Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Premiata Forneria Marconi
Emotional Tattoos
Demo

Cortex Complex
Memoirs of an Apocalypse
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/11/17
HYPERION
Dangerous Days

24/11/17
ALMANAC
Kingslayer

24/11/17
DEEP AS OCEAN
Lost Hopes | Broken Mirrors

24/11/17
STRAY TRAIN
Blues From Hell

24/11/17
SCORPIONS
Born To Touch Your Feelings

24/11/17
STARBLIND
Never Seen Again

24/11/17
LOCH VOSTOK
Strife

24/11/17
TAAKE
Kong Vinter

24/11/17
HOUSTON
III

24/11/17
AETHERIAN
The Untamed Wilderness

CONCERTI

22/11/17
MARILYN MANSON + GUEST
PALA ALPITOUR - TORINO

22/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
SANTERIA SOCIAL CLUB - MILANO

23/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
QUIRINETTA - ROMA

24/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
ALMAGIA' TRANSMISSIONS FESTIVAL - RAVENNA

24/11/17
DESPITE EXILE
VECCHIA SCUOLA PUB - PALAZZOLO (BS)

24/11/17
BLACK STAR RIDERS
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

24/11/17
6TH COUNTED MURDER + KALIAGE
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

24/11/17
UFOMAMMUT + GUESTS
EREMO CLUB - MOLFETTA (BA)

24/11/17
INDACO + MOUNTAINS OF THE SUN
COMUNITA' GIOVANILE - BUSTO ARSIZIO (VA)

25/11/17
THE MODERN AGE SLAVERY + DESPITE EXILE + AMBER TOWN
LA TENDA - MODENA

Slash - Made in Stoke 24/7/11
( 4518 letture )
Ci sono momenti magici nella vita di un musicista, momenti in cui tutto va come deve andare e, finalmente, successo ed espressione artistica camminano a braccetto. Questo è esattamente il momento che Made in Stoke 24/7/11 fotografa nel migliore dei modi. Il momento in cui Saul Hudson torna a casa, in quella Stoke-On-Trent nella quale mancava da anni, riuscendo finalmente a coronare il sogno di riempire la Victoria Hall proprio nel culmine del lungo tour seguente alla pubblicazione del suo autointitolato album solista. Come lo stesso Slash ci rivela nel libretto allegato, l’atmosfera di quella sera fu per forza di cose elettrica: l’emozione di suonare nella città in cui aveva vissuto da bambino, i parenti sparsi nel pubblico, la paura che qualcosa andasse storto, l’inevitabile riflessione su tutto quello che era stato il suo percorso di musicista fino a quella sera. Un concentrato di emozioni forti, che andavano però a convogliarsi verso un’unica uscita: la consapevolezza della propria maturità artistica, come uomo e strumentista; la sicurezza di una band rodata ed assolutamente affidabile; la certezza di avere accanto un frontman di eccezionale caratura vocale e di notevole versatilità; un repertorio saldo, zeppo di grandi canzoni, conosciute perlopiù ovunque. Le condizioni ideali per un grande concerto: lo stesso documentato per intero in questo doppio CD.

