Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Kansas
The Absence of Presence
Demo

Northern Crown
In a Pallid Shadow
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

15/08/20
PROSANCTUS INFERI
Hypnotic Blood Art

19/08/20
SILVER KNIFE
Unyielding / Unseeing

20/08/20
TIM BOWNESS
Late Night Laments

21/08/20
EXPANDER
Neuropunk Boostergang

21/08/20
VISION DIVINE
9 Degrees West to the Moon (ristampa)

21/08/20
BLUES PILLS
Holy Moly!

21/08/20
THE TANGENT
Auto Reconnaissance

21/08/20
UNLEASH THE ARCHERS
Abyss

21/08/20
VORACIOUS SCOURGE
In Death

21/08/20
REASONS BEHIND
Project - M.I.S.T.

CONCERTI

19/08/20
PALAYE ROYALE
CIRCOLO MAGNOLIA - SEGRATE (MI)

26/08/20
GRAHAM BONNET & ALCATRAZZ + GIRLSCHOOL + ASOMVEL
FESTA BIKERS - COLOGNO AL SERIO (BG)

27/08/20
WOLFMOTHER + HARDCORE SUPERSTAR (SOSPESO)
PIAZZA DUOMO - PRATO

04/09/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA (SALA SINOPOLI) - ROMA

05/09/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
2DAYS PROG - VERUNO (NO)

06/09/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
POLITEAMA GENOVESE - GENOVA

10/09/20
THE HOLLYWOOD VAMPIRES
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

11/09/20
ATHEIST + CADAVER + SVART CROWN + FROM HELL
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

12/09/20
DOMINE + AEHTER VOID + CHAOS FACTORY
DAGDA LIVE CLUB - RETORBIDO (PV)

12/09/20
ATHEIST + CADAVER + SVART CROWN + FROM HELL
TRAFFIC CLUB - ROMA

Hypocrisy - Penetralia
( 4835 letture )
Ogni buon deathster rimpiangerà, soprattutto se non è, diciamo così, più molto giovane, il periodo dei primi anni novanta. Gruppi di grossa caratura debuttavano con lavori spesso già maturi (e in molti casi a livelli mai più raggiunti) su entrambe le sponde dell'oceano, mentre la scena undergound, già nutritissima, premeva ai cancelli. Fra le tante band svedesi che guidavano il movimento europeo è impossibile non citare gli Hypocrisy, band attiva dal 1990 che giunge con questo Penetralia al tanto agognato debutto, direttamente per l'allora piccola ma agguerrita Nuclear Blast.
La line-up dell'epoca prevedeva una formazione a cinque, capitanata da Masse Broberg (forse più noto per la successiva militanza nei Dark Funeral col pretenzioso nome di Emperor Magus Caligula), anche se basta poco per riconoscere il tocco personale del polistrumentista Peter Tagtgren, impegnato come chitarrista, secondo vocalist, tastierista (sulla title track) e batterista (pare che Lars Szoke, pur accreditato come drummer, abbia registrato solo 3 pezzi). Insomma, fin da inizo carriera un tipino che si presenta nel modo migliore, mettendo in mostra una verve che non accennerà ad ammorbidirsi per tutti i vent'anni seguenti.

Venedo a Penetralia, credo che il modo migliore (ma anche il più ovvio) per descrivere l'album sia rimandando al più marcio, intransigente e ribelle death metal dei primordi, fra galoppate di doppio pedale, chitarre sature e growl assatanato. L'intento degli Hypocrisy è uno solo: macellare il nostro apparato uditivo a colpi di riff, e il risultato è assicurato. Gli sprazzi melodici (esclusa la title track, non a caso eseguita da Tagtgren quasi da one man band) sono minimi, e cominceranno a guadagnare importanza nel sound dei nostri solo dopo Osculum Obscenum e la riduzione della line-up al classico terzetto.
La qualità media dei singoli brani è secondo me molto elevata, e non si notano cedimenti significativi per tutto il procedere della tracklist. Per gusto personale citerei giusto l'opener Impotent God con i suoi riff schiacciasassi, la breve ma intesa God Is A Lie e la conclusiva title-track, maestosa nel suo procedere fra arpeggi puliti e bordate più classicamente death, ma anche pezzi più "canonici" come To Escape Is To Die o Left To Rot mostrano una verve assolutamente non comune e un songwriting di primo piano.

