Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Progenie Terrestre Pura
starCross
Demo

Dead Like Juliet
Stranger Shores
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

23/07/18
ATAVISMA
The Chthonic Rituals

25/07/18
MANTICORA
To Kill To Live To Kill

27/07/18
MICHAEL ROMEO
War Of The Worlds / Pt. 1

27/07/18
REDEMPTION
Long Nights Journey Into Day

27/07/18
TARJA
Act II

27/07/18
HALESTORM
Vicious

27/07/18
MOTOROWL
Atlas

27/07/18
DRAWN AND QUARTERED
The One Who Lurks

27/07/18
SHED THE SKIN
We of Scorn

27/07/18
DEE SNIDER
For The Love Of Metal

CONCERTI

21/07/18
COLONY SUMMER FEST (Day 1)
CENTRO FIERA - MONTICHIARI (BS)

21/07/18
MYLES KENNEDY + DORIAN SORRIAUX
CASTELLO - UDINE

21/07/18
DIVINE METAL FEST
ALTERNATIVE MUSIC CLUB - MONTENERO DI BISACCIA (CB)

21/07/18
MALESSERE FEST
DAGDA LIVE CLUB - RETORBIDO (PV)

22/07/18
RICHIE KOTZEN
ESTATE IN FORTEZZA SANTA BARBARA - PISTOIA

22/07/18
COLONY SUMMER FEST (Day 2)
CENTRO FIERA - MONTICHIARI (BS)

22/07/18
DOYLE
TRAFFIC CLUB - ROMA

22/07/18
VIRVUM + COEXISTENCE + EGO THE ENEMY + GUEST
CIRCOLO SVOLTA - ROZZANO (MI)

22/07/18
CARPATHIAN FOREST
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

23/07/18
SCORPIONS
ARENA DI VERONA

Death - Leprosy
( 8517 letture )
16 novembre 1988. A un anno e sei mesi dal seminale Scream Bloody Gore vede la luce Leprosy, secondo album di una band che ormai è pura leggenda, se non mito. Stiamo parlando ovviamente dei Death, uno dei pochi gruppi che siano comparsi sulla faccia della terra a potersi ritenere, se non creatori, massimi ideatori ed iniziatori di un genere musicale; si tratta inoltre di una delle poche band dedite al metallo pesante a resistere, anzi a raggiungere il proprio massimo riconoscimento e successo, negli anni Novanta.

Sarà meglio concentrarsi sull’album in questione, però, piuttosto che perdersi in adulazioni, cosa fin troppo facile. Dicevamo, a brevissimo tempo dal dirompente (e assolutamente sconvolgente per l’epoca; lo si potrebbe paragonare a Kill ‘Em All) esordio, inevitabilmente molto apprezzato nell’underground, l’ispiratissimo (come sempre sarà) Chuck Schuldiner stravolge la formazione richiamando Rick Rozz (che sarà ben presto nuovamente defenestrato) ed invitando due membri dei Massacre, il bassista Terry Butler ed il batterista Bill Andrews. Poco importa chi siano gli attori non protagonisti, perché l’interprete, il genio intorno a cui gira tutto, è sempre lo stesso, e ce ne dà dimostrazione.
È incredibile come in 18 mesi la band (o meglio Schuldiner) si sia evoluta tanto rapidamente, sotto ogni punto di vista. Si sente ancora il debito verso i grandi pionieri e maestri (è ancora evidente, ad esempio, l’influenza dei Venom); tuttavia, nonostante le capacità dei membri siano ancora acerbe rispetto a quello che diventeranno in futuro, l’abilità tecnica, soprattutto di Chuck, è già aumentata di molto rispetto al poco tempo avuto a disposizione, così come la maturità raggiunta sotto il profilo testuale, dove comincia a profilarsi un parziale abbandono delle tematiche più esplicitamente “gore” a favore di temi sul sociale, filosofici e soprattutto personali. Visioni disperate, ossessive, paranoiche della morte in tutte le sue forme caratterizzano l’album, rivelando e liberando una terribile angoscia, cui fa da contraltare una limpida coscienza, non una miserevole arrendevolezza.
Senza voler sottovalutare l’elemento musicale, chiaramente fondamentale, preferirei concentrarmi su quello testuale, spesso sottovalutato se non addirittura non considerato. Questo perché è inevitabile che gran parte del successo della band della Florida sia dovuto al riffing spietato, corrosivo e veloce ed al (fino ad allora piuttosto inesplorato) growling dell’autodidatta Chuck; un insieme di cose che, nonostante non si fosse mai ascoltato prima, suonava intrinsecamente e genuinamente metal come il più classico dei classici. Ma sono i testi di Schuldiner la ciliegina sulla torta di un’opera destinata a rimanere immortale e sempre attuale nel panorama del metal mondiale.

