Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Evergrey
The Atlantic
Demo

BlurryCloud
Pedesis
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

01/03/19
QUEENSRYCHE
The Verdict

01/03/19
CLIMATE OF FEAR
The Onset of Eternal Darkness

01/03/19
HEAUME MORTAL
Solstices

01/03/19
CARTOGRAPHS
Wilt & Blossom

01/03/19
WHILE SHE SLEEPS
So What?

01/03/19
MARK MORTON
Anesthetic

01/03/19
IN FLAMES
I, The Mask

01/03/19
DARKWATER
Human

01/03/19
BROWBEAT
Remove the Control

01/03/19
DER WEG EINER FREIHEIT
Live In Berlin

CONCERTI

24/02/19
OPERA IX + IMAGO MORTIS
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

24/02/19
ENUFF Z' NUFF + SISKA
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

01/03/19
CHRIS BAY + ALTHEA
BLUE ROSE SALOON - BRESSO (MI)

01/03/19
NOVEMBRE + PAROLE PERSE
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

01/03/19
SHOULDERCRUSHER METAL FEST
BANDIDOS PLACE - MESSINA

02/03/19
CHRIS BAY + ALTHEA
CIRCUS - SCANDICCI (FI)

02/03/19
BAD TASTE FEST
LA TENDA - MODENA

02/03/19
NOVEMBRE + GUESTS
LA CLAQUE - GENOVA

02/03/19
BRIXIA THRASH FEST
ROCK OUT - CAZZAGO SAN MARTINO (BS)

02/03/19
SAIL AWAY + GUESTS
PADIGLIONE 14 - COLLEGNO (TO)

Ostrogoth - Full Moon’s Eyes
( 3994 letture )
Sono certo che il monicker Ostrogoth oggi ai più non dica molto, eppure il combo belga è stato autore di un heavy metal che di questi tempi viene per forza di cose considerato old-school, ma che all’epoca conteneva spunti anche molto moderni, come l’utilizzo della doppia cassa che era ancora poco diffuso. L’E.p. di quattro pezzi di cui parliamo (meno di 17 minuti di musica in tutto) costituisce l’esordio su vinile dei cinque, che erano già molto conosciuti in patria ed avevano aperto per gruppi importanti quali Loudness e Manowar tra gli altri, e costituisce un esempio di musica onesta, quadrata, vagamente epic, abbastanza ben eseguita, sicuramente in debito con la lezione inglese dell’epoca e di buon impatto. Anche la produzione della storica Mausoleum, non è troppo male per quei tempi.

In apertura c’è subito quello che viene considerato il pezzo masterpiece degli Ostrogoth, ossia Full Moon's Eyes, canzone fresca e aggressiva introdotta da un arpeggio d’effetto che non si dimentica più e che poi evolve in una coinvolgente cavalcata heavy dal ritornello molto catchy. I due pezzi successivi, Heroe's Museum e Paris By Night, sono un po’ il compendio della musica made in Ostrogoth, e comprendono numerosi passaggi d’impatto e altrettanti melodici ben legati dalla buona voce del front-man Marc De Brauwer.
Rock Fever chiude l’E.p. con una canzone concepita per i live-shows ed eseguita con grinta e convinzione quasi fanciullesca, come all'epoca era comune sentire.

Gli Ostrogoth vivranno poi le vicissitudini tipiche di molte band, producendo due buoni L.p. di discreto successo e vivendo poi problemi di formazione che alla fne li porteranno fino allo split.
La successiva ristampa della rediviva Mausoleum migliora sensibilmente la qualità dei suoni, ma ormai sapete come la penso in merito. Sempre meglio l'originale, difetti compresi.
Non un disco storico dunque, ma un piccolissimo manuale di cos’era la nostra musica in quei primi anni 80 che è anche molto ricercato sul mercato del collezionismo. Se lo trovate fateci un pensierino, immagino sia anche discretamente raro.



VOTO RECENSORE
74
VOTO LETTORI
30.90 su 31 voti [ VOTA]
Corino
Martedì 2 Ottobre 2018, 9.33.25
7
Disco imprescindibile per gli amanti della NWOBHM, suonato con anima e dedizione, un disco vero insomma. Concordo con Stefano per quanto riguarda il voto lettori. Se siete amanti di altri generi astenetevi dal votare. Poi magari votate l'ultimo di Lady Gaga 99/100. Pfui
Stefano
Martedì 9 Maggio 2017, 0.10.14
6
Quelli che hanno sparato voti a cazzo sono pregati di motivare il giudizio, perché 28 di media a questo disco è una bestemmia!! O siamo strani io, Raven e Nightcomer che abbiamo la stessa positiva opinione su questo platter? Nostalgia? Può darsi, ma la nostalgia non impedisce di valutare un bel lavoro (questo) per quello che è. Che poi il prosieguo della carriera degli Ostrogoth non si sia confermato alla stessa altezza può solo far rimpiangere quello che avrebbe potuto essere e non è stato... A ogni buon conto, un 80 ci sta tutto, anzi è pure strettino...
The Nightcomer
Giovedì 20 Settembre 2012, 14.30.33
5
Non avevo ancora commentato questo piccolo classico. Per gli amanti del metal anni ottanta è decisamente consigliato. Come non concordare sulla preferenza alla versione originale di un disco (a prescindere da ragioni collezionistiche), se non altro per l'autenticità, la quale testimonia senza possibilità di errore quanto avvenuto all'epoca di realizzazione (pregi e difetti inclusi).
Raven
Mercoledì 19 Ottobre 2011, 18.06.18
4
ma grazie a te di leggerci
fabio II
Mercoledì 19 Ottobre 2011, 17.50.33
3
Chissà magari in qualche mercartino! Buona serata Raven e grazie!
Raven
Mercoledì 19 Ottobre 2011, 17.42.05
2
c'è anche quel disco in data base. Ad ogni modo se trovi questo vinile puoi prenderlo, non erano affatto male, adesso è qui accanto a me mentre scrivo il commento
fabio II
Mercoledì 19 Ottobre 2011, 17.18.34
1
Questo Raven proprio non lo conosco, se non erro ho soltanto 'Too Hot'. Ma l'unico disco che mi era davvero piaciuto tra le produzioni provenienti dal Belgio era 'Maniac' degli Acid della front-girl Kate
INFORMAZIONI
1983
Masoleum
Heavy
Tracklist
1. Full Moon’s Eyes
2. Heroes’ Museum
3. Paris By Night
4. Rock Fever
Line Up
Marc De Brauwer (vocals)
Hans Van De Kerckhove (guitar)
Rudy Vercruysse (guitar)
Marnix Van De Kauter (bass)
Mario Pauwels (drums)
 
RECENSIONI
74
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]