Ad esattamente vent'anni dalla prima pubblicazione questo Penetralia è ancora un disco meritevole, da riscoprire non solo come "archeologia del death metal" ma come album ancora oggi valido e vitale, seppure appesantito da qualche ingenuità che sarebbe stata limata negli anni seguenti. Inanzitutto non sono un grande fan delle lyrics a sfondo satanico (a meno che non sottendano qualcosa di più profondo, ad esempio una critica sociale o religiosa ragionata), ma forse all'epoca la loro funzione dissacrante era ancora forte, mentre oggi la tematica è così inflazionata in ambito metal, soprattutto estremo, da essere ridotta ad un semplice luogo comune privo di reale significato.
Anche a livello puramente musicale qua e là non manca qualche ingenuità, che contribuisce a rendere più "genuino" il prodotto e accomuna Penetralia e Osculum Obscenum (per altri versi, secondo me, inferiore a questo debutto). Da The Fourth Dimension il songwriting di Tagtgren si farà sempre più ragionato e accurato e forse meno spontaneo e irruento. Sta a voi scegliere quale versione preferite!



VOTO RECENSORE
72
VOTO LETTORI
59.70 su 27 voti [ VOTA]
TeoTheRipper
Giovedì 9 Aprile 2020, 10.17.17
20
Voto lettori 56??? Ma cosa avete nelle orecchie? La mucillagine?
Aceshigh
Sabato 25 Novembre 2017, 20.23.01
19
Grande album! Malgrado una lunga carriera costellata di ottime releases (alla fine i passi falsi sono solo un paio secondo me)... continuo a reputare Penetralia il loro album migliore! bella mazzata: voto 90
Steelminded
Giovedì 13 Agosto 2015, 23.05.24
18
Ma cosa scrivevo nel 2013? Questo e Osculum Obscenum sono i veri capolavori degli Hypocrisy! Real Swedish, svilish, deathish, necrotish, sound!!! Evviva!
Steelminded
Lunedì 22 Aprile 2013, 23.06.15
17
Secondo me questo disco - che secondo me rientra tranquillamente tra i dischi manifesto fondatori del genere - si divide in due parti. La prima dalla 1 alla 5 in cui brutalità e cattiveria prevalgono, senza particolari punti degni di nota. La seconda dalla 6 alla 10 in cui vi sono spunti veramente interessanti e in cui si intravedono delle innovazioni caratteristiche del genere e della produzione successiva. Su tutte le title track che trovo veramente travolgente. L'ho acquistato e insieme a Osculum Obscenum (e forse The Final Chapter) trovo che sia il meglio degli Hypocrisy -- questione di gusti ma la svolta neomelodica non mi ha mai convinto. Evviva!
gianmarco
Martedì 26 Marzo 2013, 0.34.29
16
catch 22,into the abyss, abducted, obsculum obscenum , the fourth dimension , the final chapter , hypocrisy ,the arrival non possono mancare. Gli Hypocrisy son famosi per le tematiche aliene , the final chapter e abducted e in parte l'omonimo sono incentrati su questo argomento ripreso in the arrival.
Marco
Giovedì 14 Marzo 2013, 11.39.52
15
Discreto: Voto: 74
In This World Of Hypocrisy
Lunedì 18 Giugno 2012, 14.35.23
14
il meglio di questo gruppo deve ancora venire... nel 1996 pubblicheranno quell'abducted che sarà una pietra miliare di violenza mista a melodia. a delle autentiche mazzate death tipo killing art e buried si contrappongono brani più meditati tipo la splendida ballad slippin' away. un piccolo gioiello sotterraneo. la recensione di un album di tale spessore è d'obbligo su questo sito!
EdoCFH
Venerdì 16 Marzo 2012, 14.27.44
13
è stato dato 80 a lavori che valgono un millesimo di questo cd, cioè....bah.
Doomale
Mercoledì 14 Marzo 2012, 20.40.10
12
