Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

A Perfect Circle
Eat the Elephant
Demo

Arch Echo
Arch Echo
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

27/04/18
DRAKKAR
Cold Winters Night

27/04/18
HEARTWIND
Higher And Higher

27/04/18
GRA
Väsen

27/04/18
DISCOMFORT
Fear

27/04/18
SPITEFUEL
Dreamworld Collapse

27/04/18
TRI STATE CORNER
Hero

27/04/18
BLOOD TSUNAMI
Grave Condition

27/04/18
PERPETUAL NIGHT
Anâtman

27/04/18
SAATE
The Conjouring

27/04/18
MIDAS FALL
Evaporate

CONCERTI

27/04/18
TEMPERANCE - Release Party
OFFICINE SONORE - VERCELLI

27/04/18
ENSIFERUM + EX DEO - ANNULLATO!
HIROSHIMA MON AMOUR - TORINO

27/04/18
IRON SAVIOR + DRAKKAR + AIRBORN + BLACK PHANTOM
DAGDA LIVE CLUB - RETORBIDO (PV)

27/04/18
WEEDEATER
KRAKEN - MILANO

27/04/18
AXEVYPER + GUESTS
EXENZIA - PRATO

27/04/18
DEE CALHOUN + LOUIS STRACHAN
TBA - TORINO

27/04/18
FACING THE ORACLE
LEGEND CLUB - MILANO

27/04/18
FRONTIERS ROCK FESTIVAL (warm up)
LIVE CLUB - TREZZO SULL ADDA (MI)

27/04/18
GOATH + MALVENTO + NECROMORBID PRISON OF MIRRORS
CIRCUS CLUB - SCANDICCI (FI)

28/04/18
FRONTIERS ROCK FESTIVAL (day 1)
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

David Bowie - David Bowie
( 2147 letture )
Dopo le diverse e brevi avventure tra varie formazioni, accompagnate dalla pubblicazione di una manciata di 45 giri, la carriera di David Robert Jones è dinanzi a una svolta quando, nel 1966, il manager Kenneth Pitt firma un contratto con la Deram, comparto britannico della americana Decca Records. Le registrazioni dell'album, intitolato come il nome d'arte che l'eclettico Jones si era creato anni prima – David Bowie –, prendono gli ultimi due mesi dell'anno, e a partecipare come "spalla" musicale della creatività di Bowie sono gli altri tre compagni dei The Buzz, l'ultima band in cui si era inserito il futuro Duca Bianco. David Bowie è un album che risponde dell'imperante elasticità artistica del periodo storico in cui è stato concepito, gli ultimi anni Sessanta: basti pensare che lo stesso 1° giugno, giorno in cui vede la luce questo esordio, esce Sgt. Pepper's Lonely Hearts Club Band dei Beatles. L'elemento che più caratterizza David Bowie, infatti, è proprio la contaminazione di generi, che infarcisce con farine diverse un impasto ancora un po' grezzo, poco lievitato, ma di sicura bontà.

Emerge subito la personalità di Bowie, espressione ancora giovanile di una certa irriverenza e provocatorietà, tenute però in sordina dall'innocenza del suo caschetto biondo e dalla cornice giocosa e quasi infantile delle composizioni. Si passa quindi dal folk popolare di Uncle Arthur, in cui uno zio Arthur è un bambinone che non ne vuole sapere di staccarsi dal cordone ombelicale della madre, ai coretti alla Beatles della sconsolata Sell Me A Coat (simili a quelli psichedelici di Still Boy Blue); questo mentre l'andatura vaudeville del singolo Rubber Band cela un'essenza più melanconica, al contrario della giocosa e goliardica Love You Till Tuesday, che si chiude in un inaspettato andante violinistico. La stravagante We Are Hungry Men, dalle disarmonie e dai toni irriverenti avvicinabili all'esordiente compagine di Frank Zappa, evidenzia un'attenzione per la politica che verrà poi sviluppata in altre occasioni, ad esempio in Diamond Dogs; lo stesso non si può dire delle sognanti There Is A Happy Land, inno di una sorta di Peter Pan che non vuole crescere, e When I Live My Dream, dall'atmosfera onirica tipica del coevo movimento hippie, che si ritrovano anche nel folk acustico di Come And Buy My Toys. Sotto l'egida del produttore Mike Vernon, Bowie riesce a spaziare anche per il grande mondo degli arrangiamenti, inserendo accorgimenti armonici e soluzioni interessanti: gli archi e gli ottoni in Maid Of Bond Street e Little Bombardier, così come – dopo il sitar alla Love To You dei Beatles e il piano bar dai toni burlesque – gli sciocchi effetti finali nella ribelle Join The Gang. Per non parlare della proto horror music in Please Mr. Gravedigger, geniale recitazione di un raffreddato infanticida che passeggia per un cimitero (una sorta di Edgar Lee Masters macabro che gira per le lapidi di Spoon River), accompagnato dal rintocco della campana, dai tuoni e dallo scroscio della pioggia. Chissà se i Black Sabbath la conoscevano, insieme a Riders on the Storm dei Doors

Il debutto del poliedrico David Bowie è un disco ancora immaturo, comprensibilmente giovanile, ma non per questo meno ribollente di fecondità creativa: il legame di disparate influenze, dalla psichedelia della West Coast americana, alla sperimentazione pop rock britannica e al folk acustico e popolare, diventa trampolino di lancio per l'istrionica personalità del diciannovenne Duca londinese, dandogli l'opportunità di mettere alla prova la sua originale attitudine poetico-cinematografica, ancora legata allo scherzo e al gioco, ma non per questo meno affascinante.



VOTO RECENSORE
75
VOTO LETTORI
57.57 su 33 voti [ VOTA]
SHA.
Lunedì 12 Agosto 2013, 11.40.30
4
Caspita irriconoscibile senza trucco!
AdemaFilth
Martedì 27 Marzo 2012, 18.42.37
3
Probabilmente il musicista più creativo e influente del secolo scorso.
il vichingo
Martedì 27 Marzo 2012, 17.37.54
2
Il solito fancazzista che ha votato 30, per fortuna c'è il prode vichingo che rialza in un batter d'occhio la media . Comunque questo disco per me è un po' troppo acerbo, le idee ci sono ma lo stile è ancora "immaturo".
BILLOROCK fci.
Martedì 27 Marzo 2012, 17.24.23
1
va che giovincello dalla faccia pulita, già a ventanni era un Duca !!
INFORMAZIONI
1967
Deram Records
Rock
Tracklist
1. Uncle Arthur
2. Sell Me A Coat
3. Rubber Band
4. Love You Till Tuesday
5. There Is A Happy Land
6. We Are Hungry Men
7. When I Live My Dream
8. Little Bombardier
9. Silly Boy Blue
10. Come And Buy My Toys
11. Join The Gang
12. She's Got Medals
13. Maid Of Bond Street
14. Please Mr. Gravedigger
Line Up
David Bowie (Voce, Chitarra, Sassofono)
Dek Fearnley (Basso)
John Eager (Batteria)
Derek Boyes (Organo)
 
RECENSIONI
85
81
87
90
88
94
90
70
89
90
90
89
82
90
80
75
ARTICOLI
10/04/2011
Articolo
DAVID BOWIE
A New Carrier In A New Town
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]