Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Destrage
The Chosen One
Demo

E.G.O
Everything Goes On
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

24/06/19
MONARQUE
Jusqu-à la Mort

26/06/19
BLOODY HAMMERS
The Summoning

26/06/19
H.E.A.T
Live at Sweden Rock Festival

26/06/19
ROB MORATTI
Renaissance

27/06/19
ORDER OF THE EBON HAND
VII: The Chariot

28/06/19
RHODIUM
Scream into the Void

28/06/19
MAJESTY
Legends

28/06/19
DREAMS IN FRAGMENTS
Reflections Of A Nightmare

28/06/19
TURILLI/LIONE RHAPSODY
Zero Gravity (Rebirth And Evolution)

28/06/19
JBO
Wer Lässt Die Sau Raus?!

CONCERTI

24/06/19
THE MELVINS + RED FANG
CARROPONTE - SESTO SAN GIOVANNI (MI)

24/06/19
THE AMITY AFFLICTION
TUNNEL - MILANO

24/06/19
ANATHEMA + guests
Live Club - Trezzo sull'Adda

24/06/19
CARACH ANGREN + GUESTS
LEGEND CLUB - MILANO

25/06/19
LACUNA COIL + DAWN OF MEMORIES
PARK NORD STADIO EUGANEO - PADOVA

25/06/19
FLOGGING MOLLY + DESCENDENTS
CARROPONTE - SESTO SAN GIOVANNI (MI)

25/06/19
CANNIBAL CORPSE + SADIST
Parma Music Park c/o Villa del Fulcino - Parma

27/06/19
SLIPKNOT + AMON AMARTH + TESTAMENT + TRIVIUM + LACUNA COIL + ELUVEITIE + GUESTS TBA
ARENA PARCO NORD - BOLOGNA

27/06/19
ELUVEITIE
SONIC PARK - BOLOGNA

27/06/19
KADAVAR (GER) + THE OBSESSED + GUESTS TBA
CIRCOLO MAGNOLIA - SEGRATE (MI)

Culprit - Guilty As Charged
( 4516 letture )
Quello che vi chiedo adesso è uno sforzo, perché il disco ed il gruppo dei quali parleremo tra poco sono oggi assolutamente misconosciuti al grande pubblico, ed è un vero peccato, perché si tratta di un vero gioiellino del metalrama della prima metà degli anni 80, la classica pietra miliare che farebbe luccicare gli occhi, (e le orecchie) degli appassionati dell’US Metal d’epoca.

Nel 1983 successero due cose per me fondamentali. la scoperta in edicola di Rockerilla , e l'apertura in città di Neu Music, primo ed unico negozio di musica alternativa della provincia che cito con nostalgia dato che non esiste più da molti anni. Lessi la recensione della Band di Seattle nella sezione HM di Rockerilla, e miracolosamente trovai l'unica copia giunta a Messina, è quindi l'edizione originale su vinile della Shrapnel (che aveva già in catalogo nomi come Steeler, Hawaii ed Exciter), che qui voglio ricordare, e non la ristampa - comunque ben rimasterizzata da Terry Gorle degli Heir Apparent - su CD del 2000 della Hellion e contenente alcuni bonus.
Il tutto non senza segnalare che questa che vi ripropongo in versione leggermente estesa dopo la pubblicazione nel 2005, mi risulta anche essere l’unica recensione presente in rete a farlo.

Il disco fece scalpore all'epoca della sua pubblicazione, e lasciava presagire una luminosa carriera, che invece lì nacque e lì finì, i Culprit infatti si sciolsero subito dopo a causa dei problemi di droga del vocalist.
Il gruppo, formato da ex Orpheus ed ex Amethyst, dopo la produzione di una demo, era già apparsa al fianco di Exciter, Vixen e Virgin Steele, su US Metal 2 - sempre su Shrapnel - a cura di M. Varney, produttore di Guilty As Charged, col brano Players, che andrà poi a chiudere l'album, e con questo si erano segnalati tra tutti gli altri inducendo il produttore ad offrigli un contratto per un full length.

