Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Wheel
Moving Backwards
Demo

E.G.O
Everything Goes On
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

19/07/19
SCOTT STAPP
The Space Between the Shadows

19/07/19
CANCER
Ballcutter

19/07/19
LINGUA IGNOTA
Caligula

19/07/19
WORMED
Metaportal

19/07/19
CROWN THE EMPIRE
Sudden Sky

19/07/19
CULT OF EXTINCTION
Ritual in the Absolute Absence of Light

19/07/19
FALLS OF RAUROS
Patterns In Mythology - Album Cover

19/07/19
SABATON
The Great War

21/07/19
SHARKS IN YOUR MOUTH
Sacrilegious

26/07/19
HATRIOT
From Days Unto Darkness

CONCERTI

17/07/19
NICK MASON
ARENA SANTA GIULIANA - UMBRIA JAZZ

17/07/19
YAWNING MAN
THE CONCEPT - LECCO

18/07/19
KING CRIMSON
ARENA SANTA GIULIANA - PERUGIA

18/07/19
NICK MASON
PIAZZA DELLA LOGGIA - BRESCIA

18/07/19
ROCK INN SOMMA (day 1)
SOMMA LOMBARDO (VA)

18/07/19
YAWNING MAN + HERBA MATE
SIDRO CLUB - SAVIGNANO SUL RUBICONE (FC)

19/07/19
PORTO LIVE METAL FEST
PORTO ANTICO - GENOVA

19/07/19
ROCK INN SOMMA (day 2)
SOMMA LOMBARDO (VA)

19/07/19
HELLUCINATION + GUESTS
HILL METAL FEST - MOTTOLA (TA)

19/07/19
YAWNING MAN + ELEPHARMERS + COSMIC SKYLARK
SET TO SUN FESTIVAL c/o TORRE DI BARI' - BARI SARDO (NU)

Arch/Matheos - Sympathetic Resonance
( 3643 letture )
John Arch. Jim Matheos.
E poi Joey Vera. E Bobby Jarzombek.
Questo per cominciare a definire questo album dai nomi, importanti, dei musicisti che lo suonano.
Tre su quattro sono gli attuali Fates Warning. L'altro, il cantante John Arch, lo è stato per i primi tre dischi, sino al monumentale Awaken The Guardian.

Heavy metal. Quello americano degli anni 80. Gli arpeggi di chitarra aperti e squillanti. La voce cristallina di John Arch a disegnare arebeschi arrampicandosi su note altissime eppure sempre catturate con morbidezza. Scale orientaleggianti, una batteria che lavora più di piatti che di cassa, cavalcate esaltanti e intermezzi evocativi.

Sì, l'heavy metal americano degli anni 80 è tornato.

Ma rivisto in ottica moderna (le distorsioni sono quanto mai attuali e sono quelle a cui ci ha abituato da circa un decennio Matheos) e senza nostalgie retrò, quasi a dimostrare come un certo stile, una certa attitudine sia ancora contemporanea e ben lontana dal poter essere mandata in pensione.
Fates Warning che furono fusi con i Fates Warning che sono: un riprendere vecchi sentieri ma con l'accortezza della maturità. Un viaggio nel passato ma con la sensibilità del presente.
I virtuosismi si sprecano: se Matheos lascia le briglie sciolte alla velocità e, per una volta, gioca al guitar hero rispetto ai lenti ascoltati negli ultimi lavori di FW e OSI, Jarzombek si conferma batterista capace di eseguire qualsiasi partitura, così come Vera. E Arch?
Per Arch facciamo un discorso a parte, visto che il disco porta anche il suo nome; la forma è smagliante, la voce bellissima, le linee melodiche su cui si lancia, affascinanti e complesse. Tutto benissimo quindi?
No: non eccediamo con la melassa, ci sono anche i difetti. Il disco è infatti un po' troppo omogeneo, e, vista la durata e la complessità delle trame, ciò può stancare, anche perché, a mio avviso, mancano quelle due o tre melodie assassine. Inoltre la voce di Arch è sì sopraffina, ma anche continuamente impostata su registri che vanno dall'alto all'altissimo e questo, in chiave interpretativa è un limite e l'espressività ne risulta a volte sacrificata alla tecnica ed al virtuosismo.
Per concludere: se vi piacciono i Fates Warning delle origini, questo è il disco che potrebbe seguire ad Awaken The Guardian - e spesso gioca a rincorrere quel classico, c'è anche un cameo di Frank Aresti, solista dei primi FW - perfettamente coerente e perfettamente moderno. Se vi piace il metal americano degli anni 80, questo è un monumento a quel genere, un modo di rifare quella musica ma senza nostalgia o reducismi, solidamente piantati nel 2011.
Disco di altissima qualità con pochi difetti e un mare di pregi: manca Alder e la sua carica romantica ma in compenso c'è da godere del ritorno di un cantante impressionante e di un chitarrista tra i migliori della scena.



