Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Phil Campbell
Old Lions Still Roar
Demo

Pinewalker
Migration
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

18/11/19
MARRAS
Where Light Comes to Die

21/11/19
SIGNUM REGIS
The Seal Of A New World

21/11/19
DUST
Breaking The Silence

22/11/19
SODOM
Out of the Frontline Trench

22/11/19
MAGIC KINGDOM
MetAlmighty

22/11/19
THE WHO
Who

22/11/19
LINDEMANN
F & M

22/11/19
CRYSTAL VIPER
Tales of Fire and Ice

22/11/19
BLOOD INCANTATION
Hidden HIstory of the Human Race

22/11/19
LORD MANTIS
Universal Death Church

CONCERTI

17/11/19
PROFANATICA + DEMONOMANCY
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

18/11/19
LEPROUS + THE OCEAN + PORT NOIR
CAMPUS INDUSTRY MUSIC - PARMA

19/11/19
SACRED REICH
LEGEND CLUB - MILANO

19/11/19
GODSPEED YOU! BLACK EMPEROR + METTE RASMUSSEN
HALL - PADOVA

20/11/19
AMON AMARTH + ARCH ENEMY + HYPOCRISY
ALCATRAZ - MILANO

21/11/19
SKID ROW + HOLLOWSTAR
PHENOMENON - FONTANETO D/AGOGNA (NO)

22/11/19
EARTH + GUEST
BLOOM - MEZZAGO (MB)

22/11/19
SKID ROW + HOLLOWSTAR
CAMPUS MUSIC INDUSTRY - PARMA

22/11/19
HEIDEVOLK + GUESTS
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

22/11/19
STRANA OFFICINA + COLONNELLI
THE CAGE THEATRE - LIVORNO

Within Temptation - Mother Earth
( 5055 letture )
Mother Earth è un ritorno al passato sotto molti punti di vista: un album che undici anni fa catturò l'ammirazione di milioni di persone, con 35.000 copie vendute solo in Europa e numerosi premi; ma anche un ritorno al passato in termini di stile, poichè in questa occasione i Within Temptation passarono da un modo di fare cupo ma tecnicamente avanzato (da alcuni riconosciuto come doom metal, ed a tal proposito ricordiamo The Dance, in cui i brani dell'album d'esordio vennero riproposti remixati) verso un metal sinfonico, raffinato ed impregnato di una piena cultura folk/celtica. Considerato come uno dei migliori prodotti di sempre di questa band olandese, non ha dunque bisogno di un giudizio graffiante ma merita, invece, un commento accurato e caloroso.