Inutile dire che le luci sono tutte puntate su di lui, il mattatore della serata, una delle ultime vere rockstar: Slash. Il nostro ripaga l’entusiasmo palpabile della platea con una prestazione degna della propria fama. Al solito è inutile andare a guardare la qualità o la velocità della plettrata, piuttosto che la grande esibizione tecnica: Slash non è niente di più di quello che tutti conosciamo, ovverosia un chitarrista riconoscibile tra migliaia, dotato di un talento puro, di una capacità invidiabile di parlare linguaggi diversi eppure riconoscibili, che nascono dal blues e dal rock classico ed arrivano fino al limite del punk e dell’hard rock più vizioso e stradaiolo. Il feeling che traspare dalle note fluviali emesse dalla sua chitarra è la cifra ultima del suo chitarrismo torbido ed oltraggioso, adrenalinico ed irresistibile. E’ ovvio, quanto atteso, che tutta l’esibizione passi dalle sue dita e dal suo umore, ed il chitarrista non si fa certo pregare, eseguendo con trasporto e grande perizia il proprio compito, riempiendo l’aria con la sua presenza ed il suo carisma e rendendo merito ai propri maestri, primo tra tutti, l’insuperabile Jimi Hendrix, omaggiato con un accenno al leggendario riff di Voodoo Chile (Slight Return) al termine della strepitosa versione di Civil War. Altrettanta generosità viene dimostrata nella seconda parte del concerto con due momenti di puro solismo che rispondono al nome di Watch This, estratto dall’ultimo lavoro in studio (a dire il vero, abbastanza superfluo) e dal classico Godfather Solo (entusiasmante, anche su CD), che si chiude sulle note della splendida musica di Nino Rota. A fianco del chitarrista anglo-statunitense, impossibile non citare la strepitosa prestazione di Myles Kennedy: il cantante dimostra una capacità realmente camaleontica calandosi di volta in volta nella parte che il brano gli assegna, riuscendo (quasi) sempre a rendere giustizia a chi lo ha preceduto, senza per questo dar l’impressione di essere solo un session man. Assolutamente a suo agio con i brani del repertorio Guns N’ Roses (valga per tutti la travolgente versione di Nightrain), Kennedy appare anche perfettamente in grado di reggere il confronto con i numerosi singer apparsi in Slash, a partire proprio da quella che appariva la prova più dura, ovverosia il singolo By the Sword, originariamente affidato ad Andrew Stockdale dei Wolfmother e qua reso meravigliosamente quasi in chiusura di concerto, per non parlare del confronto con uno dei suoi “maestri”, Chris Cornell, del quale interpreta da par suo la bella Promise. Inevitabile far riferimento alle capacità tecniche fuori dal comune messe in luce dal singer, il cui unico limite interpretativo è attribuibile al timbro -peraltro splendido- che non gli consente di rendere al meglio le canzoni tratte da Ain’t Life Grand, nelle quali Rod Jackson continua a sembrare inarrivabile. Un piccolissimo particolare che nulla toglie ad una prestazione da urlo, intervallata da Doctor Alibi, cantata dal bassista Todd Kerns e dai momenti solisti in cui Slash si erge assieme al resto della band a protagonista assoluto. Highlights del disco, oltre alle canzoni già citate, sono senza dubbio la riuscita e vibrante versione di Rocket Queen, Mean Bone, la violenta Nothing to Say, con un finale da brivido ed, ancora, la ruffianissima Starlight, Patience e l’intera parte conclusiva da Sweet Child o’ Mine in poi.

Made In Stoke 24/7/11 è un grande live album, uno di quelli che non escono tanto per tappare un buco nella discografia affaticata di una star in cerca di ossigeno, ma per consacrare uno stato di grazia artistica. Niente da aggiungere, niente da togliere. Si può forse discutere sulla scaletta, che presenta ben otto brani estratti da Slash -sette sono invece quelli del repertorio dei Guns- e solo uno da It’s Five O’ Clock Somewhere, opera prima degli Snakepit e dal repertorio dei Velvet Revolver, ma si tratta comunque di una battaglia di retroguardia. Quello che conta davvero è che ci troviamo di fronte ad un gran bell’album di rock sudato e sentito, suonato ottimamente da una buonissima backing band e da due interpreti di prim’ordine. Difficile chiedere di più ad una celebrazione, se non di farci entrare per un’oretta e mezzo nell’arroventato pit di una tranquilla cittadina dello Staffordshire, ospite di un evento memorabile, che suggella un momento magico nella carriera di un grande musicista e di una delle icone rock più riconoscibili in assoluto.



