Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Progenie Terrestre Pura
starCross
Demo

Dead Like Juliet
Stranger Shores
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

20/07/18
THE LIONS DAUGHTER
Future Cult

20/07/18
MUTILATION RITES
Chasm

20/07/18
CRYONIC TEMPLE
Deliverance

20/07/18
SCARS ON BROADWAY
Dictator

20/07/18
CEMETERY LUST
Rotting in Piss

20/07/18
SANDRIDER
Armada

20/07/18
KHÔRADA
Salt

20/07/18
BLACK ELEPHANT
Cosmic Blues

23/07/18
ATAVISMA
The Chthonic Rituals

25/07/18
MANTICORA
To Kill To Live To Kill

CONCERTI

17/07/18
IRON MAIDEN + TREMONTI + RHAPSODY OF FIRE + THE RAVEN AGE
PIAZZA UNITA` D`ITALIA - TRIESTE

18/07/18
STEVEN TYLER
PIAZZA UNITA' D'ITALIA - TRIESTE

18/07/18
MYLES KENNEDY + DORIAN SORRIAUX
TEATRO DAL VERME - MILANO

19/07/18
MYLES KENNEDY + DORIAN SORRIAUX
TEATRO ROMANO - OSTIA ANTICA (ROMA)

20/07/18
PROTEST THE HERO + GUESTS
ROCK PLANET CLUB - PINARELLA DI CERVIA (RA)

21/07/18
COLONY SUMMER FEST (Day 1)
CENTRO FIERA - MONTICHIARI (BS)

21/07/18
MYLES KENNEDY + DORIAN SORRIAUX
CASTELLO - UDINE

21/07/18
DIVINE METAL FEST
ALTERNATIVE MUSIC CLUB - MONTENERO DI BISACCIA (CB)

22/07/18
RICHIE KOTZEN
ESTATE IN FORTEZZA SANTA BARBARA - PISTOIA

22/07/18
COLONY SUMMER FEST (Day 2)
CENTRO FIERA - MONTICHIARI (BS)

Shaaman - Reason
( 5653 letture )
Ma chi vogliamo prendere in giro? Questo disco è quanto di più non-ispirato le mie orecchie abbiano sentito da molto tempo a questa parte! E, per favore, non venitemi a raccontare storie sulla “crescita compositiva ed umana di André Matos e degli altri”, sulle presunte “influenze che arricchiscono ed evolvono il sound”…
Amici miei, per come la vedo io, Reason è semplicemente un PACCO. Di certo, nessuno qui discute la perizia tecnica del combo, la qualità dei musicisti coinvolti e la produzione cristallina. Ma qui stiamo parlando della seconda costola degli Angra, di Matos, Mariutti e Confessori, gente che ha mollato la band madre perché voleva “continuare il discorso intrapreso con Holy Land.” Ma dove??? E lì dove il primo CD ci lasciava ancora sperare, lì dove tutti cominciavano a sbavare in vista di una sfida a colpi di power, lì dove ci si chiedeva speranzosi quali nuove ed inesplorate vette la voce del mitico André avrebbe raggiunto stavolta… Esce Reason, lavoro tra i più incostanti e confusionari da me sentiti negli ultimi tempi. Accenni di power, songs decisamente più rock-oriented (il che non sarebbe affatto un male, se fosse di qualità!), linee vocali che definire scontate è un complimento; no no, mi dispiace, non ci sto.
Ognuno faccia quello che vuole, io devo rispondere a mie precise responsabilità etiche nei confronti di chi mi legge e di chi potrebbe decidere, dalle mie parole, di comprare o meno un CD, ossia di spendere dei soldi. Io adoro Matos, lo adoravo negli Angra, ho molto gradito il coraggio della scelta ed il buonissimo Ritual, dove di tutto si era fatto (finanche la scelta del monicker e dell’artwork) per conservare lo spirito e il legame con la madre terra, per ‘rubare’ ai cugini Angra quell’aura di ‘band tribale’, dove l’elemento power veniva abilmente fuso con le sonorità del Brasile natìo. Bene, di tutto questo in Reason non c’è assolutamente niente. Non vi citerò una canzone, perché nessuna si erge sul lotto (forse appena la più ‘classica’ Turn Away o la galoppante Trail of Tears). Il resto, semplicemente, è un esperimento non riuscito. Mi dispiace, ma la A che hanno aggiunto al monicker forse sta per ‘Anonimi’.



