Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Phil Campbell
Old Lions Still Roar
Demo

Pinewalker
Migration
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/11/19
THE WHO
Who

22/11/19
MAGIC KINGDOM
MetAlmighty

22/11/19
LINDEMANN
F & M

22/11/19
BLOOD INCANTATION
Hidden HIstory of the Human Race

22/11/19
LORD MANTIS
Universal Death Church

22/11/19
AVATARIUM
The Fire I Long For

22/11/19
BLOOD EAGLE
To Ride In Blood & Bathe In Greed - Part III

22/11/19
BLOOD INCANTATION
Hidden History Of The Human Race

22/11/19
CRYSTAL VIPER
Tales of Fire and Ice

22/11/19
SKYBLOOD
Skyblood

CONCERTI

22/11/19
EARTH + GUEST
BLOOM - MEZZAGO (MB)

22/11/19
SKID ROW + HOLLOWSTAR + RED RIOT
CAMPUS MUSIC INDUSTRY - PARMA

22/11/19
HEIDEVOLK + GUESTS
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

22/11/19
STRANA OFFICINA + COLONNELLI
THE CAGE THEATRE - LIVORNO

22/11/19
HADDAH + GUESTS
OFFICINE SONORE - VERCELLI

22/11/19
SAKEM + GUESTS
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

22/11/19
THE END AT THE BEGINNING + GUESTS
PADIGLIONE 14 - COLLEGNO (TO)

23/11/19
EARTH
TPO - BOLOGNA

23/11/19
HELLUCINATION + JUMPSCARE
PHOENIX FEST - FORMIA (LT)

23/11/19
HEIDEVOLK + GUESTS
REVOLVER - SAN DONÀ DI PIAVE (VE)

Krisiun - The Great Execution
( 3503 letture )
Ritornano a distanza di 3 anni dalla loro ultima (adesso penultima) uscita discografica i fratelli Kolesne, uno dei quali è ancora indeciso sul cognome da adottare… ma lasciamo stare discorsi di ordine genealogico e decisamente fuori tema per scrivere invece di The Great Execution.
Chi già conosce i brasiliani sa perfettamente qual è il loro stile ed il loro modo di suonare: niente di originale né di sconvolgente in quanto ad estro creativo, aggiungerei io, nonostante leggeri segni di evoluzione soprattutto negli ultimi album.
Pur ammettendoli potentissimi e capaci di prove egregie, non sono mai stato troppo seguace dei Krisiun. Li ritengo a conti fatti abbastanza ripetitivi e prevedibili seppur brutali: hanno la loro formula e tale rimane in saecula saeculorum. Amen. Di certo un ascolto ogni tanto dei suddetti mi carica, ma niente più.

The Great Execution è comunque un buon album di death metal, seppur schematico nello sviluppo dei brani e, a conti fatti, per molti di voi potrebbe risultare piacevole all'ascolto. Risulta inutile a mio avviso qualsiasi tipo di critica per un gruppo talmente navigato: prendere o lasciare… tra l' altro la durata media dei brani rispetto alle altre produzioni dei brasiliani si è decisamente allungata; durante l'ennesimo ascolto dell'album ad un certo punto mi sono sentito proiettato per magia nella Salerno-Reggio Calabria ad agosto: interminabile!
61 minuti sono eccessivi per 10 tracce, e a conti fatti con brani più snelli sicuramente il lavoro dei Krisiun sarebbe stato più apprezzabile e incisivo. Se comunque vi piacciono le tracce prolisse, di almeno 5 minuti o addiritura di oltre 8 minuti (Shadows Of Betrayal), allora questo forse è l'album che fa per voi.
Molti momenti appaiono riusciti sia per riffing che per strutturazione (The Great Execution), ma la scelta consapevole del trio di dar corpo a brani lunghi ma non troppo articolati purtroppo rovina quanto di buono fatto in fase di songwriting. Ci troviamo comunque al cospetto di una macchina da guerra, ricca di influenze dal buon vecchio thrash al buon vecchio death metal (The Sword Of Orion). Veloce e precisissimo il drumming, riffing incalzante, assoli wahwahtici ricchi di groove (a dirla tutta viene più semplice col wah wah comporre assoli molto espressivi) a velocità supersoniche, cantato convincente.
L'altra faccia della medaglia potrebbe essere: drumming monotono, riffing prevedibile, cantato monotematico.
A voi la scelta del giudizio. Durante l'album si incontrano anche alcuni rallentamenti esaltanti, così come up-tempos tiratissimi (questa non è di certo una novità), e c'è spazio anche per riffs più "morbidi". Certo è che, se anche riusciti, alcuni momenti sembrano piuttosto scontati (Descenting Abomination), cosi come alcune formule di songwriting decisamente ripetitive. Dal primo riff sai già come finirà il brano (The Will To Potency).

