Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Dream Theater
A View From the Top of the World
Demo

Slowpoke
Slowpoke
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

29/10/21
GOAT TORMENT
Forked Tongues

29/10/21
DOEDSVANGR
Serpents Ov Old

29/10/21
ARCHSPIRE
Bleed the Future

29/10/21
MICHAEL SCHINKELS ETERNAL FLAME
Gravitation

29/10/21
IL ROVESCIO DELLA MEDAGLIA
La Bibbia - 50th Anniversary

29/10/21
JOE BONAMASSA
Time Clocks

29/10/21
GHOST BATH
Self Loather

29/10/21
BURIAL
Inner Gateways To The Slumbering Equilibrium At The Center Of Cosmos

29/10/21
JOHN 5
Sinner

29/10/21
DAVID REECE
Blacklist Utopia

CONCERTI

23/10/21
HYPERION (ITA) + GENGIS KHAN
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

23/10/21
FULCI + CRAWLING CHAOS
CIRCOLO DEV - BOLOGNA

24/10/21
TOTAL RECALL + FULCI + RISE ABOVE DEAD
LEGEND CLUB - MILANO

29/10/21
LABYRINTH
DRUSO - RANICA (BG)

04/11/21
MICHAEL SCHENKER GROUP
AUDIODROME LIVE CLUB - MONCALIERI (TO)

05/11/21
DISTRUZIONE + NEID + NECROFILI
TRAFFIC LIVE - ROMA

06/11/21
SKANNERS + ARTHEMIS + GUESTS
THE FACTORY - S. MARTINO BUON ALBERGO (VR)

06/11/21
THE BLACK CROWES
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

06/11/21
DISTRUZIONE + SOUTH OF NO NORTH
LIZARD CLUB - CASERTA

12/11/21
INCANTATION + ABIGAIL WILLIAMS + VALE OF PNATH
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

Draugr - Nocturnal Pagan Supremacy
( 3286 letture )
Nel 2002 nasce in Abruzzo una delle realtà più importanti e rappresentative del movimento estremo nostrano, i Draugr, un concentrato di rievocazioni pagano-folkloristiche e crudo black metal. Quattro anni dopo esco il loro debutto ufficiale, il cui titolo prende il nome di Nocturnal Pagan Supremacy, un lavoro eccellente sotto numerosi aspetti:, infatti al suo interno vengono sviluppati diversi nodi di discussione distanti dal concetto di musica: non mancano frecciate anti-cristiane, inneggiamenti alle antiche tradizioni, al fascino della natura e alla figura del guerriero, quasi raffigurabile in Svafnir, frontman della band abruzzese che compie una prova canora eccellente, aggredendo senza pietà per tutta la durata del disco, in grado, soprattutto, di trasmettere la propria rabbia attraverso le liriche, scritte completamente da lui e veramente piacevoli alla lettura e di conseguenza all’ascolto. Rimanendo in tema lirico è doveroso sottolineare l’impatto scenico anche del booklet, ogni testo infatti vanta un proprio personale sfondo a tema.

Per quanto riguarda la produzione il risultato finale è ineccepibile, registrato e mixato nei Comet sound broadcasting Studios a Torrevecchia in provincia di Chieti, Nocturnal Pagan Supremacy è dotato infatti di un sound semplicemente perfetto, tagliente al punto giusto e in grado di integrare elementi completamente distanti dal mondo del metal senza alcun tipo di problema. Ottime anche le prestazioni dei musicisti: l’aspro cantato di Svafnir, gli incalzanti riff di Triumphator, le linee di basso di Stolas e il martellare continuo di Jonny per un mix di tante piccole cose che alla fine dei conti generano qualcosa di memorabile.

L’opener Dove Regna l’Inverno è un pezzo strumentale scritto da Svafnir e ri-arrangiato da Warth, all’epoca non ancora membro stabile dei Draugr: il risultato finale è un’introduzione molto bella e coinvolgente, ma allo stesso tempo fredda come il ghiaccio.

“Behold the crucifix, what does it simbolizes? Pallid incompetence, hanging on a tree”

Un dirompente urlo ci introduce verso Nocturnal Pagan Supremacy, canzone veloce e senza fronzoli, che si concede anche uno spezzone puramente folkloristico. Il pezzo assume i toni battaglieri di un vero e proprio richiamo per gli Dei, l’unica cosa che si può fare è lasciarsi trasportare dalla musica dell’orda abruzzese.