VOTO RECENSORE
48
VOTO LETTORI
43.55 su 47 voti [ VOTA]
alessandro
Giovedì 25 Dicembre 2014, 21.15.14
27
bellissimo album..!..canzoni bellissime come Innocence e Scarred Forever ,ma non solo, smentiscono questa recensione che sembra tutto fuorché obiettiva..
Nonno Ippei
Lunedì 6 Maggio 2013, 13.38.51
26
Ascoltato ieri, Anni Luce da Ritual (ben superiore), un Matos indietro e sforzato rispetto ai suoi standard e linee musicali che vorrebbero essere propositive e innovative rispetto il brand del gruppo ma che suonano superficiali. Voto 59 - Niente sufficenza
Milo
Giovedì 2 Dicembre 2010, 23.52.19
25
Ma per favore, ma per piacere, 48 proprio NO. Ottimo grande album questo Shaaman - Reason, si lascia ascoltare che è un piacere, BELLISSIMO. Mi chiedo se non è un caso che il recensore non faccia più parte dello staff...
luci di ferro
Mercoledì 24 Novembre 2010, 1.10.24
24
reason non merita 48 anzi merita molto di più senza fare troppi giri di parole. L'album è di notevole spessore musicale e viaggia su altissimi livelli.
Absynthe6886
Martedì 2 Novembre 2010, 17.09.04
23
48!? QUA-RAN-TOT-TO!? OHIBO'!!! Dai toni della recensione sembra quasi che sia sul personale... XD No, a parte l'ironia, mi pare proprio eccessiva una bocciatura a questi livelli (ammesso che meriti una bocciatura...), neanche avessero virato sul pop dalle più becere velleità milionarie... Siamo obbiettivi, la qualità c'è e fi no alla quinta traccia il livello è dei migliori, sia dal punto di vista esecutivo, che su quello dell'interpretazione e dell'arrangiamento. Anche Trail Of Tears e Born To Be sono altre due ottime tracce ed il resto appare più che dignitoso. Non saprei dire... Anzi si: son gusti! Ed il mio, personalissimo, me l'ha fatte spendere quelle € 14,90. Per me un bell'80, tondo tondo, se lo merita tutto.
onofrio
Lunedì 13 Settembre 2010, 23.40.01
22
in reason ci sono delle autentiche perle del metal che sono: "Turn Away","Reason", "Innocence", "Scarred Forever", "Born to be". I shaaman sfornano un grandissimo album.
luci di ferro
Lunedì 13 Settembre 2010, 23.31.49
21
no dai 48 propio NO, reason SI merita un 83 /100.
Andre Matos
Sabato 4 Settembre 2010, 15.53.09
20
48 troppo basso come voto, una ingiustizia che non rende il vero valore di "reason" dove ci sono grandi canzoni quali Turn Away, Reason, Innocence, Scarred Forever, Trail of tears, i Shaaman meritano di più.
Herdemuns
Venerdì 17 Novembre 2006, 19.03.35
19
Attenzione. C'è da dire che se ci aspettiamo Holy Land pt.2 veramente ci sarà da sbatterci contro la testa tante volte (al muro). Che poi vogliamo dare un 48 ad un album come questo è un altro discorso. Allora è chiaro che i gusti sono gusti. Da parte mia, penso che sia stato ammazzato un lavoro che invece contiene alcuni pezzi che sono davvero molto buoni. Non sto qui ad analizzare traccia per traccia, diventerei noioso, però diciamo che ci sono cose buone e cose cattive. Per prima cosa, sarà che sono un fissato ma io mi aspettavo la voce pura del vecchio Matos. Si esatto quella da "castrato". Niente di più sublime. Invece qua c'è una linea vocale che si sforza (in modo palese) di rendere più aggressiva una voce che assolutamente di natura non lo è. Quindi qua va il mio voto negativo. Voglio indietro il vecchio matos, quello di Wuthering Heights (la cover di Angel Cry). Poi però se ci mettiamo a parlare di sound, c'è da dire che melodia e aggressività si fondono davvero molto be