A conti fatti molti di voi penseranno, ascoltando The Great Execution, ad un album fedele e sincero; questa volta, pur riconoscendone i meriti, io passo ad ascoltare altro…



VOTO RECENSORE
65
VOTO LETTORI
45.53 su 30 voti [ VOTA]
God of Emptiness
Mercoledì 30 Maggio 2018, 19.35.25
16
Per me si becca 85, davvero un grande album al pari di Southern Storm e che riporta la band ai fasti di Conquerors of Armageddon. Posso capire la lunghezza eccessiva e questo effettivamente l'unico neo in negativo ma le canzoni cosi coinvolgenti e fottutamente Death metal sono una rarità secondo me e magari ci fossero più band coerenti come i Krisiun
LexLutor
Mercoledì 22 Febbraio 2017, 14.19.06
15
Che casino fanno sti "figli"....di sarcofago XD
enry
Venerdì 6 Gennaio 2012, 19.23.38
14
A piccole dosi (3-4 brani) funziona anche, ma tutto di un botto è dura arrivare alla fine. Alcuni buonissimi brani come la title-track e The Sword of Orion ma complessivamente siamo sul passabile o poco più...65 anche per me.
spadaccinonero
Martedì 13 Dicembre 2011, 19.33.26
13
da notare come la track "the great execution" sia praticamente identica all'intro di "death in fire" by amon amarth... (: a parte qsto mi è sufficentemente piaciuto qsto album... 68 il mio voto
Bloody Karma
Martedì 13 Dicembre 2011, 11.25.31
12
personalmente continuo a preferire i primissimi lavori dove facevano solo casino puro, poi l'aver virato verso qualcosa di tecnico mi ha fatto cascare parecchio le braccia...tuttosommato il precedente è piuttosto vario e spaccaossa...però ovviamente de gustibus...
Undercover
Lunedì 12 Dicembre 2011, 10.07.09
11
@Bloody Karma pensa che per me è quello il problema del disco antecedente :-?
Bloody Karma
Lunedì 12 Dicembre 2011, 9.16.03
10
a me il precedente era piaciuto un botto...finalmente picchiavano ragionando un minimo...questo disco è in lista d'attesa, appena possibile lo ascolterò di certo...
The Sentinel
Domenica 11 Dicembre 2011, 15.42.30
9
Meno male, vedo che in realtà generalmente questa band è considerata appunto giusto brutale (e non sempre anche quello), che sa mostrare solo i muscoli ma idee sempre poche e anche quando ci sono non sempre sviluppate al meglio come dovrebbero e saprebbero fare altre band. Ovviamente i fans di solito ti rispondono roba tipo "...dicono così tutti quelli a cui non piace in realtà il death e soprattutto il brutal...", ovviamente cavolata immane smentita al volo proprio dal fatto che cmq chi prova a sentirli è ovvio che non ha pregiudizi in generale sul campo/genere e magari ascolta già da tempo o da sempre più o meno band di metal estremo, per certi alcune di esse sono anche tra le preferite di sempre in assoluto. Semplicemente, forse a differenza di altri, vogliono idee, fantasia e possibilmente personalità, se non proprio originalità che ovviamente è sempre più difficile per tutti, e non si accontentano solo dell'aggressione sonora di per sé o di una tecnica più o meno buona.
tenebra occulta
Domenica 11 Dicembre 2011, 15.38.12
8
Senza intaccare la loro furia e il loro suono brutale hanno apportato qualche cambiamento a livello di songwriting. Alcune canzoni sono basate su mid-tempo, altre sono più articolate e non mancano le bordate veloci. Un bel disco da 78. Di album tritacarne in 15 anni ne hanno proposti diversi, questo diciamo che è un tritacarne a diverse velocità
S.V.
Sabato 10 Dicembre 2011, 21.56.51
7
Ottimo disco per ora anche se l'ho sentito poco, vedremo se regge col tempo!
Enrico
Sabato 10 Dicembre 2011, 19.13.47
6
Mah... per me vale almeno 75.
cultistapazzo
Sabato 10 Dicembre 2011, 19.07.50
5
non posso votare, attualmente hanno 66.66 mi dispiace cambiarlo XD cmq dei grandi, sono i motorhead del death metal. gran disco.
domenico
Sabato 10 Dicembre 2011, 17.17.23
4
apprezzo la loro idea di cambiamento ma a me i krisiun piacciono brutali e no compromise 65 voto giusto
Undercover
Sabato 10 Dicembre 2011, 17.01.05
3
Più cercano di elaborare come dice Piggod più danni fanno, devono andare dritto per dritto perché quando contorcono il sound si limitano rovinando quel poco di buono che creano, io sarei stato anche più duro visto che il precedente mi aveva già deluso, 60 netto.
lux chaos
Sabato 10 Dicembre 2011, 14.35.09
2
finalmente una rece che ridimensiona un pò sto disco che sta prendendo votoni a destra e a manca....discreti IMO!
piggod
Sabato 10 Dicembre 2011, 14.14.45
1
Non è che dai Krisiun si pretenda l'originalità... Ad ogni modo, va scritto che le canzoni sono molto più elaborate, se paragonat ai precdenti lavori, pur non perdendo la furia che da sempre contraddistingue i brasiliani. IMHO un altro gran disco dopo Southern storm.
INFORMAZIONI
2011
Century Media
Death
Tracklist
01 - The Will to Potency
02 - Blood of Lions
03 - The Great Execution
04 - Descending Abomination
05 - The Extremist
06 - The Sword of Orion
07 - Violentia Gladiatore
08 - Rise and Confront
09 - Extinção em Massa
10 - Shadows of Betrayal
Line Up
Alex Camargo - Bass, Vocals
Max Kolesne - Drums
Moyses Kolesne - Guitars
 
RECENSIONI
65
70
80
ARTICOLI
29/03/2019
Live Report
SEPTICFLESH + KRISIUN + DIABOLICAL + XAON
Alchemica Music Club, Bologna, 24/03/2019
26/05/2016
Intervista
KRISIUN
Forged in Fury - Intervista a Max Kolesne dei Krisiun
03/05/2016
Live Report
CANNIBAL CORPSE + KRISIUN + HIDEOUS DIVINITY
Alcatraz, Milano, 01/05/2016
18/12/2009
Live Report
NILE + KRISIUN + GRAVE ed altri
Those Whom The Gods Detest Tour 2009
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]