Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Darkthrone
Old Star
Demo

E.G.O
Everything Goes On
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

19/07/19
CANCER
Ballcutter

19/07/19
CROWN THE EMPIRE
Sudden Sky

19/07/19
WORMED
Metaportal

19/07/19
CULT OF EXTINCTION
Ritual in the Absolute Absence of Light

19/07/19
FALLS OF RAUROS
Patterns In Mythology - Album Cover

19/07/19
SABATON
The Great War

19/07/19
LINGUA IGNOTA
Caligula

19/07/19
SCOTT STAPP
The Space Between the Shadows

21/07/19
SHARKS IN YOUR MOUTH
Sacrilegious

26/07/19
THE TRIGGER
The Time Of Miracles

CONCERTI

19/07/19
PORTO LIVE METAL FEST
PORTO ANTICO - GENOVA

19/07/19
ROCK INN SOMMA (day 2)
SOMMA LOMBARDO (VA)

19/07/19
HELLUCINATION + GUESTS
HILL METAL FEST - MOTTOLA (TA)

19/07/19
YAWNING MAN + ELEPHARMERS + COSMIC SKYLARK
SET TO SUN FESTIVAL c/o TORRE DI BARI' - BARI SARDO (NU)

20/07/19
THE DARKNESS + NOISE POLLUTION + HANGARVAIN
CARROPONTE - SESTO SAN GIOVANNI (MI)

20/07/19
MILANO DEATH RALLY (day 1)
CIRCOLO SVOLTA - ROZZANO (MI)

20/07/19
IN THE WOODS... + MESSA + BLACK OATH
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

20/07/19
DESTRAGE
ROCK IN PARK - CEREA (VR)

20/07/19
GRAVE DIGGER + GUESTS
AMBRIA METAL FESTIVAL - AMBRIA DI ZOGNO (BG)

20/07/19
NODE
GRAVE PARTY - GAGGIANO (MI)

Black Sabbath - The Eternal Idol
( 7765 letture )
Anno 1987: Dopo oltre vent’anni di carriera e numerosi cambi di formazione, i Black Sabbath danno in pasto al pubblico il loro tredicesimo album, The Eternal Idol. Siamo di fronte al primo lavoro della band che vede l'avvicinamento di Tony Martin al microfono, oltre al nuovo bassista Bob Daisley. Sebbene la formazione non sia la caratteristica più stabile dello storico gruppo inglese, lo è sicuramente lo stile e la tecnica del monumentale Tony Iommi, vero e proprio genio dittatore e autentica macchina sputa-riff, come anche il genere, una miscela di classico heavy metal e ancor più classico hard rock, con pezzi che presentano chiari sbilanciamenti verso l'una o l'altra corrente.
Va subito detto che la prova del nuovo vocalist gli permette di non temere alcun confronto con i suoi illustrissimi predecessori (soprattutto con l'indimenticabile Ronnie James Dio, di cui riprende per molti versi lo stile), anche se, ovviamente, non è in grado di dare una propria impronta personale in sede di songwriting, per via di quella “dittatura” intellettuale di cui abbiamo già parlato e su cui si regge la maggior parte delle realtà musicali che hanno davvero fatto la storia della musica.

Abbiamo quindi una carrellata di nove pezzi, tutti firmati da Iommi, che ben incarnano il suo stile chitarristico e gli stilemi della band inglese. Sorprendentemente, apre le danze un soffuso e leggero arpeggio di chitarra che sfocia nel classico riff distorto che ci accompagnerà per tutta la durata della canzone, fino a giungere ad un ritornello semplice quanto riuscito: l'opener The Shining si distingue come uno dei pezzi migliori del lotto, una cavalcata onirica potente davvero coinvolgente. La seguente Ancient Warrior stenta un pochino a prendere piede e a lasciarsi ascoltare, risultando leggermente troppo articolata e difficile da assimilare, soprattutto in rapporto a quanto appena ascoltato precedentemente. Ci pensa Hard Life to Live a riportarci in terreni meno impegnativi e più leggeri, grazie alla sua carica hard rock che la rende di facile apprezzamento per chiunque, mentre Glory Ride riconferma la vena heavy più epica del gruppo e mette in risalto la prova pulita e precisa di Martin alla voce. Seguono la banale e trascurabile Born to Lose e la lenta Nightmare, aperta da un inquietante carillon e che presenta interessanti cambi di tempo e di atmosfera che rendono il pezzo apprezzabile e in risalto rispetto ad altri meno riusciti. È spiazzante la seguente e fragile ballata strumentale Scarlet Pimpernel davvero struggente e piacevolissima per quanto breve ed effimera nei suoi due minuti di durata. Sembra tuttavia completamente slegata da tutto ciò la seguente Lost Forever che si trascina sul sottile filo che scorre tra successo e fallimento e non riesce pienamente a convincere l'ascoltatore. A fugare gli ultimi dubbi ci pensa la conclusiva title-track, traccia più lunga e articolata del platter dalla cadenza lenta e oscura e che vive di continui stop and go e di atmosfere al limite del surreale.

