Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Dirge
Lost Empyrean
Demo

In Autumn
Greyerg
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

15/12/18
YSENGRIN/STARGAZER
D.A.V.V.N.

15/12/18
SPEED KILLS
Speed Kills

21/12/18
JON SCHAFFER`S PURGATORY
Purgatory

21/12/18
IN SHADOWS AND DUST
Enlightened By Darkness

21/12/18
BLOOD FEAST
Chopped, Diced and Sliced

21/12/18
WITCHING HOUR
...And Silent Grief Shadows the Passing Moon

23/12/18
ICE WAR
Manifest Destiny

23/12/18
BOLTHORN
Across the Human Path

23/12/18
MALVENTO/THE MAGIK WAY
Ars Regalis

24/12/18
BEATEN TO DEATH
Agronomicon

CONCERTI

15/12/18
WITHIN TEMPTATION
FABRIQUE - MILANO

15/12/18
NANOWAR OF STEEL
REVOLVER CLUB - SAN DONA DI PIAVE (VE)

15/12/18
NOVEMBRE + LES DISCRETS
TRAFFIC CLUB - ROMA

15/12/18
NECROART + GUESTS
BONNIE & CLYDE - TORRICELLA VERZATE (PV)

15/12/18
STONEDRIFT + TOTEM AND TABOO
CONDOR DARK CLUB - RUBIERA (RE)

15/12/18
SPEED KILLS + CARRION SHREDS + ADEPTOR
CIRCUS - SCANDICCI (FI)

15/12/18
BARBARIAN + MERCILESS ATTACK + APOCALYPTIC SALVATION
CIRCOLO MU - PARMA

16/12/18
NOVEMBRE + LES DISCRETS
CYCLE CLUB - CALENZANO (FI)

18/12/18
A PERFECT CIRCLE
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

19/12/18
A PERFECT CIRCLE
PALALOTTOMATICA - ROMA

Metsatoll - Ulg
( 3330 letture )
A poco più di un anno dal precedente disco, i Metsatöll tornano con un nuovo album, il quinto della loro carriera, dal titolo Ulg.
Il poco tempo trascorso tra le due opere potrebbe far temere il peggio, tanto più se si considera il buon successo ottenuto da Äio (oltre tredicimila copie vendute nonostante la scarsa pubblicità e l’utilizzo della lingua madre, l’estone), mettendo di fatto in dubbio la sincerità della band nello svolgere il lavoro necessario per la realizzazione di Ulg.
Niente di tutto questo: le undici canzoni che compongono il full lenght sono tutte di gran qualità, capaci di esplorare una zona del sound dei Metsatöll fino a questo momento poco conosciuta, continuando, di fatto, l’evoluzione musicale del gruppo, sempre proiettato verso nuove soluzioni senza però dimenticare le radici e la tradizione.

Preceduto dal singolo Kivine Maa e dal bel videoclip girato per Küü, Ulg svela in parte la propria mascolinità: l’indurimento del sound, il maggior peso dato alle chitarre all’interno delle canzoni e i ritmi di batteria spesso elevati, fanno del nuovo lavoro dei Metsatöll l’album più aggressivo e pesante della loro discografia, pur non perdendo minimamente quelle bellissime atmosfere folk-ipnotiche che da sempre contraddistinguono la formazione di Tallin.

Registrato nel cuore di una foresta nel sud dell’Estonia, lontani da rumori e distrazioni classici delle città, Ulg suona in maniera splendida, compatto eppur fresco nel proseguire il discorso musicale intrapreso ormai dodici anni or sono anche grazie al lavoro svolto dal finlandese tecnico del suono Mikko Karmila. Per l’occasione vengono messe da parte certe soluzioni maggiormente intricate, a favore di un songwriting diretto e “semplice”, più immediato pur non perdendo minimamente le caratteristiche folkloristiche del sound.