Sarebbe inutile e pretenzioso cercare di parlare approfonditamente di tutti i testi di Leprosy, ma ci sono certamente alcuni passaggi indelebili e degni di nota. Prendiamo immediatamente Pull The Plug, vero (funereo) inno del disco: il tema trattato è l’eutanasia e Chuck la descrive con una empatia ed un dolore difficilmente immaginabili:

End it now, it is the only way
Too cruel, that is what they say
Release me from this lonely world
There is no hope -- why don't you
Pull the plug
Let me pass away
Pull the plug
Don't wanna live this way


Stacca la spina, non voglio vivere in questo modo… Un turbinio di pensieri sulla morte, una vera ossessione per Chuck, iniziata probabilmente alla morte prematura e sconvolgente di suo fratello sedicenne, quando il chitarrista aveva solo nove anni. Di questo tragica evento parla nella canzone Open Casket, tanto toccante quanto sconfortante e visionaria:

Approach the image filled with fear
As the image grows so clear
Future now takes full control
The one whose past you now behold
Touch -- the flesh it is so cold
Turn away -- you now have been told
Never to return, memories will last
In the future, you'll think about the past
Never to forget, what you have seen


La vista del corpo ormai freddo e privo di vita del proprio fratello è semplicemente dilaniante e probabilmente non può essere compresa facilmente da qualcuno diverso dall’autore.

Non è un caso che le due canzoni citate siano tra le preferite di Leprosy da parte dei fan; un album che non è il migliore dei Death, sempre che sia possibile fare una classifica, ma che risulta essere senza ombra di dubbio un disco fondamentale, oltre per la qualità intrinseca e la produzione nettamente migliore rispetto a quella dell'esordio, per l’evoluzione musicale della band, che raggiungerà livelli qualitativi difficilmente raggiungibili. La verità è che i Death sono stati uno dei pochi gruppi in grado di fondere musica e poesia, e chi ama il metal non li dimenticherà mai.



