Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Ayreon
Electric Castle Live and Other Tales
Demo

Morningviews
You Are Not the Places You Live In
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

27/05/20
HELIKON
Myth & Legend

29/05/20
PALAYE ROYALE
The Bastards

29/05/20
OUR POND
Paraphernalia

29/05/20
GRAVE DIGGER
Fields Of Blood

29/05/20
VIOLENT HAMMER
Riders of the Wasteland

29/05/20
MORBID ANGELS
Altars of Madness – Ultimate Edition

29/05/20
XIBALBA
Anos En Infierno

29/05/20
SORCERER
Lamenting Of The Innocent

29/05/20
CENTINEX
Death In Pieces

29/05/20
DEF LEPPARD
London to Vegas

CONCERTI

29/05/20
RAIN + GUESTS (ANNULLATO)
BLACK DEVILS SPRING PARTY - S. GIOVANNI IN PERSICETO (BO)

29/05/20
NECRODEATH (ANNULLATO)
LEGEND CLUB - MILANO

30/05/20
MARK LANEGAN BAND (ANNULLATO)
TEATRO MANZONI - BOLOGNA

09/06/20
PERIPHERY (ANNULLATO)
ORION - CIAMPINO (ROMA)

10/06/20
IN.FEST
CIRCOLO MAGNOLIA - MILANO

12/06/20
SYSTEM OF A DOWN + KORN + GUESTS TBA (SOSPESO)
I-DAYS - AREA EXPO - MILANO

12/06/20
GUNS N` ROSES + GUESTS TBA (ANNULLATO)
FIRENZE ROCKS - VISARNO ARENA (FIRENZE)

13/06/20
AEROSMITH + GUESTS (SOSPESO)
I-DAYS - AREA EXPO - MILANO

16/06/20
STEEL PANTHER + THE WILD (SOSPESO)
ALCATRAZ - MILANO

16/06/20
DEATHLESS LEGACY
CRAZY BULL - GENOVA

Innerty - Tabula Rasa
( 1536 letture )
Il titolo dell’album si addice molto bene al blocco di idee che mi sta assalendo: parecchio difficile inquadrare e spulciare un lavoro del genere. Di carne al fuoco ce n’è davvero un vagone, ma veniamo al dunque.

Attivi dal 2003 e dopo qualche anno affrontato da trio, i francesi Innerty trovano il completamento della loro formazione con OYC e danno alle stampe questo Tabula rasa. Il risultato è un minestrone ad alto tasso di digeribilità e un miscuglio di generi non sempre vincente.

Le loro influenze dichiarate sono: Meshuggah, Isis, Neurosis e The dillinger escape plan. Ci sono più o meno tutte, in effetti, ma durante l’ascolto è spesso spontaneo chiedersi dove il gruppo voglia andare a parare. Si iniziano le danze con una breve intro jazzata e chitarre pulite che lasciano ben sperare; Sphenoid, la prima traccia del lotto, è una chiara dichiarazione di intenti. Il tappeto ritmico è Meshuggah oriented con la differenza di una linea vocale prettamente death metal. La forma canzone non esiste e nei suoi oltre otto minuti si susseguono intermezzi jazzati veramente interessanti e sfuriate soffocanti; convincente il finale psichedelico. Monism needs a Ro scorre abbastanza anonima e senza momenti degni di nota; devastante invece l’inizio di (Enter the) Void che sembra uscire da una b-side sperduta di Chaosphere. Ciò che rovina la traccia è ciò che nei gruppi odierni sono arrivato a temere: le clean vocals, qui davvero fuori luogo. Neanche il tempo di finire la frase e ho la sensazione che il gruppo mi abbia ascoltato rincominciando a pestare di brutto; niente di nuovo, comunque. O meglio: niente che non abbiate già sentito fare da una certa band svedese. La quinta traccia del platter, Kubark, è imbarazzante. L’ospite è un certo Igorrr, un artista francese break core (lapidatemi pure, non so di cosa sto parlando) che riduce il pezzo a una tamarrata peraltro fatta davvero male e fastidiosa. Velo pietoso. Nella seconda parte del disco la qualità s’innalza leggermente forte della titletrack: una minisuite in tre movimenti che risulta ispirata e coinvolgente. Il resto è noia e senza sussulti che impediscano lo sbadigliare compulsivo.

TIRANDO LE SOMME
La band è al suo primo full lenght: si sbatte e si sente. Il problema è che nel mescolare i generi la linea che separa il genio dalla sua antitesi è sottilissima. Spesso si incappa in sensazioni di copia/incolla o in soluzioni banali per uscire da situazioni spinose composte. In un disco del genere, progressive metal quindi, se i momenti migliori risultano essere quelli non metal (il 40%) significa che qualcosa è da rivedere. Mentre mi perdo in queste digressioni il pavimento inizia a tremare, il cielo ad oscurarsi: i primi segnali che il colosso sta per arrivare e poi sarà davvero tabula rasa.



VOTO RECENSORE
58
VOTO LETTORI
40.61 su 13 voti [ VOTA]
il vichingo
Giovedì 15 Marzo 2012, 19.06.36
1
Tabula rasa... un titoli più banale no?
INFORMAZIONI
2012
Fromtape Records
Metal
Tracklist
1. Albiotic Landscapes
2. Sphenoid
3. Monism Needs A Ro
4. (Enter The) Void
5. Kubark (feat. Igorr)
6. The Divine Phenomenology Of Cold Fire
7. Tabula Rasa - Part 1: Cave
8. Tabula Rasa - Part 2: Noesis
9. Tabula Rasa - Part 3: Solipsism Of A Dying Man
10. Qualophobia
11. Innate Anamnesis
Line Up
OYC - Bass/Backing Vocals
Axel - Vocals/Guitar
Matt - Drums
Peyss - Guitar
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]