Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Neal Morse
Sola Gratia
Demo

Sun Eater
Light Devoured
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

23/10/20
ZEAL & ARDOR
Wake of a Nation

23/10/20
GRIFFON
O Theos, O Basileus

23/10/20
MORK GRYNING
Hinsides Vrede

23/10/20
JAKKO M JAKSZYK
Secrets & Lies

23/10/20
ANTHEA
Illusion

23/10/20
SONG OF ANHUBIS
Reversed Reflection

23/10/20
DEHUMAN REIGN
Descending upon the Oblivious

23/10/20
ARMORED SAINT
Punching the Sky

23/10/20
DEVIN TOWNSEND
Order of Magnitude – Empath Live Volume 1

23/10/20
OVTRENOIR
Fields of Fire

CONCERTI

20/10/20
STEF BURNS LEAGUE
BRAVO CAFFE' - BOLOGNA

22/10/20
STEF BURNS LEAGUE
KILL JOY - ROMA

24/10/20
NERO DI MARTE + GUESTS
CS BOCCIODROMO - VICENZA

24/10/20
OTTONE PESANTE
SECRET SHOW - GENOVA

25/10/20
DEATH THE SUNDAY FEST
CIRCOLO ARCI MU - PARMA

30/10/20
ULVEDHARR + GUESTS
DRUSO - RANICA (BG)

30/10/20
OTTONE PESANTE
INK CLUB - BERGAMO

30/10/20
HELLUCINATION + NEBULAE
TRAFFIC CLUB - ROMA

31/10/20
DEATHLESS LEGACY + DAMNATION GALLERY
CRAZY BULL CAFE' - GENOVA

31/10/20
OTTONE PESANTE
IL CASTELLO - PARMA

Anthem - Anthem
( 1694 letture )
Scommetto che molti di voi si stanno chiedendo chi siano questi Anthem. Se non li avete mai sentiti nominare prima d’ora e vi sentite degli “ignoranti del metallo”, tranquilli, potete placare i vostri sensi di colpa e leggere con serenità questa recensione. Come potrete intuire dai nomi dei quattro musicisti, la formazione in questione arriva dal lontano Giappone, dove, peraltro, può vantare una certa fama; dalle nostre parti, invece, la band è sconosciuta ai più, anche se costituisce per alcuni intenditori e/o collezionisti una chicca del proprio archivio musicale.
Gli Anthem sono in attività dal 1981 e, ad oggi, hanno all’attivo ben 14 album, l’ultimo dei quali, Heraldic Device, è uscito nel 2011.

L’omonimo platter, uscito nel 1985 per Roadrunner Records, fu il primo di questa lunga serie e lanciò il quartetto sulla scena giapponese grazie ad una proposta semplice ma efficace. Abbiamo a che fare, infatti, con un heavy metal lineare ed ancora “sporco”, con dei cori potenti e qualche tocco epico. Hiroya Fukuda ci offre dei riff aggressivi ma comunque un po’ “ruffiani”, oltre a degli assolo ricchi di intensità; Naoto Shibata (veloce e solido al basso) e Takamasa Ohuchi (preciso alla batteria) riescono ad assicurare una buona struttura di base ai vari pezzi; Eizo Sakamoto dimostra di possedere una voce potente anche se non molto duttile e non sempre impeccabile.
I testi degli Anthem, inoltre, presentano una peculiarità sicuramente non comune: i nostri alternano parti in giapponese (la maggior parte) ad altre in inglese (specie nei cori).
Sicuramente non siamo al cospetto di una pietra miliare dell’heavy metal, tuttavia alcuni dei brani qui contenuti meritano sicuramente l’ascolto: penso, ad esempio, all’opener Wild Anthem (diretta e coinvolgente), a Turn Back to the Night (in cui Sakamoto e Fukuda si esaltano) ed a Blind City (per certi aspetti “manowariana”).

In conclusione, Anthem è un album piacevole ed interessante, seppur privo di veri picchi qualitativi. Certo, se questi quattro ragazzi fossero nati in Inghilterra e non in Giappone, forse ora parleremmo degli Anthem come di un’ottima band NWOBHM. Ma questa è un’altra storia…



VOTO RECENSORE
73
VOTO LETTORI
38.66 su 24 voti [ VOTA]
duke
Martedì 29 Settembre 2020, 10.17.36
4
....ottima band...molto preparata......insieme ai galneryus e x japan....il meglio del metal nipponico.....consiglio a tutti il cd uscito recentemente sotto nuclear blast con testi in inglese......con bonus live cantato in due lingue.....
mariner
Martedì 26 Maggio 2020, 17.07.02
3
giusto dire che chi non li conosce e' un ignorante del metallo, disco divertente e grintoso....comunque in ambito giapponese i Loudness sono di un'altra categoria, quoto il voto della recensione:73
embryo6
Lunedì 11 Aprile 2016, 23.29.55
2
In realtà sono moltissime le band giapponesi (e non solo in ambito metal) ad alternare parti vocali in giapponese ad altre in inglese... dettagli linguistici a parte, questo è sicuramente un buon disco di debutto, molto omogeneo, con tutti i brani che si mantengono più o meno sullo stesso livello... sono infatti d'accordo con il recensore sul fatto che all'album manchino dei veri e propri picchi qualitativi, ed è forse questo il suo limite. Indubbiamente i lavori successivi di questa band sono stati più maturi ed articolati. P.S. assolutamente d'accordo con la tua considerazione finale, purtroppo sfondi una porta aperta
nerchiopiteco
Domenica 8 Luglio 2012, 11.15.56
1
Grandissima band!! Con questo doppia lingua mi hanno sempre ricordato i tom cat con tough boy...fomento totale
INFORMAZIONI
1985
Roadrunner Records
Heavy
Tracklist
1. Wild Anthem
2. Red Light Fever
3. Lay Down
4. Racin’ Rock
5. Warning Action
6. Turn Back to the Night
7. Rock 'n' Roll Stars
8. Blind City
9. Star Information
10. Steeler
Line Up
Eizo Sakamoto (Voce)
Hiroya Fukuda (Chitarra)
Naoto Shibata (Basso)
Takamasa Ohuchi (Batteria)
 
RECENSIONI
ARTICOLI
08/12/2012
Intervista
THE GASLIGHT ANTHEM
I musicisti di talento? Ci sono sempre, da qualche parte...
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]