VOTO RECENSORE
80
VOTO LETTORI
61.27 su 51 voti [ VOTA]
Max1
Mercoledì 10 Luglio 2019, 8.19.07
21
Concordo, ok essere democratici e dare spazio a tutti...ma perdersi questo album è un sacrilegio !!
Luka 2112
Martedì 9 Luglio 2019, 23.15.27
20
Quando la recensione del nuovo strepitoso album? È fuori da 2 mesi ormai!!
Crimson
Giovedì 2 Maggio 2019, 14.09.36
19
La recensione ci poteva stare appena uscito, ma ad oggi possiamo tranquillamente mettere questo album tra i "nuovi classici" del prog metal, quelli degli anni 10 del 2000. Un album incredibile quanto complesso, che a distanza di tempo si conferma pienamente. Consiglio per chi non lo conosce: ascoltatelo assolutamente e...dategli TEMPO. Complessissimo, ma il tempo speso ripagherà appieno. Stupendo.
Luka2112
Sabato 6 Aprile 2019, 0.06.57
18
Progetto straordinario dove un musicista incredibile come Jim Matheos da il suo meglio. Non sono d’ accordo sul fatto che prosegua il discorso interrotto ch Awakes The Guadian lo trovo molto distante da quel genere di “proto” metal prog. L’unica cosa ch mi sento di dire è che indubbiamente non è un disco facile, arrangiamenti stratificati e soluzioni ritmiche poco convenzionali certo non si prestano ad un ascolto superficiale. Nondimeno la particolarissima vocalità di Arch,che raggiunge note altissime, potrà non piacere a tutti, ma le lunghe ed elaborate composizioni saranno in grado di soddisfare gli appassionati più esigenti del “metal” ad altissimo tasso tecnico. Disco eccezionale! Ora attendiamo il come back imminente, le cui promesse sembrano davvero ottime.
progster78
Venerdì 25 Maggio 2018, 16.57.39
17
Disco grandioso ! Meraviglioso ! voto90
Urizen
Sabato 5 Ottobre 2013, 16.25.43
16
80 a questo album. Ma per favore, questo è uno dei migliori album prog metal degli ultimi anni.
a luci spente (ex luci di ferro)
Sabato 11 Febbraio 2012, 1.39.16
15
Aldo77 spiegati meglio ''cosa vuol dire booom'' che è un capolavoro? anche tu jimi?
a luci spente (ex luci di ferro)
Giovedì 9 Febbraio 2012, 21.41.00
14
Aldo77 spiegati meglio ''cosa vuol dire booom'' che è un capolavoro? anche tu jimi , per il voto esprimiti?
a luci spente (ex luci di ferro)
Mercoledì 8 Febbraio 2012, 23.30.05
13
Aldo77 spiegati meglio ''cosa vuol dire booom'' che è un capolavoro?
ALDO77
Mercoledì 8 Febbraio 2012, 13.56.44
12
BOOOM!!!!!!!!!!!!!!!
a luci spente (ex luci di ferro)
Mercoledì 1 Febbraio 2012, 0.47.28
11
Sympathetic Resonance non l'ho sentito ancora a you tube per poter giudicare, ma posso confermare che Awaken The Guardian & Perfect Symmetry sono due pietre miliari dell'heavy prog. Di Arch/Matheos ho 'A Twist of Fate' che è un super capolavoro che consiglio a tutti!!! 28 minuti di progressive di classe immensa, se Sympathetic Resonance è su quei livelli lo farò mio. @ Jimi The Ghost, scusami per la mia curiosità, se ti chiedo che giudizio in numeri dai a Sympathetic Resonance? Ti ringrazio in anticipo, e un saluto sia a te Jimi & al recensore Savior.
Savior
Martedì 31 Gennaio 2012, 20.34.47
10
Grazie del benvenuto a tutti
Electric Warrior
Martedì 31 Gennaio 2012, 9.21.48
