Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Ayreon
Electric Castle Live and Other Tales
Demo

Morningviews
You Are Not the Places You Live In
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

30/05/20
OCTOBER FALLS
A Fall of an Epoch

30/05/20
CONCEIVED BY HATE
Putrid Realms of the Occult

30/05/20
KRYPTAMOK
Verisaarna

01/06/20
INSTIGATE
Echoes of a Dying World

05/06/20
THE GHOST INSIDE
The Ghost Inside

05/06/20
DEVIN TOWNSEND
Empath - The Ultimate Edition

05/06/20
HAKEN
Virus

05/06/20
GRUESOME/EXHUMED
Twisted Horror (split)

05/06/20
FROST*
Others

05/06/20
MAKE THEM SUFFER
How To Survive A Funeral

CONCERTI

30/05/20
MARK LANEGAN BAND (ANNULLATO)
TEATRO MANZONI - BOLOGNA

09/06/20
PERIPHERY (ANNULLATO)
ORION - CIAMPINO (ROMA)

10/06/20
IN.FEST
CIRCOLO MAGNOLIA - MILANO

12/06/20
SYSTEM OF A DOWN + KORN + GUESTS TBA (SOSPESO)
I-DAYS - AREA EXPO - MILANO

12/06/20
GUNS N` ROSES + GUESTS TBA (ANNULLATO)
FIRENZE ROCKS - VISARNO ARENA (FIRENZE)

13/06/20
AEROSMITH + GUESTS (SOSPESO)
I-DAYS - AREA EXPO - MILANO

16/06/20
STEEL PANTHER + THE WILD (SOSPESO)
ALCATRAZ - MILANO

16/06/20
DEATHLESS LEGACY
CRAZY BULL - GENOVA

17/06/20
SOCIAL DISTORTION + GUEST TBA
CARROPONTE - SESTO SAN GIOVANNI (MI)

18/06/20
GLORYHAMMER
ALPEN FLAIR - BOLZANO

Dorota - Dayphobia
( 1670 letture )
Una carriera che inizia all'età di soli 14 anni, una band (gli Alice, durati sino al 2007), l'avvio di una carriera solista, un primo EP rilasciato nel 2010, una collaborazione con i Nightwish con i quali gira la Finlandia esibendosi in alcuni club, fino al debutto ufficiale di Dayphobia. Questa è Dorota Malek, in arte Dorota, voce dedita ad un hard rock piuttosto articolato e sostenuto dalle tastiere che lei stessa suona. Un presunto talento che sfocia talvolta nel rock alternativo, con una precisa idea alla base del suo progetto musicale: costruire un percorso tematico che sia il cuore dell'album e che leghi insieme le singole tracce che lo compongono.

Alla base di Dayphobia c'è, infatti, la storia del disagio emotivo di cui è preda una ragazza adolescente e tutti gli elementi che lo caratterizzano: lo smarrimento e il vuoto di una rottura (Dead Bird), l'euforia incosciente di vivere una situazione complicata (One Big Mess), l'avversione del e verso il mondo (All Against Me) e in generale la sensazione doppia di non potere e non volere emergere alla luce (Dayphobia, infatti, con un curioso gioco di parole anglo-greco sta ad indicare la paura del giorno). Il gioco di luce-ombra metaforico caratterizza tutto l'album, con in più alcune finezze che dovrebbero ampliare idealmente la visione tanto di un album quanto di una artista multi sfaccettata (Mirror per esempio).
Purtroppo sono un po' finiti i tempi in cui il disagio giovanile - o anche solo una parvenza di esso con all'interno tematiche diverse e più profonde - faceva scalpore se associato all'hard rock. Dorota Malek, senza una qualsivoglia guida, non è multi sfaccettata ma “multi irrilevante”. Scrive canzoni che non sono fresche, accattivanti o particolarmente orecchiabili. Sceglie soluzioni infelici (come l'autotune in One Big Mess, che è il singolo di lancio ma che, proprio come da titolo, è "una grossa confusione" e niente più), oppure melense e banali come appunto Dead Bird, dove la metafora "sono sola come un uccello morto senza la tua mano" non è solo inaccostabile ai suoni che propone ma anche un po' ridicola. Dorota non ha grosse colpe se non l’inesperienza ed una certa ingenuità, però il suo album di debutto è semplicemente indifendibile, scarso di qualità canora, arrangiamenti musicali, banale di temi ed argomenti e vuoto di testi e contenuti. Questo perché non rischia mai, non azzarda idee che siano in qualche modo significative. Paradossalmente, la traccia più salvabile è Noora, la cui durata è un minuto e in cui la sua voce si impasta con il sintetizzatore e un buon uso di tastiere, con la collaborazione della band Tornado.

Se si vuole proporre musica in un genere già estremamente battuto, bisogna alzare notevolmente l'asticella della qualità per "farsi notare", non nel senso di trovarsi un contratto discografico, come detto prima, ma nel senso di farsi ricordare e apprezzare per un disco. Insomma, Dayphobia sembra un disco figlio della fretta e delle circostanze, quasi del caso, dell'essersi trovati con un contratto in mano ma, sostanzialmente, andando allo sbaraglio. Se Dorota Malek deciderà di mettersi al lavoro per migliorare sia il lato pratico (cioè la sua voce) sia il lato teorico (cioè la scrittura delle canzoni) della sua musica ne sentiremo parlare ancora. Altrimenti sarà solo una delle infinite storie di meteore senza un perché.



VOTO RECENSORE
45
VOTO LETTORI
30 su 10 voti [ VOTA]
Undercover
Giovedì 29 Marzo 2012, 21.27.01
5
di nulla.
Khaine
Giovedì 29 Marzo 2012, 21.14.19
4
@ Undercover: bravo, hai ragione grazie della segnalazione!
Undercover
Giovedì 29 Marzo 2012, 18.15.42
3
Sicuri che sia autoprodotto? Non sono sottocontratto con la Noisehead?
il vichingo
Mercoledì 28 Marzo 2012, 18.23.45
2
Non ho parole
BILLOROCK fci.
Mercoledì 28 Marzo 2012, 18.21.34
1
Mò questa che monoband è ?? ma dai...
INFORMAZIONI
2011
Noisehead Records
Hard Rock
Tracklist
1. One Big Mess
2. Dead Bird
3. Vision
4. Victims (Aren't We All)
5. Dayphobia
6. Noora (feat. Tornado)
7. Mirror
8. All Against Me
Line Up
Dorota Malek (Vocals, Keyboards, Piano)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]