Privacy Policy
 
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Saxon
Clicca per ingrandire
Saxon
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

24/11/17
ALMANAC
Kingslayer

24/11/17
AETHERIAN
The Untamed Wilderness

24/11/17
DEEP AS OCEAN
Lost Hopes | Broken Mirrors

24/11/17
STRAY TRAIN
Blues From Hell

24/11/17
LOCH VOSTOK
Strife

24/11/17
TAAKE
Kong Vinter

24/11/17
STARBLIND
Never Seen Again

24/11/17
DEGIAL
Predator Reign

24/11/17
HOUSTON
III

24/11/17
SCORPIONS
Born To Touch Your Feelings

CONCERTI

24/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
ALMAGIA' TRANSMISSIONS FESTIVAL - RAVENNA

24/11/17
DESPITE EXILE
VECCHIA SCUOLA PUB - PALAZZOLO (BS)

24/11/17
BLACK STAR RIDERS ----> ANNULLATO!
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

24/11/17
6TH COUNTED MURDER + KALIAGE
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

24/11/17
UFOMAMMUT + GUESTS
EREMO CLUB - MOLFETTA (BA)

24/11/17
INDACO + MOUNTAINS OF THE SUN
COMUNITA' GIOVANILE - BUSTO ARSIZIO (VA)

24/11/17
SHAMELESS + TUFF
DEDOLOR - ROVELLASCA (CO)

25/11/17
THE MODERN AGE SLAVERY + DESPITE EXILE + AMBER TOWN
LA TENDA - MODENA

25/11/17
COUNCIL OF RATS + NIDO DI VESPE + MALLOY
CASEIFICIO LA ROSA - POVIGLIO (RE)

25/11/17
PROSPECTIVE + UNDERTHEBED + OBSCURAE DIMENSION
CENTRO GIOVANILE CA' VAINA - IMOLA

Saxon - Innocence Is No Excuse
( 6451 letture )
Quando Innocence is No Excuse uscì sul mercato i Saxon stavano vivendo un periodo di crisi di popolarità, causato dal progressivo spostamento verso uno stile sempre più morbido che gli aveva alienato le simpatie degli headbangers che li avevano precedentemente eletti quali portatori, assieme a pochi altri, del vessillo della nwobhm. Come quasi sempre accade in questi casi, l’erosione dello zoccolo duro dei propri fans raramente viene compensato dall’acquisizione di nuovi presso frange di ascoltatori normali, fatte poche eccezioni, specialmente per quei gruppi fortemente connotati con un stile ed un periodo. Ed infatti il tour italiano cui si riferiscono le foto che vedete da me scattate al Palapartenope di Napoli, andò semideserto.

Tuttavia Innocence is No Excuse è un buon disco -almeno preso di per se stesso- e contiene più di un buon pezzo, prova ne sia il fatto che quando l’ho rimesso sul piatto dopo molto tempo per scrivere questa recensione, tutti i brani mi sono tornati in mente come se li avessi ascoltati il giorno prima. Ovviamente il paragone con alcuni lavori precedenti è forse ingeneroso, ed i fasti di Wheels of Steel lontani, lo stesso sound del gruppo è molto diverso e diversa è l’attitudine del platter. La mia valutazione tiene dunque conto dell’evoluzione (involuzione?) subita dal gruppo albionico, e, a posteriori, anche di come in seguito sia stato in grado di risollevarsi verso vette più consone alla sua tradizione.
Questo album sarebbe stato insomma un ottimo debutto per un gruppo heavy rock, ma non lo è, e la votazione relativamente contenuta tiene conto di tutto questo.

C’è dunque del buono tra i solchi di questo vinile: Rockin’ Again è un opener ben costruito, semplice e ruffiano, e Call of the Wild fa il paio con Back on The Streeets, due brani non particolarmente forti, ma del genere che si piazza in testa e cominci a ricantare per strada senza accorgertene.
Più o meno tutte le canzoni del resto presentano questa caratteristica, (pregio per alcuni, difetto per altri), mantenendo l’atmosfera del platter sempre fresca e coinvolgente, ed il lavoro prosegue abbastanza omogeneo per tutta la sua durata. Vale comunque la pena di citare anche Broken Heros, anthem contro la guerra di grande presa che è probabilmente l’episodio migliore di Innocence is No Excuse.

Palese lo sforzo in sede di produzione e mixaggio -effettuati tra gli Union Studios di Monaco ed i Wisseloord Studios in Olanda- per rendere all'ascoltatore un suono di un certo impatto, ma in grado di agganciare fasce di ascolto più ampie, lo stesso dicasi per l’artwork, non certo molto connotato dagli stilemi allora in auge, ma anzi abbastanza soft e patinato.
Album abbastanza buono dunque, a patto di dimenticare il passato della band, ma soltanto Solid Ball of Rock mi restituirà -molto più tardi- i veri Saxon.