Il tema generale è ovviamente il rapporto odalistico tra l'uomo e la Natura, vista in ogni traccia come una divinità onnipresente ed onnipotente che, così per caso, ha le fattezze di una più che piacente Sharon Den Adel: incantevole nelle vesti bianche della dea-madre, la cantante-stilista sfrutta le sue doti canore -soprano leggero ma sul panorama gothic è una delle voci più dolci- per tracciare un panorama idilliaco in cui le immagini che scaturiscono sono quelle di un nord d'altra epoca. Iniziando con Mother Earth, la traccia principale in cui si ha un impatto forte con la "nuova voce" della cantante-protagonsta, limpida come il cristallo, accompagnata una musica finissima in cui batteria e chitarra solista emergono forti solamente all'inizio e alla fine. In Ice Queen il goticismo e il lirismo si accentuano per creare un brano che è l'allegoria dell'inverno: l'idea è buona e il testo passabile ma quello che fa perdere di poeticità è il video. Tralasciando lo stile vestiario (c'è sempre lo zampino di Tarja Turunen quando le cantanti cercano di fare le madonne immacolate truccate, però in modo accattivante) gli scenari creati al computer sono "onirici per finta" e c'è da segnalare l'immensa luna alle spalle di Sharon che sembra attaccata con il filo (vi aggiungo il link del video per capire di cosa sto effettivamente parlando link). Dando voce alla Madre-Terra, non si potrà non affrontare il tema della mancanza di cura che l'uomo ha per essa: il brano in questione è Caged, in cui la dea parla di un vero e proprio stupro di massa attuato da tutti coloro che dicevano di amarla. La voce viene lievemente distorta da un fare lamentoso ma la musica è solenne e scivolante -anche qui gli strumenti di accompagnamento sembrano esistere senza esserci, cioè la loro presenza non è disturbante ma ottimamente commista. Our Farewell fu definita la ballata che, essendo estratta come primo singolo, ampliò la popolarità dei Within Temptation facendo conoscere la nuova linea che stavano adottando: onestamente si tratta di un brano lungo e lento, senza particolare fascino nè musicale nè vocale, con solo un eccessivo sfoggio di capacità tecnica e un buonismo speranzoso per la difficile relazione tra il pianeta e i suoi occupanti (quasi un lieto fine dopo ciò che viene cantato in Caged). Il lamento dei sofferenti si esprime in Deceiver Of Fools dove finalmente anche Ivar de Graaf (la batteria), Michiel Papenhove, Robert Westerholt (le chitarre) e soprattutto Martijn Westerholt alle tastiere si fanno sentire corposamente nel brano più gothic-dark di tutto l'album. Infine una nota a Perfect Harmony, dolce brano da "esterno", nel senso che riesce ad esprimere davvero molto bene una sorta di armonia raggiunta da una consapevolezza umana (che quest'album si incarica di rievocare) con un'infinita bontà della Madre-Terra.

Quando Sharon Den Adel fondò i Within Temptation, lì definì un progetto "cinematografico", riferendosi alla forte componente di teatralità che intendevano applicare con l'ausilio di maschere e costumi. In effetti Mother Earth può considerarsi in questo modo: un viaggio cristallizzato in un'idea profonda, in cui ogni immagine è data con estrema nitidezza dalle parole, dalle sinfonie e dalla voce. Una bellezza antica che affonda le radici nel folklore storico ma con intenti moderni ed importanti.