“Secrets of past never told before , are awaiting for their summoning”

Così recita Spirit of the Past, traccia ben strutturata dal punto di vista compositivo, sono infatti molto piacevoli i riff melodici accompagnati marzialmente dalla batteria e dalla seconda chitarra. Il tutto genera un’atmosfera evocativa che si amplifica con la lettura del testo, questa volta molto legato al tema della natura. La successiva Reborn in Darkness è la rappresentazione dell’uomo in uno stato di totale oscurità, odio e solitudine, con la propria anima rinchiusa in meandri dove la luce è assente e dove la morte è l’unica salvezza. La quinta e sesta canzone costituiscono un’unica entità divisa in due parti, Land of Warriors, come al solito molto ben eseguita e accompagnata, i richiami sonori al campo di battaglia infatti si adagiano perfettamente sul sound dei Draugr, il quale è già di per sé una vera e propria guerra. L’ennesima gelida composizione la ritroviamo in The Forest Where I Died, un brano che in alcuni momenti sfiora lidi appartenenti all’universo “depressive” adagiandosi su un’ipnotica chitarra acustica. La seguente Furore Pagano è forse il pezzo più rappresentativo e sentito dalla band stessa, italiana in tutto e per tutto, a partire dal testo e dai richiami folkloristici, quattro minuti che assumono senza problemi il termine “masterpiece”. La penultima traccia è la breve ma intensa War Is my God, e come si può ben capire dal titolo è un’ode alla guerra, a ciò che essa costituisce oltre, ovviamente, a Marte. Il colpo finale è costituito da The Night of the Wolf, potente e bella come tutte le precedenti canzoni.
Dopo soli tre quarti d’ora ci accorgiamo che l’album -purtroppo- è già terminato, Nocturnal Pagan Supremacy è dunque molto scorrevole e, cosa ancora più importante, non annoia affatto.

Concludo sentenziando il mio piacere nell’ascoltare quest’opera consigliandola fortemente a chi, fan delle sonorità pagan black, non ha ancora avuto modo di ascoltarla. Fate vostro questo disco e sentitevi orgogliosi delle vostre tradizioni.



VOTO RECENSORE
85
VOTO LETTORI
74.42 su 66 voti [ VOTA]
simo
Lunedì 28 Dicembre 2015, 17.36.53
9
Chiese cadranno e moschee bruceranno? Testi ridicoli a dir poco, spero che l'età media del gruppo fosse di 15 anni altrimenti a mio parere qualcosa non funziona
Theo
Domenica 24 Marzo 2013, 11.17.48
8
@Organium: Grande! Io a distanza di quasi un anno devo alzare il mo voto: 80 pieno.
organium
Domenica 24 Marzo 2013, 11.05.12
7
Anche se l'avevo già ascoltato l'ho preso ieri al loro concerto! Gran disco! e furore pagano live è una cosa devastante!
Theo
Martedì 31 Luglio 2012, 13.18.19
6
gran disco, l'ho comprato ed apprezzato molto anche se non sono avvezzissimo al black. Voto 78
Master Of Pizza
Domenica 8 Gennaio 2012, 16.23.30
5
Anche se ormai lo so a memoria, me lo riascolto va...
il vichingo
Domenica 8 Gennaio 2012, 15.57.12
4
Bello, bello, bello! Anche se, come già detto, è inferiore a De ferro Italico è davvero un bel disco.
Michele
Sabato 7 Gennaio 2012, 22.13.48
3
Un buonissimo esordio, sono d'accordo con tutto, ma il disco successivo è anni luce avanti :Q_____
Finntrollfan
Sabato 7 Gennaio 2012, 20.55.22
2
Un buon disco, un mix di Black-folk davvero esaltante e piacevole da sentire. È notevolmente inferiore all'ultimo De ferro italico ma penso che un 77 se lo meriti. Furore pagano poi è il cavallo di battaglia della band nei live e la mia canzone preferita dei Draugr! Meritano una menzione anche Dove regna l'inverno e Spirit of the past! Lo consiglio caldamente agli appassionati di folk pagan
fabriziomagno
Sabato 7 Gennaio 2012, 20.45.18
1
gran bel disco, ottimo sotto tutti i punti di vista...
INFORMAZIONI
2006
Christhunt Productions
Pagan
Tracklist
1. Dove Regna l’Inverno
2. Nocturnal Pagan Supremacy
3. Spirit of the Past
4. Reborn in Darkness
5. Land of Warriors, pt. I
6. Land of Warriors, pt. II
7. The Forest where I Died
8. Furore Pagano
9. War is my God
10. The Night of the Wolf
Line Up
Svafnir: voce
Triumphator: chitarra
Stolas: basso, tastiere
Jonny: batteria
 
RECENSIONI
85
ARTICOLI
17/12/2011
Intervista
DRAUGR
Furia Italica
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]