VOTO RECENSORE
93
VOTO LETTORI
86.30 su 171 voti [ VOTA]
thrasher
Martedì 10 Luglio 2018, 11.00.41
62
Crudo, marcio ed originale... consacrazione ed evoluzione di quanto avevano comiciato con il debut album.... voto 100
Aceshigh
Sabato 23 Settembre 2017, 21.04.05
61
Uno degli album che mi introdusse, in piena adolescenza, al death metal. (Figuratevi quanto mia madre poteva gradire le urla di Evil Chuck in salone...). Premesso che amo tutti gli album dei Death, tuttavia io lì ho sempre preferiti nella prima fase della carriera, quando erano brutti, sporchi e marci. Quando sento quest'album vado in fibrillazione anche se è la milionesima volta che lo ascolto! Imprescindibile!
LexLutor
Sabato 14 Gennaio 2017, 19.52.19
60
Questo disco piaceva anche a un batterista di vecchia formazione musicale, militante in una storica band hard rock della mia città che di thrash e death proprio non ne voleva neanche sentire parlarne.... Ma di leprosy....
HERMANN 60
Sabato 4 Giugno 2016, 16.14.11
59
Death, i primi 3 dischi 3 capolavori, dopo la svolta super tecnica e se vogliamo progressive non mi sono più piaciuti
Mulo
Domenica 1 Maggio 2016, 23.04.37
58
Grande disco questo (qui Chuck inizia a far vedere le sue doti). Title trak e open casket su tutte. L'influenza dei Possessed sui primi 2 dei Death resta enorme ( nel modo di cantare e nelle riemiche chitarristiche)
metalist
Sabato 12 Dicembre 2015, 19.00.47
57
Sono d'accordo al 100 per 100 con @lisablack
lisablack
Giovedì 11 Giugno 2015, 12.46.41
56
I Death hanno una discografia di capolavori, uno dietro l'altro..che tocca il suo apice con Symbolic, ma sono tutti superlativi. Quale altra band può vantare un primato del genere? Davvero poche..100!!!
Voivod
Mercoledì 18 Marzo 2015, 15.46.07
55
Bello questo disco dei Camel!
Philosopher3815
Lunedì 28 Luglio 2014, 10.14.23
54
Sono affezionato a questo album,essendo il primo dei Death che ho comprato...ottimo album
il mago simone
Mercoledì 23 Aprile 2014, 20.38.36
53
questo è il disco death per eccellenza. Prima il death era un thrash violento con voce cavernosa....qua sono state scritte le regole che governeranno ed indirizzeranno il genere. voto 100
Macca
Martedì 19 Novembre 2013, 22.59.01
52
Uno dei dischi death che più mi ha colpito nell'intero panorama, insieme a Seven Churches dei Possessed. Grandioso, voto 95.
Ivan
Lunedì 18 Novembre 2013, 21.54.56
51
Dopo solo un anno dall'esordio, I DEATH confezionano un ottimo album. Già CHUCK e soci iniziano a maturare e si sente alla grande. Un buon 86 penso sia meritato.
J.Painkiller
Domenica 27 Ottobre 2013, 15.46.24
50
Fantastico disco sia musicalmente con quei cazzo di assoli malati tra cui quello della title track che mi mette un inquetudine sia per I testi profondi si merita un bel 85
Dark Endless
Martedì 25 Giugno 2013, 11.04.54
49
A mio parere uno dei migliori dei Death(anche se è difficile dirlo visto che tutti i dischi dei Death sono perfetti).Grande prova vocale di Chuck,un growl spacca ossa,infatti se devo essere sincero preferisco il periodo in cui cantava in growl(quindi da Scream Bloody Gore a Individual Thought Patterns).Che canzone Left To Die!
Macca
Martedì 7 Maggio 2013, 11.05.03
48
Adoro la vena thrash/hardcore di questo capolavoro...
FABIO 78
Lunedì 25 Febbraio 2013, 0.02.13
47
...come si puo commentare la perfezione...voto 100 punto!
The Nightcomer
Domenica 24 Febbraio 2013, 23.49.17
46
Dopo essere rimasto letteralmente sconvolto ed entusiasta dall'uscita di Scream Bloody Gore, attendevo con ansia la nuova release dei Death, che infine arrivò sullo scaffale del negozio che all'epoca frequentavo con regolarità. Senza neanche pensarci la acquistai subito (si trattava della versione americana gatefold), me la divorai con gli occhi durante il viaggio in treno e, una volta giunto a casa, posai il vinile sul piatto. Bastarono le prime note della title track e fu subito amore. In seguito abbandonai i Death, salvo riscoprirli alcuni anni dopo con Symbolic e Individual Thought Patterns: infatti, dopo aver divorato Atheist e Cynic stavo cercando altre bands di qualità e fui davvero stupito nel constatare che il gruppo che ricordavo quale apice del "metal marcio" si era letteralmente trasfigurato (però mi viene abbastanza spontaneo scorgere un comune denominatore nelle opere dei Death, i quali non hanno mai stravolto la loro identità). Con il senno di poi rimane un pò di rammarico per aver snobbato le uscite di disconi quali Spiritual Healing e Human, i quali però ho fortunatamente ripreso in seguito con immensa soddisfazione. Di questa band non si butta via nulla, tutti gli albums posseggono un magnetismo affascinante. Immensi!
