Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

A Perfect Circle
Eat the Elephant
Demo

Arch Echo
Arch Echo
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

26/04/18
AETRANOK
Kingdoms Of The Black Sepulcher

27/04/18
SINK THE SHIP
Persevere

27/04/18
SAATE
The Conjouring

27/04/18
DISCOMFORT
Fear

27/04/18
MIDAS FALL
Evaporate

27/04/18
DRAKKAR
Cold Winters Night

27/04/18
BLOOD TSUNAMI
Grave Condition

27/04/18
SPITEFUEL
Dreamworld Collapse

27/04/18
CIRCLE OF SILENCE
The Crimson Throne

27/04/18
GRA
Väsen

CONCERTI

26/04/18
DARK TRANQUILLITY + EQUILIBRIUM + BLACK THERAPY + MIRACLE FLAIR
ZONA ROVERI - BOLOGNA

26/04/18
ENSIFERUM + EX DEO
LIVE CLUB - TREZZO SULL’ADDA (MI)

26/04/18
SPOIL ENGINE + LOSTAIR
CIRCOLO SVOLTA - ROZZANO (MI)

26/04/18
DEE CALHOUN + LOUIS STRACHAN
BLUE ROSE CLUB - BRESSO (MI)

26/04/18
GOATH + PRISON OF MIRRORS DEVOID OF THOUGHT
BLUE ROSE SALOON - BRESSO (MI)

27/04/18
TEMPERANCE - Release Party
OFFICINE SONORE - VERCELLI

27/04/18
ENSIFERUM + EX DEO - ANNULLATO!
HIROSHIMA MON AMOUR - TORINO

27/04/18
IRON SAVIOR + DRAKKAR + AIRBORN + BLACK PHANTOM
DAGDA LIVE CLUB - RETORBIDO (PV)

27/04/18
WEEDEATER
KRAKEN - MILANO

27/04/18
AXEVYPER + GUESTS
EXENZIA - PRATO

OZ - Fire In The Brain
( 1509 letture )
Negli anni ottanta la NWOBHM rappresentò un fenomeno imprescindibile per lo sviluppo dell’heavy metal che investì non soltanto la natia Gran Bretagna, ma anche gran parte del mondo. Persino un paese come la fredda Finlandia seppe sfornare un gruppo del calibro degli OZ, formatosi nel 1977 e molto apprezzato per aver realizzato nel 1983 l’eccellente full lenght Fire In The Brain. Riscoprire oggi questo piccolo capolavoro, non troppo conosciuto specie dai metallari di ultima generazione, è quanto meno doveroso nei confronti di una band che, purtroppo, non seppe più confermarsi ad un tale livello, per poi sciogliersi mestamente nel 1991 tra l’indifferenza generale. Stendiamo un velo pietoso sul loro recente ritorno sulle scene con il deludente semiantologico Burning Leather: non è questa la sede adatta, ma le sempre più frequenti reunion si stanno sovente dimostrando un completo fallimento.

Fire In The Brain segue cronologicamente l’anonimo debut album Heavy Metal Heroes dell’anno precedente e contiene brani dal piglio decisamente più aggressivo e di valida fattura compositiva, che si ispirano chiaramente allo stile di mostri sacri quali Saxon, Iron Maiden e Raven. Il punto di forza degli OZ è costituito dall’ottima qualità degli assolo di chitarra prodotti dal duo Foxx/Wolff, che indubbiamente elevano la resa finale delle singole canzoni; Ape De Martini, dotato di un ugola graffiante e la buona sezione ritmica, composta da Mark Ruffneck alle pelli e Jukka Homi al basso e cori, completano la formazione originaria di Nakkila. Il sound, come l’orrorifica e banale cover fa già intuire, contiene atmosfere oscure che richiamano un po ’i Mercyful Fate e che esplodono dirompenti nella cadenzata e melodica Black Candles. Il full lenght, dopo una breve tenebrosa parentesi introduttiva, si apre con la dirompente ritmica di Search Lights, un pezzo di puro heavy metal, nel quale si apprezza subito un bell’assolo alle sei corde; segue il martellante mid tempo di Fortune, dotato di un accattivante refrain e di parti di chitarra coinvolgenti; Megalomaniac è aperta da un assolo che sembra scaturire dall’estro di Edward Van Halen, poi la song prosegue convincendo però meno rispetto ai brani precedenti; la maideniana Gambler costituisce uno dei momenti migliori dell’album, grazie ad un tema portante davvero entusiasmante; Stop Believin' è contraddistinta da un riffing deciso che ti porta inevitabilmente ad un headbanging sfrenato; in chiusura, ecco la meno interessante Free Me, Leave Me e la trascinante title track contraddistinta ancora da un grande assolo, degno epitaffio per questa perla di metallo scandinavo.

