Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Falconer
From a Dying Ember
Demo

Chaosaint
In the Name of
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

09/07/20
NUCLEAR WINTER
StormScapes

10/07/20
MICHAEL GRANT & THE ASSASSINS
Always the Villain

10/07/20
DAWN OF A DARK AGE
La Tavola Osca

10/07/20
TOKYO MOTOR FIST
Lions

10/07/20
REBEL WIZARD
Magickal Mystical Indifference

10/07/20
BLOODY HEELS
Ignite the Sky

10/07/20
SHINING BLACK
Shining Black

10/07/20
VISION DIVINE
The 25th Hour (ristampa)

10/07/20
ENSIFERUM
Thalassic

10/07/20
ENUFF Z`NUFF
Brainwashed Generation

CONCERTI

08/07/20
THE DEAD DAISIES (SOSPESO)
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

08/07/20
GUANO APES + LACUNA COIL (SOSPESO)
PARCO DELLA CERTOSA - COLLEGNO (TO)

13/07/20
KISS (SOSPESO)
ARENA - VERONA

23/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

24/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

25/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

26/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

29/07/20
DROPKICK MURPHYS
FESTIVAL DI MAJANO - MAJANO (UD)

07/08/20
KORPIKLAANI
MONTELAGO CELTIC FESTIVAL - SERRAVALLE (MC)

07/08/20
SUMMER METAL 2020
LONCA DI CODROIPO (UD)

Alice Cooper - Pretties For You
( 3601 letture )
A qualcuno potrà forse sembrare strano, ma c'è stato un tempo in cui Alice Cooper non aveva ancora definito bene il suono che poi lo avrebbe reso famoso in tutto il mondo, e nonostante fossero già palesi le indubbie doti da intrattenitore del nostro e già presenti le tematiche che caratterizzeranno tutto il resto di una carriera ancora felicemente in corso, dal punto di vista prettamente musicale la fisionomia del gruppo da lui capitanato doveva ancora assumere un aspetto ben definito. Nulla di male in ciò, moltissimi artisti metal e non che poi hanno fatto cose egregie, all'esordio, non avevano impressionato nessuno, per poi affinare la proposta solo in seguito. Molte delle incertezze contenute in Pretties For You, del resto, si devono anche all'atmosfera generale del periodo, al contesto storico ancora incerto, che viveva giorni di transizione, con l'epoca del beat, della psichedelia e del folk in senso stretto che stava già cedendo il passo alle nuove tendenze più moderne, più elettriche e convulse, più legate ad una degenerazione -se così si può definire- del blues e del rock, che già annunciavano le pulsioni del nuovo decennio. Alice Cooper, o meglio, gli Alice Cooper, saranno anche stati ancora acerbi, ma erano già sufficientemente interessanti da irretire Frank Zappa e farsi produrre il disco.

Considerate tutte queste premesse è più facile inquadrare e valutare Pretties For You come album pieno di situazioni folk, psichedeliche, rock, acid, blues, in debito con il lavoro di gruppi quali The Yardbirds, The Who, The Rolling Stones, gli onnipresenti Beatles, ovviamente con quello dello stesso Zappa e molti altri nomi illustri, ma senza riuscire a far proprio il tutto fino in fondo, senza riuscire compiutamente ad elaborare una lezione peraltro in divenire, e cucirla addosso alle proprie caratteristiche. Anche i testi non erano ancora ben rivolti verso le tematiche che sarebbero state famose in seguito. La parte più importante del disco è quella improntata alla psichedelia, ma non mancano alcuni tempi dispari tipici del proto-progressive che rendono alcuni pezzi piuttosto interessanti. Inoltre citerei le voci armonizzate tra Alice e Michael Bruce in Swing Low Sweet Cheerio. Dicevo degli spunti più interessanti; tra questi possiamo annoverare i pochi secondi di 10 Minutes Before The Worm, l'armonica di Swing Low Sweet Cheerio (ancora) e la "densità" di Fields Of Regret, dagli echi PinkFloydiani. Il resto è tutto improntato ad un "vorrei, ma non posso", che mostra con chiarezza i limiti della band in quel momento. Anche la non eccelsa qualità dell'incisione non aiutò il lavoro in questione ad emergere.

