Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Grand Magus
Wolf God
Demo

The Core
Flesh and Bones
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

23/04/19
LUCE D`INVERNO
Ljetzan

26/04/19
LONELY ROBOT
Under Stars

26/04/19
TEN
Opera Omnia - The Complete Works

26/04/19
VAURA
Slabes

26/04/19
THE DAMNED THINGS
High Crimes

26/04/19
PARAGON
Controlled Demolition

26/04/19
CHEVALIER
Destiny Calls

26/04/19
IMMINENCE
Turn The Light On

26/04/19
NORSEMEN
Bloodlust

26/04/19
LOST IN KIEV
Persona

CONCERTI

23/04/19
WRONG (USA) + COILGUNS + GUEST TBA
LOCATION TBA

24/04/19
EKTOMORF + GUESTS TBA
CIRCOLO SVOLTA - ROZZANO (MI)

24/04/19
WRONG (USA) + COILGUNS + GUEST TBA
TBA - PERUGIA

25/04/19
MARK BOALS + GUESTS
LET IT BEER - ROMA

26/04/19
NACHTMAHR + GUESTS TBA
TRAFFIC CLUB - ROMA

26/04/19
MARK BOALS + GUESTS
PIKA FUTURE CLUB - VERONA

27/04/19
FRONTIERS ROCK FESTIVAL
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

27/04/19
NACHTMAHR + GUESTS TBA
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

27/04/19
MORTADO
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

27/04/19
CRADLE OF FILTH + THE SPIRIT
CAMPUS MUSIC INDUSTRY - PARMA

Blasphemist - Shadowtorned World
( 1642 letture )
Secondo album nei negozi per i Blasphemist, combo austriaco dedito ad un melodic death metal di stampo moderno e originale come il nome della band (da non confondere con i Blasphemer e con i Blaspheme, o i Blasphemous, tanto per dirne qualcuno). I sei della Stiria (Stirolesi!) offrono come detto un lotto di tracce in cui non brilla certo l'originalità, ma di buona presa e di facile ascolto.

Dopo l'introduttiva Equinox la badilata sonora di Silent Shore ci mette subito sotto gli occhi i pregi e i difetti dei nostri. Più che per meriti compositivi (i brani scorrono bene, ma non sono certo indimenticabili) i Blasphemist si fanno notare anche per l'utilizzo di due vocalist, uno dedito agli scream e uno al growl. Il risultato è buono, soprattutto nei momenti in cui i due registri vocali si alternano, ma bisogna sottolineare che un uomo solo con un minimo di versatilità avrebbe raggiunto lo stesso risultato (magari anche meglio, visto che lo screamer qua e là vacilla un po').
Detto questo, detto tutto. La tracklist scorre via in modo un po' troppo scialbo, fra sentimenti altalenanti. A volte, come in Red To The Sky o nella buona These Darkened Signos, pezzo sopra la media ma non in grado di salvare un lavoro privo di mordente, sembra quasi che i nostri stiano per farcela, ma poi salta fuori la traccia un po' così (Painters And Poets su tutte) che tende ad appesantire la palpebra.
Insomma, ovviamente nutro il massimo rispetto per l'impegno della Noisehead Records, senza contare la fatica, i soldi e il sudore spesi dai Blasphemist per mettere insieme questi quaranta minuti di musica, ma secondo me si poteva (si doveva, anzi!) fare di meglio, perchè di questi tempi la concorrenza è spietata e i gruppi che ci girano nelle orecchie sono un'infinità, e per non farsi dimenticare ci vuole molto di più che un lotto di canzoncine ben suonate.
Anche le liriche non sono capolavori di originalità o di profondità introspettiva, tanto che la stessa label, nelle info sheet (che dovrebbero essere materiale pubblicitario, quindi edulcorato a dovere) parla di "generic metal themes"!
Sinceramente mi dispiace non poter concedere qualche punto in più a questa proposta, ma siamo davvero in zona allarme giallo. Non dico certo che la band sia senza speranza, le potenzialità emergono qua e là, ma il percorso per uscire dal tunnel dei "come te ce ne sono centinaia" è ancora lungo.
Magari per la prossima volta? In fondo i nostri sono davvero giovanissimi, visto che il membro più "anziano" ha 23 anni, e il tempo per migliorare non manca di certo...

Da premiare sono invece l'ottimo artwork e la produzione davvero pompata (ma chi non ce l'ha, di questi tempi?), ma stando in ambito puramente musicale non c'è molto in Shadowtorned World che sia degno di essere ricordato. Certo la capacità tecnica dei vari membri non manca, ma è solo un'altra delle cose che ormai si tendono a dare per scontato...



VOTO RECENSORE
59
VOTO LETTORI
21.87 su 16 voti [ VOTA]
Brian
Mercoledì 4 Gennaio 2012, 21.09.01
1
Ascoltato. E' banale e alle lunghe stucchevole. Si confonde tra la massa di release del genere.
INFORMAZIONI
2011
Noisehead Records
Melodic Death
Tracklist
01 - Equinox
02 - Silent Shore
03 - Constellations
04 - Red To The Sky
05 - Painters And Poets
06 - Tides Equal Rebellion
07 - Pervading
08 - Shadowtorned World
09 - This Darkened Signs
10 - Where No One Stood Before
Line Up
Stefan Rindler - Vocals
Moritz Pollinger - Vocals
Alexander Lackner - Guitar
Michael Iber - Guitar
Lukas Rappitsch - Bass Guitar
Florian Plochel - Drums
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]