VOTO RECENSORE
82
VOTO LETTORI
57.92 su 53 voti [ VOTA]
MetalMark
Lunedì 29 Dicembre 2014, 16.42.50
20
Dal vivo Slash e Myles un accoppiata che non può deludere (li ho visti più volte e posso solo confermare l'indovinata collaborazione). Nel disco in questione non potevano certo mancare i pezzi maggiormente rappresentativi della carriera nei Guns n' Roses e che dire.... il buon Myles li affronta al meglio con una voce graffiante e un'interpretazione coinvolgente! Hard rock puro e si sente!
antomie
Mercoledì 16 Maggio 2012, 23.02.41
19
con apocalyptic love alle porte il riascolto di questo live è d'obbligo vista la presenza di Myles, un grandissimo cantante secondo me che si sposa alla perfezione con Slash.. il risultato è questo più che buono Made in Stoke, straconsigliato
markko
Sabato 7 Gennaio 2012, 8.44.53
18
Oh yeah....Concordo pienamente con la recensione. Veramente un gran concerto. Provo invidia per chi c'era. Era da tempo che non ascoltavo un live così ben fatto e con una scaletta immensa. Me lo sono gustato tutto d'un fiato con vari momenti da pelle d'oca. Monumentale "nothing to say" e una super dirty fuckin' rock 'n' roll "doctor alibi". Se il buongiorno si vede dal mattino, mi aspetto un 2112 mooolto rock !!! Ah dimenticavo, secondo me il voto di lizard è leggermete basso. Cercherò di alzare la media
Lizard
Giovedì 5 Gennaio 2012, 16.20.45
17
Pare tiri aria buona nello Staffordshire, se ti capita un giretto faccelo
fabio II
Giovedì 5 Gennaio 2012, 15.52.11
16
Lizard sono stuzzicato dall'idea di sentire Myles Kennedy cimentarsi con questi pezzi; lo reputo un grandissimo cantate, eppoi non faccio 'un giro' delle parti di Stoke del tempo del Demone
Lizard
Giovedì 5 Gennaio 2012, 10.28.41
15
E' un piacere Jimi!!
Jimi The Ghost
Martedì 3 Gennaio 2012, 21.10.50
14
Ascoltato Saverio! Bello, molto bello... GRAZIE per il suggerimento Jimi TG
Jimi The Ghost
Lunedì 2 Gennaio 2012, 19.07.45
13
...impossibile sbagliare dopo aver letto la tua recensione. Poi avevo voglia di riascoltarlo quel vecchio amante delle les paul
Lizard
Lunedì 2 Gennaio 2012, 18.53.28
12
Spero sia di tuo gradimento!! Attendo critiche anche spietate
Jimi The Ghost
Lunedì 2 Gennaio 2012, 18.35.03
11
Lizard preso questa sera come da tua "prescrizione musicale" ... un saluto. Jimi TG
BILLOROCK fci.
Lunedì 2 Gennaio 2012, 12.45.13
10
mmpff... boh vediamo un pò....
Lizard
Lunedì 2 Gennaio 2012, 12.15.54
9
Billo: penso che una risposta universale alla tua domanda non esista, per adesso ti ho dato la mia, parziale com'è giusto che sia
BILLOROCK fci.
Lunedì 2 Gennaio 2012, 11.49.38
8
ma merita veramente sto disco ?? cè qualcosa che mi frena nell acquistarlo !!
Sonny
Lunedì 2 Gennaio 2012, 11.31.47
7
Che scaletta della madonna!! Civil War mi mette sempre i brividi... Eterno Slash...
P2K!
Domenica 1 Gennaio 2012, 20.42.47
6
OVVIAMENTE se potete acaparratevi la versione video piuttosto che la "semplice" audio... cazzo che bel concerto!!!
Flv
Domenica 1 Gennaio 2012, 18.59.39
5
a Natale mi hanno regalato il blue ray diq uesto live ,ve lo consiglio di cuore piu' del cd !!
Lizard
Domenica 1 Gennaio 2012, 18.13.24
4
Poi fammi sapere, se ti va, un tuo parere è sempre più che benvenuto
Jimi The Ghost
Domenica 1 Gennaio 2012, 18.05.56
3
Avevo per molto tempo "dimenticato" questo chitarrista anche se sono molto legato ai Guns. Un po' per il suo atteggiamento, un po' per l'impostazione e la tecnica. Si potrebbe dire che grazie -o per colpa- sua che dagli anni 80 e fino a raggiungere il 1990 e oltre affondò il virtuosismo fine a se stesso per riscoprire duramente, con la riesumazione delle Les Paul, i riff e la ritmica complementari alle sole canzoni. Lizard, non ho sentito il cd 'Slash', ma con questa recensione mi hai invogliato ad ascoltare questo suo doppi live!. Jimi TG
hm is the law
Domenica 1 Gennaio 2012, 16.37.41
2
Lo sto ascoltando in questi giorni...veramente bello!
lux chaos
Domenica 1 Gennaio 2012, 15.53.05
1
bello, bel live!! Anche se, come dici tu lizard, myles,che reputo un fenomeno assoluto, a volte non riesce a rendere giustizia ad alcuni pezzi (tu citi quelli di rod, per me invece su alcune canzoni dei gnr axl rimane inimitabile e difficilmente uguagliabile)!! cmq gran prova!!! bellissima rece
INFORMAZIONI
2011
Armoury Records
Hard Rock
Tracklist
CD 1:
1. Been There Lately
2. Nightrain
3. Ghost
4. Mean Bone
5. Back from Cali
6. Rocket Queen
7. Civil War
8. Nothing to Say
9. Starlight
10. Promise

CD 2:
1. Doctor Alibi
2. Speed Parade
3. Watch This
4. Beggars & Hangers On
5. Patience
6. Godfather Solo
7. Sweet Child o’ Mine
8. Slither
9. By the Sword
10. Mr. Brownstone
11. Paradise City
Line Up
Myles Kennedy (Voce)
Slash (Chitarra)
Bobby Schneck (Chitarra, cori)
Todd Kerns (Basso, voce su Doctor Alibi)
Brent Fitz (Batteria)
 
RECENSIONI
90
ARTICOLI
02/07/2015
Live Report
SLASH FEAT. MYLES KENNEDY AND THE CONSPIRATORS + RIVAL SONS
Arena Mediolanum Forum, Assago (MI), 26/06/2015
02/08/2011
Live Report
SLASH
Ippodromo delle Capannelle, Roma, 29/07/2011
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]