Pretties For You non ebbe molta fortuna al tempo della sua uscita, anzi, fu un autentico fiasco commerciale, reso tale dalla presenza sulla scena di una miriade di lavori connotati da una personalità ben più spiccata e definita. Tuttavia risulta forse più godibile oggi, dopo che è stato storicizzato come opera singola, e dopo che la storia stessa ci ha consegnato un Alice Cooper come elemento fondamentale per dettare i canoni di un certo heavy metal e come irrinunciabile figura della storia del glam.

Curiosità: il singolo Reflected fu riscritto col titolo Elected, per l'album Billion Dollar Babies del '73. L'artwork originale del disco faceva bella mostra di sè nel salotto di casa Zappa. Memorabile la stroncatura di Lester Bangs su Rolling Stone, che parlava di un disco privo "di vita, spontaneità, gioia, rabbia, o qualsiasi tipo di autentica passione e convinzione." Ed infine aggiungeva che: "la musica di Alice Cooper è, per questo recensore, in ogni caso, del tutto superflua".
A margine vorrei sottolineare che Lester Bangs fu critico (e musicista) famosissimo, mentre Rolling Stone è una rivistina che ha raggiunto una dignitosa tiratura. Come vedete anche loro non si fanno problemi -magari sbagliando- a stroncare chi ritengono lo meriti. Questo magari farà riflettere qualche lettore più o meno anziano sull'opportunità di ventilare chissà quale scopo recondito quando riteniamo di dover fare lo stesso.



VOTO RECENSORE
72
VOTO LETTORI
54.75 su 28 voti [ VOTA]
Mic
Martedì 30 Ottobre 2018, 23.11.48
7
Preso da poco per curiosità, sono al terzo ascolto. Mi aspettavo qualcosa del genere. Descrizione perfetta. Mi piace
TheBluesBreaker
Lunedì 23 Giugno 2014, 22.33.21
6
Troppo acerbi,troppo Zappa di qua e troppo Barret di la,il resto sarà tutt' altra storia,album comunque storico
Fede97
Venerdì 26 Luglio 2013, 13.57.50
5
Bell'album di debutto degli Alice Cooper, peccato che a quei tempi è stato preso poco in considerazione. La vera "nascita" della band è stata con l'album Love It To Death.
blackie
Giovedì 13 Settembre 2012, 18.49.12
4
bell album sicuramente,non il mio preferito perche non mi riesce a coinvolgere del tutto.ho una preziosa copia in vinile ascoltata poche volte.
ENRI SIXX
Lunedì 2 Aprile 2012, 9.24.56
3
BELL ' ALBUM MI E' PIACIUTO MOLTO GRANDE ALICE !!!
Subhuman
Domenica 1 Aprile 2012, 12.46.12
2
Si sente molto che, dietro le quinte, Zappa ci cova, non certo solito a indirizzare il sound verso target orecchiabili e "commerciali", però come dice Francesco rimane un prodotto abbastanza piacevole, almeno per me. Certo lavori dell'Alice Cooper Band quali 'Love it to Death' e 'KIller' sono un altro universo!
BILLOROCK fci.
Sabato 31 Marzo 2012, 11.34.13
1
Qualche canzone l ho sentita in giro, ma non saprei giudicare quest album !
INFORMAZIONI
1969
Straight Records
Psychedelic Rock
Tracklist
1. Titanic Overture
2. 10 Minutes Before the Worm
3. Sing Low, Sweet Cheerio
4. Today Mueller
5. Living
6. Fields of Regret
7. No Longer Umpire
8. Levity Ball
9. B.B. (Big Boys) on Mars
10. Reflected
11. Apple Bush
12. Earwigs to Eternity
13. Changing Arranging
Line Up
Alice Cooper (Voce, armonica)
Glen Buxton (Chitarra solista)
Michael Bruce (Chitarra ritmica, tastiere, voce principale sulla traccia 3)
Dennis Dunaway (Basso)
Neal Smith (Batteria)
 
RECENSIONI
79
76
85
78
77
80
79
81
91
77
85
92
72
94
89
90
72
ARTICOLI
06/12/2017
Live Report
ALICE COOPER
Alcatraz, Milano, 30/11/2017
18/10/2011
Live Report
ALICE COOPER + THE TREATMENT
Gran Teatro Geox, Padova, 13/10/2011
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]