Inutile sottolineare la qualità del riffing e la quantità di episodi più che positivi di fronte ai quali i nostri ci hanno posto per tutta la durata dell'album: le cadute qualitative sono davvero poche e isolate e la peggior critica che si può muovere ai Sabbath è quella di non mantenere in ogni singolo pezzo quella grandezza compositiva che distingue i capolavori della band inglese dalle canzoni meno ponderate e meno impegnative. La band di Tony Iommi si riconferma quello che per tutti è sempre stata: l'eterno simulacro dell'heavy metal.



VOTO RECENSORE
83
VOTO LETTORI
67.27 su 70 voti [ VOTA]
Aceshigh
Giovedì 9 Maggio 2019, 19.05.14
49
Disco meraviglioso. Tony Iommi anche qui si conferma essere il riff master che tutti sappiamo. Il top dell’era Martin si raggiungerà per me con i due successivi (qui comunque il nuovo vocalist offre una prova grandiosa), ma anche The Eternal Idol è già capolavoro. Voto 92
iggy77
Venerdì 8 Febbraio 2019, 1.22.17
48
Banale e trascurabile Born To Lose, non scherziamo!!! lost forever tra il successo e il fallimento! un pezzo tiratissimo che va a 1000! paradossalmente iniziai ad ascoltare i Black Sabbath proprio con questo album , che mi piace tutt'ora, TUTTO. immaginate che estasi quando andai indietro nel tempo e poi avanti! TONY IOMMI È IL MAESTRO. Black Sabbath unici e magnifici in tutte le loro incarnazioni.
Mauri66
Venerdì 12 Gennaio 2018, 11.31.35
47
Gran disco con alcune canzoni da brividi (the shining, nightmare, scarlet pimpernel e eternal idol) importante perché ci fa conoscereTony Martin e perché fa da apripista a quello che sarà un meraviglioso capolavoro intitolato Headless Cross....
Rob Fleming
Domenica 17 Gennaio 2016, 14.26.20
46
Ricordo che lo presi in vinile da Nannucci a Bologna per £ 2.950; altri tempi. Mi dicevo che un disco dei Sabbath ad un prezzo simile andava comunque preso. Ed invece fu una piacevolissima sorpresa. Si torna in territori vicini al periodo Dio, ma Martin non sfigura affatto. Ricordo che mi piaceva di più il secondo lato con la misteriosa e stupenda Eternal Idol; Nightmare (vicino al precedente capolavoro 7° star) e Lost forever. The Shining è un bel mid tempo e la lugubre Ancient warrior getta un ponte al passato più remoto del gruppo. 75
matteo38
Domenica 15 Giugno 2014, 19.36.21
45
concordo col voto recensione , solo glory ride è un po sottotono , grandi sabbath anche negli 80's. voto 85
Andrew Lloyd
Martedì 18 Marzo 2014, 13.45.03
44
Un disco che inaugura il periodo "barocco" del gruppo. Bell'allbum ma il tiro lo aggiustarono ancor di più con lo stupefacente Headless Cross, a cui seguì l'altrettato magnifico TYR.
Philosopher3185
Lunedì 10 Febbraio 2014, 16.05.47
43
Quello che dicono che il disco non dovrebbe intitolarsi Black sabbath,si scordano che il nome è di propieta' di Iommi che ne detiene i diritti legali(come scritto nella sua biografia:Iron Man). Questo è un album che riporta in alto la band,ai livelli del periodo Dio.
enzo
Venerdì 31 Gennaio 2014, 14.18.47
42
capolavoro quasi tutte meravigliose martin grandissimo e pensare che non ci ha lavorato ha reinciso le sue parti vocali e basta senno credo sarebbe stato ancora piu bello
andrea
Mercoledì 8 Maggio 2013, 21.53.51
41
eternal idol cantata da gillen è qualcosa di meravigliosamente malefico
freedom
Sabato 20 Aprile 2013, 18.32.14
40
Da ascoltare la versione del disco con Ray Gillen...gran cantante.
sadwings