Agu introduce l’ascoltatore nel nuovo disco dei Metsatöll tra suoni acustici, soavi melodie e percussioni che crescono d’intensità con il passar dei secondi, fino a immettere le chitarre di Sõjasüda, brano che non ci si aspetta dal combo estone: tempi selvaggi e riff estranianti creano un’atmosfera sinistra, minacciosa, per quel che risulta essere il brano più estremo mai partorito dalle menti dei quattro folkers. Nonostante le furiose note, sono facilmente riconoscibili le soluzioni che hanno reso famosa la band a livello internazionale. Maggiormente tradizionale la successiva Küü, aperta dalla cornamusa di Lauri, come sempre importantissimo per l’equilibrio del gruppo. Rocciosi giri di chitarra sono addolciti dal flauto del biondo polistrumentista, mentre la poco aggraziata voce di Markus si divincola in linee vocali non consuete. L’allegro flauto di Lauri segna l’inizio di Muhu õud, brano vicino al classico modo d’intendere il folk metal: molto bello, nella sua semplicità, il ritornello cantato a più voci, così come azzeccate risultano essere le parti strumentali guidate dai fiati, per un risultato particolarmente coinvolgente. L’ottimo singolo Kivine Maa è uno dei migliori brani dell’intero Ulg, racchiudendo al suo interno le migliori caratteristiche dei Metsatöll, ovvero possenti riff di chitarra ad opera di Markus, sempre al servizio della band e mai in cerca di solitaria gloria, una sezione ritmica asciutta e compatta nel dettare i tempi (il drummer Atso ha un colpo che dal vivo spaventa, su disco non è certo da meno), e la parte folkloristica, in questo caso lo scacciapensieri prima e la cornamusa estone poi, a spaziare fantasiosa sulla solida base musicale messa a disposizione dagli altri musicisti. L’atmosfera si fa cupa con Rabakannel, lenta marcia oscura, evocatrice di pensieri inquietanti prima di coricarsi, tremanti, al riparo di secolari alberi in una foresta sconosciuta. La soave Isata è utile per riconciliarsi con il verde circostante: chitarre e melodie rilassate arrivano nel momento giusto. Con Kahjakaldad si torna al tradizionale sound metallico dei Metsatöll, per quella che probabilmente è la canzone di Ulg più vicina stilisticamente al precedente Äio, tanti sono i cambi d’umore all’interno della composizione. Il drumkit di Atso è messo a dura prova dal robusto batterista, Raivo e il suo quattro corde lo seguono con gusto e Markus è autore di una prova maiuscola sia alla chitarra sia dietro al microfono. Ci si avvicina alla conclusione di Ulg con la breve Tormilind, forse l’unico brano dell’intero disco a non convincere appieno, pur avvalendosi di alcuni spunti interessanti, come il reiterarsi della cornamusa e dei cori ad opera dei quattro strumentisti. La titletrack, canzone più lunga dell’album con oltre sei minuti di durata, è un mid tempo che alterna con successo parti pacate ad accelerazioni e soluzioni dinamiche, tra stacchi imperiosi e improvvise aperture di cornamusa. Spettacolare la chiusura del cd: Eha è un ipnotico brano chitarra acustica-voce, le sporadiche percussioni accentuano l’atmosfera quasi druidica che i Metsatöll, cosa già avvenuta in passato, riescono a creare.

Con il nuovo lavoro Ulg i Metsatöll rafforzano la propia posizione (di assoluto valore) nella scena folk-pagan dell’est, proponendosi con forza come uno dei migliori act a livello europeo, con la speranza che la spinta promozionale della Spinefarm Records li possa aiutare a farli conoscere come meritano.
D’altronde, due dischi di assoluto valore come Äio e Ulg, in così poco tempo, in pochi se li possono permettere.



VOTO RECENSORE
83
VOTO LETTORI
81.61 su 91 voti [ VOTA]
ensiferum2000
Sabato 30 Novembre 2013, 20.54.51
8
veramente bello
total satan
Martedì 20 Marzo 2012, 12.11.28
7
figo il disco, peccato gli idioti che votano 0.......
Marco
Domenica 19 Febbraio 2012, 22.13.07
6
wow che disco!!!
Supertofunaza
Giovedì 5 Gennaio 2012, 14.14.27
5
Veramente un bel disco
Schaff
Sabato 26 Novembre 2011, 12.31.03
4
Io tutto sono tranne che un amante del genere, ma questo album non è affatto male. Ma sul serio, sopratutto non è per niente scontato ne banale, cosa che secondo me affligge molto il genere di solito (e non solo questo genere in effetti). In particolare ha qualche cosa che non saprei definire se non come progressive, pur rimanendo comunque un album ancorato alle sonorità tipiche del filone cui appartiene (cosa a cui contribuisce molto il flauto in effetti). Buona produzione tra l'altro.
zerba
Sabato 19 Novembre 2011, 13.59.30
3
lo ascolterò, il precedente AIO mi è piaciuto molto. Una grande grande band, sicuro che nn mi deluderanno
Mattia
Sabato 19 Novembre 2011, 9.50.35
2
Dire che mi è piaciuto quest'album è dir poco, cavolo proprio suonato molto bene, strumenti che si amalgamano tra di loro e soprattutto riescono veramente a farti immergere in una foresta baltica. ottimo ottimo.
alzailcorno93
Venerdì 18 Novembre 2011, 22.15.52
1
i metsatöll a mio parere sono passati da band semi-sconosciuta a certezza del pagan metal!!! tanto di cappello a questi ragazzi, che al momento secondo il mio modesto parere non li batte nessuno
INFORMAZIONI
2011
Spinefarm Records
Pagan
Tracklist
1. Agu
2. Sõjasüda
3. Küü
4. Muhu õud
5. Kivine Maa
6. Rabakannel
7. Isata
8. Kahjakaldad
9. Tormilind
10. Ulg
11. Eha
Line Up
Markus: voce, chitarra
Lauri: cornamusa, scacciapensieri, flauti e altri strumenti folk, voce
Raivo: basso, voce
Atso: batteria, voce
 
RECENSIONI
80
83
89
76
ARTICOLI
22/02/2013
Live Report
KORPIKLAANI + METSATOLL
Temporock, Gualtieri (RE), 16/02/2013
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]