Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Voivod
The Wake
Demo

Panni Sporchi
III
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

23/10/18
BAD BONES
High Rollers

26/10/18
CHEVELLE
12 Bloody Spies

26/10/18
FIFTH ANGEL
The Third Secret

26/10/18
KMFDM
Live In The USSA

26/10/18
UNLEASHED
The Hunt For White Christ

26/10/18
ENGST
Flächenbrand

26/10/18
WESTFIELD MASSACRE
Salvation

26/10/18
EISREGEN
Fegefeuer

26/10/18
ICY STEEL
Guest on Earth

26/10/18
CARCHARODON
Bukkraken

CONCERTI

25/10/18
KILLING JOKE
CAMPUS INDUSTRY - PARMA

26/10/18
HOLY SHIRE + GUESTS
LEGEND CLUB - MILANO

26/10/18
THOMAS SILVER + SMALL JACKETS
GRIND HOUSE CLUB - PADOVA

26/10/18
AEVUM + GUESTS
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

27/10/18
LIFE OF AGONY
ROCK PLANET - PINARELLA DI CERVIA (RA)

27/10/18
INFERNAL FORCES
LIVE CLUB - TREZZO SULL`ADDA (MI)

27/10/18
GLI ATROCI
SOUND CLUB - MILANO

27/10/18
AFFLUENTE + GUESTS
GRIND HOUSE CLUB - PADOVA

27/10/18
BARBARIAN + INGROWN
CSOA ANGELINA CARTELLA - REGGIO CALABRIA

27/10/18
BARBARIAN + LICH
BANDIDOS PLACE - MESSINA

Napalm Death - Fear, Emptiness, Despair
( 6462 letture )
Il 1994 musicalmente fu un anno incredibile; era anche il tempo delle musicassette registrate, delle ore interminabili chiusi in auto con gli amici ad ascoltare buona musica, dei pomeriggi passati con la chitarra cercando di far uscire un pezzo nuovo o di preparare una cover. La musica era diversa per come veniva fatta, reperita e ascoltata. Si viveva quasi in un mondo tribale dove ogni gruppo di amici aveva, musicalmente parlando, le proprie risorse e i propri tesori. C'erano tuttavia delle band il cui valore era unanimemente riconosciuto: non erano culti privati delle singole tribù, ma tesori comuni.

I Napalm Death: dei mostri sacri la cui storia aveva seguito la genesi della musica estrema, oltre che la mia (e non solo) personale crescita musicale. I Napalm Death hanno indirizzato, durante la loro carriera ormai trentennale, con la loro musica un intero movimento verso sonorità sempre nuove.
Sin dagli inizi, nei quali si sono resi artefici della nascita di un genere, il grindcore, i Napalm Death non si sono mai accontentati dei traguardi raggiunti, ma hanno sempre cercato di fare un passo ulteriore. Valicando confini tra generi e stili, anarchici sia politicamente che artisticamente.
Checché ne dicano alcuni, considerandolo un mezzo passo falso, Fear, Emptiness, Despair, targato 1994, ha rappresentato un ulteriore "step" nel death metal, e la naturale evoluzione del loro sound (sia compositivo che a livello di suoni) mutato già ai tempi di Harmony Corruption e Utopia Banished. Un album estremo e coinvolgente, a tratti lineare ma anche sorprendentemente strutturato, dissonante e chatchy, angosciante ma allo stesso tempo esaltante. Un'opera che ha fatto scuola, e che ha portato ulteriori elementi di sviluppo nel panorama contemporaneo della musica estrema.
L'impasto delle chitarre e del basso è uno dei più corposi in assoluto che io ricordi, un muro sonoro denso in cui a prevalere, più che le note o il riffing, spesso è l'impatto frontale: personalmente mi ci volle parecchio tempo per iniziare ad apprezzare l'album, perché ritenevo i suoni troppo pesanti, e di certo la voce di Greenway non faceva nulla per ammorbidire il tutto. Mark “Barney” Greenway ha infatti un approccio frontale in ogni brano di Fear, Emptiness, Despair, e sconvolge per potenza, timbrica, cattiveria ed ispirazione (State Of Mind è la prima canzone che mi viene in mente quando penso al caro vecchio Barney); oltre a ciò il buon Mark rappresenta anche un elemento imprescindibile e determinante per i Napalm Death: la sua voce è unica ed inconfondibile, uno (forse il più rappresentativo) dei marchi di fabbrica della band.
Sarebbe riduttivo però attribuire le fortune di Fear, Emptiness, Despair al solo vocalist; impeccabile la prova dietro le pelli di Danny Herrera, tecnica, attenta, coinvolgente, efferata, densissima per strutturazione e sempre molto personale in ogni brano (vedi Retching On The Dirt); un drumming davvero architettato al meglio, ricco di passaggi esaltanti con un uso preponderante del rullante e dei tom, che rendono il tutto ancora più carico e potente; il guitar work raggiunge dei picchi di cattiveria, potenza e bellezza assoluti (Plague Rages, Hung); l'utilizzo di dissonanze ben si sposa con riffs aperti semplici e immediati (di ispirazione punk hardcore). L’ interpretazione da fuoriclasse dei Napalm emerge però soprattutto nei momenti più drammatici dell’ album, dove urla strazianti e disarmoniche e plumbee atmosfere cariche di Fear, Emptiness e Despair non possono passare inosservate (Remain Nameless, Throwaway).
Per avere una buona summa di tutto il repertorio dei nostri basta ascoltare un brano come State Of Mind… personalmente ogni volta mi fa ritornare ragazzino e mi esalto come fosse la prima volta!