hideaki
Domenica 15 Ottobre 2006, 13.55.56
18
Sfida a colpi di power? Ragazzo mio, la classe e la qualità di un disco non si valutano soltanto tramite la presenza di linee melodiche ultraveloci e doppia-cassa. Ancora più assurdo ricercare a tutti i costi elementi tribali... mica giudicheremo un album dei nostri Rhapsody per la presenza o meno del mandolino? REASON è disco di grande qualità e bellezza, e soprattutto è un disco non banale.
hideaki
Domenica 15 Ottobre 2006, 13.51.43
17
Sfida a colpi di power? Ragazzo mio, la classe e la qualità di un disco non si valutano soltanto tramite la presenza di linee melodiche ultraveloci e doppia-cassa. Ancora più assurdo ricercare a tutti i costi elementi tribali... allora
dave
Venerdì 2 Dicembre 2005, 16.34.21
16
Il mio modesto parere è che 48 significa squallore totale! NON condivido per niente, l'ultima fatica di Matos e soci, ha prodotto un disco ricco di sfumature, dove melodia e forza si miscelano al meglio. E poi basta con sta cacchio di doppia cassa a manetta, fa schifo. Fateci caso, molte delle band finalmente lo hanno capito ed anche Shaaman ha rilasciato un album dove il batterista suona, non fà ginnastica ai piedi!!!
lele
Giovedì 17 Novembre 2005, 13.41.15
15
ma chi ha fatto sta recensione?????io l'album l'ho ascoltato tanto e ritengo sia un eccellente lavoro!il consiglio x tutti è di ascoltarlo...nn ve ne pentirete!
io
Venerdì 9 Settembre 2005, 15.48.17
14
dire che questo sia un brutto disco è ...semplicemente...falso
Guga
Domenica 21 Agosto 2005, 16.54.01
13
Ritengo che questo album non sia una dele migliori espressioni di Matos e soci... al primo ascolto l'assenza di parti classicheggianti fuse a ritmi etnico-tribali non mi ha lasciato soddisfatto come anche il per me inspiegabile pellegrinaggio di Mstos verso linee vocali sempre più aggressive.... trovo però nell'album buone idee e atmosfere gradevoli anche se nell'album mancano i colpi di genio presenti in Ritual e nei lavori precedenti
loris
Mercoledì 17 Agosto 2005, 18.35.58
12
prima di scrivere 1 recensione così sugli shaaman sarebbe meglio levare quei paraocchi fastidiosissimi.voglio impedire che la gente sottovaluti 1 disco immenso quale reason.non pensavo ci fosse ancora gente che aspetta holy land part.2.ma come 6 messo?
Savak
Giovedì 30 Giugno 2005, 20.21.56
11
Sentenziare così non serve a niente. Questo disco mi piace.
Satanasso di vallo lù
Mercoledì 22 Giugno 2005, 15.19.57
10
bhè 48...secondo me è un pò poco..anzi..è veramente troppo poco..nn è di certo 1 capolavore questo cd ma si deve dire che gruppi che vogliono cambiare ed evolversi ce ne sono davvero pochi..e i shaman fanno parte di quei pochi che hanno avuto il coraggio di cambiare e anche molto bene....e poi c'è da dire che gli arrangiamenti fanno paura,su alcune cose sono davvero molti bravi.....BRAVISSIMI CONTINUATE COSì.....