VOTO RECENSORE
70
VOTO LETTORI
53.67 su 87 voti [ VOTA]
InvictuSteele
Venerdì 8 Settembre 2017, 11.13.56
29
Il miglior album dei Saxon. Voto 90
Fabio Rasta
Giovedì 6 Aprile 2017, 18.28.15
28
Leggo fra i commenti che ci sono estimatori convinti di questo LP. Ben venga... Io invece lo comprai appena uscito in vinile e talmente grande fu la delusione (circa 15000 £ erano una piccola fortuna), che la ricordo ancora adesso con brivido. E' vero che, come recensito, i pezzi sono grandiosi ma il suono... quel giorno x me i SAXON morirono un pochino.
Burning Eye
Mercoledì 31 Agosto 2016, 12.46.31
27
Il voto lettori 51 mi lascia perplesso, lo reputo un disco di grande qualità da sempre, bel sound, ottime canzoni, ottimi cori. Peccato che molta gente non lo gradisca più di tanto.
VecchioThrasher
Mercoledì 9 Settembre 2015, 12.35.53
26
Ragazzi manca Power and glory!
Nico
Giovedì 27 Agosto 2015, 23.02.28
25
Non sono mai stato un loro fan ma sto cercando di riscoprirli ringalluzzito dal l'ascolto del nuovo singolo "Battering Ram". Per i miei gusti questo è nettamente il loro disco migliore grazie anche ad una produzione finalmente all'altezza.
raven
Domenica 10 Maggio 2015, 16.01.26
24
Perché ancora non ci siamo arrivati, come per tutti gli altri dischi dei quali hai chiesto. Ce ne sono a centinaia, tempo al tempo.
peppe
Domenica 10 Maggio 2015, 14.36.56
23
raven, perchè non recensite crusader?
nat 63
Domenica 22 Febbraio 2015, 14.59.53
22
Sempre in gamba,non c'è niente da fare,sempre in gamba i Saxon...
Philosopher3815
Sabato 2 Agosto 2014, 21.07.53
21
Un buon album di sano hard'n heavy,certo non un capolavoro ma ci sono tracce come broken heroes e call of the wind,che sono pezzi sopra la media.Mi chiedo come mai,non sono riusciti a conquistare l'america,eppure le potenzialita' cèrano tutte.
Metal Maniac
Venerdì 9 Maggio 2014, 21.34.58
20
non sono un fan di questa band, ma rock 'n' roll gypsy è una canzone stupenda! orecchiabile, ma stupenda!
DP
Domenica 20 Ottobre 2013, 14.25.17
19
come per il commento in "Strong Arm Of The Law" sono, anche in pieno periodo hair-metal, assolutamente heavy. Rock ' on
Francesco
Venerdì 6 Settembre 2013, 22.21.50
18
Quest'album mi sembra tutt'altro che 'soft' e patinato... Innocence is no excuse è un disco di heavy metal puro!
Raven
Martedì 19 Febbraio 2013, 13.28.11
17
Al disco o alla band?
Andy '71
Martedì 19 Febbraio 2013, 13.25.58
16
Erano dei grandi,e il bello è che son rimasti dei grandi!RESPECT!Voto per me 80!
Raven
Martedì 19 Febbraio 2013, 13.15.15
15
Se lo contestualizzi rispetto al resto delle loro uscite inquadri meglio anche le critiche.
InvictuSteele
Martedì 19 Febbraio 2013, 13.05.14
14
il mio preferito dei Saxon, non capisco le tante critiche mosse a questo disco... capolavoro!
fabio II
Lunedì 5 Dicembre 2011, 15.11.16
13
'Broken Heroes', ovvero quando i Saxon diventano i Def Leppard. 5/6 brani sono ottimi.
Raven
Sabato 3 Dicembre 2011, 19.39.26
12
Ho il vinile anche di quello. Prima o poi verrà.
leonardo
Sabato 3 Dicembre 2011, 18.51.51
11
preso in versione rimasterizzata con bonus tracks(erano moolto interessanti); manca la rece di Crusader dell' 84 , album che mi piace abbastanza !!
Ivano
Sabato 28 Maggio 2011, 17.14.17
10
Ritengo questo disco, il bel album che i Saxon abbiano mai fatto. Perfetto sotto ogni aspetto. Non c'è una canzone che non sia stupenda. Amo di questo album persino la qualità della registrazione. Li vidi in concerto a Milano al Palatrussardi, quando fecero il tour di Innocence e vi assicuro che erano fenomenali. Ma la cosa incredibile è che a differenza di tanti altri gruppi famosi, i Saxon lo sono ancora fenomenali!
Rock of 80's
Lunedì 11 Aprile 2011, 22.43.20
9
