Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Ghost
Prequelle
Demo

SpellBlast
Of Gold and Guns
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

20/06/18
HAENESY
Katrusza

22/06/18
MARTYR LUCIFER
Gazing at the Flocks

22/06/18
HAKEN
L-1VE

22/06/18
WOLFEN RELOADED
Chaiging Time

22/06/18
KHEMMIS
Desolation

22/06/18
ARSTIDIR
Nivalis

22/06/18
THE HERETIC ORDER
Evil Rising

22/06/18
GAEREA
Unsettling Whispers

22/06/18
THE SEA WITHIN
The Sea Within

22/06/18
IMPENDING ROOM
The Sin And Doom Vol. II

CONCERTI

19/06/18
MARILYN MANSON + GUEST TBA
IPPODROMO SAN SIRO - MILANO

19/06/18
MESHUGGAH + DESTRAGE
ORION - ROMA

19/06/18
UNDEROATH + CROSSFAITH
ZONA ROVERI - BOLOGNA

20/06/18
MESHUGGAH + DESTRAGE
ESTRAGON - BOLOGNA

20/06/18
UNDEROATH + CROSSFAITH
MAGAZZINI GENERALI - MILANO

21/06/18
ANAL VOMIT + FINGERNAILS + ASPHALTATOR
TRAFFIC CLUB - ROMA

22/06/18
PEARL JAM
I-DAYS FESTIVAL - RHO (MI)

22/06/18
ANAL VOMIT + LECTERN + GUEST
CIRCUS - SCANDICCI (FI)

22/06/18
17 CRASH + LET ME KILL THE MISTER + STINS
EXENZIA - PRATO

23/06/18
ANAL VOMIT + DAEMUSINEM + LECTERN
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

Anvil - Worth The Weight (Reissue)
( 1558 letture )
Con questo Worth The Weight siamo di fronte all'ultima delle recenti riedizioni che hanno riguardato alcuni dei lavori più significativi degli Anvil.
Come già per le due precedenti, non troviamo alcuna menzione particolare riguardo a eventuali remixaggi o nuovi arrangiamenti: i nostri ci offrono l'album praticamente come era uscito nell'ormai lontano 1992.

Il sound è quello classico che ha caratterizzato le precedenti uscite dei metallari canadesi: muri di chitarra, composizioni graffianti, ritmi serrati e riff granitici. Tutto questo godeva di una semplicità di fondo che, nelle release di quest’ultimo periodo, il combo tende a lasciarsi alle spalle, arricchendo le composizioni di intricati passaggi, che allungano i pezzi spesso anche eccessivamente. se questo occasionalmente ci regala canzoni non solo piacevoli all'ascolto, ma anche notevoli dal punto di vista tecnico, più spesso si risolve in una gran confusione che richiede più di un ascolto per essere superata. Non mancano tuttavia casi in cui queste ricercatezza nelle composizioni ci ha regalato sorprese piacevoli e memorabili.

Ne è un esempio l'oscura opener Infanticide, che si rivela uno degli episodi più riusciti del platter, ricco di cambi di atmosfera e con un groove inafferrabile. Anche la seguente On The Way To Hell si conferma su buoni livelli qualitativi pur rallentando il ritmo in favore di una struttura più compatta e solida. Bushpig, violentissima e serrata, pesca a piene mani dal thrash anni '80, anche se alla fine risulta abbastanza sconclusionata e quasi casuale e stessa cosa di può dire per il primo minuto di Embalmer, tranquillamente evitabile, anche se poi il pezzo si sviluppa in maniera piuttosto interessante. Hanno una bella carica Pow Wow, divertente fin da subito e che gode di un riffing riuscito e brillante, e Sins Of The Flesh, anche se quest'ultima non brilla per originalità. Solo in fondo alla scaletta i nostri ci presentano il pezzo più breve del lotto, A.Z. #85, che con i suoi 3 minuti ha, se non altro, il merito di apparire più spontanea rispetto alla totalità dei brani ascoltati finora. Chiude l'album Sadness/Love Me When I'm Dead, forse uno dei pochissimi casi in cui la lunghezza non è a discapito della qualità: una lunga e pregevole introduzione (unico momento di calma, dove gli Anvil lasciano per la prima volta spazio alla melodia) ci conduce in riff oscuri e passaggi claustrofobici cui i nostri ormai ci hanno abituato (e lo hanno senz’altro fatto bene).

A conti fatti, questo Worth The Weight non è nulla di speciale, niente di particolarmente brillante e niente di nemmeno lontanamente originale. Gli inossidabili canadesi si confermano ancora una volta come araldi incrollabili di un heavy metal intransigente nei canoni, abbandonando qualsiasi residua influenza hard rock in sede compositiva in favore di pezzi lunghi e bui, dove l'atmosfera che si respira è di violenza e disillusione, connotati che contribuiscono ad avvicinare questo lavoro a quel thrash di cui già si sentivano echi in lontananza nelle precedenti uscite. La spontaneità (qualità imprescindibile, nell'arte della musica) va scemando in troppi episodi, tuttavia complessivamente l'album risulta godibile e non deluderà di certo i fan degli Anvil e dell'heavy metal in generale, anche se gli uni e gli altri concorderanno sul fatto che il periodo “classico” dei nostri è giunto al termine ed i tempi d'oro sono ormai passati.



VOTO RECENSORE
69
VOTO LETTORI
44 su 16 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2011
SPV Records
Heavy
Tracklist
1. Infanticide
2. On The Way To Hell
3. Bishpig
4. Embalmer
5. Pow Wow
6. Sins Of the Flesh
7. A.Z. #85
8. Sadness/Love Me When I'm Dead
Line Up
Steve Kudlow (Voce, Chitarra)
Sebastian Marino (Chitarra)
Ian Dickson (Basso)
Robb Reiner (Batteria)
 
RECENSIONI
72
70
s.v.
s.v.
69
82
70
80
77
73
75
65
ARTICOLI
13/04/2016
Live Report
UDO + ANVIL
Circolo Colony, Brescia (BS), 09/04/2016
17/08/2013
Intervista
ANVIL
Alla deriva a bordo di un'incudine
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]