Radamanthis
Martedì 5 Febbraio 2013, 18.44.20
45
Quoto il post 3 di Undercover...
leprosydeath91
Domenica 9 Dicembre 2012, 1.56.47
44
spacca il culo \m/
Luke_Skywalker_666
Giovedì 19 Gennaio 2012, 19.00.48
43
Disco FONDAMENTALE come tutti i lavori dei Death da qui in poi...
enry
Giovedì 19 Gennaio 2012, 18.54.41
42
Una discografia di soli capolavori, ma se proprio devo scegliere anch'io considero TSOP un po' meno capolavoro degli altri. Leprosy lo adoro, per me sta sullo stesso livello di Human. Il voto lettori non fa testo, visto che nel 90% delle recensioni viene inficiato dai soliti 3-4 simpaticoni che si divertono a mettere 20 a caso (email obbligatoria per voti e commenti sarebbe un buon inizio, per esempio).
il vichingo
Giovedì 19 Gennaio 2012, 16.54.00
41
Scandaloso il voto utenti... comunque il mio preferito (anche se dei Death conosco poco...) è Spiritual Healing
lux chaos
Giovedì 19 Gennaio 2012, 16.50.50
40
cazzo che bagarre!! Kryptos, vai tranquillo, la mia era solo una battuta, se leggi altri miei commenti saprai che sopra tutto sta il mio rispetto per i gusti altrui...solo che TSOP lo adoro letteralmente, come tutti quell idei death, ma questo in particolare!! @MrFreddy: sono i soliti coglioni che votano zero @Kriegsphilosophie: ti quoto. Anche per me TSOP non è considerabile death in senso "comune", non lo considero un apice del genere death, ma del genere metal, e se proprio vogliamo, del genere MUSICA. Ciao a tutti!
Kriegsphilosophie
Giovedì 19 Gennaio 2012, 13.19.03
39
Io adoro TSOP così come adoro tutti i dischi dei Death allo stesso modo, non riesco a trovarne uno che preferisco, troppo difficile! Però non penso sia tanto giusto dire che TSOP sia uno degli apici del death metal, semplicemente perchè l'ultimo non è proprio death metal se stiamo a vedere. Non so se mi sono spiegato... Però oh, rimane sempre un ottimo lavoro eh!
MrFreddy
Giovedì 19 Gennaio 2012, 10.03.51
38
Una cosa: com'è che il voto lettori è di 74.57 quando gli unici voti motivati da commenti sono ultrapositivi? Non è che si mangia la gente se esprime un parere diverso, ma andare, votare e scapparsene via non mi sembra una cosa carina da fare
MrFreddy
Giovedì 19 Gennaio 2012, 10.02.20
37
A regà, guardate che ce ne sono che preferiscono la prima parte della discografia dei Death. Comunque ha espresso la sua preferenza di Leprosy a TSOP (non ha mica detto che fa schifo), mica di We Rule The Night dei Sonic Syndicate a tutta la discografia dei Death xD
Kryptos
Giovedì 19 Gennaio 2012, 1.21.28
36
Perdona i refusi ma l'ora è tarda e io mi sto addormentando sulla tastiera. Anrò a nanna, magari mi faccio cullare dalle dolci note di "Scream Bloody Gore".
Kryptos
Giovedì 19 Gennaio 2012, 1.17.13
35
Così va meglio. Ti dirò, alcuni di anni fa la pensavo allo stesso modo e ritenevo il testamento di Chuck proprio la sua prova migliore... Poi ho lasciato stare il gruppo (e il metal in generale) per qualche tempo, e quando ho ripreso in mano la discografia mi sono ritrovato ad adorare "Leprosy" mentre "TSOP" ha perso un po' di punti. Fermo restando che "Scavenger", "Bite The Pain", "Story" e "Voice Of The Soul" sono indiscutibili... Un po' meno invece il trittico finale. Poi chissà, magari fra qualche anno torno alla situazione iniziale... asd
a luci spente
Giovedì 19 Gennaio 2012, 1.06.54
34