VOTO RECENSORE
70
VOTO LETTORI
74.31 su 80 voti [ VOTA]
Overcome
Sabato 16 Novembre 2019, 17.00.15
34
Capolavoro assoluto del terzo millennio. Quel 70 è un insulto, se non prende 100 questo quale altro lavoro di questo genere può farlo?
Cubo di metallo
Domenica 10 Novembre 2019, 14.02.22
33
Ma perché la gente non legge la recensione invece di vedere solo il voto.... mi sembra una recensione positiva e che Encomia l’album come merita...
Nick
Domenica 10 Novembre 2019, 13.58.34
32
@Tetsuia: hai pienamente riagione. Sono passati quasi vent'anni da quando l'ho sentito per la prima volta e ancora oggi sono affascinato dalla maestosità e dalle emozioni che da questo album. Capolavoro indispensabile per chiunque voglia conoscere il genere. Voto 100.
Tetsuia
Lunedì 24 Giugno 2019, 16.48.50
31
Solo 70 per questo capolavoro????? Scherziamo???
holy diver
Lunedì 10 Giugno 2019, 11.28.42
30
questo è una pietra miliare, tra i 5 album gothic/symphonic migliori di tutti i tempi, non si può dare 70 a questo e 69 a hydra dai.. 90 è il minimo
megna
Domenica 14 Aprile 2019, 18.30.22
29
Semplicemente superbo, il passaggio ideale e naturale tra il gothic e il symphonic metal. La voce di Sharon è ancora acerba e stridente, in contrasto con le corali maschili. La title track Mother Earth è tuttora catalogabile come celestiale. 70 è veramente troppo poco!
FRANCESCO
Domenica 30 Dicembre 2018, 14.47.39
28
Bellissimo, sono molto legato a questo disco. Il mio pezzo preferito è "The Promise".
Silvia
Lunedì 20 Novembre 2017, 14.22.45
27
Disco bellissimo, con pezzi immortali e una voce unica e da brivido, naturale, non impostata e diversa da tutte le altre. 70 è troppo poco anche x me.
Lembo
Sabato 8 Aprile 2017, 16.10.00
26
pur prodotto con pochi mezzi, resta tra i 10 album gothic/symphonic + grandi di tutti i tempi
Sentenza
Mercoledì 21 Settembre 2016, 17.21.14
25
Così memorabile (sta tastiera di merda.... scusate)
Sentenza
Mercoledì 21 Settembre 2016, 17.20.29
24
Non ho apprezzato molto le contaminazioni folk. Sarò pure una vapra ma preferisco nettamente i successivi. Credo che pure senza questo album avrebbero avuto successo.... a parte alcuni singoli forti come ice queen e caged il resto non lo considero cosi
Father Picard
Mercoledì 18 Maggio 2016, 2.53.41
23
Insieme a Theli e Oceanborn, il caposaldo del symphonic moderno. 100/100 Se non dai il massimo a questo...
megadeth74
Sabato 27 Dicembre 2014, 6.56.48
22
E' una perla nel panorama del symphonic metal grandissimo album con canzoni che hanno e faranno la storia. 70 e' uno scherzo vero? qui si parte da 90 e si sale.....non scherziamo raga, solo Mother ed Ice valgono l'acquisto obbligato per non parlare di Never, Decever, The promise e Caged un album senza punti deboli. FANTASTICO la voce di una dea x noi poveri mortali GRAZIE SHARON
Beta
Venerdì 14 Febbraio 2014, 11.31.25
21
Praticamente il mio preferito dei WT. Etereo, magico, atmosferico e comunque metal. per alcuni versi presenta ancora uno stile "in erba", ma mostra già le grandi potenzialità della band che sono venute fuori con i dischi successivi e continuano a venire fuori. anche per me 70 è troppo poco: un 85 è più che meritato
paul
Venerdì 14 Febbraio 2014, 10.50.14
20
Ma come è possibile dare 70 a questo capolavoro??? bah sono davvero costernato, ci troviamo di fronte ad un lavoro immortale, emozionale...ca sciogl u sang rind e ven. Voto 95
raptus
Venerdì 14 Febbraio 2014, 10.33.18
19
Probabilmente il loro miglior cd. Nessuno ha menzionato al fatto che probabilmente è pure uno dei migliori connubi tra metal e musica celtica. Capolavoro.
Sebastian
Martedì 1 Ottobre 2013, 18.23.57
18
A mani basse il migliore album della loro discografia. Se non avessero mai concepito questo disco, non avrebbero mai avuto il successo che hanno ora. Canzoni una più bella dell'altra, i testi non mi paiono assolutamente forzati, anzi, trasmettono appieno le tematiche che si volevano esprimere. 70 è davvero un voto troppo basso per uno dei lavori migliori del metal sinfonico.
BJP
Domenica 7 Aprile 2013, 11.34.22