Con Fear, Emptiness, Despair la maturazione artistica dei Napalm Death, iniziata nel lontano 1984 in tutt’altra veste, arriva alla sua massima espressione: nonostante siano autori di prove pregevoli sino ai giorni nostri, i Napalm Death con quest'album hanno segnato in maniera indelebile, per chi come me stava esplorando un mondo nuovo, il concetto di rabbia e frustrazione fatti musica.



VOTO RECENSORE
88
VOTO LETTORI
65.89 su 55 voti [ VOTA]
duke
Lunedì 5 Marzo 2018, 22.34.09
23
personalmente preferisco i primi due dischi....quelli sono i veri napalm Death.....certo dopo hanno fatto buoni dischi ma il meglio lo hanno fatto all'inizio....
jaw
Lunedì 5 Marzo 2018, 22.18.33
22
Non ho tutti gli albums dei ND, il grind non e' tra i generi hard che preferisco, ma quando un disco e' fatto, suonato e prodotto come questo c' e' solo da applaudire. Di quelli che ho e' ampiamente il migliore. Sul fatto , come si legge nella rece, della frustrazione musicale non saprei, a me da l impressione di un suono selvaggio, cattivo, insomma hard, ed i whimps rimangono sull altra sponda
Pacino
Venerdì 17 Luglio 2015, 16.49.39
21
Nel 1994 erano 2 anni che ero entrato nel mondo metal ed era proprio come hai detto te Michele, questo é stato il primo album dei Napalm Death, naturalmente lo possedevo in cassetta registrata,ai tempi andavo alle superiori e non avevo una lira. Dopo qualche anno l'ho preso in cd, quindi é un album che rievoca piacevoli ricordi, ma lo ritengo anche un buonissimo disco, di una potenza inaudita, una mazzata assurda che di tanto in tanto ascolto con piacere!
Lisa Santini
Lunedì 26 Maggio 2014, 1.14.55
20
I Napalm Death fanno dei dischi belli!!! Pero' non so quale' il loro album migliore di tutti. E poi non posso dire piu' di tanto perche' non li ascoltati molto.............. Secondo voi quele' il loro album migliore? Mi potete dare un consiglio please! )
My Own Worst Enemy
Domenica 17 Giugno 2012, 14.26.51
19
a me diatribes piace invece parecchio, è l'unico disco che ho di loro e avrei voluto la recensione, ma visto che non c'è pazienza, dirò la mia qui... ho ascoltato anche la raccolta "noise for music's sake", e devo dire che tra le schegge impazzite dei primi album e le canzoni più meditate preferisco di gran lunga le seconde. d'accordissimo anch'io sulla voce di barney... è terribile, un growl soffocante dalla timbrica unica ed inimitabile... mi piace tantissimo.
enry
Martedì 21 Febbraio 2012, 19.15.19
18
Bel disco anche se, per me, non al livello di Harmony / Utopia. Sui passi falsi posso dire che a me Diatribes è sempre piaciuto poco, mentre trovo Enemy of the music business un discone assurdo, il migliore degli ultimi 12-13 anni.
Enrico
Martedì 21 Febbraio 2012, 19.01.39
17
Non vedo di sapere cosa ne pensa la redazione del nuovo "Utilitarian". Secondo me è un gioiellino.
antiborgir
Domenica 19 Febbraio 2012, 15.09.48
16
Questo fu il primo cd che acquistai dei Napalm Death!! Mi è piaciuto tantissimo,ancora oggi spacca di brutto! Rabbia allo stato puro!! Voto 90
Enrico
Domenica 19 Febbraio 2012, 10.47.48
15
Comunque quello che sta per uscire è un gioiellino... Naturalmente parlo di Utilitarian. OCCHIO.
Doomale
Giovedì 16 Febbraio 2012, 17.26.47
14
@hm is the law: allora ricorderai che massacro che fù tra entrambe le band!!il vecchio circolo era mitico...bei tempi!
hm is the law
Giovedì 16 Febbraio 2012, 12.06.21
13
@ Doomale:E C'ERO PURE IO!!!!!!!!
N.I.B.
Giovedì 16 Febbraio 2012, 11.56.21
12
SEMPRE GRANDI...!!!!
Doomale
Domenica 12 Febbraio 2012, 12.58.24
11
Preferisco Utopia Banished per quei periodi , ma questo fu comunque un grande disco che diede comunque nuova linfa e nuovi orizonti al genere. Album davvero pesantissimo e spaccatimpani...da mal di testa insomma!! Visti nel tour di supporto insieme agli AT THE GATES di "Slaughter of the soul" al vecchio circolo degli Artisti di Roma. MITICI ENTRAMBI e disponibilissimi con il pubblico. VOTO 85