Giovedì 11 Aprile 2013, 13.50.15
39
Secondo me è un buon album non un capolavoro. Ci sono dei brani ottimi come the shining, glory ride e altri poco ispirati. Tony martin mi piace ma secondo me ancora non c è totalmente la sua mano, poichè è subentatrato a canzoni già scritte.75Q
iommi
Mercoledì 3 Aprile 2013, 20.50.41
38
CAPOLAVORO
si come no
Martedì 2 Aprile 2013, 13.53.16
37
nessuno ha mai fatto caso che la titletrack è un plagio clamoroso di In the Darkness di Paul Chain???
costantino
Sabato 5 Maggio 2012, 22.24.18
36
disco immenso ! lo ho ascoltato tanto da aver finito il vinile....da 95
blackie
Domenica 4 Marzo 2012, 19.40.45
35
non so perche ma propio non riesco ad amare i sabbath di tony martin....lui e bravo ma sara che amo troppo il loro passato non so ....quest album niente di che...carino ma nientev da ricordare...
Edo
Mercoledì 11 Gennaio 2012, 13.26.01
34
Ma Martin è BRAVISSIMO, UN CANTANTE FENOMENALE A LIVELLO DI TECNICA!! Secondo me a stile, presenza scenica e personalità però siamo a 0, assolutamente, già si erano salvati con Dio (e sti cazzi..), perchè rimpiazzare Ozzy non era cosa facile per quanto non sapesse cantare, ma dopo Dio credo non potesse esserci nessun altro, addirittura Gillan non ha convinto appieno, potevano prendere giusto Rob Halford o David Coverdale forse, intendo dire che ci voleva un altro dei migliori frontman hard rock/metal di quel periodo, uno cazzuto, con stile che strabordava da tutti i pori, cavolo erano i Black Sabbath mica robetta...per quanto fenomenale anche Hughes non mi piace proprio, l'ho sempre trovato noioso, uccidetemi pure....
Metal3K
Venerdì 6 Gennaio 2012, 11.05.21
33
Conservo gelosamente il mio vinile, acquistato in offerta per pochi spiccioli ai tempi, come se si trattasse di rabaccia mentre invece è un ottimo disco dall'inizio alla fine. La title track Eternal Idol è da brividi... Tony Martin, poi, si dimostrò subito all'altezza del suo compito, e ne diede conferma anche negli album successivi, che personalmente ho gradito moltissimo. In tanti anni di carriera ci può stare che una band cambi volto, per cui niente da dire al riguardo; è stato un periodo diverso ma comunque prolifico della band inglese. (Ciò detto, per me la più grande metal band di tutti i tempi, sono stati e rimangono i Black Sabbath fino al 75, quando uscì quel capolavoro assoluto che è Sabotage. Poi niente fu come prima.)
piggod
Mercoledì 4 Gennaio 2012, 9.11.40
32
Iommi è una macchina per riff, quasi tutto il materiale dei Black Sabbath è stato composto da lui, la casa discografica gli ha imposto l'utilizzo del monicker Black Sabbath, pertanto non comprendo chi gli contesta l'utilizzo del nome della band. Considerando anche le famose vicende legali co Ozzy che non ha scritto quasi niente e l'insulto ricevuto dal dover utilizzare il monicker Heaven and Hell, sto con Iommi tutta la vita. Per quel che riguarda l'era Tony Martin, che dire? Avrebbe sicuramente meritato ben altro successo, purtroppo, come spesso accade, la qualità è lungi dall'essere premiata.
Lizard
Mercoledì 4 Gennaio 2012, 8.27.10
31
Questa cosa della mancanza di carisma l'ho sempre trovata piuttosto stereotipata, almeno per quanto riguarda i dischi in studio. A me ha sempre fatto venire i brividi in pezzi come Eternal Idol, When Death Calls o Virtual Death. Certo, non è Ozzy, non è Ronnie... Ma quanto a voce e saper cantare, non sta dietro a nessuno. Almeno in studio, ripeto. Poi giustamente piace o meno... C'è gente a cui non piace Glenn Hughes... Ho detto tutto.