Quello di cui parliamo era un disco quasi perfetto in tutto: grandi musicisti dal raffinato gusto musicale, (DeVol ed Earl sono figli di pianiste classiche, vedi biografia), una base ritmica precisa, un vocalist incisivo, una buona produzione, una bella cover - perfino cognomi esotici - e le songs tutte ottime, dalla prima all'ultima, con i pregevoli ricami della titletrack, l’aggressiva Tears Of Repentance, lo standard catchy del metal dell’epoca Steel To Blood e l’irresistibile Ambush - un vero punto di riferimento per il metal di allora, impossibile stare fermi - su tutte.

Vi consiglio comunque l'L.P. in blocco, un documento storico di valore enorme nella sua edizione originale - comunque estremamente piacevole su CD - e per l’interessante storia dei musicisti dopo lo split vi rimando alla breve biografia dei Culprit, anche questa scritta nel 2005 e che purtroppo soffre di una impaginazione che non è comparabile rispetto a quella odierna.

Da segnalare una lo riunione al Festival di WACKEN 2001, vedi foto sulla destra.



VOTO RECENSORE
90
VOTO LETTORI
47.42 su 45 voti [ VOTA]
Mauri66
Martedì 30 Gennaio 2018, 17.06.45
19
Grazie Raven! Provvedo subito!
Raven
Martedì 30 Gennaio 2018, 16.11.31
18
A destra trovi il link di una biografia aggiornata al 2005. Credo il secondo secondo articolo che scrissi per il sito
Mauri66
Martedì 30 Gennaio 2018, 15.46.49
17
Lo comprai anch'io dopo la rece su Rockerilla...gran bel disco di Us metal! Ma dopo dove caz. sono finiti???
Raven
Venerdì 1 Settembre 2017, 6.53.35
16
C'è anche una piccola e molto vecchia loro bio nel nostro data base
InvictuSteele
Giovedì 31 Agosto 2017, 22.22.28
15
Ho il cd di questo bellissimo album e il retrocopertina cita "Tanto importanti sono i Metallica per San Fracisco e i Maiden per l'Inghilterra, i Culprit lo sono per Seattle"... sicuramente una frase sborona ma che evidenzia che, all'epoca, questa band era considerata fenomenale e importante per tutti il movimento metal nella loro città. Peccato si siano bruciati presto. Voto 85
nat 63
Giovedì 31 Agosto 2017, 22.12.28
14
Fra i migliori dischi heavy metal degli anni 80. Un album duro, ma allo stesso tempo melodico e vagamente progressivo.Bellissime tutte, ma soprattutto la title track, "Ambush" e la strepitosa "Players". Citazioni particolari per il chitarrista John deVol, grande tecnica ed ottimo feeling, e soprattutto per il cantante Jeff L'Hereux, che, anche se per poco tempo, darà la sua voce ai Mistrust, autori di un ottimo platter hard'n'heavy "Spin the world", uscito nel 1986. "Guilty as charged": U.S. metal at its best.
Max1
Martedì 13 Giugno 2017, 16.36.58
13
Risentito oggi! Che bell'album.! Sarà perché mi riporta agli anni spensierati ("teen"), ma con i dovuti distinguo, ditemi voi oggi quali giovani leve riescono a fare una cosa del genere in campo metal classico (americaneggiante ?)
Rob Fleming
Domenica 17 Gennaio 2016, 15.35.10
12
Tipico USA metal. Con i suoi pregi e i suoi difetti
Kirk66
Martedì 9 Dicembre 2014, 0.26.47
11
