrare che sanno comporre anche pezzi più accessibili.

Spero che in futuro si assestino su quelle sonorità che hanno reso questo secondo lavoro un piccolo monile. Perchè i Trivium non hanno bisogno di ruffianarsi una fetta del mercato, capaci come sono di creare perle di metalcore. Unica pecca del disco, proprio a volerne trovarne una, è l'eccessiva durata: una sana operazione di sintesi, snellendo il tutto di un paio di brani, l'ascolto ne avrebbe giovato ulteriormente, soprattutto per chi non è molto avvezzo a tali sonorità. Comunque, al di là di questi ultimi appunti, il disco fila via che è un piacere, non annoiando mai l'ascoltatore e piazzando due/tre bordate da paura. Considerando che è solo il secondo lavoro per questo sfrontato quartetto c'è da ben sperare per il futuro. Un disco consigliato a tutti i fan di Killswitch Engage, Bleed The Sky, Testament, Pantera ed Iron Maiden.



VOTO RECENSORE
80
VOTO LETTORI
84.23 su 21 voti [ VOTA]
death
Martedì 27 Ottobre 2015, 19.25.16
25
Buon album
heafy metal
Mercoledì 10 Giugno 2015, 1.01.53
24
BOAAAAAT!!! RUDDEEER!!!!! STRAAAANGE!!! MOUNTAIN!!!!
Cons
Lunedì 28 Ottobre 2013, 21.08.11
23
Non vedo come un fan sfegatato di pantera e testament possa amare una band metal-core, ma tutto sommato, per quanto odio il metal-core, devo ammettere che con gli strumenti ci sanno fare. Purtroppo odio i coretti e i ritornelli di questo genere musicale, quindi non giudico l'album in quanto sarei mooolto di parte (e non dalla loro ).
All I Was
Domenica 27 Ottobre 2013, 17.54.26
22
Indubbiamente il loro miglior album e uno dei migliori di tutta la scena meta-core odierna. Diversamente da qualsiasi altro disco di stampo metal-core qui si riscontrano riff, screaming, assoli, clean vocals e chorus di una rara ORIGINALITA'...in questo disco si possono trovare veramente punti di ispirazione che ti permettono di arricchire il tuo bagaglio musicale. L'unica pecca è la voce pulita di Matt che sembra, in alcuni punti, essere leggermente rimodellata rendendo alcune canzoni nei live leggermente diverse da quelle in studio(cosa cmq comprensibilissima poichè Matt non possiede eccezzionali doti canore che gli permettono di cantare ad altissimi livelli). Cmq voto 85
Il Giudice Supremo
Sabato 28 Settembre 2013, 2.14.10
21
Un album da possedere. Voto: 92.62, per non sbilanciarmi troppo...
Macca
Domenica 13 Gennaio 2013, 17.43.31
20
Buon disco, tutto sommato
freedom
Mercoledì 28 Novembre 2012, 12.33.54
19
Lo sto riascoltando in questi giorni...che dire? Odio il metal-core, ma devo ammettere che questo disco risulta a tratti molto piacevole. Nel loro genere sono un ottima band.
victimS.O.A.D.
Mercoledì 28 Novembre 2012, 10.24.21
18
da ascoltare la bonus track di "Master of Puppets"
trismegisto
Mercoledì 25 Luglio 2012, 13.12.34
17
veramente un bell'album..uno dei miglior metal-core ascoltati nella mia pur fragile conoscenza del genere...peccato in seguito si siano "ammorbiditi" troppo con gli ultimi album..davvero un peccato
squila3
Venerdì 18 Novembre 2011, 22.29.54
16
Dying in your arms è fantastica... e non sono una 13enne frustrata. Buona anche drowned e soprattutto departure. Ascoltatela e non riuscirete a smettere. Cmq voto 75
Master of Reality
Domenica 31 Luglio 2011, 20.57.44
15
The End of Everything = 7; Rain = 6.5; Pull Harder on the Strings of Your Martyr = 7; Drowned and Turn Asunder = 6.5; Ascendancy = 7; A Gunshot to the Head of Trepidation = 6.5; Like Light to the Flies = 7; Dying in Your Arms = 7; The Deceived = 7; Suffocating Sight = 5.5; Departure = 7; Declaration = 5.5; Voto album = 7
Michele
Giovedì 20 Gennaio 2011, 0.27.42
14
Non capisco perché li considerino dei poser : se c'è un gruppo Metalcore degno di rispetto sono loro. Comunque questo disco è veramente un signor disco,non so se è un capolavoro,dovrei ascoltarlo meglio,ma sicuramente uno dei migliori dischi metalcore in circolazione.
DevizKK(1991)
Domenica 3 Ottobre 2010, 18.41.14
13
Harris95: davvero strano che non ti sono piaciuti per il growl.....Nel 2006 è uscito the crusade disco Thrash senza growl ne scream e propio per quel tour i trivium avevano deciso di non cantare più col growl e parlo anche dei pezzi vecchi...Quindi la cosa mi sembra strana...