Kryptos fratellino mio ti voglio un gran bene, ma secondo me "The Sound Of Perseverance" è l'apice no dei Death ma del death metal in generale, la voce di Chuck è perfetta acuta e graffiante senza punti deboli, i gusti son gusti. In ultimo The Sound Of Perseverance è privo di filler, non c'è un solo pezzo debole tutti da 100 e in generale uno dei pochi album che prende il 100 su 100 oppure il 10/10 cioè il massimo dei voti. E ti chiedo scusa della mia battuta poco felice.
Kryptos
Giovedì 19 Gennaio 2012, 0.25.54
33
Oh ragazzi, quanto siete suscettibili, sembra che vi abbiano insultato la mamma. Per quel che mi riguarda "The Sound Of Perseverance" è il disco che preferisco meno dei Death; alterna pezzi leggendari ad altri in cui le idee mi sembrano incollate male, mancando di compattezza (specie nella seconda metà del disco); e anche la voce di Chuck la preferisco qui, profonda e viscerale, piuttosto che acuta e graffiante... Avrò anche bisogno di zuccheri per il cervello, ma qualcun altro forse ha bisogno di un paio di gocce di diazepam.
a luci spente
Mercoledì 18 Gennaio 2012, 23.57.34
32
@ lux chaos ti stra quoto, @ Kryptos cospargiti il capo di cenere e in ginocchio sui ceci, e usa la testa, l'unica cosa del tuo corpo che deve avere un po' di zuccheri per funzionare!!
lux chaos
Mercoledì 18 Gennaio 2012, 21.24.47
31
@Kryptos: altro che "the sound of perseverance"?????? forse perchè intendi che quello non è un capolavoro, ma un super-capolavoro, vero? Ah ecco, ok...
Cuordipietra
Mercoledì 18 Gennaio 2012, 20.21.42
30
Il voto dei lettori è penosamente basso. Non è che troppa musica spazzatura vi ha fottuto le orecchie? Chuck perdona queti stolti, sò pischelli...
Kryptos
Mercoledì 18 Gennaio 2012, 17.50.24
29
Il vero capolavoro dei Death. Altro che "The Sound Of Perseverance"...
Sorath
Martedì 17 Gennaio 2012, 12.39.25
28
Questo se non vado errato fu o il secondoo il terzo disco dei Death che acquistai, ora come ora non me lo ricordo...so passati un pi anni oramai ehehehe. Questa band non mi ha mai deluso e nonostante questo cd è anni luce lontano da quelli che sonno, forse, gli effettivi capolavori della band non ho nessun commento negativa per quest'opera. Grande, immenso Chuck per sempre nei nostri cuori \m/_ _\m/
A____H
Lunedì 16 Gennaio 2012, 14.07.48
27
PUUUUUUUUL THE PLUUUGGGGG 90 al merito!
fabio II
Lunedì 16 Gennaio 2012, 13.54.29
26
I lavori che preferisco cominciano con 'Human', comunque anche qui Death & Glory
DIMMONIU73
Lunedì 16 Gennaio 2012, 8.17.48
25
Ecco, ha ragione piggod (gran bel nick, eh...): sono i Death, punto e basta!!!
piggod
Lunedì 16 Gennaio 2012, 1.25.37
24
Sono i Death. E con questo si potrebbe finire la discussione.
lux chaos
Domenica 15 Gennaio 2012, 12.47.25
23
@a luci spente: mi piace molto il tuo nuovo look, nickname molto più bello!! ciao vecchio mio
a luci spente
Domenica 15 Gennaio 2012, 10.42.33
22
@lux chaos si sono sempre io ti piace il mio nuovo look
lux chaos
Domenica 15 Gennaio 2012, 0.35.25
21
@ a luci spente: ma sei sempre tu, luci di ferro? hai cambiato nome?
a luci spente
Sabato 14 Gennaio 2012, 23.39.36
20
waste of air, si è grave che tu non abbia mai ascoltato un album dei leggendari camel, fallo credimi non te ne pentirai.
Kriegsphilosophie
Sabato 14 Gennaio 2012, 18.30.28
19
Capolavoro. Pull The Plug secondo me è un testo innovativo e geniale se teniamo conto di vari elementi. Voglio dire, mentre tutti parlano di morti, blasfemia etc, Chuck arriva a toccare un argomento importante e vicino alla società. Io sono convinto che quel testo sia un pò l'inizio della svolta che ha preso Chuck per quanto riguarda i testi Ma come sappiamo tutti, ogni canzone segna un passo avanti per i Death, però bho, il testo di "Pull The Plug" ha proprio un peso diverso secondo me!
MrFreddy
Sabato 14 Gennaio 2012, 17.30.51
18
Io sinceramente ritengo che Suiçmez e Masvidal (per quanto quest'ultimo stia muovendosi in una direzione completamente diversa) siano due persone in grado di eguagliare la genialità dell'insuperato Chuck
LAMBRUSCORE
Sabato 14 Gennaio 2012, 17.19.48
17
er trucido, vichingo, adesso basta coi korn, ho già commentato gli evanescence, per un po' andrò a dietro con loro, (lo so, è un'espressione non corretta, ma dalle mie parti andare a dietro vuol dire continuare a rompere ed è molto usata...)