Questo IINE è idilliaco Class Metal ottantiano, una vera manna dal cielo per chi ama il sound più americano. Le prime 6 canzoni sono da sbavo... Poco confontabile con il resto della discografica dei sassoni. Adoro questo disco!
blackie
Lunedì 14 Febbraio 2011, 23.31.22
8
quanti ricordi sto disco...ero veramente pazzo x i saxon.e vero e un po piu americano nel suono ma back on the streets rock n roll gipsy e soprattutto broken heroes sono veramente stupende.
Marco
Sabato 9 Ottobre 2010, 22.19.34
7
Chi giudica male l'album in questione e' assolutamente di vedute molto ma molto strette. Ci sono dei pezzi strepitosi, Rockin' Again e' l'Heavy Metal !!! Non ci sono altre parole per descriverla. Magari concedo un calo nel finale, ma dopo aver dato alla luce i primi 6 brani va bene tutto. Mitici Saxon ancora una volta.
Raven
Sabato 20 Settembre 2008, 8.55.03
6
La tua chiosa non fa una piega.
TAIPAN
Venerdì 19 Settembre 2008, 23.23.47
5
cerco di capire la band. Dopo atteggiamenti e suoni del tipo "ti apro come uno sdraio",cercano forse un' iniezione di classe che senza stravolgere nulla, aggiunga nuova linfa.Comprai nel 85 il disco,ne fui discretamente colpito nonostante amassi generi più sinistri e cattivi. oggi anno 2008,con lavori da dimenticare che circolano,questo vinile è una piccola perla nella mia collezione.RAVEN ha ragione riguardo alle recensioni perché ognuno di noi , ama e percepisce OVVIAMENTE in modo diverso.
ironhawk
Domenica 18 Novembre 2007, 16.51.46
4
I precedenti non sono affatto vergognosi, sono NWOBHM e basta. Questo è solo più priestiano. Ma la vera differenza stà nel suono: americano al 100%, sono sicuro. Ho decine di album heavy a stelle e striscie con un sound come questo, limpido e di impatto pressochè immediato. Fu il periodo in cui cercarono di farsi un pubblico in America, fallirono e ritornarono sui loro passi con "Solid ball of rock". A parte questo è un bellissimo album a mio parere. Credo di essere tra i pochissimi, forse l' unico, ad avere l' edizione in cd. Mi spiace per gli altri.
francesco gallina
Venerdì 24 Novembre 2006, 9.55.19
3
Certo che c'è gente che ha veramente molto tempo libero, tanto da inserire una decina di volte lo zero come voto tanto per scocciare. Beata gioventù senza pensieri.
francesco gallina
Venerdì 1 Luglio 2005, 8.29.11
2
Una recensione, (e tu dovresti saperlo bene, dato che mi risulta che ne hai scritta più di una), è ovviamente l'espressione di un punto di vista personale, e può non essere condivisa da chi legge. In ogni caso per chi ha vissuto direttamente quel periodo IINE fu vissuto quasi come un tradimento dello spirito del gruppo, specialmente per ciò che riguarda il lavoro di produzione in studio, e aggiungo che infatti le esecuzioni dal vivo, (ne sono testimone diretto), erano decisamente molto più forti, per recuperare terreno. Forse sono stato anche un pò generoso.
RonnieJamesDaddo
Giovedì 30 Giugno 2005, 22.18.09
1
ma cosa dici...questo è IL disco dei Saxon; i precedenti, a confronto, sono vergognosi.
INFORMAZIONI
1985
Emi-Parlophone
Hard Rock
Tracklist
1. Rockin' Again
2. Call Of The Wild
3. Back On The Streets
4. The Devil Rides Out
5. Rock n' Roll Gypsy
6. Broken Heroes
7. Gonna Shout
8. Everybody Up
9. Give Everything You've Got
Line Up
Biff Byford (Voce)
Graham Oliver (Chitarra)
Paul Quinn (Chitarra)
Steve Dawson (Basso)
Nigel Glockler (Batteria)
 
RECENSIONI
77
73
80
73
85
76
86
77
75
75
74
70
72
80
78
92
92
65
ARTICOLI
19/12/2016
Live Report
SAXON + OVERTURES
Live Club, Trezzo sull’Adda (MI) - 14/12/2016
04/07/2013
Intervista
SAXON
Biff Byford ai nostri microfoni
26/05/2011
Live Report
SAXON + CRIMES OF PASSION + VANDERBUYST
New Age, Roncade (TV), 26/05/2011
07/05/2007
Intervista
SAXON
La data di Roma
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]