17
Gran bell'album. Ho sempre adorato The Promise, però il resto dell'album, per quanto mi riguarda, è ugualmente bello. Per me è 85
gloomweaver
Giovedì 28 Marzo 2013, 19.49.26
16
il loro disco migliore (insieme a Enter). da The silent force non sono più riuscita ad ascoltarli... concordo con gli altri nel dire che 70 è davvero poco poco per questo disco. 80 è il minimo sindacale.
giovanni
Lunedì 21 Gennaio 2013, 19.46.40
15
secondo me 70 e poco. questo disco merita almeno un 85.non capisco assolutamente il 70. il disco contiene delle tracce bellissime, che da sole valgono il prezzo del disco.
ecodont
Domenica 17 Giugno 2012, 21.29.27
14
per me e` il miglior disco della band e un 94 non glielo toglie nessuno. un disco immenso che tutt`ora ascolto volentieri......
xxx
Mercoledì 2 Maggio 2012, 9.21.35
13
il disco più bello dei WT perfetto sotto ogni punto di vista...rimpiango quelle sonorità anche se i nuovi WT non mi dispiacciono, merita sicuramente un voto tra il 90 e il 100
Stefano
Martedì 1 Maggio 2012, 23.12.21
12
70 ?!?!? E' un po' poco, molto poco, per un disco del genere ; che se non è IL disco dei WT, sicuramente è uno dei più belli in assoluto che il Symphonic Metal abbia mai partorito....90/100 come minimo.
blackie
Venerdì 10 Febbraio 2012, 23.13.30
11
disco dawero bello!la prova vocale di sharon e divina! che darei x averlo in vinile!
ice queen
Mercoledì 14 Dicembre 2011, 12.40.58
10
gran disco, merita il massimo dei voti solo per la prova vocale 95
Shadowtex
Martedì 13 Dicembre 2011, 16.21.12
9
Ad oggi il miglior album dei Within! peccato che l'edizione normale non contanga la canzone Bittersweet che fa andare il mio voto da 90-95 a 110!
Celtic Warrior
Martedì 13 Dicembre 2011, 13.23.19
8
Nel suo genere un gran bel album .
Painkiller
Martedì 13 Dicembre 2011, 8.28.13
7
Un album coinvolgente e vario, in cui la band è riuscita finalmente a darsi un'identità più definita. Alcune grandi canzoni ma alcune parti sono ancora embrionali. Definineri quest'album "il bruco", the silent force (il loro capolavoro secondo me) "la farfalla". Comunque un grande disco!!!
Fan
Lunedì 12 Dicembre 2011, 17.09.22
6
Solo 70? Ma minimo 80 se sei tirchio... per me sto disco è da 90!
Surymae
Domenica 11 Dicembre 2011, 18.19.29
5
Non concordo molto con la recensione: non con il voto - anche se a dire il vero per me un 80 ci sta tutto - ma proprio con i contenuti. In particolare il voler ricercare a tutti i costi un'allegoria della natura dei testi mi pare un po' forzato, soprattutto per quanto riguarda "Caged" (ma anche "Our Farewell" non scherza). Poi posso anche essere io che alle volte faccio un po' fatica ad andare oltre alle interpretazioni letterarie, però... Per quanto riguarda l'album, comunque, secondo me è un po' sopravvalutato. E' buono, ma i Within Temptation non erano ancora maturati del tutto, e si sente - la prolissità di certe parti...
Macbeth
Sabato 10 Dicembre 2011, 18.58.57
4
Secondo me questo è l'ultimo (e sincero) grande disco dei Within Temptation.
enry
Sabato 10 Dicembre 2011, 18.40.28
3
Non sono un grande fan di queste sonorità, ma questo disco mi piace molto di più rispetto alle ultime uscite della band...Discorso identico anche per Epica, After Forever e soprattutto Tristania.
gaia
Sabato 10 Dicembre 2011, 14.30.42
2
sono totalmente in disaccordo col voto, questo nel suo genere è un capolavoro da almeno 90
Straisand
Sabato 10 Dicembre 2011, 11.15.31
1
Il miglior album dei Within Temptation nonostante presenti un sound in parte acerbo, ma sicuramente è il più emozionante. Voto: 80
INFORMAZIONI
2000
DSFA Records
Symphonic Metal
Tracklist
1. Mother Earth
2. Ice Queen
3. Our Farewell
4. Caged
5. The Promise
6. Never Ending Story
7. Deceiver of Fools
8. Intro
9. Dark Wings
10. In Perfect Harmony
Line Up
Sharon Den Adel - Voce
Michiel Papenhove - Chitarra solista, cori
Robert Westerholt - Chitarra ritmica, cori
Martijn Westerholt - Tastiere
Jeroen van Veen - Basso
Ivar de Graaf - Batteria
 
RECENSIONI
69
85
80
90
70
70
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]