Metal4ever90
Sabato 14 Gennaio 2012, 15.51.02
16
Qui manca ancora il tocco magico che avrebbe contraddistinto gli album da "Human" in poi, ma si tratta sempre di un'opera magnifica, cruda e di altissimo livello. "Pull The Plug" non è solo la migliore del disco, ma sta anche ai livelli dei capolavori che verranno dopo.
il vichingo
Sabato 14 Gennaio 2012, 15.19.38
15
No no per carità non vorrei contagiarti con il mio "pessimismo" se te pensi che il chitarrista dei Necrophagist sia l'erede di una certa tipologia di artista che Schuldiner rappresentava... libero di farlo !! Ovviamente posso essere confutato la bellezza di una discussione è proprio questa! Io comunque resto del parere che si è perso il famoso "stampino"
NickyDarrell
Sabato 14 Gennaio 2012, 15.17.55
14
@Vichingo Io avevo identificato l'erede di Chuk in Muhammed Suicmez..... Ma forse mi sono sbagliato....
NickyDarrell
Sabato 14 Gennaio 2012, 15.09.01
13
@Vichingo Io avevo identificato l'erede di Chuk in Muhammed Suicmez..... Ma forse mi sono sbagliato....
NickyDarrell
Sabato 14 Gennaio 2012, 15.04.27
12
100......come tutti gli album dei Death.....
il vichingo
Sabato 14 Gennaio 2012, 15.01.47
11
Eh eh l'amore di Lambrusco per i TUNZ Korn è ormai leggendario PS: BASTAAAAAA con sti Camel!!! Ma cosa c'entrano i Camel con i Death, come se io adesso mi mettessi a parlare dei Bathory o dei Satyricon! Ma dai! PS: grande Schuldiner, un grandissimo artista e una grande persona. Non vorrei sembrare pessimista ma a mio avviso si è purtroppo perso lo stampo di artisti di questo calibro!
Er Trucido
Sabato 14 Gennaio 2012, 14.46.46
10
@Lambru: era un po' troppo che non li nominavi, mi stavo preoccupando . Comunque disco fantastico, poche discorsi da fare. Mi ero fatto una cassetta con questo da un lato e Spiritual Healing dall'altro, l'ho letteralmente consumata nel walkman andando in treno alla visita del militare
waste of air
Sabato 14 Gennaio 2012, 13.58.19
9
Ebbene no! Non ho mai sentito il Camel, e non le ho neanche mai fumate! Grave?
LAMBRUSCORE
Sabato 14 Gennaio 2012, 13.52.03
8
conosco i camel, mi piace tanto il prog, ,m qua si parla di altra musica, va beh che anch'io ogni tanto rompo i coglioni con gruppi che non c'entrano niente, vero er trucido,se ci sei, cosa mi dici dei koooooooornnnnnn????
bastaaaaaaaaaaaaaaaaa!!!!
Sabato 14 Gennaio 2012, 13.38.11
7
bastaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!!!!!
MrFreddy
Sabato 14 Gennaio 2012, 13.06.25
6
Finalmente recensito 95 per me, a pari merito con l'esordio il migliore pre-Human
LAMBRUSCORE
Sabato 14 Gennaio 2012, 13.00.10
5
ho ancora la cassetta originale, ristampata 2 anni dopo, per me, insieme a spiritual healing, ma anche al primo, il meglio dei death. lo so che molti li hanno apprezzato più tardi, ma io sono legato a quel periodo là. musica adatta agli amanti del thrash, hardcorepunk e death/black dei primi anni, imperdibile....
Flag Of Hate
Sabato 14 Gennaio 2012, 12.46.50
4
Davanti a una band come i questa, è inutile spendere troppi giri di parole. Non hanno MAI sbagliato un colpo, e per quel che mi riguarda nessuno dei loro album, seppur nelle loro peculiarità, è da considerarsi al di sotto dell' 85. "Leprosy" è un gran disco, giusto il voto del recensore: 93/100.
Underdover
Sabato 14 Gennaio 2012, 12.43.28
3
E' sempre una lotta quando si parli di Death visto che si va di capolavoro in capolavoro quindi cosa c'è da commentare?
Franky1117
Sabato 14 Gennaio 2012, 12.20.18
2
strepitoso;il migliore dell'era pre-human; oltre ad open casket e pull the plug, citerei la stupenda choke on it
xutij
Sabato 14 Gennaio 2012, 11.11.02
1
Si sentiva la mancanza di una rece su questo disco : D
INFORMAZIONI
1988
Combat Records
Death
Tracklist
1. Leprosy
2. Born Dead
3. Forgotten Past
4. Left to Die
5. Pull the Plug
6. Open Casket
7. Primitive Ways
8. Choke on It
Line Up
Chuck Schuldiner - chitarra, voce
Rick Rozz - chitarra
Terry Butler - basso
Bill Andrews - batteria
 