Edo
Mercoledì 4 Gennaio 2012, 8.17.41
30
Personalmente non sono riuscito a amandar giù gli album dei sabbath con qualcuno che non fosse Ozzy o Dio, mancano di personalità e hanno un sound che poco si sposa coi black Sabbath che furono, poi Martin per quanto molto dotato è uno dei singer con meno carisma nella storia del metal.....ma forse a Tony andava bene così.....primedonne!
Jimi The Ghost
Martedì 3 Gennaio 2012, 21.08.15
29
Qui l' Eternal Idol, secondo me, è lui, Iommi proprio con i suoi riff. Qui utilizzerà ancora una volta un'armonia sulle scale creata da un particolare intervallo di quarta aumentata [es.O - FA#], definibile anche di quarta eccedente: chiamato tritono. E' un intervallo costituito tra tre toni, che conferisce una dissonanza particolare, un suono che frammenta la scala nella sua progressione rendendo difficile comprendere se l'esecuzione è in fase ascendente o discendente alterando appunto l'intonazione. Questo suono è definito "illusorio" e ingannevole anche per orecchi super sopraffini. Per questa sua caratteristica, nel Medioevo, il tritono fu vietato e definito con la locuzione "diabolus in musica".Come me, anche tutti voi siete rimasti affascinati da questi riff ! Vero??? ....Poi il down-tuned e altre cosucce rendono i suoni molto belli. Bellissima, bellissima recensione ! (Grazie Andrea per i bei ricordi che mi hai revocato con la tua recensione...) Jimi TG
BILLOROCK fci.
Martedì 3 Gennaio 2012, 20.41.18
28
ah ah ah aha si però non va bene
Er Trucido
Martedì 3 Gennaio 2012, 20.22.26
27
Ragazzi miei comprendo, però facciamoci meno seghe mentali, se il disco è valido lo è indipendentemente dal monicker che porta. Tra l'altro lo stesso Iommi ho provato a fare qualcosa senza il nome Black Sabbath ma la casa discografica impose la presenza di tale nome in copertina (vedi Seventh Star). Prendiamo il disco per quello che è
BILLOROCK fci.
Martedì 3 Gennaio 2012, 20.15.37
26
Concordo in toto con Lambruscore !
LAMBRUSCORE
Martedì 3 Gennaio 2012, 19.36.29
25
blackster, volevo solo dire (in tono polemico) che per me questo è un side project di iommi, visto che c'è solo lui, della formazione originale. comunque non mi dispiace questo disco, anche se poteva evitare il nome black sabbath.
blackster
Martedì 3 Gennaio 2012, 19.16.10
24
Qualcuno ha capito cosa significa il commento numero 21??? Grazie
Maurizio
Martedì 3 Gennaio 2012, 10.56.11
23
Dopo 7th star altro esperimento di Iommi molto ben riuscito. probabilmente il disco più sottovalutao dei Sabbath post Ozzy-Dio. Riffoni potenti e melodie di alto livello. la titletrack è una concessione al Doom con tutto il contorno delle accuse di plagio di cui hanno già detto altri.
Subhuman
Lunedì 2 Gennaio 2012, 22.02.38
22
Più che altro è una questione inverosimilmente annosa, dedita più alla forma che al contenuto Ovviamente tutti i pareri sono leciti!
LAMBRUSCORE
Lunedì 2 Gennaio 2012, 18.46.42
21
va bene, adesso tutti a darmi addosso,lo so, questi non sono i black sabbath e mi raccomando di rompermi i coglioni come al solito....
BILLOROCK fci.
Lunedì 2 Gennaio 2012, 13.28.41
20
Beh vista così la cosa aasume un altro contorno, va beh inutile piangere sul latte macchiato eh eh eh ... per me i Sabs son finiti con l addio di Ozzy... oh yes...
Masterburner
Lunedì 2 Gennaio 2012, 13.26.16