DIMMONIU73
Domenica 12 Febbraio 2012, 12.41.30
10
Quanto adoro questa band, e quanto adoro FED...Hung è una delle canzoni + sofferte e incazzate della storia, ed il senso di oppressione è reale e concreto...ma per me ogni singolo disco dei ND è un capolavoro a sè, c'è sempre qualche piccola variazione, anche se il tema portante è sempre ben saldo (=per andare avanti non c'è bisogno di svendersi o snaturare il sound della band, ecco perchè avranno sempre il mio massimo rispetto, per la loro coerenza)...MITICI!!!
Electric Warrior
Domenica 12 Febbraio 2012, 10.16.15
9
Capolavoro!!!!! E straquoto HM Is The Law: Hung è uno dei pezzi più strabilianti del gruppo!
Enrico
Domenica 12 Febbraio 2012, 9.44.09
8
Mah... secondo me questo disco è inferiore solo al mitico Harmony Corruption. Per me vale 88 questo e 90 H.C.
Denak
Domenica 12 Febbraio 2012, 7.48.24
7
credo sia stato il primo album dei napalm death anche per me, ed in generale il mio primo disco estremo. all'epoca mi piacque un casino, poi ho cominciato a cambiare idea man mano che scoprivo il resto della loro discografia; mi spiego meglio, considero fed un "vorrei ma non posso", si sente la voglia di rallentare e provare a sperimentare con sonorità differenti (cosa che riusciranno a fare con risultati altalenanti nei successivi 3 album), ma contemporaneamente si percepisce una sorta di "paura" ad allontanarsi dalle sonorità sicure che li hanno resi conosciuti ed apprezzati. è quasi come se shane e soci provassero a dire:" ehi ragazzi non siamo solamente capaci di fare "casino" a velocità paurose, sappiamo anche fare dei pezzi più ragionati". trovo quindi tutto sommato un po' acerbo questo album, tranne qualche ottimo pezzo, e credo che non convinca più di tanto nemmo la vand, visto che negli ultimi anni non hanno mai suonato niente dal vivo da fed.
Lizard
Sabato 11 Febbraio 2012, 20.19.15
6
@Er Trucido: copioincollo il tuo commento
Er Trucido
Sabato 11 Febbraio 2012, 20.14.45
5
Il primo disco dei Napalm che abbia mai ascoltato, ora è un po' che non lo sento, quasi quasi la settimana prossima lo metto in macchina per andare al lavoro. Per il resto concordo con Undercover, anche se Diatribes lo ritengo un mezzo passo falso.
Undercover
Sabato 11 Febbraio 2012, 20.06.26
4
Non c'è molto da commentare, questo è un altro dei capolavori di casa Napalm Death, qualche disco è forse meno riuscito ma non ne hanno mai toppato uno ed è un testa di cazzo chi continua a votare 0.
Federico95
Sabato 11 Febbraio 2012, 18.51.46
3
Molto molto bello... 83
BILLOROCK fci.
Sabato 11 Febbraio 2012, 15.42.20
2
Grande disco di una della band più celebri del suo genere...da avere...voto 80
hm is the law
Sabato 11 Febbraio 2012, 15.20.02
1
Hung è uno dei pezzi migliori dei Napalm Death! Li vidi dal vivo durante il tour a supporto dell'album uno sballo totale.
INFORMAZIONI
1994
Earache Records
Grindcore
Tracklist
01 - Twist the Knife (Slowly)
02 - Hung
03 - Remain Nameless
04 - Plague Rages
05 - More than Meets the Eye
06 - Primed Time
07 - State of Mind
08 - Armageddon X 7
09 - Retching on the Dirt
10 - Fasting on Deception
11 - Throwaway
Line Up
Mark "Barney" Greenway - Voce
Shane Embury - Basso
Mitch Harris - Chitarra
Jesse Pintado - Chitarra
Danny Herrera - Batteria
 
RECENSIONI
80
77
86
85
86
88
87
88
85
ARTICOLI
24/02/2014
Live Report
HATEBREED + NAPALM DEATH
Orion Live Club, Ciampino (RM), 19/02/2014
27/08/2013
Live Report
NAPALM DEATH + BOLOGNA VIOLENTA
Festa di Radio Onda d'Urto, Brescia, 22/08/2013
15/07/2012
Live Report
NAPALM DEATH + ORANGE MAN THEORY + BOLOGNA VIOLENTA + GALERA
Gods of Grind, Traffic Club, Roma, 25/06/2012
10/08/2010
Intervista
NAPALM DEATH
Le ultime voci dal Sikelian
20/10/2009
Live Report
NAPALM DEATH + CRIPPLE BASTARDS
Rock Planet, Pinarella di Cercia (RA), 03/10/2009
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]