9
Finalmente! Era da un sacco che attendevo questa recensione! Il disco non è un capolavoro, anche se lo considero una delle uscite più importanti dell'anno. Grandissima tecnica, grandissime composizioni, il meglio del progressive metal. Ottima recensione Luca e benvenuto!
Jimi The Ghost
Lunedì 30 Gennaio 2012, 22.20.35
8
Ho atteso molto questo disco. Un buon ritorno del prog metal come lo intendo io. Senza i soliti sintetizzatori a "guarnire" la scena, tutto per offrire un sound duro, trasparente ed articolato nei riff di chitarra che duellano tra distorsione e clean. Il songwriting è eccellente su tutta la linea, ma ciò che mi ha convinto è ancora l'esecuzione di tutta la band e la produzione eccezionale. Il rischio è che "Sympathetic Resonance" potrebbe essere sommerso e nascosto ancora una volta dalle altre tonnellate e tonnellate di dischi prog che usciranno nel frattempo, come è già accaduto, nel passato, per i FW e per un altro stupendo e sottovalutato loro disco: "Perfect Symmetry" del 1989. Jim è ancora l'indiscusso di sempre. Nulla da invidiare a nessuno. Benvenuto Luca "Savior" e complimenti per la precisa, attenta e giusta recensione. Jimi TG
Autumn
Lunedì 30 Gennaio 2012, 21.40.55
7
Fino a qualche anno fa avrei fatto carte false per una "reunion" del genere. Ora ho perso un po' l'hype verso di loro ma credo che un ascolto sia quantomeno doveroso
Remedy
Lunedì 30 Gennaio 2012, 18.56.09
6
Stained Glass Sky è da 10 le altre molto meno
fabio II
Lunedì 30 Gennaio 2012, 17.30.46
5
Bello, sembra un pò l'anello di congiunzione delle favolistiche trame di 'Awaken The Guardian' e le austere progressioni di 'No Exit'. Sono d'accordo anche con Therox68 che individua un songwriting un pò monocorde, che è l'unico neo in un disco comunque, ripeto, ben sopra gli standard odierni
P2K!
Lunedì 30 Gennaio 2012, 17.23.50
4
Questo disco l'ho trovato difficile da assimilare, non solo perché il genere proposto è tutto fuorché canonico e "commerciale" ma soprattutto per la voce di Arch che trovo irritante in più punti. Mi ricorda un incrocio da un Jon Anderson e un Geddy Lee, con una voce squillante quasi senza sosta, con le linee vocali che girano sempre su minori armoniche (quindi arabeggianti). In compenso il buon Jim si rivela un genio e un chitarrista tra i più sopraffini attualmente in circolazione.
waste of air
Lunedì 30 Gennaio 2012, 17.17.28
3
Disco immenso...ma sono di parte!
therox68
Lunedì 30 Gennaio 2012, 17.14.49
2
A me sta piacendo moltissimo anche se sono d'accordo sul fatto che la troppo omogeneità renda il disco un pò troppo "monocolore" il che non favorisce ascolti ripetuti uno via l'altro. Comunque molto bello.
NeuRath
Lunedì 30 Gennaio 2012, 16.56.20
1
Benvenuto Luca!
INFORMAZIONI
2011
Metal Blade Records
Prog Metal
Tracklist
1. Neurotically Wired
2. Midnight Serenade
3. Stained Glass Sky
4. On The Fence
5. Any Given Day (Strangers Like Me)
6. Incense And Myrrh
Line Up
John Arch - Vocals
Jim Matheos - Guitars
Joey Vera - Bass
Bobby Jarzombek - Drums
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]