19
@Billrock Io invece mi ricordo di un'intervista a Paul Chain in cui era incazzato nero per questa faccenda, e accusava apertamente Iommi di plagio... viste le due interviste allora direi di essermi fatto un'idea precisa... Grazie e ciao!
fabio II
Lunedì 2 Gennaio 2012, 12.23.15
18
Grazie Subhuman non nè ero assolutamente al corrente; allora 'E.I.' lo compro di sicuro, visto che la cassatta è un demo registrato in qualche modo. Sono contento che ogni tanto una versione de luxe meriti questo appellativo
Subhuman
Lunedì 2 Gennaio 2012, 12.15.21
17
@Masterburner: Sì, le note del riff sono praticamente le medesime, ma tieni conto che sono entrambe del 1986, quindi non è certo che non si tratti di una coincidenza... poi si dice che quando ad Iommi gli chiesero, in un'intervista, di questa faccenda lui si alzò e se ne andò via! @fabio II: sono uscite mesi fa le deluxe editions di questo disco e di 7th star, dove si trovano le registrazioni in studio di Gillen a cui tu fai riferimento - su Eternal Idol - e un live all'Hammersmith Odeon, sempre con Gillen - su 7th star, Devono essere molto interessanti!
BILLOROCK fci.
Lunedì 2 Gennaio 2012, 12.10.09
16
Scusate eh, ma è più forte di me. Non accetto l idea che questo disco o meglio la band abbia preso in prestito il Sacro nome dei Sabbath,paliamoci chiaro chiamarsi Sabbath quando l unico vero fondatore era solo Iommi, troppo facile entrare da una porta aperta....
BILLOROCK fci.
Lunedì 2 Gennaio 2012, 11.59.23
15
Ciao fabio ll, ben ritrovato !!
Masterburner
Lunedì 2 Gennaio 2012, 11.41.30
14
Grande disco, certo, poi io adoro i Sabs e adoro Iommi ma... ma! C'è un plagio su questo disco, che vorrei non passasse inosservato. La title track è presa pari pari da In The Darkness di Paul Chain. Gliela perdoniamo per questa volta...
fabio II
Lunedì 2 Gennaio 2012, 11.08.55
13
Grande Lizard, ciao! Quello che mi rimane di quel concerto a supporto fu proprio il fatto che sembrava di vedere una cover band; oppure Iommi più dei 'camerieri'; l'unico che teneva degnamente il palco era proprio Martin. PS: Badlands, grandissimi! sopratutto il secondo 'Voodoo Highway'
Lizard
Lunedì 2 Gennaio 2012, 10.46.29
12
@Fabio II: ricordi bene, difatti poi nel gruppo entrarono due vere leggende come Neil Murray e Cozy Powell! Singer, invece, andrà anche lui nei Badlands del primo album, per poi accasarsi con i Kiss.
fabio II
Lunedì 2 Gennaio 2012, 10.41.34
11
Ciao Billo! Sono sostanzialmente d'accordo con la rece, Mr riffs Iommi è sempre decisivo, buono il contributo di Martin. Come ricorda giustamente Lizard il cantante prescelto era Ray Gillen, conservo ancora una detonante versione in cassatta dell'album ( speriamo venga prima o poi pubblicata, visto che le edizioni de luxe solitamente costano molto in cambio poco ). Se non ricordo male sia Daisley che Singer non presero parte al tour di supporto
BILLOROCK fci.
Lunedì 2 Gennaio 2012, 10.06.55
10
Black sabbath ?? ma come?? se cè solo Iommi , bah....
ayreon
Lunedì 2 Gennaio 2012, 9.54.30
9
sul disco te lo appoggio,sulla reunion con martin no,in quanti ci andrebbero ? I sabbath erano e sono quelli con Ozzy,già quelli con Dio avevano diversi tipi di fans,dimmi quanti si ricordano ancora di Martin,solo chi li ha sempre seguiti,non certo i 40-50 enni che credono che ac/dc ,purple ,priest,maiden si sono ritirati dalle scene dopo "Back in black","Made in japan","Painkiller","Number of the beast " ( e credimi ,sono molti più di quanto tu possa immaginare)