Assolutamente Lambruscone e sinceramente non capisco come in tantissimi si siano dimenticati di loro!!!Non sanno cosa si sono persi!!
LAMBRUSCORE
Mercoledì 14 Marzo 2012, 20.15.43
11
Doomale, grandi Brutality, anche In mourning è un grande album comunque, da avere tutti e 3.
Doomale
Mercoledì 14 Marzo 2012, 17.29.44
10
Qui si parla di storia del Death europeo!!Ovviamente si parla di un album ancora acerbo...ma chi se ne fregaaaaaaaa!!!Gli Hypocrisy sono dei grandi....Ovviamente chi ha ben in mente i primi cd della nuclear blast ai tempi la penserà come me....e dato che sono in tema Nuclear Blast primi '90 faccio una richiesta a metallized, rendete giusta gloria ai primi due lavori dei grandissimi BRUTALITY, band dimenticata da troppi! VOTO 75
Dave Insane
Domenica 11 Marzo 2012, 3.06.04
9
Hypocrisy non buoni fino alla svolta Melodic Death, meglio ascoltare i grandi Entombed, Dismember, Unleashed, Grave dei primi anni 90 piuttosto che questi Hypocrisy
Ad Astra
Sabato 10 Marzo 2012, 23.41.35
8
massimo rispetto, disco e gruppo imprescindibile. se mi concedete un unico appunto, ritengo che da quando horgh sia entrato dentro gli hypocrisy sia andato a svanire il loro unico punto debolo, il batterista.
Bloody Karma
Sabato 10 Marzo 2012, 21.36.55
7
un po troppo acerbo per i miei gusti...il successivo spaccherà veramente alla grande...
Undercover
Sabato 10 Marzo 2012, 11.58.12
6
@Ps quell'Undercover non sono io al solito c'è il coglione che usa il mio nick.
Undercover
Sabato 10 Marzo 2012, 11.55.00
5
Poche cazzate, gruppo minore in ambito death che ha raggiunto la popolarità grazie a suoni accessibili e alla pubblicità della Nuclear Blast. The real Undercover
enry
Sabato 10 Marzo 2012, 11.54.45
4
Per me degli Hypocrisy non si butta via niente, soprattutto fino a The Final Chapter. Voto molto basso per un gran death metal album.
LAMBRUSCORE
Sabato 10 Marzo 2012, 11.40.47
3
Per me, questo, Osculum obscenum e The fourth dimension, sono classici, altro che 72......comunque chi s'è accorto che in alcuni passaggi la batteria è un po' fuori tempo? Forse c'è stato qualche errore in fase di missaggio, comunque grande album.
NeuRath
Sabato 10 Marzo 2012, 11.24.07
2
Devo ammettere di avere sempre preferito la versione più melodica degli Hypo... diciamo il periodo Into The Abyss... certo un purista del death dei primordi può benissimo aggiungere una decina di punti!
Undercover
Sabato 10 Marzo 2012, 11.02.29
1
Insieme a "Obsculum Obscenum" e "Abducted" è il disco d'avere degli Hypocrisy, tutto il resto per quanto buono non raggiunge i livelli di questi tre capitoli, forse "The Final Chapter" sarebbe da aggiungere e proprio stirando la versione rimasterizzata del 2008 di "Catch 22" che grazie all'opera di restauro (che cacchio combina alle volte Peter vien da chiederselo) ha guadagnato un'enormità di punti. Il voto è basso, la descrizione ottima e stride secondo me con la valutazione numerica.
INFORMAZIONI
1992
Nuclear Blast Records
Death
Tracklist
01. Impotent God
02. Suffering Souls
03. Nightmare
04. Jesus Fall
05. God is a Lie
06. Left to Rot
07. Burn by the Cross
08. To Escape is to Die
09. Take the Throne
10. Penetralia
Line Up
Masse Broberg - Vocals
Peter Tägtgren - Guitar
Mikael Hedlund - Bass
Jonas Osterberg - Guitar
Lars Szoke - Drums
 
RECENSIONI
80
81
72
84
86
90
88
80
72
ARTICOLI
03/11/2006
Articolo
HYPOCRISY
La biografia
24/07/2005
Intervista
HYPOCRISY
Parla Peter Tagtgren
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]