Comprai il vinile dopo la recensione di Riva su Rockerilla e....che dire, secondo me è uno dei migliori dischi metal di sempre. L'ho ascoltato e riascoltato per anni e quando uscì la ristampa su CD non me la feci scappare. Sezione ritmica da paura, con la batteria funambolica che spesso segue il tema melodico (alla dream theater ma dieci anni prima!), voce cattiva e melodica insieme (un'eccezione per il metal degli anni 80) e chitarra innovativa rispetto all'imperante NWOBHM. Players è secondo me il vertice del disco e il titolo non è un caso...Players: musicisti, e con le palle! Dopo 30 anni è un disco che ancora dona emozioni ed è talmente ricco di innovazioni e fantasia che molti "giovani" amanti del rock dovrebbero ascoltare. Un MUST.
Raven
Lunedì 8 Settembre 2014, 20.22.14
10
salvatore di blasi (ct)
Lunedì 8 Settembre 2014, 20.19.13
9
bello frà....tra tia e a rivista classix metal mi staiu scialannu
DEFEIS86
Mercoledì 24 Luglio 2013, 16.23.45
8
DISCONE , CAPOSALDO DELL'US METAL ANNI 80.
dario
Sabato 11 Maggio 2013, 20.17.39
7
Molto, molto bello. Una vera cannonata quest'album ! Guilty as Charged Ambush ( bellissimo il cambio di ritmo che avviene in questo brano ) Steel to Blood sono eccezzionali , ma come tutto il resto.....grande impatto !! L'ho ascoltato su you tube, ma credo che passerò all'acquisto.
The Nightcomer
Giovedì 27 Ottobre 2011, 17.52.46
6
Ecco uno che conosce ed apprezza i Culprit. Questa è la storia del power metal made in U.S.A. (e mi permetto di dire, a costo di apparire immodesto, non solo made in U.S.A.). Sono convinto che non ci siano molti altri albums così ben strutturati, arrangiati ed eseguiti come questo nel periodo storico di riferimento: a questo si devono aggiungere la grande potenza d'impatto dei brani ed una qualità che non accusa cadute. Per me Guilty as charged è un capolavoro, che purtroppo ho scoperto con un pò di ritardo, considerando l'anno in cui ho iniziato ad ascoltare l'heavy metal (ma non è mai troppo tardi per dischi come questo). A che non lo conosce dico: procuratevelo ad ogni costo!
Raven
Martedì 19 Luglio 2011, 17.41.51
5
vedremo.... , ricordo anche io la recensione di Riva, lo comprai apposta, ho il vinile qui accanto a me
fabio
Martedì 19 Luglio 2011, 17.38.34
4
Ricordo la recensione come disco del mese su Rockerilla, ovviamente da parte del decano Beppe Riva; sound straordinario per l'epoca. Ho notato che non è ancora stato recensito l'esordio dei canadesi Sword e, visto il nome del sito, mi sembra un atto di lesa maestà! 'Metalized' dell'86 è uno dei più grandi moloch di puro metal, a cui seguì 'Sweet dreams' ( minore, ma pur sempre valido ). Raven ci si può contare?
Raven
Lunedì 14 Giugno 2010, 8.09.38
3
Caspita, la prima versione di questa recensione l'ho scritta nel 2005, finalmente qualcuno che li conosce
Captain Wild
Domenica 13 Giugno 2010, 18.36.49
2
Questo era un disco incredibilmente "avanti" per l'83
Raven
Mercoledì 13 Maggio 2009, 16.09.31
1
Quanti di voi li conoscono?
INFORMAZIONI
1983
Shrapnel
Heavy
Tracklist
1 Guilty As Charged
2 Ice In The Back
3 Steel To Blood
4 I Am
5 Ambush
6 Tears Of Repentance
7 Same To You
8 Fight Back
9 Players
Line Up
Jeff L'Heureux (Vocals)
John DeVol (Guitar)
Kjartan Kristoffersen (Guitar)
Scott Earl (Bass)
Bud Burrill (Drums)
 
RECENSIONI
ARTICOLI
17/06/2005
Articolo
CULPRIT
La biografia
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]