Ascoltare a distanza di tanti anni il platter che costituisce l’apice della carriera degli OZ significa fare un bel tuffo nel glorioso passato dell’heavy metal, in un momento storico in cui il movimento si stava esprimendo alla grande: recuperare dall’oblio album validi come questo, eclissati all’epoca da capolavori intramontabili, è quanto meno d’uopo, specie in questo momento di forte stasi creativa nel settore. Procuratevelo ragazzi! Non ve ne pentirete!



VOTO RECENSORE
85
VOTO LETTORI
22.57 su 19 voti [ VOTA]
jaw
Lunedì 25 Dicembre 2017, 17.28.22
4
Negli elenchi sparati a destra e manca si ricordano sempre i Sarcofagus, ma per me se si parla di puro metal questo e' imbattibile, adatto anche ai fans dei Mercyful Fate, un altro sulla falsariga sarebbe open the gate dei Vortex
klostridiumtetani
Domenica 3 Settembre 2017, 17.07.06
3
Un gran bel disco. Ricordo che all' epoca feci degli accostamenti tra loro, i Metallica , e i Motley Crue. Dissi che per me "Search Lights" poteva benissimo stare su "Kill'em all", e che "Fortune" poteva essere una traccia di "Shout at the Devil" . Entrambi usciti lo stesso anno.
Raven
Mercoledì 1 Febbraio 2012, 21.51.49
2
Disco da riscoprire. Molto più interessante di quel che si potrebbe pensare.
hm is the law
Mercoledì 1 Febbraio 2012, 17.40.55
1
NWOBHM finlandese!
INFORMAZIONI
1983
Black Mark Production
Heavy
Tracklist
1. Search Lights
2. Fortune
3. Megalomaniac
4. Black Candles
5. Gambler
6. Stop Believin'
7. Free Me, Leave Me
8. Fire in the Brain
Line Up
Ape De Martini (Voce)
Speedy Foxx (Chitarra)
Spooky Wolff (Chitarra)
Jukka Homi (Basso)
Mark Ruffneck (Batteria)
 
RECENSIONI
60
85
ARTICOLI
16/09/2016
Live Report
HARDCORE SUPERSTAR + JUNKIE DILDOZ + HANGARVAIN + QUINTACOLONNA + LOST & FOUND
Circolo acsi a.s.d. Supernova, Tuoro sul Trasimeno (PG), 10/9/2016
18/12/2014
Live Report
ROCK HARD FESTIVAL - CORONER + DEICIDE + BULLDOZER
Live Club 13/12/2014 Trezzo Sull'Adda
03/10/2013
Intervista
BULLDOZER
AC Wild ai nostri microfoni
10/11/2012
Articolo
IL 33° GIRO, GLORIA E RESISTENZA DEI NEGOZI DI DISCHI
La recensione
29/06/2012
Intervista
BULLDOZER
Pay to Play? Un investimento sbagliato
29/05/2012
Live Report
BULLDOZER
Insomnia - Scordia (CT) 26/05/2012
23/03/2012
Articolo
PAROLA DI OZZY
La recensione
09/10/2011
Intervista
BULLDOZER
Vincere ai rigori? Si può...
11/09/2011
Articolo
IO SONO OZZY
Recensione della biografia del Madman per eccellenza
24/03/2011
Live Report
BULLDOZER + TSUBO + DEATH MECHANISM
Init Club, Roma, 19/03/2011
27/09/2010
Live Report
OZZY OSBOURNE + KORN
Palasharp, Milano, 22/09/2010
08/08/2010
Live Report
MARCO MENDOZA BAND
Nocelleto, 29/07/2010
14/07/2010
Live Report
OZZY OSBOURNE + LABYRINTH
Villa Contarini, Piazzola Sul Brenta (PD), 05/07/2010
30/12/2009
Live Report
MARCO MENDOZA BAND
Notti magiche...
08/01/2008
Articolo
SOLO OZZY
Recensione della biografia di Ozzy Osbourne
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]