Privacy Policy
 
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
La band
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

24/11/17
ALMANAC
Kingslayer

24/11/17
WILDNESS
Wildness

24/11/17
DEGIAL
Predator Reign

24/11/17
STRAY TRAIN
Blues From Hell

24/11/17
HOUSTON
III

24/11/17
AETHERIAN
The Untamed Wilderness

24/11/17
DEEP AS OCEAN
Lost Hopes | Broken Mirrors

24/11/17
SCORPIONS
Born To Touch Your Feelings

24/11/17
STARBLIND
Never Seen Again

24/11/17
LOCH VOSTOK
Strife

CONCERTI

23/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
QUIRINETTA - ROMA

24/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
ALMAGIA' TRANSMISSIONS FESTIVAL - RAVENNA

24/11/17
DESPITE EXILE
VECCHIA SCUOLA PUB - PALAZZOLO (BS)

24/11/17
BLACK STAR RIDERS
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

24/11/17
6TH COUNTED MURDER + KALIAGE
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

24/11/17
UFOMAMMUT + GUESTS
EREMO CLUB - MOLFETTA (BA)

24/11/17
INDACO + MOUNTAINS OF THE SUN
COMUNITA' GIOVANILE - BUSTO ARSIZIO (VA)

25/11/17
THE MODERN AGE SLAVERY + DESPITE EXILE + AMBER TOWN
LA TENDA - MODENA

25/11/17
COUNCIL OF RATS + NIDO DI VESPE + MALLOY
CASEIFICIO LA ROSA - POVIGLIO (RE)

25/11/17
PROSPECTIVE + UNDERTHEBED + OBSCURAE DIMENSION
CENTRO GIOVANILE CA' VAINA - IMOLA

Infernal Legion - The Spear of Longinus
( 1250 letture )
Sei anni di inattività o di assenza dallo studio di registrazione possono essere tanti, possono essere pochi, possono essere la giusta pausa di riflessione prima di partorire un album convincente, oppure addirittura un capolavoro. Sei anni nei quali gli Infernal Legion, allegro combo statunitense che predica urbi et orbi la sua incrollabile fedeltà alla divinità del death metal, non hanno evidentemente messo a frutto a dovere.

Già il precedente lavoro, il dimenticato e dimenticabile Your Payers mean Nothing aveva aperto falle catastrofiche anche nel cuore del più oltranzista dei die-hard fan. Il successivo The Spear of Longinus ha il merito di demolire ulteriormente la fiducia verso questi alfieri del blast beat.
Vi sono certo episodi passabili, soprattutto nelle battute finali, ma l’impressione generale è desolante. Composizione scarne, ripetitive, dove la scarnificazione di tutti gli orpelli non necessari lascia aleggiare un ragionevole dubbio: scelta ponderata o limite tecnico? E ancora, growl in stile brutal, decisamente poco fantasioso, monocorde, soffocato nel timbro, issato su impalcature ritmiche e progressioni dai connotati scarsamente originali, impersonate da riff anonimi quando non banali, nemmeno sostenute dal pulsare di un basso sommerso da una produzione discreta, ma non di livello eclatante come ci si potrebbe attendere, essendo il disco visibilmente debole a livello di contenuti (almeno orniamolo di una buona resa in cuffia!).
Difetta anche la maturità artistica, imprescindibile in una band al terzo full lenght: piazzare, nonostante siano le tracce meglio rifinite a mio parere, nelle ultime posizioni due mattoni da sette e sei minuti rispettivamente, significa torturare un ascoltatore già allo stremo delle energie, rovinando le uniche sufficienze piene mietute dall’album. Non mi sento di approfondire un’analisi track by track, non sarebbe questo il caso in cui è necessario narrare capitolo per capitolo.
La preparazione tecnica è di livello appena accettabile: mancano assoli, incisività dietro alle pelli, idee, colpi di scena. Tutto si conforma ad un’imperante mediocrità, che trascina per inerzia il gruppo ad una valutazione non gravemente deficitaria, ma comunque distante dalla fine del tunnel. Il materiale umano, senza calcare la mano, dimostra a tratti qualche potenzialità, da coltivare: perché, durante i sei anni di allontanamento dalle scene non hanno affinato quest’ultime? Nessuno è qui per bocciare o per respingere, però dinnanzi ad un’essenza musicale evanescente non si può fare altrimenti.

Nemmeno grazie ad un ascolto ripetuto e prolungato si riesce a trovare spunti che sollecitino la volontà a riporre il prodotto nel lettore. Anzi, potrebbe capitare la pulsione opposta, ossia dimenticarsi totalmente di questa uscita. E dispiace, in quanto la devozione, la passione della band di Lakewood è autentica, sincera, unita ad atmosfere occulte sovente discrete. Però di intenzioni non si sopravvive, bisogna avere in mano fatti concreti. Insufficienza piena.



VOTO RECENSORE
52
VOTO LETTORI
27.84 su 19 voti [ VOTA]
doomale
Giovedì 11 Aprile 2013, 21.15.59
2
..non per rompere le palle..lungi da me..e poi giustamente i gusti son gusti..ma ascolto l'album e leggo la recensione e sinceramente mi sembra che si sia scritto di un altro album! Ok non inventano assolutamente nulla ma quello che fanno è fatto bene..ben assemblato! D'accordo solo sulle vocals che potevano essere più incisive! Un 75 glielo voto!
doomale
Giovedì 11 Aprile 2013, 21.14.38
1
..non per rompere le palle..lungi da me..e poi giustamente i gusti son gusti..ma ascolto l'album e leggo la recensione e sinceramente mi sembra che si sia scritto di un altro album! Ok non inventano assolutamente nulla ma quello che fanno è fatto bene..ben assemblato! D'accordo solo sulle vocals che potevano essere più incisive! Un 75 glielo voto!
INFORMAZIONI
2011
Moribund Records
Death
Tracklist
1. Reborn Through Bloodshed
2. Wallowing in Your Own Faith
3. Disregard for the Afterlife
4. The Immaculate Deception
5. Dawn of the Last Day
6. Black Blood
7. VInland Valor
8. Volcanic Winter
9. Wave of Purification
Line Up
Joshua Dombeck: bass
Justin Thomas: drum
Doug Stern: guitar
Eric Armstrong: guitar
Josh Smith: vocals
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]