RECENSIONI
90
95
99
92
97
88
93
85
ARTICOLI
02/05/2018
Intervista
NECRODEATH
Gli anni di Cristo
20/04/2018
Live Report
NECRODEATH + LAPIDA + WHISKEY & FUNERAL
Defrag, Roma, 14/04/2018
09/12/2017
Live Report
TESTAMENT + ANNIHILATOR + DEATH ANGEL
Live Club, Trezzo sull'Adda (MI), 1/12/2017
21/06/2017
Live Report
RUNNING DEATH + SWEEPING DEATH + LES LIBETH
Padiglione 14, Collegno (TO), 16/06/2017
30/05/2017
Live Report
DREAMSHADE + LED BY VAJRA + SUDDEN DEATH + MORE
C.S.O.A. Spartaco, Santa Maria di Capua Vetere (CE), 26/05/2017
14/03/2017
Live Report
NETHERLANDS DEATHFEST 2017 - DAY 3
Poppodium 013, Tilburg, 5/3/2017
13/03/2017
Live Report
NETHERLANDS DEATHFEST 2017 - DAY 2
Poppodium 013, Tilburg, 4/3/2017
13/03/2017
Live Report
NETHERLANDS DEATHFEST 2017 - DAY 1
Poppodium 013, Tilburg, 3/3/2017
04/02/2017
Articolo
THE DEATH ARCHIVES: MAYHEM 1984-94
La recensione
23/01/2017
Intervista
CREEPIN` DEATH
Più forti del tempo
06/12/2016
Live Report
CREEPIN` DEATH + FIL DI FERRO
El Barrio, Torino (TO), 03/12/2016
10/11/2016
Live Report
VOLTUMNA + SUDDEN DEATH + TERRORAGE + EPISTHEME
Barbara Disco Lab, Catania, 05/11/2016
18/04/2016
Live Report
OOMPH! + DEATH VALLEY HIGH
Batschkapp, Francoforte sul Meno (GER), 10/04/2016
05/04/2016
Live Report
DEATH TO ALL + OBSCURA
Traffic Live, Roma (RM), 30/03/2016
14/03/2016
Live Report
NETHERLANDS DEATHFEST
Day 3, 013, Tilburg, Olanda, 28/02/2016
12/03/2016
Live Report
NETHERLANDS DEATHFEST
Day 2, 013, Tilburg, Olanda, 27/02/2016
10/02/2016
Live Report
CORONER + ACID DEATH + DEATH MECHANISM
Circolo Colony, Brescia (BS), 06/02/2016
22/11/2015
Live Report
DEATHCRUSHER TOUR 2015
Carcass + Obituary + Napalm Death + Voivod, Estragon, Bologna (BO), 17/11/2015
02/10/2015
Live Report
BRIXIA DEATH FEST II
DEAD CONGREGATION + AVULSED + altri, Circolo Colony, Brescia (BS) - 26/09/2015
28/06/2015
Live Report
JUDAS PRIEST + FIVE FINGER DEATH PUNCH
Summer Arena, Assago (MI), 23/06/2015
29/05/2015
Live Report
NECRODEATH + PATH OF SORROW + SINPHOBIA + MOLOSSO
261, Genova, 22/05/2015
27/03/2015
Live Report
PURULENT DEATHFEST
Circolo Svolta, Rozzano (MI), 21/03/2015
08/08/2014
Intervista
NECRODEATH
Peccati Capitali
27/06/2014
Live Report
DEATH TO ALL + GORGUTS
The Jungle, Cascina (PI) 23/06/2014
18/04/2014
Live Report
ONSLAUGHT + DEATH MECHANISM + TORMENT + BARBARIAN + SATANIKA + GUEST
Traffic Club, Roma, 11/04/2014
16/04/2014
Live Report
DEATH OVER BARRIO’S: BLOOD OF SEKLUSION + ONIRIK + TERRORSAW + GUESTS
Barrio’s Cafè, Milano, 12/04/2014
04/04/2014
Live Report
BRIXIA DEATH FEST: HAIL OF BULLETS + INTERMENT + ELECTROCUTION + GUEST
Circolo Colony, Brescia, 29/03/2014
22/03/2014
Articolo
DEATH BY METAL
La Recensione
24/02/2014
Live Report
HATEBREED + NAPALM DEATH
Orion Live Club, Ciampino (RM), 19/02/2014
21/01/2014
Intervista
DEATH SS
Un horrorgiastico teatro musicale
14/01/2014
Live Report
DEATH MECHANISM + INJURY
Vampyria Gothic Cafè , Cella (RE), 11/01/2014
17/12/2013
Intervista
DEATH ANGEL
Intervista a Rob Cavestany
03/12/2013
Live Report
DEATH ANGEL + EXTREMA + DEW-SCENTED + ADIMIRON
Tempo Rock, Gualtieri (RE), 30/11/2013
28/11/2013
Live Report
AVENGED SEVENFOLD + FIVE FINGER DEATH PUNCH + AVATAR
Mediolanum Forum, Assago (MI), 23/11/2013
24/11/2013
Live Report
DEATH TO ALL + OBSCURA + FAUST + DARKRISE
