Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Darkthrone
Old Star
Demo

E.G.O
Everything Goes On
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

26/07/19
AS I MAY
My Own Creations

26/07/19
SOUNDGARDEN
Live from the Artists Den

26/07/19
THE TRIGGER
The Time Of Miracles

26/07/19
IAN GILLAN
Contractual Obligation

26/07/19
BLACK RAINBOWS
Hawkdope (reissue)

26/07/19
SINHERESY
Out of Connection

26/07/19
WORMWOOD
Nattarvet

26/07/19
LORDI
Recordead Live - Sextourcism In Z7

26/07/19
FAITHSEDGE
Bleed for Passion

26/07/19
THY ART IS MURDER
Human Target

CONCERTI

23/07/19
PERIGEO
PIAZZA SS. ANNUNZIATA - FIRENZE

25/07/19
COVEN + DEMON HEAD
CIRCUS CLUB - SCANDICCI (FI)

25/07/19
THERAPY?
CURTAROCK FESTIVAL - CURTAROLO (PD)

26/07/19
COVEN + DEMON HEAD + GUESTS
TEATRO LO SPAZIO - ROMA

26/07/19
SOILWORK
ROCK CLUB - PINARELLA DI CERVIA

26/07/19
WEEDEATER
FREAKOUT - BOLOGNA

27/07/19
MARDUK + GUEST
ROCK AND BOL - BOLOTANA (NU)

27/07/19
OBSCURA DOOM FEST
MU CLUB - PARMA

27/07/19
SOILWORK
LEGEND CLUB - MILANO

27/07/19
WEEDEATER
CRYSTAL MOUNTAIN FEST - MOSO IN PASSIRIA (BZ)

Vildhjarta - Måsstaden
( 4158 letture )
Succede spesso nella moda, negli accessori e gingilli vari, nella televisione e ovviamente nella musica, che ogni tanto qualcuno inventi un format vincente; succede poi ancora più spesso che qualcun altro segua alla lettera questi format cercando lo stesso identico successo dei fondatori. Alla fine dell’arpeggio iniziale di Shadow, primo brano del lotto, sinistri (e destri) presagi si insinuano nella mente di chi ascolta sotto forma di un nome: Meshuggah.

Ma andiamo con ordine: dopo l’EP Omnislash del 2009, gli svedesi Vildhjarta si accasano presso il colosso Century Media; forti del nuovo e prestigioso contratto non perdono tempo e danno alle stampe Måsstaden: una sorta di concept album che dovrebbe parlare delle “avventure di una città nascosta e isolata, narrate nella classica maniera delle favole”. La formazione del gruppo è piuttosto atipica: oltre alla sezione ritmica (basso, batteria) sono presenti tre chitarristi e due cantanti che interagiscono fra loro con growls e screams. Taglio subito la testa al toro: non ci siamo. Nothing, Obzen, Chaosphere suonati in maniera antitetica: voci monocordi e poco ispirate, a volte quasi fastidiose.

L’intero disco si assesta sui mid tempo senza nessuna accelerazione o variazione degna di nota; nei pochi momenti in cui si raggiunge una discreta intensità, spuntano dal nulla arpeggi fastidiosissimi a distruggere il poco che si era creato, spezzando letteralmente in due i brani. Evitabilissimo poi il pezzo centrale di Traces, in cui fanno sfoggio clean vocals che strapperanno più di una risata. Si fatica parecchio ad arrivare in fondo alle tredici tracce del lotto; tredici tracce in cui il tedio regna padrone senza fare sconti.

Stellare, ma non c’era bisogno di precisarlo, la produzione: ogni strumento è al posto giusto e compie il suo sporco dovere; forse, a trovare il pelo nell’uovo, la cassa avrebbe potuto avere un suono meno ovattato. Una doverosa e giusta parentesi: non mi sono pervenuti l’artwork e i testi, quindi non posso esprimermi in merito. La band è giovane e questo è il suo primo full lenght ufficiale; si possono quindi perdonare l’ingenuità, la piattezza e l’attingere a piene mani da idee altrui senza inserire niente di personale. Pochi nascono geni, ma in questo periodo è lecito e obbligatorio aspettarsi molto di più.

Di una cover band dei Meshuggah, quindi, non se ne sentiva proprio il bisogno; suggerisco a chi legge di aspettare qualche mese e godersi il ritorno di Haake e soci. Per chi invece non ce la facesse, suggerisco di recarsi al proprio bar di paese e osservare l’intensità, la rabbia, il sentimento e il colpo di cassa micidiale dell’ottuagenario di turno mentre schiaccia l’asso di briscola sul tavolo con sorriso e fare ghignante. Molto, ma molto più sincero e credibile.



