Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Primal Fear
Apocalypse
Demo

Talbot
Magnetism
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

17/08/18
CARNATION
Chapel of Abhorrence

17/08/18
DORO
Forever Warriors, Forever United

17/08/18
FEUERSCHWANZ
Methämmer

17/08/18
EXOCRINE
Molten Giant

17/08/18
CEMETERY URN
Barbaric Retribution

24/08/18
DARK MILLENNIUM
Where Oceans Collide

24/08/18
PAUL FERGUSON
Remote Viewing

24/08/18
HOPELEZZ
Stories Of A War Long Forgotten

24/08/18
THE AMITY AFFLICTION
Misery

24/08/18
FOSCOR
Les Irreals Versions

CONCERTI

16/08/18
FRANTIC FEST (DAY 1)
TIKITAKA VILLAGE - FRANCAVILLA (CH)

17/08/18
FRANTIC FEST (DAY 2)
TIKITAKA VILLAGE - FRANCAVILLA (CH)

17/08/18
NEREIS + GUESTS
CASTALDI FESTIVAL - SEDICO (BL)

17/08/18
NECRODEATH + GUESTS
ZONA INDUSTRIALE - PULSANO (TA)

17/08/18
RADUNOROCK FESTIVAL (day 1)
BAITA PENNA NERA - VALLE DI CEMBRA (TN)

17/08/18
HARD ROCKOLO FESTIVAL
PARCO ROCCOLO - PIEVE DI CADORE (BL)

18/08/18
FRANTIC FEST (DAY 3)
TIKITAKA VILLAGE - FRANCAVILLA (CH)

18/08/18
DESTRAGE + GUESTS
SUMMER CROCK FESTIVAL - BORGHETTO DI SAN MARTINO DI LUPARI (PD)

18/08/18
HIRAX + GUESTS
MU CLUB - PARMA

18/08/18
RADUNOROCK FESTIVAL (day 2)
BAITA PENNA NERA - VALLE DI CEMBRA (TN)

Innerty - Tabula Rasa
( 1322 letture )
Il titolo dell’album si addice molto bene al blocco di idee che mi sta assalendo: parecchio difficile inquadrare e spulciare un lavoro del genere. Di carne al fuoco ce n’è davvero un vagone, ma veniamo al dunque.

Attivi dal 2003 e dopo qualche anno affrontato da trio, i francesi Innerty trovano il completamento della loro formazione con OYC e danno alle stampe questo Tabula rasa. Il risultato è un minestrone ad alto tasso di digeribilità e un miscuglio di generi non sempre vincente.

Le loro influenze dichiarate sono: Meshuggah, Isis, Neurosis e The dillinger escape plan. Ci sono più o meno tutte, in effetti, ma durante l’ascolto è spesso spontaneo chiedersi dove il gruppo voglia andare a parare. Si iniziano le danze con una breve intro jazzata e chitarre pulite che lasciano ben sperare; Sphenoid, la prima traccia del lotto, è una chiara dichiarazione di intenti. Il tappeto ritmico è Meshuggah oriented con la differenza di una linea vocale prettamente death metal. La forma canzone non esiste e nei suoi oltre otto minuti si susseguono intermezzi jazzati veramente interessanti e sfuriate soffocanti; convincente il finale psichedelico. Monism needs a Ro scorre abbastanza anonima e senza momenti degni di nota; devastante invece l’inizio di (Enter the) Void che sembra uscire da una b-side sperduta di Chaosphere. Ciò che rovina la traccia è ciò che nei gruppi odierni sono arrivato a temere: le clean vocals, qui davvero fuori luogo. Neanche il tempo di finire la frase e ho la sensazione che il gruppo mi abbia ascoltato rincominciando a pestare di brutto; niente di nuovo, comunque. O meglio: niente che non abbiate già sentito fare da una certa band svedese. La quinta traccia del platter, Kubark, è imbarazzante. L’ospite è un certo Igorrr, un artista francese break core (lapidatemi pure, non so di cosa sto parlando) che riduce il pezzo a una tamarrata peraltro fatta davvero male e fastidiosa. Velo pietoso. Nella seconda parte del disco la qualità s’innalza leggermente forte della titletrack: una minisuite in tre movimenti che risulta ispirata e coinvolgente. Il resto è noia e senza sussulti che impediscano lo sbadigliare compulsivo.

TIRANDO LE SOMME
La band è al suo primo full lenght: si sbatte e si sente. Il problema è che nel mescolare i generi la linea che separa il genio dalla sua antitesi è sottilissima. Spesso si incappa in sensazioni di copia/incolla o in soluzioni banali per uscire da situazioni spinose composte. In un disco del genere, progressive metal quindi, se i momenti migliori risultano essere quelli non metal (il 40%) significa che qualcosa è da rivedere. Mentre mi perdo in queste digressioni il pavimento inizia a tremare, il cielo ad oscurarsi: i primi segnali che il colosso sta per arrivare e poi sarà davvero tabula rasa.



VOTO RECENSORE
58
VOTO LETTORI
40.61 su 13 voti [ VOTA]
il vichingo
Giovedì 15 Marzo 2012, 19.06.36
1
Tabula rasa... un titoli più banale no?
INFORMAZIONI
2012
Fromtape Records
Metal
Tracklist
1. Albiotic Landscapes
2. Sphenoid
3. Monism Needs A Ro
4. (Enter The) Void
5. Kubark (feat. Igorr)
6. The Divine Phenomenology Of Cold Fire
7. Tabula Rasa - Part 1: Cave
8. Tabula Rasa - Part 2: Noesis
9. Tabula Rasa - Part 3: Solipsism Of A Dying Man
10. Qualophobia
11. Innate Anamnesis
Line Up
OYC - Bass/Backing Vocals
Axel - Vocals/Guitar
Matt - Drums
Peyss - Guitar
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]