Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Iamthemorning
The Bell
Demo

Break Me Down
The Pond
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

24/10/19
PLATEAU SIGMA
Symbols - The Sleeping Harmony of the World Below

25/10/19
CIRITH UNGOL
I’m Alive

25/10/19
VISION DIVINE
When All Heroes Are Dead

25/10/19
RINGS OF SATURN
Gidim

25/10/19
NOVERIA
Aequilibrium

25/10/19
CREST OF DARKNESS
The God Of Flesh

25/10/19
MELTDOWN (NOR)
Deadringer

25/10/19
CLOAK
The Burning Dawn

25/10/19
DAWN RAY`D
Behold Sedition Plainsong

25/10/19
VELVET VIPER
The Pale Man Is Holding A Broken Heart

CONCERTI

23/10/19
FOLKSTONE
ORION - ROMA

23/10/19
PINO SCOTTO
MOB CLUB - PALERMO

25/10/19
MACHINE HEAD
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

25/10/19
INTER ARMA
LIGERA - MILANO

25/10/19
ARBORES AUTUMNALES FESTIVAL
GRIND HOUSE CLUB - PADOVA

25/10/19
FOLKSTONE
VIPER THEATRE - FIRENZE

25/10/19
HELLRETIC + BRVMAK
500CAFFE' - PIEDIMONTE S. GERMANO (FR)

26/10/19
DESTROYER 666 + ABIGAIL + DEAD CONGREGATION + GUESTS
MU CLUB - PARMA

26/10/19
MACHINE HEAD
HALL - PADOVA

26/10/19
INTER ARMA
FREAKOUT - BOLOGNA

Wild Shooter Band - Inside
( 3279 letture )
I Wild Shooter Band sono un gruppo romano che ha scelto di fare del southern rock in pieno stile americano la propria bandiera: esatto, southern rock, il sottogenere del rock che negli anni ’70 conobbe una popolarità notevole grazie alla sua sapiente miscela di elementi rock, blues ed anche country. Chi di voi, del resto, non ha mai ascoltato un brano degli Allman Brothers Band o dei Lynyrd Skynyrd, indubbiamente fra i padri del southern, rimanendone più che soddisfatto? Ed allora, quest’oggi, vedete assieme a me se sia il caso di rimanere soddisfatti anche del lavoro di questi nostri connazionali nonché miei concittadini.

Il lavoro che i Nostri ci presentano è titolato Inside e si tratta del loro secondo lavoro in studio in nemmeno sei anni di attività, dopo il precedente On the Road targato 2008. L’album si apre con Never Come Back, che mette fin da subito in risalto un’interessante commistione fra chitarre, a tratti entrambe elettriche ed a tratti una elettrica ed una acustica. Il brano in sé, forse, stenta a decollare al 100%, ma non si può negare che si tratti di una traccia assai interessante per le soluzioni musicali proposte. Va meglio, dal punto di vista strettamente legato al “pathos”, con la seconda traccia, Sexy Thing, parimenti interessante dal punto di vista musicale e certamente più ricca di mordente rispetto alla traccia che la precede. Smokey Chicago inizia con una chitarra in palm mute per poi decollare nuovamente fra pirotecnici giochi alla sei corde in sottofondo e, a mio giudizio, si mette in risalto anche per l’ottima prestazione del cantante Alex Tarani, forse qua nella sua resa migliore. Chiaramente, anche se finora ho espresso i miei complimenti esclusivamente ai due axemen Marco Bartoccioni e Antonio Molinari ed al succitato cantante, sono da sottolineare anche le prestazioni degli altri membri del gruppo, meno in evidenza, ma certamente molto sostanziali. La tastiera di Francesco Santalucia, in particolare, non si lascia andare ad arditi arzigogoli musicali, bensì tesse un sottofondo semplice ed efficace (come è evidente nella valida Round…Around). I Can See You, brano leggermente più lento dei suoi predecessori, mette in risalto una probabile influenza dei celebri Eagles, mentre Tricky Woman è una traccia più tipicamente hard rock debitrice dei già citati Lynyrd Skynyrd; peccato solo per il ritornello, interessante dal punto di vista della melodia, ma un pochino privo di quella “potenza” necessaria a convincere del tutto. O, perlomeno, necessaria a convincere del tutto il sottoscritto. When I Look at the World è il brano più country incontrato finora, soprattutto nel suono delle chitarre e si caratterizza, stavolta, per un ritornello assai azzeccato, anche per merito della doppia voce. Il disco si avvia verso una buona conclusione con le due tracce successive, ben fatte ma prive di ulteriori elementi da sottolineare, prima che i Wild Shooter Band ci sorprendano: Why You Told Me to Go?, difatti, incomincia con un’intro di violino, che poi vede affiancarsi un piano e, per pochi istanti, anche un mandolino. Beninteso, si tratta di una traccia abbastanza prevedibile nella sua evoluzione, ma non si può negare che sia una traccia assolutamente eccellente, indubbiamente fra le migliori dell’intero Inside.

I nostri amici romani, insomma, centrano il loro bersaglio: gli unici appunti che gli si possono fare sono una lieve (ed inevitabile) mancanza di originalità in alcune soluzioni proposte e, come evidenziato già in sede di analisi delle singole tracce, lo scarso pathos di alcuni momenti, che potevano forse essere gestiti meglio dal gruppo. Per il resto, accendete il lettore e godetevi l’album, perché nel suo genere si tratta di un lavoro davvero ben fatto.



VOTO RECENSORE
83
VOTO LETTORI
56.57 su 33 voti [ VOTA]
Lizard
Giovedì 19 Gennaio 2012, 19.13.54
1
Messi in lista!!! Il southern non è un genere che in Italia trovi un grande pubblico, complimenti quindi alla band per aver osato di essere solo se stessi. In bocca al lupo!!
INFORMAZIONI
2011
Revalve Records
Southern Rock
Tracklist
1. Never Come Back
2. Sexy Thing
3. Smokey Chicago
4. Round…Around
5. I Can See You
6. Tricky Woman
7. When I Look at the World
8. The Golden Eagle
9. The Crown of Fools
10. Why You Told Me to Go?
Line Up
Alex Tarani (Voce)
Marco Bartoccioni (Chitarra)
Antonio Molinari (Chitarra)
Francesco Santalucia (Tastiera)
Silvano Lentini (Basso)
Gianfanco Vitagliano (Batteria)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]