Drummer Furio
Lunedì 2 Gennaio 2012, 0.58.36
8
CAPOLAVORO dell'Heavy Metal. La title track è male puro. Un disco immenso e immensamente sottovalutato. Forse sarò l'unico al mondo a ritenere che l'era Martin non abbia nulla da invidiare al glorioso passato della band, e forse l'unico a ritenere che avrebbe avuto più senso una reunion con lui invece che con quel cadavere ambulante di Ozzy.
xXx
Domenica 1 Gennaio 2012, 12.38.43
7
Ebbè...qui siamo di fronte all'ennesimo capolavoro targato BS!
Lizard
Domenica 1 Gennaio 2012, 11.52.40
6
Disco che ho sempre ritenuto importantissimo nella discografia dei Sabs, visto che di fatto sanciva il loro effettivo rientro nel giro. Il cantante avrebbe dovuto essere il grandissimo Ray Gillen (R.I.P.) che poi trovera' fama&fortuna con gli strepitosi Badlands di Jake E. Lee. Martin e' comunque un cantante di grandissimo valore ed ingiustamente sottovalutato. Eternal Idol, Glory Ride, The Shining e le altre canzoni di questo bel disco sono a tutt'oggi validissime e Iommi resta uno dei piu' grandi riff-maker di tutti i tempi.
Persephone
Sabato 31 Dicembre 2011, 18.10.10
5
Ascoltavo questo disco in una delle stagioni d'oro della mia vita: quando ancora riuscivo a sentirmi immortale...spettacolare Eternal Idol...
N.I.B.
Sabato 31 Dicembre 2011, 15.56.36
4
Behhh ragazzi... c'è poco da dire su quest'Album... a partire dalla prima Traccia niente è lasciato al caso... STUPENDO... come del resto stupendo è stato il Live di supporto in quel di MI a 3 metri dal GRANDISSIMO Iommi...!!!!
ayreon
Sabato 31 Dicembre 2011, 13.23.25
3
è un disco da poco meno di 100,capolavoro di hard metal,"Scarlet pimpernel"dovrebbe entrare di diritto nei programmi ministeriali di qualunque scuola di musica
Subhuman
Sabato 31 Dicembre 2011, 13.16.10
2
Scarlet Pimpernel è una delle più grandi cose mai concepite dalla mente di mastro Iommi, davvero sublime. Anche il resto dell'album è pregevole, in particolare la sinistra title-track. Peccato che i più conoscano i Sabbath solo per le stra conosciute Paranoid o Iron Maiden e non degnino di uno sguardo il resto della produzione.
hm is the law
Sabato 31 Dicembre 2011, 12.27.25
1
E' un gran disco a mio parere. Andai a vederli dal vivo durante il tour a supporto dell'album e fu un'esperienza traumatica (non per colpa dei BS sia chiaro) che vi racconterò in una delle prossime puntate della rublica Raccontare il Mito. Auguri a tutti!
INFORMAZIONI
1987
Sanctuary Records
Heavy
Tracklist
1. The Shining
2. Ancient Warrior
3. Hard Life to Live
4. Glory Ride
5. Born to Lose
6. Nightmare
7. Scarlet Pimpernel
8. Lost Forever
9. Eternal Idol
Line Up
Tony Martin (Voce)
Tony Iommi (Chitarra)
Bob Daisley (Basso)
Eric Singer (Batteria)
Geoff Nicholls (Tastiere)
 
RECENSIONI
68
s.v.
87
62
79
75
87
90
83
76
78
85
91
95
83
69
90
93
97
97
92
s.v.
ARTICOLI
22/06/2016
Live Report
BLACK SABBATH + RIVAL SONS
Hallenstadion, Zurigo, 15/06/2016
21/06/2014
Live Report
BLACK SABBATH + BLACK LABEL SOCIETY + REIGNWOLF
Unipol Arena, Casalecchio di Reno (BO), 18/06/2014
14/12/2013
Live Report
BLACK SABBATH
O2 Arena, Praga, 7/12/2013
12/06/2012
Articolo
BLACK SABBATH
I testi, seconda parte
14/05/2012
Articolo
BLACK SABBATH
I testi, prima parte
08/05/2012
Articolo
BLACK SABBATH
I Signori delle Tenebre
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]