VOTO RECENSORE
50
VOTO LETTORI
40.34 su 35 voti [ VOTA]
Earthformer
Venerdì 22 Febbraio 2019, 10.34.59
25
Fatemi capire, quando una band cerca di innovare la bollate come merda, poi vi lamentate che non c'è innovazione, siete ipocriti . (ha influenzato non so quante band questo album, ha idee assurde e fuori dalla concezione tipica del metal, basta ascoltare when no one walks with you per capirlo ) peró gli slayer, i sodom e i kreator van bene nonostante siano simili in alcune sonorità, siate piú coerenti con le cose che dite .
earthformer
Lunedì 11 Giugno 2018, 23.45.13
24
Il recensore dovrebbe essere messo al rogo.. .
AleTesseracT
Giovedì 14 Aprile 2016, 18.22.37
23
Recensione ridicola. date le poche righe, e la superficialitá, sembra quasi che il recensore abbia ascoltato l'album una o due volte. Ecco, a me "cover band dei meshuggah" non mi sembra proprio, i Vildhjarta fanno Djent, il modo di fare djent è uno, quello che hanno inventato proprio i nostri grandi meshuggah, oppure si possono fare cagate come ad esempio alcune frociate dei Periphery. In questa recensione non si parla di quello sfondo "ambient" che riprende vagamente i TesseracT, e naturalmente differisce dai Meshuggah. "Formazione atipica" posso essere d'accordo sulle 3 chitarre, ma le due voci secondo me sono un aspetto molto interessante del gruppo, la sovrapposizione di parti growl e scream crea degli effetti fantastici, e... "Evitabile la parte centrale di Traces" ma stiamo scherzando? Ma avete sentito l'intro? E come si attacca alla strumentale "ostpeppar". Secondo me è un grande album, forse leggermente monotono e con poche sfumature, ma le idee ci sono, e anche buone, l'interpretazione e l'esecuzione del Djent è eccezionale, e veramente questa "mancanza di parti intense" non la trovo. L'unico punto in cui concordo con il recensore è quello sulla produzione che definirei "mastodontica". Il mio voto all album è un 82, onesto.
.ilsegugio.
Giovedì 7 Aprile 2016, 13.45.54
22
non vorrei mancare di rispetto a nessuno, ma per parlare di un disco bisognerebbe almeno avere una vaga idea del retaggio da cui viene e del significato dell'estetica che propone, qui si parla a caso di "assi di briscola" e "sincerità" e genericamente, quasi per sentito dire, di altre band che avendo cambiato la storia di un genere musicale sono necessariamente (e fortunatamente) tra le influenze dei gruppi di una nuova (ed estremamente diversa) generazione. ritorno volentieri a leggere recensioni su MetallizeD di tanto in tanto, ricordando i bei tempi in cui ci scrivevo e i validissimi amici che ci ho lasciato, ma ritrovarmi a leggere un articolo come questo (tra l'altro di tre righe) e non trovare nemmeno recensioni di dischi come "Via" dei Volumes mi fa pensare che si sia perso il contatto con buona parte dell'attualità di questo genere musicale. che peccato.
Malleus
Mercoledì 26 Novembre 2014, 18.55.24
21
Oh moderatore, tu leggi qualche insulto volgare, osceno a utenti? Non mi pare, quindi fammi dire la mia. Oggi sono particolarmente acido, ma non mi risulta di essere andato fuori dal seminato. Leggo cose improponibili e rispondo di conseguenza.
GioMasteR
Mercoledì 26 Novembre 2014, 18.44.51
20
Fermati qui Paolo, mi sembra che stiamo andando decisamente oltre. Rispetto ed educazione prima di tutto, questo spazio commenti non è un porcile.
Malleus
Mercoledì 26 Novembre 2014, 18.39.32
19
"lavori fantastici come questo album" è per questo genere di commenti che amo sto sito. 8corde: E' per questo genere di utenti che la vita è una merda. Voto all'album? 45. Voto ai fan di quest'oscenità? Non pervenuto. Perchè è un voto talmente basso che può essere espresso solo una 72 corde. E suona tipo: -000000000000000000000000000000000000000000000...
Er Trucido
Venerdì 21 Marzo 2014, 16.07.27
18
Certo hai scelto proprio la recensione della persona giusta... vabbè addio
8corde
Venerdì 21 Marzo 2014, 15.11.11
17
2 RECENSIONI A CUI HO DATO UN'OCCHIATA....E MILLE CA....ATE LETTE! LASCIATE STARE DJENT E OTTO CORDE...LE POLIMETRIE NN FANNO PROPRIO PER VOI! CONTINUATE A RECENSIRE MASTER OF PUPPETS O GRUPPI COME MANOWAR E IRON MAIDEN!