Broken Dream
Venerdì 17 Giugno 2005, 1.24.03
9
@ Reeve nella recensione di O ho già postato la mia opinione a dire il vero piuttosto edulcorata , è solo che leggendo la recensione in oggetto trovo delle osservazioni per così dire forzate per attribuire un voto basso ad un disco che non può essere definito un capolavoro ma che senza timore di smentita(visto anche le molte recensioni in rete lette) si attesta su un buon livelllo di qualità. Mentre ahimè nell'altra recensione ,le evidenti pecche (palesi scopiazzature) definite dai buonisti "ispirazioni" non sono state sufficientemente enfatizzate. tutto qui IMHO.
Ludwig
Giovedì 16 Giugno 2005, 18.36.16
8
Recensione ottima: purtroppo i nuovi Shaaman, con l'abbandono quasi totale delle parti etniche, l'assenza di sperimentazione e conseguente piattezza paurosa dei pezzi, di "sciamano" non hanno proprio nulla. Non fosse la band di Matos questo disco sarebbe probabilmente ignorato.
Sbranf
Giovedì 16 Giugno 2005, 15.44.13
7
Per me non l'ho cannato affatto, anzi. Poi, come sempre, de gustibus.
eXdeath
Giovedì 16 Giugno 2005, 13.30.14
6
Suvvia Sbranf , Sbranf mi deludi! Questo è 1 disco con le palle, dalle atmosfere volutamente malinconiche e dalle scelte coraggiose, che ovviamente gli han estraniato 1 buona fetta di fan che avrebbero adorato soltanto qualcosa di ultra-poweroso e allegro (come Ritual che rimane comunque un ottimo album)... insomma per me hai cannato l'approccio, mi spiace ma io gli avrei dato quanto meno 80.
The Reve
Giovedì 16 Giugno 2005, 8.53.32
5
Broken non ho capito il paragone....questo disco non l'ho ancora ascoltato ma ritengo che Octavarium sia un disco validissimo....spiegati meglio...
Renaz
Mercoledì 15 Giugno 2005, 20.49.04
4
Sante parole Sbranf. Sante parole.
Sbranf
Mercoledì 15 Giugno 2005, 15.38.49
3
Eheh.... è il bello di avere opinioni diverse! Credo sia impossibile che una mia (o di chiunque altro) recensione corrisponde pedissequamente al punto di vista di CHIUNQUE ALTRO ascolti il medesimo disco. Io cerco di fare il mio lavoro onestamente, per il bene del nostro glorioso Metallized. Se le vostre idee differiscono dalle mie, beh, tanto meglio, potremo scambiarci opinioni sull'argometo. Keep Rockin'.
maiden88
Mercoledì 15 Giugno 2005, 14.33.44
2
il mio voto è 85...questo è 1 gran disco...dai sbranf mi hai sbagliato 1 altra rece dopo quella di bruce dickinson (disco meraviglioso)
Broken Dream
Mercoledì 15 Giugno 2005, 13.12.48
1
A volte mi chiedo ,leggendo un commento su un disco se io ho ascoltato lo stesso disco in oggetto. Partendo dal presupposto del rispetto di tutte le opinioni,mi domando ancora :ma se uno dà 48 a questo disco come può valutare Octavarium ,boh ...!!
INFORMAZIONI
2005
AFM Records
Power
Tracklist
1. Turn Away
2. Reason
3. More
4. Innocence
5. Scarred Forever
6. In the night
7. Rough stone
8. Iron Soul
9. Trail of tears
10. Born to be
Line Up
André Matos: Vocals
Ricardo Confessori: drums
Luis Mariutti: Bass
Hugo Mariutti: Guitars
 
RECENSIONI
s.v.
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]