Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Premiata Forneria Marconi
Emotional Tattoos
Demo

Cortex Complex
Memoirs of an Apocalypse
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/11/17
HYPERION
Dangerous Days

24/11/17
ALMANAC
Kingslayer

24/11/17
LOCH VOSTOK
Strife

24/11/17
DEGIAL
Predator Reign

24/11/17
STRAY TRAIN
Blues From Hell

24/11/17
STARBLIND
Never Seen Again

24/11/17
AETHERIAN
The Untamed Wilderness

24/11/17
DEEP AS OCEAN
Lost Hopes | Broken Mirrors

24/11/17
SCORPIONS
Born To Touch Your Feelings

24/11/17
TAAKE
Kong Vinter

CONCERTI

22/11/17
MARILYN MANSON + GUEST
PALA ALPITOUR - TORINO

22/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
SANTERIA SOCIAL CLUB - MILANO

23/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
QUIRINETTA - ROMA

24/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
ALMAGIA' TRANSMISSIONS FESTIVAL - RAVENNA

24/11/17
DESPITE EXILE
VECCHIA SCUOLA PUB - PALAZZOLO (BS)

24/11/17
BLACK STAR RIDERS
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

24/11/17
6TH COUNTED MURDER + KALIAGE
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

24/11/17
UFOMAMMUT + GUESTS
EREMO CLUB - MOLFETTA (BA)

25/11/17
THE MODERN AGE SLAVERY + DESPITE EXILE + AMBER TOWN
LA TENDA - MODENA

25/11/17
COUNCIL OF RATS + NIDO DI VESPE + MALLOY
CASEIFICIO LA ROSA - POVIGLIO (RE)

Lance King - A Moment In Chiros
( 1708 letture )
Dopo una carriera ventennale trascorsa in studio ed in tour con acts quali Pyramaze, Balance Of Power e Avian, il dotatissimo vocalist americano Lance King decide di incidere il suo primo disco solista, questo A Moment In Chiros, sfruttando i canali di distribuzione della Nightmare Records, di cui Mr. King è anche proprietario.

Diciamolo fin da subito, il disco in questione è prodotto eccellentemente, grazie anche all’operato di Jacob Hansen e Kim Olesen alla console, e vede un King autore di una prova notevole sotto il profilo tecnico e interpretativo. Come ogni buon solo album che si rispetti, il nostro crinito frontman si è avvalso di molteplici e illustri collaborazioni, tra le quale quella di Michael Harris (Darkology, Thought Chamber), Tore St Moren (Jorn), Fred Colombo (Spheric Universe Experience), Markus Sigfridsson (Darkwater, Harmony), Kevin Codfert (Adagio), Michael Hansen e Shane Dhiman (Phonomik), Morten Gade Sørensen (Pyramaze, Wuthering Heights) ed infine Elyes Bouchoucha, Malek Ben Arbia e Anis Jouini dei Myrath.

Non casuali le collaborazioni (con molti membri del roster Nightmare Records) così come non è stata casuale la scelta della release date di questo A Moment In Chiros: 11/11/11.
L’album, infatti, è un concept sul fenomeno numerologico 11:11, la cui visione per alcuni esperti, permetterebbe un innalzamento di coscienza tale da permettere al soggetto definire se stesso relativamente ad una realtà superiore.

Tornando alla musica, quello che ci regala Lance King è un album di discreta fattura, ovviamente caratterizzato da un sound figlio di quel prog/power metal tanto caro a mostri sacri e ottime realtà come Symphony X, Pagan’s Mind e Kamelot. I brani, per quanto ben eseguiti e ricchi di pregevoli soluzioni non si possono certo definire originali ma va da se che le varie collaborazioni e l’esperienza, la conoscenza della materia in questione, hanno l’effetto di riuscire a risollevare le sorti dei vari brani nella quasi totalità delle occasioni.

Apre le danze l’interpretativa A Sense Of Urgency a cui segue l’ottima Awakening, brano caratterizzato da riffs di chitarra rocciosi in contrapposizione alla calda voce di King.
Aumenta il carico del piede sull’acceleratore ed il risultato è Manifest Destiny, dove il Nostro frontman mette in mostra la sua duttilità vocale. Con A Given Choice, nonostante il discreta caratura di questa, si iniziano a sentire i rimandi ai “padri putativi” del platter. Ma proprio quando i dubbi iniziano a fare capolino, arriva il brano che da solo vale l’intero disco.
La titletrack, una semi-ballad di quelle sentite e ruvide, capaci però di risaltare la morbidezza d’animo di un King (in questo caso) a dir poco fenomenale. Sette minuti di evoluzioni canore e strumentali, sette minuti di contrappunti tra chitarra e tastiera, protagoniste indiscusse del turbinio di note.

Con la successiva Dance of Power ci troviamo dinanzi il brano più oscuro e dinamico del disco, Kibou invece è una semplicissima ballad, senza infamia e lode, il classico filler, mentre Infinity Divine e Joy Everlasting nella loro ottima concezione vivono di quella luce riflessa di cui parlavamo qualche paragrafo più su. Infine, a chiudere, abbiamo Sacred System e Transformation, una coppia di brani dal mood arabeggiante e rese uniche dall’adattabilità che Lance mette nell’esecuzione dei brani. Sicuramente i due episodi più originali.

A Moment In Chiros è un disco ben fatto e ben prodotto che di certo non aggiunge e non toglie nulla a quanto fatto e sentito negli ultimi anni ma ha il merito di restituirci una grande ugola come quella di Lance King, il quale torna sulle scene affamato, sufficientemente ispirato e, cosa più importante, in forma strepitosa.



VOTO RECENSORE
70
VOTO LETTORI
24.93 su 16 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2011
Nightmare Records
Power/Prog
Tracklist
01. 111 - A Sense of Urgency
02. 222 - Awakening
03. 333 - Manifest Destiny
04. 444 - A Given Choice
05. 555 - A Moment in Chiros
06. 666 - Dance of Power
07. 777 - Kibou
08. 888 - Infinity Divine
09. 999 - Joy Everlasting
10. 10:10 - Sacred Systems
11. 11:11 - Transformation
Line Up
Lance King – Vocals

Guest:

Jacob Hansen
Kim Olesen
Michael Harris
Tore St Moren
Fred Colombo
Markus Sigfridsson
Kevin Codfert
Michael Hansen
Shane Dhiman
Morten Gade Sørensen
Elyes Bouchoucha
Malek Ben Arbia
Anis Jouini
Mistheria
Bruce Dickinson
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]