Harris95
Venerdì 11 Giugno 2010, 12.18.32
12
Io li ho visti dal vivo in supporto ai maiden nel 2006 e non mi sono piaciuti visto che l'uso di growl e scream in grandi quantità non lo sopporto, meglio quello dosato dei bullet, ma comunque hanno deklle pontenzialita
Electric Warrior
Sabato 30 Maggio 2009, 20.05.26
11
Brutto disco
vale master metal
Sabato 18 Aprile 2009, 19.43.35
10
sicuramente una delle colonne portanti del metal-core... un vero capolavoro
bando
Venerdì 29 Giugno 2007, 10.07.46
9
mi fa piacere leggere commenti positivi a questo disco. io lo trovo veramente bello,e me frega poco se danno ai trivium dei posers o degli scarsi,a mio avviso è un ottimo lavoro,lo comprai dopo averli visti all'hjf e ne fui subito entusiasta. ora devo prendere gli altri che mi mancano di questa band che per sound,tecnica (soprattutto chitarristica) e "coetaneità" mi sta davvero simpatica.
Strat
Domenica 14 Gennaio 2007, 14.56.50
8
brava Stella! hai kapito tutto. Trivium 4 life!
Stella
Venerdì 12 Gennaio 2007, 21.10.06
7
Ho iniziato ad ascoltare i Trivium da pokissimo tempo, dall'ultimo album ke a mio giudizio è bellissimo. Qst ragaxi sn dei grandi, e sn anke gli unici ke riescono a esprimere veramente il caos ke ho dentro...TRIVIUM 4EVER...
Strat
Venerdì 15 Dicembre 2006, 22.27.29
6
minkia ho scritto trash...volevo dire metalcore...mi sono confuso con THE CRUSADE...doh! sorry guys (anke se me ne sono accorto solo ora)!!! CIOA a tutti!!!
Strat
Giovedì 14 Dicembre 2006, 14.10.31
5
senz'altro uno degli album più belli mai ascoltati, soprattutto per quanto riguarda il trash. il passaggio dal suond melodico tipo orchestra di THE END OF EVERYTHING alla violenza dei primi powerchords di RAIN è una combinazione perfetta. per non parlare dell' assolo di ASCENDANCY, del coro di A GUNSHOT TO THE HEAD OF TREPIDATION e della rabbia nel canto di Matt nelle strofe di PULL HARDER ON THE STRING OF YOUR MARTYR...e DYING IN YOUR ARMS non è per niente un brano che stona nel disco, come qualcuno ha sostenuto. grandi testi e grande tecnica in questo album non c'è che dire...tutti danno il meglio di loro stessi. specialmente Corey. diciamo che pezzi "brutti" in questo album non ce ne sono affatto. e fidatevi! parla uno che li ha visti dal vivo! a Milano con i Maiden...grande show! i Trivium sono di sicuro un gruppo che farà strada! potete starne certi.
Ozzy
Domenica 2 Aprile 2006, 16.00.14
4
Ho comprato il loro lavoro a distanza di tempo e devo dire che, seppure di originalità vera e propria non ce ne sia, per me, che sono cresciuto in piena era thrash è un piacere ascoltarli. Loro come i Caliban del resto. Un pò di nostalgia, ma sono molto bravi lo stesso.
Norflesh
Mercoledì 22 Febbraio 2006, 14.33.53
3
Il disco è bestiale. Matt dovrebbe curare un pò l'aspetto e sarebbe uno dei migliori cantanti in assoluto. Spero si diano da fare per creare altri dischi con la stessa atmosfera di Ascendancy. STRACONSIGLIATO
Necroticism
Lunedì 4 Luglio 2005, 1.26.51
2
con questo disco hanno piazzato un colpo da mestri, speriamo che continuino così!! rispetto a tanti altri dischi metal-core che ho sentito (ne stanno uscendo una marea, potere della moda...) Ascendancy ha soprattutto la capacità di non stancare mai neanche dopo ripetuti ascolti... promossi!!!!
dragula
Venerdì 3 Giugno 2005, 19.03.09
1
una bella speranza per il metal core di stampo americano, con influenze metal anni 80
INFORMAZIONI
2005
Roadrunner
Metal
Tracklist
1. The End Of Everything
2. Rain
3. Pull Harder On The Strings Of Your Martyr
4. Drowned And Torn Asunder
5. Ascendancy
6. A Gunshot To The Head Of Trepidation
7. Like Light To The Flies
8. Dying In Your Arms
9. The Deceived
10. Suffocating Sight
11. Departure
12. Declaration
Line Up
Matt Heafy (vocals / guitar)
Corey Beaulieu (guitar)
Brent Young (bass)
Travis Smith (drums)

Link e Contatti:
Trivium @MySpace
 
RECENSIONI
69
68
78
64
80
77
ARTICOLI
25/01/2008
Intervista
TRIVIUM
Parla Travis Smith
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]