Rock’n’Roll Arena, Romagnano Sesia (NO), 19/11/2013
28/10/2013
Live Report
DEATH SS
Orion Live, Ciampino (RM), 25/10/2013
18/10/2013
Live Report
LOWLANDS DEATHFEST V
Circolo Culturale Musicale Twilight, Fabbrico (RE), 12/10/2013
29/09/2013
Live Report
GOD IS AN ASTRONAUT + DEATH LETTERS
Gebaude 9, Colonia, 25/09/2013
27/08/2013
Live Report
NAPALM DEATH + BOLOGNA VIOLENTA
Festa di Radio Onda d'Urto, Brescia, 22/08/2013
30/06/2013
Live Report
KORN + BULLET FOR MY VALENTINE + LOVE AND DEATH
Ippodromo delle Capannelle, Roma, 25/06/2013
02/06/2013
Intervista
DEATH SS
La magia della vita, parla Steve Sylvester
18/05/2013
Live Report
BREEDING DEATH FEST
L'Angelo Azzurro Club, Genova (GE), 11/05/2013
30/03/2013
Intervista
NECRODEATH
The Rocky Road to Dublin
11/10/2012
Intervista
NECRODEATH
Tra passato e futuro
26/09/2012
Live Report
NECRODEATH + CO2 + UNTORY + ESCAPEINOUT
Insomnia - Scordia (CT) 15/09/2012
06/09/2012
Articolo
I 100 MIGLIORI DISCHI DEATH METAL
La recensione
25/07/2012
Live Report
WHITE SKULL + DEATH MECHANISM + CRISALIDE + H.O.S. + JOYLESS JOKERS
Arena Campagnola, Schio (VI), 19/07/2012
15/07/2012
Live Report
NAPALM DEATH + ORANGE MAN THEORY + BOLOGNA VIOLENTA + GALERA
Gods of Grind, Traffic Club, Roma, 25/06/2012
02/04/2012
Live Report
NECRODEATH + EXCRUCIATION + DEATH MECHANISM ed altri
Lo-Fi, Milano, 24/03/2012
04/03/2012
Intervista
NECRODEATH
Into The Macabre, 1987 - 2012
16/02/2012
Live Report
RAMMSTEIN + DEATHSTARS
Olimpijskij Stadion, Mosca, 10/02/2012
13/12/2011
Intervista
NECRODEATH
Quando il thrash si tinge di pulp...
08/05/2011
Articolo
CHOOSING DEATH
L'improbabile storia del death metal - la recensione
24/03/2011
Live Report
BULLDOZER + TSUBO + DEATH MECHANISM
Init Club, Roma, 19/03/2011
10/03/2011
Live Report
NECRODEATH + RAZA DE ODIO + DATAKILL + SHAKE WELL BEFORE
Bulldog, Serra Riccò (GE), 05/03/2011
18/12/2010
Live Report
KREATOR + EXODUS + DEATH ANGEL + SUICIDAL ANGELS
Estragon, Bologna, 15/12/2010
13/11/2010
Live Report
VULCANO + DEATH MECHANISM
Mac 2, Schio, 06/11/2010
10/08/2010
Intervista
NAPALM DEATH
Le ultime voci dal Sikelian
24/02/2010
Live Report
DEATH HEAVEN + IMPOSER + PROFANAL
Italian Extreme Metal
09/01/2010
Live Report
NECRODEATH + DEATH MECHANISM + SHINING FEAR
Resoconto di una grande serata
04/01/2010
Intervista
NECRODEATH
Venticinque anni di furia metallica
13/11/2009
Live Report
FOLKSTONE + DEATH ARMY + FUROR GALLICO
Il concerto di Halloween
21/10/2009
Intervista
DEATH ARMY
La parola dell'Armata della Morte
20/10/2009
Live Report
NAPALM DEATH + CRIPPLE BASTARDS
Rock Planet, Pinarella di Cercia (RA), 03/10/2009
01/12/2007
Live Report
NECRODEATH + CRIPPLE BASTARDS
Target Club, Bari, 23/11/2007
24/11/2007
Intervista
UNTIL DEATH OVERTAKES ME
Parla Stjin van Cauter
29/09/2007
Intervista
NEAR DEATH EXPERIENCE
Parla Bruno Guarascio
16/12/2006
Intervista
DEATH SS
Parla Steve Sylvester
16/12/2006
Live Report
CRADLE OF FILTH + DEATHSTARS
Il concerto di Milano
26/11/2006
Articolo
DEATH SS
La biografia
29/07/2006
Intervista
NECRODEATH
Parlano Peso e Flegias
25/11/2004
Articolo
DEATH
La biografia
30/10/2004
Live Report
NECRODEATH + KISS OF DEATH + DISEASE
Alpheus, Roma, 10/10/2004
27/04/2004
Intervista
DEATH ANGEL
Parla Rob Cavestany
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]