Mika
Mercoledì 1 Febbraio 2012, 19.20.06
16
Azz...che dispiacere...l' Ep mi aveva intrigato... Benvenuto Gianluca
Bassi
Martedì 31 Gennaio 2012, 20.24.58
15
Super bocciatura. Non me l'aspettavo proprio, sarà che nn conosco i meshugga e quindi nn conosco il genere ma un voto intorno al 70 e qualche parolina piacevole me l'aspettavo...deceit e masstades mi piacciono un bel po'
STORMLORD
Martedì 31 Gennaio 2012, 18.30.53
14
La prima canzone Shadow mi è piaciuta molto.. ma c'è di meglio in giro!
Cuordipietra
Martedì 31 Gennaio 2012, 17.31.56
13
Recensione perfetta, colpisce in pieno i punti deboli del disco di questi cloni senz'anima. Buona la prima!
lucydark
Martedì 31 Gennaio 2012, 12.20.57
12
delusione totale....veramente un disco inascoltabile....l'ep di esordio era stupendo, davvero, molto prima che firmassero con CM. si sentiva gia' il meshuggah background prepotentemente, ma la voce pulita era quel tocco in piu', che li allontanava dagli orginali, anche se per poco. considerando la giovane età erano la promessa del djent new generation. ho ascoltato a lungo il disco ufficiale....hanno prso tutto quello che di buono avevano fatto con l'ep....il disco è orrendo, non ha un senso, e i pezzi sono di una noia mortale. voto 4
Simone
Martedì 31 Gennaio 2012, 11.14.21
11
Oh, finalmente qualcuno che dice le cose come stanno...a forza di vedere elogi a destra e a manca, truzzi che dicono THALL senza ragione alcuna...insomma, mi chiedevo se fossi io a non cogliere la grandezza di questo gruppo di buffoni. Ed invece finalmente la conferma, che non son l'unico a pensarlo: sti Vildhjarta FAN CAGAREEEEEEeeeeeeeeeeeeeeee
Savior
Martedì 31 Gennaio 2012, 10.42.00
10
Totalmente d'accordo con la recensione, peraltro scritta benissimo!
waste of air
Martedì 31 Gennaio 2012, 0.26.39
9
Grazie Jimi! a buon rendere!
Jimi The Ghost
Lunedì 30 Gennaio 2012, 22.35.23
8
Ben arrivato anche da parte mia
waste of air
Lunedì 30 Gennaio 2012, 22.06.48
7
@adri: per le band italiane devi chiedere agli altri, io non ho ancora voce in capitolo e non posso giustificarmi. Per questo disco posso farlo: credimi, l'ho ascoltato parecchie volte, e alla fine di ognuna mettevo su bleed dei meshuggah per riprendermi: meglio gli originali. Il discorso che ho spiegato è proprio questo: quando si copia un modo di suonare o lo si fa mettendoci tanta personalità e carattere o meglio non farlo. Sarà, ma a me è sembrata "la risposta della century media ai meshuggah della nuclear blast"; la differenza è che i meshuggah hanno inventato questo modo di suonare e lo fanno in maniera stratosferica, i Vildhjarta imitano e male. Ps: fossero stati, appunto, italiani e si fossero chiamati La cacofonia di Don Gesualdo, probabilmente non se li sarebbe filati nessuno. Aspetto Koloss con ansia.
adri
Lunedì 30 Gennaio 2012, 21.47.53
6
non capisco perchè band italiane beccano voti + che esagerati mentre per lavori fantastici come questo album si ritrova voto e recensione da bocciatura..
waste of air
Lunedì 30 Gennaio 2012, 20.36.57
5
Ciao a tutti! Abbiamo scoperto, caro vichingo, che i nostri anatemi antisecondasquadradimilano funzionano! Dovremmo coalizzarci più spesso...
il vichingo
Lunedì 30 Gennaio 2012, 20.28.38
4
Salute a te amico milanista
Khaine
Lunedì 30 Gennaio 2012, 20.24.40
3
Ben arrivato
NeuRath
Lunedì 30 Gennaio 2012, 20.22.29
2
Ebbenvenuto anche a Gianluca!
Ad Astra (A___H)
Lunedì 30 Gennaio 2012, 17.58.51
1
ultima frase geniale
INFORMAZIONI
2011
Century Media
Metal
Tracklist
1. Shadow
2. Dagger
3. Eternal Golden Monk
4. Benblåst
5. Östpeppar
6. Traces
7. Phobon Nika
8. Måsstadens Nationalsång
9. When No One Walks With You
10. All These Feelings
11. Nojja
12. Deceit
13. Lone Deranger

Bonus Tracks:

14. All For The Sake
15. Of Others
16. To Be Continued…
Line Up
Daniel Ädel - Vocals
Vilhelm Bladin - Vocals
Daniel Bergström - Guitar
Calle Thomer - Guitar
Jimmie Åkerström - Guitar
Johan Nyberg - Bass
David Lindkvist - Drums
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]